oppure Registrati
Concorsi

I vincitori del premio Dessì 2020

a cura di Redazione i-LIBRI

I vincitori del premio Dessì 2020

Melania Mazzucco con L’architettrice, (edito da Einaudi) per la narrativa e Maurizio Cucchi con Sindrome del distacco e tregua (edito da Mondadori) per la poesia, sono i vincitori del trentacinquesimo Premio Letterario Giuseppe Dessì.

A Luciano Canfora il Premio speciale della giuria.

A Andrea Kerbaker ed a Renata Colorni il Premio speciale della Fondazione di Sardegna.

Sindrome del distacco e tregua di Maurizio Cucchi - «Accanto all’affabilità e alla pastosità porosa del mondo com’è, si accentua in questa nuova raccolta di Maurizio Cucchi un predicato di frugalità: abito mentale dell’io, ma soprattutto medium per umanizzare la realtà. “Sindrome del distacco e tregua” si suddivide in otto parti, prive di trama lineare, ove conta “l’insistere virtuale sulla scena, / la rapsodia sparsa e sempre minuziosa / delle circostanze”. Emblema di poetica implicita, tale sigla rimanda a una compattezza intonativa e di sguardo che si avvale – più che in passato – di modalità davvero sperimentali di scrittura e d’espressione: alla polifonia e drammaturgia metrico-prosodiche di cui Cucchi è maestro si aggiungono qui stacchi in prosa tutti funzionali, oltre a due fotografie pienamente empatiche a un libro magnifico, struggente, necessario. Cronotopo è l’atlante (fisico e interiore), chepermette di trascorrere dall’ucraina Pryp’jat’ (a tre km da Cernobyl’) a una Nizza amata e frequentata e alla natìa Milano, messa in emblema dalla centralità del Cenacolo di Leonardo fino ai margini delle sue banlieue, ripercorse attraverso la memoria viva di un libro in prosa per Cucchi fondamentale come “La traversata di Milano” (2007): omaggio ai mèntori della sua formazione, Sereni e Raboni. Il tempo di “Sindrome del distacco e tregua” è invece quello vertiginoso che salda insieme le epoche, dalla preistoria al Quattro e Seicento, fino ai brucianti fotogrammi del presente. Così può librarsi, questo Cucchi ispiratissimo, nella meraviglia aperta di una frugale quotidianità anonima». (Alberto Bertoni)

L’architettrice di Melania Mazzucco - Giovanni Briccio è un genio proletario, osteggiato dai letterati e ignorato dalla corte: materassaio, pittore di poca fama, commediografo, musicista, attore e poeta. Bizzarro cane randagio in un’epoca in cui è necessario avere un padrone, Briccio educa la figlia alla pittura, e la lancia nel mondo dell’arte come fanciulla prodigio, imponendole il destino della verginità. Plautilla però, donna e di umili origini, fatica a emergere nell’ambiente degli artisti romani, dominato da Bernini e Pietro da Cortona. L’incontro con Elpidio Benedetti, prescelto dal cardinal Barberini come segretario di Mazzarino, diplomatico inviso al papa, finirà per cambiarle la vita. Con la complicità di questo insolito compagno di viaggio, diventerà molto più di ciò che il padre ha osato immaginare. Melania Mazzucco torna al romanzo storico, alla passione per l’arte e i suoi interpreti. Mentre racconta fasti, intrighi, violenze e miserie della Roma dei papi, e il fervore di un secolo insieme bigotto e libertino, ci regala il ritratto di una straordinaria donna del Seicento, abilissima a non far parlare di sé e a celare intraprendenza e ambizione per poter realizzare l’impresa in grado di riscattare una vita intera: la costruzione di una originale villa di delizie sul colle che domina Roma, disegnata, progettata ed eseguita da lei, Plautilla, la prima architettrice della storia moderna.

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati