Narrativa

1960

Colombati Leonardo

Descrizione: Roma, 25 agosto 1960. È in pieno svolgimento la cerimonia d'apertura della XVII Olimpiade moderna. Davanti ai capi di Stato di tutto il mondo sfilano atleti provenienti dai quattro angoli della Terra, portando con sé speranza, giovinezza, ma anche le delicate questioni di politica internazionale. Negli ambienti dei servizi segreti si diffonde la voce che ci sarà un tentativo di rapimento ai danni del presidente Gronchi da parte di una frangia deviata degli stessi servizi e di un gruppo di attivisti di estrema destra. Unendo la ricostruzione storica alla leggenda e all'invenzione, Colombati tratteggia un affresco d'epoca, nel quale scorre un thriller terribile e incalzante. Tra i protagonisti ci sono personaggi storicamente esistiti, su tutti lo scrittore americano John Fante, che si trova invischiato in una vicenda di spie e controspie. E quelli inventati, ma non meno reali, come Agostino Savio, agente segreto affascinante e ambiguo. O anche Olimpia Meneguzzer, figlia di un crudele maggiore del SIFAR in odore di golpe, adolescente incantatrice, intorno al cui fascino ruotano tutti i protagonisti di questo romanzo.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori italiani

Anno: 2014

ISBN: 9788804616177

Recensito da Antonella Di Martino

Le Vostre recensioni

1960 di Leonardo Colombati.
Aspettando un colpo di Stato.

Sappiamo bene che la fantasia umana non crea dal nulla: attinge materiale dall’esperienza e lo rielabora: nel nuovo romanzo di Leonardo Colombati questo stesso materiale rientra nel prodotto creativo, insieme al processo di rielaborazione. Ne viene fuori un’opera complessa, che consente diversi livelli di lettura.

Roma, 15 agosto del 1960, iniziano le XVII Olimpiadi: da questi dati iniziali, ben scolpiti nella nostra storia, nasce un articolato intreccio di fili con la finzione, un gioco raffinato e consapevole che si svolge sotto gli occhi del lettore. Terminato il romanzo, la storia ricomincia grazie a un’appendice ricchissima di note, da cui seguiamo la provenienza dei fili: dalla letteratura, dal mito e dalla leggenda, dal cinema e dalla musica. E non è finita qui, perché all’intreccio si aggiungono gli infiniti mondi in cui vivono i lettori: succede sempre, ma in questo caso il gioco è molto più evidente.

“Attraverso un raddoppio del suo settennato, Gronchi puntava a una vera e propria incoronazione…”
La storia di allora suscita risonanze che ci portano a spiare il nostro presente da un insolito buco della serratura. Olimpia, la “moderna Afrodite” di allora, è “la personificazione di una felicità che potrebbe durare per sempre, per tutti” e si trova al centro della visuale: svanirà nel nulla, così come le Olimpiadi finiranno presto, lasciandoci orfani di speranze e possibilità perdute. Ora come allora, la storia diventa farsa, e la tragedia sprofonda nel ridicolo: le trame del colpo di Stato finiscono miseramente, paracadutate in un pollaio. Dal fango farsesco emergono soltanto la morte e la sofferenza: chi dice che la tortura delude, mente.

“Hai mai sentito parlare della tortura del topo?”
La tortura del topo, descritta nei dettagli, nel mio personale mondo letterario richiama subito le stanze del Ministero dell’Amore di orwelliana memoria; ma qui O’brien assume le sembianze di un aguzzino altrettanto colto ma dionisiaco: il dottor De Tremendiis, che è contemporaneamente il torturatore e il mostro al centro del labirinto, Dioniso e il Minotauro. De Sade e Joyce, la leggenda antica e moderna del Minotauro contribuiscono a ricostruire questa gigantesca figura del immaginario collettivo.

Ma nessuno è innocente! Le masse condividono il cinismo di chi le governa. L’uomo è per sua natura un animale malvagio che non sa cosa vuole. Ecco perché il potere supremo non deve mai sforzarsi di spiegare ii giustificare se stesso in termini razionali. Tant’è vero che sono proprio le istituzioni razionali, come le repubbliche e le democrazie, quelle più facili a crollare; mentre sono le Chiese, le monarchie e le aristocrazie ereditarie, nonché un istituto altamente irrazionale come la famiglia, sono queste le istituzioni che durano.”
Le parole del torturatore pesano come pietre, caratterizzando a un personaggio che fugge dalla mediocrità di tanti eroi moderni.

