Narrativa

1960

Colombati Leonardo

Descrizione: Roma, 25 agosto 1960. È in pieno svolgimento la cerimonia d'apertura della XVII Olimpiade moderna. Davanti ai capi di Stato di tutto il mondo sfilano atleti provenienti dai quattro angoli della Terra, portando con sé speranza, giovinezza, ma anche le delicate questioni di politica internazionale. Negli ambienti dei servizi segreti si diffonde la voce che ci sarà un tentativo di rapimento ai danni del presidente Gronchi da parte di una frangia deviata degli stessi servizi e di un gruppo di attivisti di estrema destra. Unendo la ricostruzione storica alla leggenda e all'invenzione, Colombati tratteggia un affresco d'epoca, nel quale scorre un thriller terribile e incalzante. Tra i protagonisti ci sono personaggi storicamente esistiti, su tutti lo scrittore americano John Fante, che si trova invischiato in una vicenda di spie e controspie. E quelli inventati, ma non meno reali, come Agostino Savio, agente segreto affascinante e ambiguo. O anche Olimpia Meneguzzer, figlia di un crudele maggiore del SIFAR in odore di golpe, adolescente incantatrice, intorno al cui fascino ruotano tutti i protagonisti di questo romanzo.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori italiani

Anno: 2014

ISBN: 9788804616177

Recensito da Antonella Di Martino

Le Vostre recensioni

1960 di Leonardo Colombati.
Aspettando un colpo di Stato.

Sappiamo bene che la fantasia umana non crea dal nulla: attinge materiale dall’esperienza e lo rielabora: nel nuovo romanzo di Leonardo Colombati questo stesso materiale rientra nel prodotto creativo, insieme al processo di rielaborazione. Ne viene fuori un’opera complessa, che consente diversi livelli di lettura.

Roma, 15 agosto del 1960, iniziano le XVII Olimpiadi: da questi dati iniziali, ben scolpiti nella nostra storia, nasce un articolato intreccio di fili con la finzione, un gioco raffinato e consapevole che si svolge sotto gli occhi del lettore. Terminato il romanzo, la storia ricomincia grazie a un’appendice ricchissima di note, da cui seguiamo la provenienza dei fili: dalla letteratura, dal mito e dalla leggenda, dal cinema e dalla musica. E non è finita qui, perché all’intreccio si aggiungono gli infiniti mondi in cui vivono i lettori: succede sempre, ma in questo caso il gioco è molto più evidente.

“Attraverso un raddoppio del suo settennato, Gronchi puntava a una vera e propria incoronazione…”
La storia di allora suscita risonanze che ci portano a spiare il nostro presente da un insolito buco della serratura. Olimpia, la “moderna Afrodite” di allora, è “la personificazione di una felicità che potrebbe durare per sempre, per tutti” e si trova al centro della visuale: svanirà nel nulla, così come le Olimpiadi finiranno presto, lasciandoci orfani di speranze e possibilità perdute. Ora come allora, la storia diventa farsa, e la tragedia sprofonda nel ridicolo: le trame del colpo di Stato finiscono miseramente, paracadutate in un pollaio. Dal fango farsesco emergono soltanto la morte e la sofferenza: chi dice che la tortura delude, mente.

“Hai mai sentito parlare della tortura del topo?”
La tortura del topo, descritta nei dettagli, nel mio personale mondo letterario richiama subito le stanze del Ministero dell’Amore di orwelliana memoria; ma qui O’brien assume le sembianze di un aguzzino altrettanto colto ma dionisiaco: il dottor De Tremendiis, che è contemporaneamente il torturatore e il mostro al centro del labirinto, Dioniso e il Minotauro. De Sade e Joyce, la leggenda antica e moderna del Minotauro contribuiscono a ricostruire questa gigantesca figura del immaginario collettivo.

