Narrativa

1960

Colombati Leonardo

Descrizione: Roma, 25 agosto 1960. È in pieno svolgimento la cerimonia d'apertura della XVII Olimpiade moderna. Davanti ai capi di Stato di tutto il mondo sfilano atleti provenienti dai quattro angoli della Terra, portando con sé speranza, giovinezza, ma anche le delicate questioni di politica internazionale. Negli ambienti dei servizi segreti si diffonde la voce che ci sarà un tentativo di rapimento ai danni del presidente Gronchi da parte di una frangia deviata degli stessi servizi e di un gruppo di attivisti di estrema destra. Unendo la ricostruzione storica alla leggenda e all'invenzione, Colombati tratteggia un affresco d'epoca, nel quale scorre un thriller terribile e incalzante. Tra i protagonisti ci sono personaggi storicamente esistiti, su tutti lo scrittore americano John Fante, che si trova invischiato in una vicenda di spie e controspie. E quelli inventati, ma non meno reali, come Agostino Savio, agente segreto affascinante e ambiguo. O anche Olimpia Meneguzzer, figlia di un crudele maggiore del SIFAR in odore di golpe, adolescente incantatrice, intorno al cui fascino ruotano tutti i protagonisti di questo romanzo.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori italiani

Anno: 2014

ISBN: 9788804616177

Recensito da Antonella Di Martino

Le Vostre recensioni

1960 di Leonardo Colombati.
Aspettando un colpo di Stato.

Sappiamo bene che la fantasia umana non crea dal nulla: attinge materiale dall’esperienza e lo rielabora: nel nuovo romanzo di Leonardo Colombati questo stesso materiale rientra nel prodotto creativo, insieme al processo di rielaborazione. Ne viene fuori un’opera complessa, che consente diversi livelli di lettura.

Roma, 15 agosto del 1960, iniziano le XVII Olimpiadi: da questi dati iniziali, ben scolpiti nella nostra storia, nasce un articolato intreccio di fili con la finzione, un gioco raffinato e consapevole che si svolge sotto gli occhi del lettore. Terminato il romanzo, la storia ricomincia grazie a un’appendice ricchissima di note, da cui seguiamo la provenienza dei fili: dalla letteratura, dal mito e dalla leggenda, dal cinema e dalla musica. E non è finita qui, perché all’intreccio si aggiungono gli infiniti mondi in cui vivono i lettori: succede sempre, ma in questo caso il gioco è molto più evidente.

“Attraverso un raddoppio del suo settennato, Gronchi puntava a una vera e propria incoronazione…”
La storia di allora suscita risonanze che ci portano a spiare il nostro presente da un insolito buco della serratura. Olimpia, la “moderna Afrodite” di allora, è “la personificazione di una felicità che potrebbe durare per sempre, per tutti” e si trova al centro della visuale: svanirà nel nulla, così come le Olimpiadi finiranno presto, lasciandoci orfani di speranze e possibilità perdute. Ora come allora, la storia diventa farsa, e la tragedia sprofonda nel ridicolo: le trame del colpo di Stato finiscono miseramente, paracadutate in un pollaio. Dal fango farsesco emergono soltanto la morte e la sofferenza: chi dice che la tortura delude, mente.

“Hai mai sentito parlare della tortura del topo?”
La tortura del topo, descritta nei dettagli, nel mio personale mondo letterario richiama subito le stanze del Ministero dell’Amore di orwelliana memoria; ma qui O’brien assume le sembianze di un aguzzino altrettanto colto ma dionisiaco: il dottor De Tremendiis, che è contemporaneamente il torturatore e il mostro al centro del labirinto, Dioniso e il Minotauro. De Sade e Joyce, la leggenda antica e moderna del Minotauro contribuiscono a ricostruire questa gigantesca figura del immaginario collettivo.

Ma nessuno è innocente! Le masse condividono il cinismo di chi le governa. L’uomo è per sua natura un animale malvagio che non sa cosa vuole. Ecco perché il potere supremo non deve mai sforzarsi di spiegare ii giustificare se stesso in termini razionali. Tant’è vero che sono proprio le istituzioni razionali, come le repubbliche e le democrazie, quelle più facili a crollare; mentre sono le Chiese, le monarchie e le aristocrazie ereditarie, nonché un istituto altamente irrazionale come la famiglia, sono queste le istituzioni che durano.”
Le parole del torturatore pesano come pietre, caratterizzando a un personaggio che fugge dalla mediocrità di tanti eroi moderni.

Tutti i personaggi del romanzo, muovendosi tra storia e fantasia, hanno poca carne e poche ossa, ma attingono ampiamente dalla profondità dell’immaginario e dalla storia, e danno voce a una varietà umana notevole: capi di stato e colonnelli, artisti e intellettuali, spie e controspie, nobili e regnanti, atleti e attori.

