Saggi

1943 – 1945. Diario

Viterbo Michele

Descrizione: L'archivio Viterbo - dichiarato nel 1990 di "notevole interesse storico" dalla Soprintendenza Archivistica per la Puglia - è stato acquisito a titolo di donazione dall'Archivio di Stato di Bari. Si deve alla sensibile lungimiranza dei figli di Michele Viterbo, Silvia, Nicola e Donato, se le raccolte documentarie sono state donate all'Archivio barese che in tal modo, nell'adempimento dei suoi compiti istituzionali, arricchisce la collettività di Bari e dell'intera realtà regionale di un'importante testimonianza relativa a vicende significative della storia locale e nazionale.

Categoria: Saggi

Editore: Lupo Editore

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788866671657

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Sono ormai trascorsi più di settant’anni da quel 25 luglio 1943,data della convocazione, a distanza di lungo tempo, del Gran Consiglio del Fascismo. Quel giorno segnò la fine di un regime ormai ventennale e l’inizio di una tempesta che vide, nel giro di poche settimane, l’Italia occupata da più forze armate straniere, il regno ridotto a quattro province nel Tacco d’Italia, le condizioni di vita depauperate.

Michele Viterbo, ex podestà di Bari, pugliese, tra i fondatori della Fiera del Levante e membro eminente della Camera di Commercio Italo-Orientale decide, a un mese da quegli eventi, di iniziare un diario che termina con la notizia della morte di Hitler, a fine aprile 1945.

Viterbo traccia riflessioni sui momenti terribili che vive come italiano e come politico che ha creduto nel fascismo ma che se ne è progressivamente distaccato, a causa della trappola in cui lentamente è caduto il Paese. Non mancano ricordi dei decenni passati, in cui Viterbo analizza le motivazioni della situazione attuale, nonché previsioni e qualche cenno autobiografico (a Viterbo vennero sequestrate la casa di città e quella al mare dagli occupanti anglo-americani e successivamente subì il blocco conservativo dei beni in quanto ex dirigente fascista).

Il documento scritto da Viterbo è arricchito da fotografie, che testimoniano l’amicizia che lega il politico pugliese a Badoglio, e da interessanti particolari sul regno del Sud, che vide Bari e Brindisi al centro della storia tra il settembre 1943 e la primavera del 44. Viterbo parla anche del primo congresso dei partiti antifascisti tenutosi a Bari il 28 gennaio 1944 e non manca di fare qualche riflessione sul pensiero politico di alcuni participanti, tra cui l’eminente filosofo Benedetto Croce.

E’ interessante notare come la Storia (con la esse maiuscola) sia molte volte fatta e testimoniata da personaggi minori quali appunto il Viterbo, che, grazie al suo prezioso diario, fornisce allo studioso di oggi (ma anche ai pochi sopravvissuti) un quadro preciso e abbastanza imparziale, malgrado la connotazione politica dell’autore, della situazione da lui vissuta.

Libro scorrevole che prova anche una buona cultura, da leggere per conoscenza personale ma anche come sussidio per chi si occupa degli eventi della metà degli anni Quaranta del secolo scorso per studio o per lavoro.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michele

Viterbo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Viterbo Michele

Presentazione dell'autore. La storia si ispira a un film cult della tensione in bianco e nero: “La scala a chiocciola”, una vicenda nella quale l’assassino elimina persone affette da difetti fisici. In questo romanzo l’omicida seriale uccide donne che soffrono di fobie, con una particolarità sorprendente: “firma” i delitti depositando una maschera sul viso della vittima. Secondo la criminologia, quando un assassino copre – generalmente con un lenzuolo – la sua vittima, nell’atto esprime pietà tardiva o un legame affettivo con il cadavere. Se l’omicida seriale de “Il carnevale dei delitti” nasconde i suoi misfatti non con un lenzuolo, ma con una maschera, cioè con un oggetto altamente simbolico, ecco che allora la Bautta, la maschera d’oro di Tutankhamon, il Quetzalcoatl azteco o Brighella costituiscono indizi da interpretare, all’interno di una follia criminale che serpeggia tra le fiabe e la psicanalisi. Gli omicidi vengono compiuti sullo sfondo di situazioni torbide o di manifestazioni evocative: una villa ove si pratica lo scambismo, il carnevale di Venezia, la spettacolare spiaggia delle uova di Ventimiglia … L’indagine si svolge nell’atmosfera magica del lago di Como

Il carnevale dei delitti

Elpis Bruno

Scritto nel 1940, questo racconto, ora riproposto da solo, venne pubblicato solo nel 1949, nel volume dal titolo omonimo che comprendeva "Il diavolo sulle colline" e "Tra donne sole". È la storia di Ginia e, più in generale, della scoperta della vita da parte di un'adolescente. Dall'ambiente operaio al quale appartiene, Ginia entra in contatto con alcuni esponenti di una bohème pseudo-artistica e intellettuale: studenti, eccentrici perdigiorno e pittori dilettanti, che si incontrano nei caffè e abitano nelle soffitte. La ragazza si innamora di Guido, un pittore di origine contadina e, dopo aver vinto le resistenze interiori e i rimorsi residui, si lascia alla fine sedurre. È l'inizio della sua dolorosa maturazione come donna.

La bella estate

Pavese Cesare

«In zona San Siro a Milano una macabra scoperta ha funestato questa mattina il lavoro di Khalid Buhar, macchinista dell’impresa edile Milano Costruzioni, mentre si accingeva a spianare il terreno a ridosso di una vecchia villa, abbattuta per far posto a un nuovo ipermercato di proprietà del magnate svizzero Karl Heimer. Stava operando con la scavatrice quando, dalle macerie, sono improvvisamente venuti alla luce alcuni resti umani». Guido Barbieri, professore di storia in pensione, non ha dubbi: si tratta di Angela Pozzi, scomparsa a 17 anni nel lontano 1965. Una ragazza della quale lui, diciottenne, era follemente innamorato. Ma sembra che la morte di Angela Pozzi interessi solo a lui e di riflesso alla figlia Laura, giornalista di un’emittente televisiva. La magistratura ha infatti gatte da pelare molto più urgenti e pressanti. Sarà però un nuovo inaspettato delitto a richiedere l’intervento deciso di Daniele Ferrazza, un commissario di polizia giudiziaria che nutre per Laura un interesse non soltanto professionale. Il commissario si troverà ad affrontare un caso oscillante tra passato e presente, all’apparenza indecifrabile. Tanto indecifrabile da sfuggire ai canoni classici dei fatti di sangue. La vera protagonista del romanzo è come sempre Milano, con la trasformazione che ha subito, dagli anni Sessanta ad oggi, da città industriale a città di servizi multietnica, dove sono scomparse le latterie, i trani, il fumo delle ciminiere e lo smog delle caldaie a carbone, lasciando il posto ad asettici uffici, al proliferare dei media, al trionfo del digitale. Una mutazione nella quale si specchia il rapporto non facile tra un padre cresciuto sull’onda ideologica di un Novecento che non c’è più e una figlia pragmatica e interamente dedita alla carriera professionale, e nella quale la presenza ingombrante dei media nei casi giudiziari diventa la normalità. “Oggi i processi si fanno in televisione”, commenta uno dei personaggi. Una realtà del nostro tempo che qui trova l’ennesima conferma.

Morte a San Siro. Milano, il mistero di villa Pozzi

Bastasi Alessandro

Intervista a Daniele Isola