Letteratura austriaca

Il racconto della serva Zerlina

Broch Hermann

Descrizione: Nell'interno aristocratico e decaduto che rinserra tre donne, si sdipana il monologo della serva Zerlina: storia di una passione demoniaca e di una feroce sete di rivalsa, confessate in un parossismo d'odio al giovane affittuario A. Con foga implacabile, Zerlina racconta una vendetta di raffinata perfidia nei confronti del Signor von Juna, fatuo avventuriero che già nel nome ricorda il Don Giovanni - così come la stessa Zerlina e la padrona Elvira. Ma il suo furore finirà per travolgere tutto e tutti, anche l'impostura della rispettabilità coniugale in un'Austria alla mercé della rovina, dove i presunti non-colpevoli "affondano" per dirla con Broch "nella colpa etica, in una colpevole non-colpevolezza".

Categoria: Letteratura austriaca

Editore: Adelphi

Collana: Piccola biblioteca Adelphi

Anno: 2016

ISBN: 9788845930690

Trama

Le Vostre recensioni

La vera colpa degli incolpevoli. Il racconto della serva Zerlina è uno degli undici racconti che compongono l’opera “Gli incolpevoli” di Hermann Broch. Esso fu inserito nel romanzo nel 1949 e suscitò l’ammirazione di Hannah Arendt, che lo definì la più bella storia d’amore che avesse mai letto. Al di là della vicenda amorosa ricca di eros e pathos, “Il racconto della serva Zerlina” si può leggere come la rappresentazione della condizione umana nella società mitteleuropea a cavallo tra le due guerre, con uno sguardo premonitore sul futuro posthitleriano dei più perseguitati.

La passione peccaminosa della serva Zerlina per von Juna, l’amante della sua padrona, la baronessa Elvira, è rivelata senza reticenza al giovane A. taciturno ascoltatore, personaggio che si distingue per la sua inerte presenza, per la sua colpevole mancanza di responsabilità. E in questa storia d’amore e di infelicità, dove si esalta il trionfo dei sensi a detrimento dei sentimenti, è proprio la mancata partecipazione dei personaggi a un’azione moralizzatrice che diviene una condanna sociale e politica. L’infido comportamento di Zerlina, la slealtà di Elvira verso il barone, la spregiudicatezza di von Juna, fanno da contraltare alla rassegnata e onesta figura del barone e alla mancanza di responsabilità del silenzioso ascoltatore A. Ed è proprio il disimpegno la colpa più grande di chi, pur incolpevole, non agisce e non reagisce. E questo alla soglia degli anni cinquanta in un’Europa che faticosamente si rialza da una distruzione quasi totale, è un messaggio estremamente significativo, soprattutto se giunge da un grande scrittore austriaco di origine ebraica. La rivalità tra Zerlina e la baronessa è si al centro della narrazione, ma è altresì il mezzo per mettere in risalto una serie di ingiustizie e sopraffazioni.

Solo nelle ultime righe di Il racconto della serva Zerlina, la protagonista raggiunge una sorta di riscatto, quando in lei si fa strada la consapevolezza d’un amore più completo e profondo che ella aveva in fondo sempre nutrito per l’ammirato e ammirevole barone, più che per von Juna, “piacere diventato uno spazio vuoto”. Nelle parole di Zerlina la chiave di lettura dell’intero racconto: “Insieme con la nostra perfidia continua a crescere, diventando più grande di noi, anche la nostra responsabilità e, quanto più profondamente l’uomo deve immergersi nella propria perfidia per trovare se stesso, tanto più deve assumersi la responsabilità dei delitti che ha commesso.”

Da ricordare la grande interpretazione teatrale di Jeanne Moreau nelle vesti di Zerlina, prima a Parigi al teatro Des Bouffes du nord, nell’86 e poi nell’87 a Milano, al Piccolo, per la regia di Klaus Michael Gruber.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hermann

Broch

Libri dallo stesso autore

Intervista a Broch Hermann

Tutto ha inizio con una lista di nomi. Non sono nomi qualunque, ma quelli di pericolosi terroristi che minacciano la sicurezza internazionale tanto da dover essere eliminati uno a uno. Solo sette persone nelle segrete stanze di Washington conoscono l¿esistenza della "lista nera", tra queste il presidente degli Stati Uniti. La minaccia è reale, ma deve rimanere top secret o si scatenerà il panico. Il primo di questi nomi è anche il più temibile: "il Predicatore", un fondamentalista islamico senza scrupoli che ha come unico scopo la distruzione degli infedeli. Incita all'odio attraverso messaggi che diffonde tramite il web e riesce a raccogliere attorno a sé una folla di proseliti che scatenano una serie incontrollabile di eventi mortali. Gli omicidi si moltiplicano, non solo negli Stati Uniti ma anche sul territorio inglese, dove cadono altre vittime. Troppe. Solo un uomo può compiere quella che sembra una missione impossibile: l'ex marine Kit Carson, soprannominato "il Segugio", che viene prontamente incaricato di trovare e uccidere il responsabile di quell'inferno. Kit, però, non sa che faccia abbia il suo nemico, dove si nasconda e quale sia il suo vero nome. Sarà un giovane ed espertissimo hacker a rintracciare per lui le postazioni del Predicatore e dei suoi complici utilizzando solo la tecnologia. Si scatena così una guerra tra due schieramenti, totalmente diversi tra loro ma con un obiettivo comune: la distruzione dell'avversario. Con La lista nera Frederick Forsyth si riconferma un maestro del genere firmando un thriller che non lascia scampo, in cui attualità e fiction si mescolano grazie a un eccellente lavoro di documentazione che svela i retroscena dei servizi segreti britannici, americani, pachistani e israeliani.

LA LISTA NERA

Forsyth Frederick

Epistolario di un poeta italo-senegalese con la prefazione di Giuliano Pisapia.

Prendi quello che vuoi, ma lasciami la mia pelle nera

Gaye Cheikh Tidiane

AMORIZZAZIONI

Vetterlein Suse

In questo libro, quasi un saggio, non troverete nessuna formula segreta. Questo manuale non vuole essere un pretenzioso codice fatto di regole, né tanto meno un vademecum o un prontuario di idee. Piuttosto, in questa raccolta si può riflettere e ragionare sulla struttura e sulla morfologia della parte letteraria nelle canzoni di musica leggera. Sul suo modello generale, sulle caratteristiche principali e su alcuni spunti di sviluppo e scrittura. Vedremo quindi i canoni architettonici di questa particolare forma di narrazione chiamata canzone. Una parte è dedicata all'importanza delle figure retoriche, in un parallelismo tra il racconto e la canzone. Si trattano temi come struttura, metrica, poetica, stile e originalità. Si analizza dal punto di vista comunicativo il messaggio. Ci si sofferma brevemente sull'importanza dell'alfabeto, del valore archetipico di immagini evocative. L'ultima parte contiene una serie di consigli di scrittura creativa e nelle pagine conclusive compare un glossario della canzone contenente la terminologia più usata dagli autori, e un altro piccolo glossario su alcuni degli elementi narrativi trattati. L'intento di "Il testo e la figura del paroliere" è dunque di stimolare coloro i quali si approcciano per la prima volta al testo di una canzone, semplificando l'orientamento e mettendone in luce gli aspetti più importanti. Ma l'obiettivo è anche di generare riflessioni sulla funzione e sul ruolo della canzone di musica leggera nella società.

Il testo e la figura del paroliere

Pozzati Simone