oppure Registrati
Articolo

Festival del giallo a Ormea

a cura di Ornella Donna

Festival del giallo a Ormea

Da lunedì 27 luglio per cinque giorni a Ormea si è svolta la rassegna Giallo Ormea, che ha visto giornate interamente dedicate al Giallo. Libri ma non solo; tre film scelti di grande qualità: La finestra del cortile, emblema degli anni ’50; Chinatown di Polanski, emblema anni ’70 e per gli anni ’90 I soliti sospetti di Singer.

In collaborazione con l’associazione culturale Ulmeta, la rassegna è iniziata con il professor Carlo Turco che ha presentato in anteprima l’ultima fatica letteraria di Bruno Vallepiano, Trappola per lupi (ndr: a breve troverete sulle pagine di www.i- libri.com la nostra recensione al romanzo). Oltre a rispondere a domande concernenti strettamente il suo romanzo, l’autore ha raccontato una breve storia del giallo, a partire addirittura dalla Bibbia per giungere a molti famosi giallisti anche italiani.

Si è poi proseguito con nomi d’eccellenza come Cristina Rava, Bruno Morchio, Gianni Farinetti, Elena Cerruti, Nicola Pastorino e Nicola Duberti. Le serate sono state tutte condotte da Carlo Turco e Bruno Vallepiano, con alcune collaborazioni, tra cui quella di Renata Barberis e del giornalista cuneese Marco Campagna. Un festival molto apprezzato, con un’ottima affluenza disciplinata di pubblico, svolta nella pubblica piazza Nani, dove sono state rispettate con accortezza tutte le norme riguardanti il Covid-19.
Alla prossima occasione, si spera!

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati