oppure Registrati
Consigliati

i-letti per voi! (marzo 2016)

a cura di Maria Darida

Quante volte vi è capitato di recarvi in libreria, di soffermarvi su un libro e di essere titubanti sul suo acquisto perché appena uscito e dunque privo di qualsiasi forma di commento e/o opinione in merito? Quante volte presi dal dubbio di incappare in un testo di poco spessore lo avete posato sullo stesso scaffale dal quale lo avevate prelevato, decidendo di rimandare la lettura a tempi più propizi?

Con questa rubrica la redazione di i-libri si prefigge, con carattere periodico, l’obiettivo di leggere e commentare con voi (e per voi) le più recenti e attese uscite editoriali.

A tal proposito il mese di marzo ci offre una vasta gamma di nuove proposte tra le quali vediamo il ritorno di autori come Gianrico Carofiglio, Lorenzo Marone, Erri De luca, Jonathan Franzen, Simona Sparaco, Stephen King e molti altri ancora.

Ricordate Cesare Annunziata protagonista de “La tentazione di essere felici” ? Ecco, con “La tristezza ha il sonno leggero” Lorenzo Marone ci ripropone un personaggio semplice e genuino, un uomo alle prese con la quotidianità che finisce con l’avere il sopravvento su un cammino che ogni giorno diventa sempre più sconosciuto, irriconoscibile. Erri Gargiulo è inoltre un uomo che vive in difesa, nell’ombra, abnegando sé stesso per la felicità altrui, atteggiamento che lo porta a non dar voce ai propri desideri tanto da non averne più memoria. Questo almeno sino a quando le circostanze non gli lasciano altra scelta se non quella di ripercorrere il proprio passato. Le scelte, le possibilità, i sogni e le aspirazioni di ciascuno di noi, temi cari a Marone già con il settantasettenne Cesare, tornano in questo nuovo componimento e non deludendo le aspettative del lettore.

Con “Passeggeri notturni”, Einaudi, p. 104, disponibile in libreria a partire dal 15 marzo 2016, Gianrico Carofiglio presenta una raccolta di trentatre racconti, ciascuno  di circa tre pagine, ognuno avvalorato da personaggi – prevalentemente femminili – sfuggenti, aneddoti, brevi saggi, racconti fulminei nell’alternarsi di vicende drammatiche o amare a situazioni comiche, in un costante gioco di finzione e realtà. Un testo che fa del suo punto debole, la pluralità di storie, l’asso vincente. La brevità e la molteplicità delle storie ne favorisce infatti la scorrevolezza. Non il solito Carofiglio, per gli appassionati, ma una piacevole scoperta per chi si trova alla sua prima avventura con l’ex magistrato.

Infine, se siete amanti del thriller è la volta di un autore italiano, Federico Inverni, e del suo “Il prigioniero della notte”, Corbaccio, disponibile in libreria a partire dal 3 marzo 2016. Una sparatoria. Lucas, detective, interviene sul luogo, la sua presenza è stata richiesta dallo stesso cecchino autore del reato. L’agente è chiaramente un uomo ossessionato, con molteplici psicosi, che vive in un passato dal quale non riesce a staccarsi. Anna Wayne, profiler coprotagonista, lo coinvolge nel caso di omicidio relativo a una donna trovata morta con un tulipano a serrarle le labbra. Perché il cecchino ha richiesto la presenza del detective e cosa collega  due casi apparentemente autonomi? E perché Anna, pur non conoscendolo, si affida a Lucas? Tante le domande, molteplici le risposte. Un romanzo caratterizzato dall’alternarsi della voce narrante, dove pregnante è il ruolo della mente e della memoria.

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati
Text selection is disabled by content protection wordpress plugin