Ma nessuno è innocente! Le masse condividono il cinismo di chi le governa. L’uomo è per sua natura un animale malvagio che non sa cosa vuole. Ecco perché il potere supremo non deve mai sforzarsi di spiegare ii giustificare se stesso in termini razionali. Tant’è vero che sono proprio le istituzioni razionali, come le repubbliche e le democrazie, quelle più facili a crollare; mentre sono le Chiese, le monarchie e le aristocrazie ereditarie, nonché un istituto altamente irrazionale come la famiglia, sono queste le istituzioni che durano.”
Le parole del torturatore pesano come pietre, caratterizzando a un personaggio che fugge dalla mediocrità di tanti eroi moderni.

Tutti i personaggi del romanzo, muovendosi tra storia e fantasia, hanno poca carne e poche ossa, ma attingono ampiamente dalla profondità dell’immaginario e dalla storia, e danno voce a una varietà umana notevole: capi di stato e colonnelli, artisti e intellettuali, spie e controspie, nobili e regnanti, atleti e attori.

Lo stile elegante, molto vivace nell’ambientazione romana, ci induce a navigare con calma tra ricordi e rimandi, in una narrazione incerta e multimediale, che non si legge certo d’un fiato, ma ci trascina avanti con la forza di un thriller e di un romanzo storico. Scegliamo il nostro livello di lettura, e cominciamo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Leonardo

Colombati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colombati Leonardo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

De Amicis, Edmondo – LA PICCOLA VEDETTA LOMBARDA (Cuore, 1886)

Lapo Elkann firma un libro in prima persona, ma senza arroganza o presunzione di insegnare qualcosa: semplicemente per raccontare ciò che gli sta più a cuore, lo stile, come estensione dell’amore per la vita. “L’eleganza rispecchia quello che hai fatto, pensato, visto in ogni momento della tua vita, e diventa il tuo modo di essere, in cui metti in gioco personalità, audacia e libertà” Il libro è quasi un ritratto, con foto inedite create su “misura”, e la vivacità delle pagine e dei capitoli diventano spunti, consigli e riflessioni in bilico tra creatività e cambiamento, le coordinate di una particolare forma di equilibrio firmata LAPO.

LE REGOLE DEL MIO STILE

Elkann Lapo

"Se veramente un giorno riusciremo a sapere quale opinione hanno di noi gli animali, sono certo che non ci resterà da fare altro che sparire dalla faccia del pianeta, sconvolti dalla vergogna. Sempre che, tra cinquant'anni, gli uomini saranno ancora in grado di provare questo sentimento. Io, fortunatamente, non ci sarò. Ma vorrei che qualche mio pronipote consegnasse agli animali una copia di questo libretto perché di me, e di moltissimi altri come me, possano avere un'opinione sia pure leggermente diversa". (Andrea Camiller). Lo zoo personale di Andrea Camilleri è fatto di animali e di storie che entreranno nella nostra vita per sempre. Sono ritratti en plein air: impossibile leggerli e vederli senza sentire dentro qualcosa di fortissimo, perché sono pieni di affetto, confondono il confine tra la coscienza umana e quella degli animali e sono sempre a favore di questi ultimi, nel senso di un'armonia della vita solo nel rispetto di tutte le specie viventi. Cani, gatti, cardellini, ma anche volpi, serpenti e tigri sono descritti come portatori di uno spirito ricco di amore e di intelligenza, molto più complesso e profondo di quanto pensiamo: una 'magaria' inesauribile. Ciascuno di loro sembra comprendere la logica degli uomini, che di volta in volta sfrutta a suo favore o prova a sconfiggere con varie strategie, sempre vincenti: dalla dignità dei tacchini al canto riconoscente di un cardellino, dall'astuzia di un lepro alla commovente compostezza di un gatto innamorato, dalla mite bellezza di una capra alla puntualità discreta di un serpente...

I tacchini non ringraziano

Camilleri Andrea

Torino 1821. Nel clima turbolento del primo Ottocento, due fratelli di famiglia aristocratica, entrambi ufficiali dei carabinieri, compiono scelte radicalmente opposte: uno si schiera con i liberali, l'altro con i conservatori favorevoli alla restaurazione. Ventotto anni dopo i loro figli si incontreranno sul campo di battaglia di Novara, e in nome del sogno di unità nazionale ricomporranno una frattura che pareva insanabile.

Nell’ombra e nella luce

De Cataldo Giancarlo