oppure Registrati
Fatti e libri

Caterina Martinelli

a cura di Redazione i-LIBRI

Storia di Caterina Martinelli nei libri

Dal sito Storia XXI secolo, le opere che raccontano la storia di Caterina Martinelli:

pallanimred.gif (323 byte) “Con cuore di donna”, Carla Capponi, ediz. il Saggiatore 2000, pag. 246/247

“Il tre maggio Caterina Martinelli guidava l’assalto di un forno le donne della borgata che la fame e la miseria avevano esasperato dopo un inverno terribile. Mentre ritornavano nelle loro baracche con le sporte piene di
pane, le donne furono bloccate da un milite della PAI. Al rifiuto di cedere il pane, quelli spararono con il mitra colpendo Caterina Martinelli, che teneva in braccio la bambina ancora lattante e aveva una grossa pagnotta stretta al petto. La donna stramazzò a terra cadendo sopra la figlia, che sopravvisse ma ebbe la spina dorsale lesionata; altre restarono ferite.”

pallanimred.gif (323 byte) “Roma città prigioniera”, Cesare De Simone, ediz. Mursia 1994, pag.
130/196

“[…] In questa ondata di assalti ai forni una guardia della PAI ammazza con una fucilata una donna del Tiburtino III, Caterina Martinelli, che aveva sette figli. Il giorno dopo, sul marciapiede dove era stata uccisa la donna, qualcuno depone un cartello con la scritta: ‘Qui i fascisti hanno ammazzato / Caterina Martinelli / una madre che non poteva / sentir piangere dalla fame / tutti insieme / i suoi figli’.”

pallanimred.gif (323 byte) Testimonianza di Mario Socrate nel libro di Cesare De Simone

“[…] Ritornai al Tiburtino, la vita era un po’ difficile. L’assalto al forno in cui è morta la Martinelli avvenne il 3 maggio. Noi facemmo lo sciopero dell’uno maggio, lo facemmo in piazza, con un grande comizio sulla piazza centrale della borgata. Sapevo che mi giocavo la permanenza lì, che le spie mi avrebbero individuato. Al comizio c’era anche il regista De Santis, era venuto a darci una mano. Poi non contenti con il prete ci fu l’assalto al
forno e uno della PAI sparò e uccise una donna. Allora noi facemmo una manifestazione, e io quel giorno stesso ho scritto la lapide e la mettemmo al punto dov’era ancora il sangue a terra. E’ stata fino a due anni fa,
appiccicata, poi è sparita.[…]”

pallanimred.gif (323 byte) CD-ROM realizzato dal Museo Storico della Liberazione di Roma di Via Tasso, che però riporta l’avvenimento alla data del 21 aprile

“Queste parole (quelle della lapide, ndr) sono scritte sulla lapide che si trova alla borgata Tiburtina, là dove, una madre romana aveva rivendicato quel pane che i tedeschi invasori negavano ai suoi figli. Essa rimane a
ricordo perenne del contributo dato dalle donne di Roma alla lotta contro i tedeschi.   Nella primavera del ’44 la situazione alimentare a Roma si fa sempre più precaria per la difficoltà di trovare il necessario; la decisione tedesca di ridurre la razione giornaliera pro capite di pane da 150 a 100 grammi, induce le donne ad organizzarsi e a manifestare davanti ai forni. […] Durante una di queste manifestazioni al quartiere Tiburtino III, cadde, uccisa dai colpi di fucile mitragliatore dei militi della PAI, Caterina Martinelli, madre di sette bambini. Il sacrificio non fu vano. Nel mese di maggio, per attenuare il clima di impopolarità contro i restrittivi provvedimenti alimentari, che avevano prodotto le manifestazioni delle donne davanti ai forni, le autorità nazifasciste decidono alcune distribuzioni straordinarie di generi alimentari di prima necessità […]. Radio Londra in un comunicato elogiò l’operato delle donne romane.

Dal 27 febbraio 2019 un’altra opera parla di Caterina Martinelli:

Il nostro tempo è breve di Anna Maria Balzano

  • Editore: Talos Edizioni
  • Collana: Polis
  • Pagine: 55
  • EAN: 9788832120042

Clicca qui per raggiungere la scheda del libro sul sito www.lafeltrinelli.it

 “Se la Storia ci racconta di eroi e traditori, di oppressori e oppressi, poco o nulla ci tramanda delle innumerevoli vittime delle guerre, di cui, nella migliore delle ipotesi, resta un nome e niente di più. Da qui l’esigenza di restituire se non a ognuna di esse, almeno a qualcuna quella identità e quella dignità troppo a lungo trascurate. Così nasce questo lavoro su Caterina Martinelli, caduta per mano di un milite della PAI nel 1944, durante uno degli assalti ai forni… Ricostruire la vita semplice e povera di Caterina ha significato accompagnarla lungo il suo percorso, immedesimarsi in lei, scrutarne i pensieri e i sentimenti, così come si è potuto supporre che fossero e soprattutto metterli in relazione ai tragici eventi storici che sconvolsero la nostra capitale dopo l’8 settembre. È stato infatti assolutamente necessario “ricorrere alla storia, cioè al processo per il quale la memoria e l’esperienza personale vengono messe in relazione con il contesto spazio-temporale e al suo interno spiegate.” (A. Parisella – Sopravvivere liberi – ed. Gangemi).

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati
Text selection is disabled by content protection wordpress plugin