oppure Registrati
Dal libro al film

Diabolik

a cura di Redazione i-LIBRI

Diabolik. Il romanzo del film di Andrea Carlo Cappi, Mondadori 2021

Il film

Clerville, fine anni ’60. Dopo aver messo a segno un altro colpo, Diabolik sfugge alla polizia dopo un inseguimento. L’ispettore Ginko e la sua squadra vogliono catturarlo, ma finora ogni tentativo è stato inutile. In città è arrivata Eva Kant, una ricca ereditiera cha ha con sé un diamante rosa, un gioiello dal valore inestimabile. Giorgio Caron, vice-ministro della Giustizia, è perdutamente innamorato di lei senza esserne ricambiato. Una sera, Diabolik si introduce nella stanza dell’hotel di Eva per rubarle il prezioso diamante, assumendo l’identità del suo cameriere personale, e subito scocca il colpo di fulmine. Il “Re del Terrore”  viene poi catturato dall’ispettore Ginko e portato in carcere. Eva Kant farà di tutto per farlo evadere e salvarlo dalla ghigliottina.

La nuova versione cinematografica di Diabolik parte proprio da qui, dalla fine degli anni ’60.

Nel 1968 infatti è stato realizzato l’unico film tratto dal celebre fumetto delle sorelle Angela e Luciana Giussani. Il Diabolik prodotto da Dino De Laurentiis è il punto di ripartenza per un nuovo omaggio al Re del Terrore.

Liberamente ispirato al fumetto n. 3, “L’arresto di Diabolik” pubblicato il 1° marzo 1963 dove compare per la prima volta il personaggio di Eva Kant, il nuovo Diabolik dei Manetti Bros rappresenta una forma di racconto classico. I Manetti provengono dall’horror  di Zora la vampira e Paura 3D, dal thriller di Piano 17, dalla fantascienza de L’arrivo di Wang e dal musical (Song’e NapuleAmmore e malavita).

La versione 2021 di Diabolik 2021 mostra un ispettore Ginko (Mastandrea) malinconico e disincantato, simile a Michel Piccoli della prima versione. Il rapporto tra Diabolik ed Eva Kant è un avvolgente mélo che si snoda dal primo incontro nella stanza dell’hotel fino alla loro comunicazione in codice Morse.

L’immaginaria Clerville è una Milano piombata negli anni Sessanta, con le auto d’epoca parcheggiate nelle vie del centro e le Lancia Flavia della polizia che sfrecciano per le strade. Fra via Santa Marta, via del Bollo, via Santa Maria Fulcorina è stato allestito il set per girare il secondo film di Diabolik dei Manetti Bros, in uscita oggi, 16 dicembre (mentre sono già iniziate le riprese per il sequel). Anche il sindaco Beppe Sala si è dichiarato al fascino delle auto della polizia di Clerville parcheggiate in centro e ha condiviso la foto su Instagram scrivendo: “Occhi aperti, c’è Diabolik in giro (quanto mi piaceva leggerlo!)”. La Jaguar E-Type spyder del 1963 e le altre auto d’epoca sono arrivate a Milano trasportate su una bisarca…

Il romanzo

Basato sul film Diabolik dei Manetti bros., con Luca Marinelli, Miriam Leone e Valerio Mastandrea nei panni dei protagonisti, il romanzo di Cappi mostra il Re del Terrore nel pieno della sua carriera criminale e soprattutto racconta il primo incontro con lei, Eva. «Per molti lettori si tratta del vero inizio della saga di Diabolik» hanno detto Tito Faraci e Mario Gomboli, storici autori del personaggio. «Come se il personaggio fosse incompleto prima di venire affiancato dalla propria compagna, complice e amante (non necessariamente in questo ordine).»

Nel cortile del carcere di Clerville si stanno ultimando i lavori per una macabra costruzione. La lama della ghigliottina sta per cadere inesorabile sulla testa del più feroce e astuto delinquente che la città abbia conosciuto. L’ispettore Ginko ha vinto la sua battaglia, ha catturato l’imprendibile Diabolik. Solo un miracolo, a questo punto, potrebbe salvarlo. Un miracolo oppure una donna, spregiudicata, audace e intelligente almeno quanto lui: una donna come la bellissima Eva Kant…

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati