Saggi

1943 – 1945. Diario

Viterbo Michele

Descrizione: L'archivio Viterbo - dichiarato nel 1990 di "notevole interesse storico" dalla Soprintendenza Archivistica per la Puglia - è stato acquisito a titolo di donazione dall'Archivio di Stato di Bari. Si deve alla sensibile lungimiranza dei figli di Michele Viterbo, Silvia, Nicola e Donato, se le raccolte documentarie sono state donate all'Archivio barese che in tal modo, nell'adempimento dei suoi compiti istituzionali, arricchisce la collettività di Bari e dell'intera realtà regionale di un'importante testimonianza relativa a vicende significative della storia locale e nazionale.

Categoria: Saggi

Editore: Lupo Editore

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788866671657

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Sono ormai trascorsi più di settant’anni da quel 25 luglio 1943,data della convocazione, a distanza di lungo tempo, del Gran Consiglio del Fascismo. Quel giorno segnò la fine di un regime ormai ventennale e l’inizio di una tempesta che vide, nel giro di poche settimane, l’Italia occupata da più forze armate straniere, il regno ridotto a quattro province nel Tacco d’Italia, le condizioni di vita depauperate.

Michele Viterbo, ex podestà di Bari, pugliese, tra i fondatori della Fiera del Levante e membro eminente della Camera di Commercio Italo-Orientale decide, a un mese da quegli eventi, di iniziare un diario che termina con la notizia della morte di Hitler, a fine aprile 1945.

Viterbo traccia riflessioni sui momenti terribili che vive come italiano e come politico che ha creduto nel fascismo ma che se ne è progressivamente distaccato, a causa della trappola in cui lentamente è caduto il Paese. Non mancano ricordi dei decenni passati, in cui Viterbo analizza le motivazioni della situazione attuale, nonché previsioni e qualche cenno autobiografico (a Viterbo vennero sequestrate la casa di città e quella al mare dagli occupanti anglo-americani e successivamente subì il blocco conservativo dei beni in quanto ex dirigente fascista).

Il documento scritto da Viterbo è arricchito da fotografie, che testimoniano l’amicizia che lega il politico pugliese a Badoglio, e da interessanti particolari sul regno del Sud, che vide Bari e Brindisi al centro della storia tra il settembre 1943 e la primavera del 44. Viterbo parla anche del primo congresso dei partiti antifascisti tenutosi a Bari il 28 gennaio 1944 e non manca di fare qualche riflessione sul pensiero politico di alcuni participanti, tra cui l’eminente filosofo Benedetto Croce.

E’ interessante notare come la Storia (con la esse maiuscola) sia molte volte fatta e testimoniata da personaggi minori quali appunto il Viterbo, che, grazie al suo prezioso diario, fornisce allo studioso di oggi (ma anche ai pochi sopravvissuti) un quadro preciso e abbastanza imparziale, malgrado la connotazione politica dell’autore, della situazione da lui vissuta.

Libro scorrevole che prova anche una buona cultura, da leggere per conoscenza personale ma anche come sussidio per chi si occupa degli eventi della metà degli anni Quaranta del secolo scorso per studio o per lavoro.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michele

Viterbo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Viterbo Michele


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"La giustizia degli uomini non mi tocca. Nessun tribunale della terra saprebbe giudicarmi", Così esordisce nel romanzo il protagonista Tullio Hermil. Costantemente infedele alla moglie Giuliana, in un tardivo tentativo dì riavvicinamento alla propria consorte egli scopre che questa porta in seno il frutto di un unico, irreparabile tradimento. Fra sé e la rinnovata passione verso Giuliana si frappone il piccolo intruso, e Tullio non esita a provocare la morte della creatura innocente. Influenzato da Tolstoij e Dostoevskij, pregno dell'incipiente decadentismo contemporaneo, intriso delle letture di neurologia e psichiatria, questo romanzo dannunziano conobbe alla sua uscita nel 1892 un grande successo in Francia (dove fu subito tradotto) e nel resto dell'Europa, prima ancora che in Italia.

