oppure Registrati
Concorsi

A Ilaria Spes il premio Semeria Casinò di Sanremo

a cura di Redazione i-LIBRI

A Ilaria Spes il primo premio del concorso letterario di poesia Antonio Semeria Casinò di Sanremo

È Ilaria Spes, con la raccolta di poesie intitolata Costellazioni, la vincitrice del primo premio del concorso letterario di poesia Antonio Semeria, Casinò di Sanremo. Seconda classificata Come un’Odissea della giovanissima e promettente Maria Pia Crisafulli, proveniente dalla provincia di Messina. Al terzo posto Pillole di Izabella Teresa Kostka, residente in provincia di Milano ed esponente della corrente del c.d. realismo terminale.

Nei giorni precedenti la cerimonia di premiazione, svoltasi giovedì 7 giugno 2018 tra emozioni e celebrazioni presso il porto vecchio di Sanremo, la giuria tecnica del Premio Letterario Nazionale Casinò di Sanremo – Antonio Semeria, presieduta dal dott. Matteo Moraglia e con la partecipazione del prof. Francesco De Nicola, aveva selezionato la terna finalista delle sillogi inedite partecipanti, designando Maria Pia Crisafulli, Izabella Teresa Kostka e Ilaria Spes quali autrici che si sono distinte con le loro raccolte poetiche aventi il mare come tema dominante.

Giovedì, nell’area ospitality della Giraglia, si è dunque svolta la votazione della giuria popolare, che ha affiancato quella tecnica per eleggere l’opera vincitrice e ha espresso le proprie preferenze dopo la lettura di tre componimenti di ciascuna opera finalista.

Nell’attesa della proclamazione della vincitrice, Marzia Taruffi – curatrice dell’evento – ha dialogato con la scrittrice Margherita Oggero.

Come previsto dal bando del concorso, la silloge Costellazioni di Ilaria Spes sarà pubblicata dalla casa editrice De Ferrari di Genova. Costellazioni raccoglie testi poetici e componimenti che insieme formano figure e narrazioni che restano scolpite nel cielo profondo della poesia dell’autrice. Così nasce questa raccolta che si articola in quattro sezioni.
La prima, Chioma di Berenice, come suggerisce il nome della figura, è una treccia, una fronda di primavera.
La seconda, Lira, costellazione d’estate, canta il mare e, oltre a contemplarne l’aspetto lirico, ne esprime e raccoglie – similmente a certe melodie di Orfeo – la deriva di dolore che l’attualità troppo spesso ci consegna.
La terza costellazione, Andromeda, timore di morte e bellezza, e grembo di vita per l’amore di Perseo, contiene i testi dedicati ai sospiri e ai colori d’autunno, compimento delle stagioni.
Infine vi sono le Stelle, le poesie che brillano, incastonate nel cielo del cuore.

La cerimonia di premiazione si è svolta in presenza del regista e scrittore Brando Quilici (nella foto sottostante) che, con il figlio Corso, ha ricordato la figura di Folco Quilici, grande documentarista, divulgatore scientifico, scrittore e ambientalista, profondo amante del mare, scomparso il 24 febbraio scorso, e già presidente della Giuria del Premio Casinò di Sanremo negli anni 2004-2011.

Il Comitato d’onore del Premio era così composto: Presidente S.E. il signor Prefetto di Imperia, Dott.sa Silvana Tizzano (nella foto di cover con Ilaria Spes), il Presidente del Tribunale di Imperia, Dott. Edoardo Bracco, il Sindaco di Sanremo Alberto Biancheri, l’Ammiraglio Nicola Carlone, l’assessore Regionale alla Cultura, Dott.sa Ilaria Cavo, l’Assessore Regionale al Turismo Gianni Berrino, l’Assessore al Turismo e Cultura di Sanremo, Dott. Marco Sarlo , il Cda del Casinò di Sanremo composto dal Presidente, Dott. Massimo Calvi, consiglieri Avv. Elvira Lombardi e Olmo Romeo, Presidente di Federgioco e componente di Eca e dal Direttore Generale, Ing. Giancarlo Prestinoni (nella foto della premiazione).

La redazione

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati
Text selection is disabled by content protection wordpress plugin