Tutti i personaggi del romanzo, muovendosi tra storia e fantasia, hanno poca carne e poche ossa, ma attingono ampiamente dalla profondità dell’immaginario e dalla storia, e danno voce a una varietà umana notevole: capi di stato e colonnelli, artisti e intellettuali, spie e controspie, nobili e regnanti, atleti e attori.

Lo stile elegante, molto vivace nell’ambientazione romana, ci induce a navigare con calma tra ricordi e rimandi, in una narrazione incerta e multimediale, che non si legge certo d’un fiato, ma ci trascina avanti con la forza di un thriller e di un romanzo storico. Scegliamo il nostro livello di lettura, e cominciamo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Leonardo

Colombati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colombati Leonardo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nel 1832 mentre il colera imperversa a New York, un uomo si aggira per la città fantasma, lottando contro gli spettri del proprio passato, mentre la morte si avvicina a passi felpati...Nel 1859, la vita del giovane rampollo di una ricca famiglia di Manhattan viene sconvolta dalla fulminante apparizione e dalla misteriosa sparizione di una modella irlandese... Nel 2001, una donna perseguitata dal fantasma dell'amante, morto negli attacchi contro le Torri gemelle, intreccia un'ambigua relazione con un avvocato nella cui mente si annidano pericolose turbe... Dal maestro delle atmosfere gotiche, tre raccontiche comunicano, attraverso enigmatici echi sotterranei, tre amori che sconfinano nella follia, uno sguardo inquieto sul volto segreto di New York.

La città fantasma

McGrath Patrick

Una tragedia si consuma al Solitude Creek, un piccolo disco-pub nella penisola di Monterrey. Qualcuno grida “al fuoco!” e gli avventori, in preda al panico, si precipitano alle uscite, trovandole sbarrate. Il bilancio è di sei morti e di diversi feriti gravi. Tuttavia, a causare il disastro è stata la calca, non un incendio. Kathryn Dance, ottimo agente dell’FBI, capisce che la disgrazia è stata provocata di proposito e che il colpevole, un uomo intenzionato a servirsi delle paure delle persone per seminare il panico, è pronto a sferrare altri attacchi. L’agente Dance e il suo team devono intraprendere una pericolosa corsa contro il tempo prima che altri innocenti ne paghino le conseguenze.

Solitude Creek

Deaver Jeffery

Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

IL MERCANTE DI LIBRI MALEDETTI

Simoni Marcello

"Mi chiamo D'Arco e sono uno sbirro morto." Comincia così questo romanzo, metafisico e d'azione. Il protagonista è un uomo pieno di dolore, delicatezza e furore, chiamato a compiere una missione impossibile. La città dei vivi e quella dei morti sono vicine, comunicanti, e si assomigliano molto. La polizia dei vivi e la polizia dei morti sono in contatto e collaborano, quando devono risolvere i casi più difficili. Dispongono di cellulari tarati per la comunicazione tra vivi e morti, e di e-mail criptate. Ma c'è un'altra cosa, che però nessuno sa dire: quale dei due mondi venga prima. Ora D'Arco deve tornare nel mondo dei vivi, nel quale fu ucciso, per fermare un massacro di vittime innocenti. Ma, se la morte venisse davvero prima della vita e il male prima del bene, come si potrà invertire la spirale? D'Arco ci proverà perché è uno che non si arrende, perché ha una formidabile guida e un alleato: un bambino dal cranio rasato, gli occhi spalancati e i denti serrati, una creatura senza più voce e con il collo percorso da una cicatrice prodotta da una collana di filo spinato, ma con la volontà attraversata dalla stessa indomabile sete di giustizia. Una coppia di eroi fragili e indistruttibili, individui solitari e disillusi ma disposti a mettere in gioco tutto per difendere chi sia stato umiliato e offeso: un uomo che si è gettato alle spalle le speranze e un bambino muto ma capace di guardare.

L’addio

Moresco Antonio