L’innocente

D'Annunzio Gabriele

Caterina Guerra ha dieci anni e un sogno: correre in bicicletta come i campioni del Giro. Vive nell’Italia del boom, in una piccola città della pianura vicino a un fiume. Ma lei non sa che in quel periodo per le donne è quasi impossibile diventare corridori. O forse preferisce ignorarlo, perché solo in sella si sente davvero felice. L’appartamento in cui abita, angusto e periferico, è aperto su cortili, cantine, orti e strade che portano al fiume e che rappresentano le sue vie di fuga. Di fronte alla casa c’è la fabbrica dove suo padre lavora come caporeparto: un lavoro di cui è orgoglioso ma che non lo rallegra. La sera Caterina lo vede mentre si sfoga, da uomo silenziosamente fantasioso qual è, facendo solitari comizi dal balcone di casa. Nemmeno l’ambiente famigliare sembra rasserenarlo, soprattutto a causa della moglie: bella, inquieta, ambiziosa, eccessiva in tutto. La vita della bambina e della sua famiglia continua apparentemente sempre uguale fino a che, nell’estate del 1964, un evento interrompe quel mondo prodigioso e a tratti anche crudele, insieme al sogno di Caterina di diventare corridore...

LE NOTTI SEMBRAVANO DI LUNA

Bosio Laura

È una notte del 1534 quando Jacopo, che da grande vuole diventare un pittore, fugge da Pistoia e dal padre, che non condivide il suo sogno e lo vorrebbe costringere a lavorare in bottega. Dopo un lungo e pericoloso viaggio, il ragazzo arriva a Roma, dove la fortuna sembra volgere a suo favore. Riesce infatti a diventare l'apprendista di Michelangelo Buonarroti, il grande artista che sta dipingendo il Giudizio Universale. Ben presto Jacopo diventa il suo allievo prediletto e il maestro gli affida anche un altro compito: deve recapitare misteriose lettere ai membri di una setta segreta di cui anche Michelangelo fa parte. Quando Papa Clemente VII muore avvelenato e il malefico abate Biagio da Cesena dà la caccia proprio a Michelangelo, accusandolo dell'omicidio, Jacopo deve scegliere da che parte stare. Ma in un mondo pieno di intrighi e ambiguità, è difficile distinguere il Bene dal Male... All'interno un inserto a colori con le immagini dell'opera di Michelangelo che hanno ispirato il romanzo. Età di lettura: da 10 anni.

L’apprendista di Michelangelo

Martigli Carlo A.

E’ stato dimostrato da ricerche approfondite condotte sul campo che ogni marito fedifrago, quando si rivolge alla propria amante, attinge, più o meno inconsapevolmente, a un repertorio consolidato, una sorta di serbatoio dell’inconscio collettivo adulterino. E’ come se i traditori avessero accesso a un manuale segreto in cui sono racchiuse le frasi utili a innamorare, rabbonire, turlupinare le malcapitate, nel tentativo di perpetrare all’infinito la bigamia. Le amanti, nei primi tempi della relazione (e talvolta per un periodo molto lungo prima di insospettirsi), ascoltano con orecchie vergini le asserzioni del fedifrago, credendo nell’esclusività di quelle parole e ignorando che si tratta invece di formule condivise da tutta la categoria dei traditori. Tali formule corrispondono a enunciati standard – con variazioni idiosincratiche minime – che accompagnano ogni fase della relazione: dalle sperticate dichiarazioni d’amore alle promesse di un futuro diverso, passando attraverso i ripensamenti (guarda caso, sempre post-coitali) nonché i moniti, le precisazioni, le preoccupazioni, le giustificazioni, le gelosie, le autocommiserazioni, le fantasie poligame, le pietose o impietose descrizioni opportunistiche della legittima consorte e delle copule coniugali, le esaltazioni appassionate del polimorfo sesso extraconiugale, e infine, i finti abbandoni e le nuove epifanie. Qualunque sia la verità scientifica in proposito, a partire da oggi ogni donna possiede uno strumento indispensabile di difesa personale, perché il manuale del fedifrago non è più segreto: è qui, tra le vostre mani, sotto i vostri occhi, affinché vi possa essere di aiuto e conforto. Le mogli sapranno finalmente cosa raccontano i mariti alle amanti. Le amanti si accorgeranno di non essere sole, ma di subire insieme a migliaia di altre tapine un’ineluttabile logosfera comune. E infine, i fedifraghi dotati di intelligenza e umorismo potranno ridere di sé, ma forse chissà, talvolta anche riflettere.

Non avremmo mai dovuto

Bonafini Francesca, Falconi Caterina