Letteratura austriaca

Il racconto della serva Zerlina

Broch Hermann

Descrizione: Nell'interno aristocratico e decaduto che rinserra tre donne, si sdipana il monologo della serva Zerlina: storia di una passione demoniaca e di una feroce sete di rivalsa, confessate in un parossismo d'odio al giovane affittuario A. Con foga implacabile, Zerlina racconta una vendetta di raffinata perfidia nei confronti del Signor von Juna, fatuo avventuriero che già nel nome ricorda il Don Giovanni - così come la stessa Zerlina e la padrona Elvira. Ma il suo furore finirà per travolgere tutto e tutti, anche l'impostura della rispettabilità coniugale in un'Austria alla mercé della rovina, dove i presunti non-colpevoli "affondano" per dirla con Broch "nella colpa etica, in una colpevole non-colpevolezza".

Categoria: Letteratura austriaca

Editore: Adelphi

Collana: Piccola biblioteca Adelphi

Anno: 2016

ISBN: 9788845930690

Trama

Le Vostre recensioni

La vera colpa degli incolpevoli. Il racconto della serva Zerlina è uno degli undici racconti che compongono l’opera “Gli incolpevoli” di Hermann Broch. Esso fu inserito nel romanzo nel 1949 e suscitò l’ammirazione di Hannah Arendt, che lo definì la più bella storia d’amore che avesse mai letto. Al di là della vicenda amorosa ricca di eros e pathos, “Il racconto della serva Zerlina” si può leggere come la rappresentazione della condizione umana nella società mitteleuropea a cavallo tra le due guerre, con uno sguardo premonitore sul futuro posthitleriano dei più perseguitati.

La passione peccaminosa della serva Zerlina per von Juna, l’amante della sua padrona, la baronessa Elvira, è rivelata senza reticenza al giovane A. taciturno ascoltatore, personaggio che si distingue per la sua inerte presenza, per la sua colpevole mancanza di responsabilità. E in questa storia d’amore e di infelicità, dove si esalta il trionfo dei sensi a detrimento dei sentimenti, è proprio la mancata partecipazione dei personaggi a un’azione moralizzatrice che diviene una condanna sociale e politica. L’infido comportamento di Zerlina, la slealtà di Elvira verso il barone, la spregiudicatezza di von Juna, fanno da contraltare alla rassegnata e onesta figura del barone e alla mancanza di responsabilità del silenzioso ascoltatore A. Ed è proprio il disimpegno la colpa più grande di chi, pur incolpevole, non agisce e non reagisce. E questo alla soglia degli anni cinquanta in un’Europa che faticosamente si rialza da una distruzione quasi totale, è un messaggio estremamente significativo, soprattutto se giunge da un grande scrittore austriaco di origine ebraica. La rivalità tra Zerlina e la baronessa è si al centro della narrazione, ma è altresì il mezzo per mettere in risalto una serie di ingiustizie e sopraffazioni.

Solo nelle ultime righe di Il racconto della serva Zerlina, la protagonista raggiunge una sorta di riscatto, quando in lei si fa strada la consapevolezza d’un amore più completo e profondo che ella aveva in fondo sempre nutrito per l’ammirato e ammirevole barone, più che per von Juna, “piacere diventato uno spazio vuoto”. Nelle parole di Zerlina la chiave di lettura dell’intero racconto: “Insieme con la nostra perfidia continua a crescere, diventando più grande di noi, anche la nostra responsabilità e, quanto più profondamente l’uomo deve immergersi nella propria perfidia per trovare se stesso, tanto più deve assumersi la responsabilità dei delitti che ha commesso.”

Da ricordare la grande interpretazione teatrale di Jeanne Moreau nelle vesti di Zerlina, prima a Parigi al teatro Des Bouffes du nord, nell’86 e poi nell’87 a Milano, al Piccolo, per la regia di Klaus Michael Gruber.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hermann

Broch

Libri dallo stesso autore

Intervista a Broch Hermann


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tra macchine per distillare dai romanzi la vita vera, manuali da tradurre dal russo, tutine stringipelle, speranze di vincere il premio Viareggio, Learco e Francesca si telefonano, si incontrano, cantano, decidono di andare a vivere insieme. Ma perché non scrivi un romanzo dove lo scrittore gioca con accostamenti generazionali molto ricercati e ben dosati a vestire ogni volta un sentimento che troppo spesso si dà per scontato di colori infiniti? chiede a Learco una voce di quelle che ha nella testa Eh, perché non lo scrivi? Con un interregionale lanciato sul far della notte nel cuore della vecchia Europa meridionale Learco va a trovare un’amica. Learco con questa sua amica canta tutto il pomeriggio e va in giro in autobus per Bologna, e quando sono insieme sull’autobus Learco sente l’odore del suo respiro. A Learco sentire l’odore del suo respiro è come se il mondo circostante gli arrivasse dopo essere passato per le vie respiratorie e i polmoni e i bronchi e tutti gli organi interessati di questa sua amica, si chiama Francesca, questa sua amica. Che schifo, dice a Learco una voce di quelle che stanno nella sua testa, al posto di un romanzo le cui pagine scorrano via al passo leggero di una lettura dal ritmo gradevole sorprendentemente femminile ma anche tenera aggraziata ironica e originale lui cosa ti scrive? Un romanzo d’amore. Con un titolo con in mezzo una virgola che fa venire gli sgrisori.

SI CHIAMA FRANCESCA, QUESTO ROMANZO

Nori Paolo

Gli uomini muoiono e non sono felici. Un'opera teatrale di estrema tensione, in cui il delirio del potere e l'utopia della verità vengono esemplificati dal tragico destino di un imperatore pazzo e crudele.

Caligola

Camus Albert

Patrick Bateman è giovane, bello, ricco. Vive a Manhattan, lavora a Wall Street e con i colleghi Timothy, David, Patten e Craig, frequenta i locali più alla moda, le palestre più esclusive e le toilette dove gira la migliore cocaina della città, discutendo di nuovi ristoranti, cameriere corpoduro ed eleganza maschile. Ma la sua vita è ricca di particolari piuttosto inquietanti e quando le tenebre scendono su New York, Patrick Bateman si trasforma in un torturatore omicida, freddo, metodico, spietato.

American Psycho

Ellis Bret Easton

Zorba il greco, lo straordinario romanzo di Nikos Kazantzakis, da cui è stato tratto il fortunato film con Anthony Quinn e Irene Papas, proposto per la prima volta ai lettori italiani in versione integrale, nella traduzione dal greco di Nicola Crocetti. Un romanzo formidabile. La storia di un uomo che ha vissuto ogni momento all'altezza del proprio desiderio. Un libro pieno di vita.

Zorba il greco

Kazantzakis Nikos