Letteratura austriaca

Il racconto della serva Zerlina

Broch Hermann

Descrizione: Nell'interno aristocratico e decaduto che rinserra tre donne, si sdipana il monologo della serva Zerlina: storia di una passione demoniaca e di una feroce sete di rivalsa, confessate in un parossismo d'odio al giovane affittuario A. Con foga implacabile, Zerlina racconta una vendetta di raffinata perfidia nei confronti del Signor von Juna, fatuo avventuriero che già nel nome ricorda il Don Giovanni - così come la stessa Zerlina e la padrona Elvira. Ma il suo furore finirà per travolgere tutto e tutti, anche l'impostura della rispettabilità coniugale in un'Austria alla mercé della rovina, dove i presunti non-colpevoli "affondano" per dirla con Broch "nella colpa etica, in una colpevole non-colpevolezza".

Categoria: Letteratura austriaca

Editore: Adelphi

Collana: Piccola biblioteca Adelphi

Anno: 2016

ISBN: 9788845930690

Trama

Le Vostre recensioni

La vera colpa degli incolpevoli. Il racconto della serva Zerlina è uno degli undici racconti che compongono l’opera “Gli incolpevoli” di Hermann Broch. Esso fu inserito nel romanzo nel 1949 e suscitò l’ammirazione di Hannah Arendt, che lo definì la più bella storia d’amore che avesse mai letto. Al di là della vicenda amorosa ricca di eros e pathos, “Il racconto della serva Zerlina” si può leggere come la rappresentazione della condizione umana nella società mitteleuropea a cavallo tra le due guerre, con uno sguardo premonitore sul futuro posthitleriano dei più perseguitati.

La passione peccaminosa della serva Zerlina per von Juna, l’amante della sua padrona, la baronessa Elvira, è rivelata senza reticenza al giovane A. taciturno ascoltatore, personaggio che si distingue per la sua inerte presenza, per la sua colpevole mancanza di responsabilità. E in questa storia d’amore e di infelicità, dove si esalta il trionfo dei sensi a detrimento dei sentimenti, è proprio la mancata partecipazione dei personaggi a un’azione moralizzatrice che diviene una condanna sociale e politica. L’infido comportamento di Zerlina, la slealtà di Elvira verso il barone, la spregiudicatezza di von Juna, fanno da contraltare alla rassegnata e onesta figura del barone e alla mancanza di responsabilità del silenzioso ascoltatore A. Ed è proprio il disimpegno la colpa più grande di chi, pur incolpevole, non agisce e non reagisce. E questo alla soglia degli anni cinquanta in un’Europa che faticosamente si rialza da una distruzione quasi totale, è un messaggio estremamente significativo, soprattutto se giunge da un grande scrittore austriaco di origine ebraica. La rivalità tra Zerlina e la baronessa è si al centro della narrazione, ma è altresì il mezzo per mettere in risalto una serie di ingiustizie e sopraffazioni.

Solo nelle ultime righe di Il racconto della serva Zerlina, la protagonista raggiunge una sorta di riscatto, quando in lei si fa strada la consapevolezza d’un amore più completo e profondo che ella aveva in fondo sempre nutrito per l’ammirato e ammirevole barone, più che per von Juna, “piacere diventato uno spazio vuoto”. Nelle parole di Zerlina la chiave di lettura dell’intero racconto: “Insieme con la nostra perfidia continua a crescere, diventando più grande di noi, anche la nostra responsabilità e, quanto più profondamente l’uomo deve immergersi nella propria perfidia per trovare se stesso, tanto più deve assumersi la responsabilità dei delitti che ha commesso.”

Da ricordare la grande interpretazione teatrale di Jeanne Moreau nelle vesti di Zerlina, prima a Parigi al teatro Des Bouffes du nord, nell’86 e poi nell’87 a Milano, al Piccolo, per la regia di Klaus Michael Gruber.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hermann

Broch

Libri dallo stesso autore

Intervista a Broch Hermann


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il romanzo d'esordio di Dodi Vecchioni

ACHS

Vecchioni Dodi

Alice ha lavorato sodo per raggiungere i suoi obiettivi e ora, a quasi cinquant'anni, sente di avercela finalmente fatta. Dopo anni di studio, di notti a base di caffè e libri di psicologia, ha coronato il suo sogno, è una scienziata di grido, insegna ad Harvard e viene chiamata dalle più prestigiose università per tenere conferenze. E poi c'è il suo più grande orgoglio, la famiglia: il marito John, un brillante esperto di chimica, che non riesce a trovare gli occhiali neppure quando li indossa, e i loro figli, Anna, Tom e Lydia, tutti e tre realizzati, anche se ognuno a modo suo. All'improvviso, però, tutto cambia. All'inizio sono solo piccole dimenticanze: una parola sulla punta della lingua che non riesce a ricordare, gli orari delle lezioni, il numero di uova nella ricetta del pudding natalizio, quello che prepara da più di vent'anni. E poi un giorno, dopo il giro di jogging quotidiano, Alice si ritrova in una piazza che è sicura di conoscere ma che non sa dove si trovi. Si è persa, a pochi metri da casa. Qui comincia il suo viaggio tra le corsie d'ospedale, a caccia del male che sta cancellando i suoi ricordi. Quando le viene diagnosticato l'Alzheimer precoce, tutto ciò in cui Alice ha sempre creduto pare sgretolarsi, il mondo intorno a lei sembra sfuggirle ogni giorno di più.

PERDERSI

Genova Lisa

Presentazione dell'autore. Argomento principe della storia, narrata in questo romanzo, è il tormento che Sofia e Marcello sono costretti a subire ad opera della sorella di lei, Viviana, che con l'aiuto dei genitori ostacola, con tutte le sue forze, l'unione dei due amanti fino ad ottenerne la separazione. Viviana va oltre… ma prima di raccontarlo bisogna fare un passo indietro. Sofia e Marcello si innamorano quando entrambi sono rispettivamente fidanzati da oltre dieci anni. Sarà proprio questa loro condizione a far scatenare Viviana che, attraverso il suo impianto accusatorio fondato su pregiudizi e retaggi culturali, oltre a separare i due amanti, costringerà Sofia a riconciliarsi con Roberto, il vecchio fidanzato. La forzata separazione porrà Sofia e Marcello in uno stato inverosimile, di totale disperazione, dal quale cercheranno con ogni forza di tirarsi fuori per rivendicare la loro vita… il loro amore.

Un incontro d’amore

Capolongo Antonio

Spesso considerata, con tono benevolo e sprezzante, "un reportage", il capolavoro della Serao ha la forza della verità che si fa letteratura, del rifiuto per quella "retorichetta a base di golfo e colline fiorite che serve per quella parte di pubblico che non vuole essere seccata con racconti di miserie". La sua denuncia resta, a un secolo di distanza, di straordinaria attualità: "Questo ventre di Napoli, se non lo conosce il governo, chi lo deve conoscere? A che sono buoni tutti questi impiegati alti e bassi, questo immenso ingranaggio burocratico che ci costa tanto?"

Il ventre di Napoli

Serao Matilde