oppure Registrati
Dal libro al film

Novecento di Baricco

a cura di Redazione i-LIBRI

Novecento di Baricco

«Non sei fregato veramente finché hai da parte una buona storia, e qualcuno a cui raccontarla.»

Il Virginian era un piroscafo. Negli anni tra le due guerre faceva la spola tra Europa e America, con il suo carico di miliardari, di emigranti e di gente qualsiasi. Dicono che sul Virginian si esibisse ogni sera un pianista straordinario, dalla tecnica strabiliante, capace di suonare una musica mai sentita prima, meravigliosa. Dicono che la sua storia fosse pazzesca, che fosse nato su quella nave e che da lì non fosse mai sceso. Dicono che nessuno sapesse il perché. Questo racconto, nato come monologo teatrale, è uscito per la prima volta nel 1994. Nel 1998 Giuseppe Tornatore ne ha tratto il film La leggenda del pianista sull’oceano.

——————————————————-

Il 15/1 Alessandro Baricco ha lanciato il suo progetto Novecento. The Source Code  ossia l’audio della sua lettura ad alta voce del monologo teatrale — registrata il giorno di Capodanno 2022 — che lo scrittore ha deciso di fare diventare un pezzo unico digitale. Un’opera certificata da un atto di autenticità (Nft, Non-fungible token) attraverso la tecnologia blockchain, che usa la crittografia, come accade nel mondo della crypto art. Collaborando con un team di esperti, Baricco è il primo autore italiano a compiere un’operazione di questo tipo per un’opera letteraria. Il file audio di Novecento si può già ascoltare gratuitamente sulla piattaforma OpenSea (clicca qui per raggiungerla e per ascoltare il monologo di Alessandro Baricco) e sarà poi messo in vendita a marzo come un oggetto da collezione, un numero zero unico e irripetibile. Come fosse la tela originale di un dipinto.

«Volevo scollinare in una nuova vallata, un luogo in cui c’è già qualcosa che è destinato a cambiare la nostra vita. Così sono andato a vedere», ha detto in un’intervista con il «Corriere». E sulla scelta del contenuto nella sua produzione (dai romanzi Oceano mare e Seta, ai saggi I barbari e The Game), ha aggiunto: «Per questo prodotto ho pensato che l’ideale sarebbe stato una sorta di Novecento, punto e a capo. Il testo ha infatti ormai quasi trent’anni e ha ispirato di tutto: oltre al monologo teatrale viene letto come libro (Feltrinelli, 1994), è stato trasposto al cinema, è divenuto persino uno spettacolo di marionette… Io ne sono strafelice, però già da qualche tempo sentivo il desiderio di recuperare il sound originario di Novecento, la musica di quando l’avevo scritto. Negli ultimi due, tre anni, Covid permettendo, sono andato io stesso a leggerlo nei teatri. Ho fatto spettacoli, un video che uscirà tra qualche mese. Così quando è spuntata l’idea dell’Nft mi sono detto: “Voglio registrare la mia voce senza alcun effetto”. Recuperare, appunto, il Source Code di un testo che è in fondo il “codice sorgente” di tutta la mia opera. Ne è nato un file audio di 80 megabyte che dura 85 minuti. E mi piace che, al momento di dargli un nome, quello che lo rappresentava di più fosse proprio un’espressione informatica. Le mie anime e i miei lavori di anni si univano».

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati