oppure Registrati
Fatti e libri

I paradossi nella scienza e in letteratura: “La caduta” di Albert Camus

a cura di Bruno Elpis

Il paradosso è un vistoso stratagemma spesso utilizzato in ambito scientifico per porre le basi di una nuova tesi o per criticare una teoria, evidenziandone incongruenze e traendo conseguenze concettuali che mettano in difficoltà la comprensione umana.
Il fisico di origine irachena, Jim Al-Khalili, nel best-seller La fisica del diavolo, illustra i dieci più bizzarri e sconcertanti paradossi della scienza. Tuttavia, lo stesso Jim evidenzia che talvolta le assurdità cui pervengono i paradossi sono dovute a errori logici, come poi dimostrato dall’evoluzione scientifica successiva.

Vero o falso che sia, il paradosso esercita tuttavia lo stesso fascino immaginifico che esplicano le mitologie e catalizza attenzioni favorendo il progresso culturale.

Trascurando il ruolo che in questo ambito hanno svolto diavoli e diavoletti da Cartesio in poi, tra i paradossi che noi riteniamo più suggestivi per il risvolto umanistico-esistenziale che scatenano, senza dubbio annoveriamo quello di Achille piè veloce (possibile che la tartaruga sia irraggiungibile anche per il Pelide velocista?), quello del nonno (sarà poi vero che dobbiamo uccidere l’antenato dal quale discendiamo per garantirci la nascita?) e quello del gatto di Schrodinger (come può una creatura rinchiusa in una scatola essere al tempo stesso viva e morta?).

In questa sede – rimandando all’efficace casistica dell’articolo qui linkato – vogliamo sostenere che il paradosso è una struttura alla quale spesso si ricorre in filosofia (un esempio per tutti? Il paradosso del silenzio di Abramo in Kirkegaard) e in letteratura, come argomentiamo nel commento che oggi pubblichiamo a “La caduta” di Albert Camus (“Per finirla con l’ambiguità, bisogna semplicemente finir di vivere”).

Bruno Elpis

Nella foto: Filippo De Pisis, Il sacrificio di Isacco

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati
Text selection is disabled by content protection wordpress plugin