Saggi

1943 – 1945. Diario

Viterbo Michele

Descrizione: L'archivio Viterbo - dichiarato nel 1990 di "notevole interesse storico" dalla Soprintendenza Archivistica per la Puglia - è stato acquisito a titolo di donazione dall'Archivio di Stato di Bari. Si deve alla sensibile lungimiranza dei figli di Michele Viterbo, Silvia, Nicola e Donato, se le raccolte documentarie sono state donate all'Archivio barese che in tal modo, nell'adempimento dei suoi compiti istituzionali, arricchisce la collettività di Bari e dell'intera realtà regionale di un'importante testimonianza relativa a vicende significative della storia locale e nazionale.

Categoria: Saggi

Editore: Lupo Editore

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788866671657

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Sono ormai trascorsi più di settant’anni da quel 25 luglio 1943,data della convocazione, a distanza di lungo tempo, del Gran Consiglio del Fascismo. Quel giorno segnò la fine di un regime ormai ventennale e l’inizio di una tempesta che vide, nel giro di poche settimane, l’Italia occupata da più forze armate straniere, il regno ridotto a quattro province nel Tacco d’Italia, le condizioni di vita depauperate.

Michele Viterbo, ex podestà di Bari, pugliese, tra i fondatori della Fiera del Levante e membro eminente della Camera di Commercio Italo-Orientale decide, a un mese da quegli eventi, di iniziare un diario che termina con la notizia della morte di Hitler, a fine aprile 1945.

Viterbo traccia riflessioni sui momenti terribili che vive come italiano e come politico che ha creduto nel fascismo ma che se ne è progressivamente distaccato, a causa della trappola in cui lentamente è caduto il Paese. Non mancano ricordi dei decenni passati, in cui Viterbo analizza le motivazioni della situazione attuale, nonché previsioni e qualche cenno autobiografico (a Viterbo vennero sequestrate la casa di città e quella al mare dagli occupanti anglo-americani e successivamente subì il blocco conservativo dei beni in quanto ex dirigente fascista).

Il documento scritto da Viterbo è arricchito da fotografie, che testimoniano l’amicizia che lega il politico pugliese a Badoglio, e da interessanti particolari sul regno del Sud, che vide Bari e Brindisi al centro della storia tra il settembre 1943 e la primavera del 44. Viterbo parla anche del primo congresso dei partiti antifascisti tenutosi a Bari il 28 gennaio 1944 e non manca di fare qualche riflessione sul pensiero politico di alcuni participanti, tra cui l’eminente filosofo Benedetto Croce.

E’ interessante notare come la Storia (con la esse maiuscola) sia molte volte fatta e testimoniata da personaggi minori quali appunto il Viterbo, che, grazie al suo prezioso diario, fornisce allo studioso di oggi (ma anche ai pochi sopravvissuti) un quadro preciso e abbastanza imparziale, malgrado la connotazione politica dell’autore, della situazione da lui vissuta.

Libro scorrevole che prova anche una buona cultura, da leggere per conoscenza personale ma anche come sussidio per chi si occupa degli eventi della metà degli anni Quaranta del secolo scorso per studio o per lavoro.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michele

Viterbo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Viterbo Michele


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pubblicato nel 1911, il Bestiario, o Il corteggio d’Orfeo, prima raccolta di poesie di Guillaume Apollinaire, si colloca in un felice punto d’intersezione tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, momento di forte crescita della poesia europea. Tratto distintivo della raccolta è quell’aggancio realistico che equilibra la continua tentazione verso il nonsense, quell’intrattenibile e abbagliante pienezza del sentimento che genera una straordinaria congiunzione tra la «fatuità » del Mallarmé minore e la gustosa sapienzialità terrestre dei bestiari medievali. Incredibilmente sospeso tra le sinuose eleganze dell’Art Nouveau e la solida concretezza delle scomposizioni cubiste, il poeta crea effetti stilistici unici, senza mai rinunciare a sfruttare gli spazi aperti della sua immaginazione formale, cassa di risonanza della sua malinconia, della sua vitalità, del suo male di vivere. Ricchissima di senso metrico e sonoro, fondata sul valore espressivo della parodia e del falsetto, la poesia di Apollinaire è proposta nell’attenta traduzione di Giovanni Raboni a cui fanno da indispensabile complemento le incisioni di Raoul Dufy, presenti già nell’edizione originale.

Bestiario

Apollinaire Guillaume

Come ogni anno Cècile passa le vacanze estive in Costa Azzurra. I primi giorni, vissuti all'insegna della spensieratezza in compagnia del padre givanile e della sua attuale amante Elsa, bella ma ingenua, vengono interrotti dall'arrivo di Anne, un'amica della madre di Cècile, morta anni prima. Il padre ne è attratto a tal punto che in pochi giorni decide di sposarla, a costo di abbandonare uno stile di vita lussurioso e libero. La simpatia che Cècile prova per Anne non le impedisce di vederla come una rivale, come una minaccia per la propria libertà e così mette in scena un gioco sottile per dividere i due nuovi amanti. Un piano perfetto, ma con esiti inaspettati e ben più tragici del previsto.

Bonjour tristesse

Sagan Francoise

“Asino chi legge” racconta delle difficoltà di portare la letteratura, scritta e letta, in luoghi dove la passione per la pagina non e mai nata o si scontra con difficoltà insormontabili: a Napoli e nella periferia napoletana, in Irpinia, in Trentino, in Puglia, in Sicilia e in altre zone d’Italia. L’autrice, scrittrice ed esperta esterna di scrittura creativa, eternamente in viaggio fra treni e periferie, raccoglie così un bagaglio di storie, divertenti, assurde, tristi, dalle vicende dei figli dei capoclan napoletani ai timidi ragazzi della Nusco di De Mita, ai giovani pakistani di Bolzano, ai ragazzi che hanno lasciato la scuola a Frattamaggiore, restituendo una fotografia disincantata della scuola italiana e della percezione dello scrittore nelle scuole, oltre che un ritratto del Paese e un'idea forte di letteratura e di impegno che i nostri tempi tendono a cancellare. I ragazzi e i loro insegnanti sono qui, insieme ai luoghi, i veri protagonisti, con le pagine che scrivono,le loro storie e l’eterna domanda, che passa di generazione in generazione: perché in Italia si legge così poco? E perché tutti vogliono scrivere?

Asino chi legge

Cilento Antonella

Non è affatto un giorno come un altro. Le loro vite stanno per cambiare. Quando Katherine Evans incontra Armand non sa che dietro quelle sembianze da bello e dannato si cela uno dei più potenti Generali dell'Antica Stirpe. Non può immaginare che sarà proprio lui la sua salvezza o la sua rovina, né può conoscere il suo piano crudele e oscuro come le tenebre. Una verità agghiacciante sta per essere svelata. Nessuno è al sicuro, i protagonisti stanno per essere soffocati dalle loro stesse esistenze. Ognuno di loro nasconde un segreto, nessuno può permettersi di fallire. Una sola certezza: quando supera se stesso, l'amore può uccidere.

IMPLOSION

Heron M. J.