Lo stile elegante, molto vivace nell’ambientazione romana, ci induce a navigare con calma tra ricordi e rimandi, in una narrazione incerta e multimediale, che non si legge certo d’un fiato, ma ci trascina avanti con la forza di un thriller e di un romanzo storico. Scegliamo il nostro livello di lettura, e cominciamo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Leonardo

Colombati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colombati Leonardo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'anonimo protagonista di questo romanzo è il proprietario e l'anima di un'azienda di design per collezioni di moda, carte e oggetti. Lei, Bianca, insegnante di discipline pittoriche in un liceo delle arti, gli propone una serie di suoi disegni ispirati ai fiori. Disegni bellissimi, luminosi, intensi, unici. Lui se ne innamora e, come fa sempre, decide di acquisire non solo l'opera ma anche di sedurre l'artista, singolare e incantevole come quei disegni. Comincia così il corteggiamento, ma presto si accorge di essere lui ad aver bisogno di lei, conquistato e allo stesso tempo sconcertato dalla sua purezza quasi spirituale, dalla sua natura appassionata ed esigente, dalla gratuità dei suoi gesti, dalla sua vita con il figlio Gabriele in una casa piena di piante e di acqua che fa pensare a un paradiso. Ma il suono dell'acqua occorre saperlo ascoltare..

Una storia quasi perfetta

Veladiano Mariapia

Presentazione dell'Autore È la storia di una donna che con ironia e spirito di osservazione mette in pratica gli insegnamenti di un filosofo, un maestro che le ha insegnato a rinascere. Dal rischio di sprofondare nell'anoressia si eleva, mettendo le ali, a filosofa lei stessa, e nella frenesia di aiutare gli altri si salva iniziando una nuova vita. Impara a non soccombere più alle prevaricazione e lo insegna a tutti quelli che incontra. Non mancano nel racconto episodi esilaranti al limite del paradosso e varie storie di sesso raccontate con eleganza, come quella del diritto all'orgasmo. Francesca, la protagonista, diventa il simbolo del riscatto femminile, una donna che non accetta più di auto-infliggersi punizioni, ma rivendica il suo ruolo paritario accanto all'uomo. Dietro la maschera di Francesca si nasconde una storia vera e un mondo di relazioni tra donne e uomini elaborate sulla panchina del dialogo. Un libro scritto per le donne e utile anche agli uomini. Dalla quarta di Alberoni: "un libro divertente e delizioso che vi darà di certo molti spunti per cavarvela nelle piccole e grandi difficoltà della vita". Informazioni sull'autrice: Maria Giovanna Farina, nata a Milano nel '62, si è laureata in Filosofia all'Università Statale di Milano e svolge la professione di consulente filosofico nella stessa città. Pioniera nel campo delle pratiche filosofiche, sempre a Milano fonda lo studio professionale Heuristic Institution prima e l'associazione culturale L'accento di Socrate poi. Collabora con varie riviste e ha una rubrica su www.siamodonne.it dove videointervista personaggi della cultura e dello spettacolo. Sul suo sito si trovano tutte le sue attività www.mariagiovannafarina.it

Ho messo le ali

Farina Maria Giovanna

Ci sono onde che arrivano e travolgono per sempre la superficie calma della vita. Succede a Luna, bimba albina dagli occhi così chiari che per vedere ha bisogno dell'immaginazione, eppure ogni giorno sfida il sole della Versilia cercando le mille cose straordinarie che il mare porta a riva per lei. Succede a suo fratello Luca, che solca le onde con il surf rubando il cuore alle ragazze del paese. Succede a Serena, la loro mamma stupenda ma vestita come un soldato, che li ha cresciuti da sola perché la vita le ha insegnato che non è fatta per l'amore. E quando questo tsunami del destino li manda alla deriva, intorno a loro si raccolgono altri naufraghi, strambi e spersi e insieme pieni di vita: ecco Sandro, che ha quarant'anni ma vive ancora con i suoi, e insieme a Marino e Rambo vive di espedienti improvvisandosi supplente al liceo, cercando tesori in spiaggia col metal detector, raccogliendo funghi e pinoli da vendere ai ristoranti del centro. E poi c'è Zot, bimbo misterioso arrivato da Chernobyl con la sua fisarmonica stonata, che parla come un anziano e passa il tempo con Ferro, astioso bagnino in pensione sempre di guardia per respingere l'attacco dei miliardari russi che vogliono comprarsi la Versilia. Luna, Luca, Serena, Sandro, Ferro e Zot, da un lato il mare a perdita d'occhio, dall'altro il profilo aguzzo e boscoso delle Alpi Apuane. Quando il dolore arriva a schiacciarli lì in mezzo, sarà la vita stessa a scuoterli con i suoi prodigi, sarà proprio il mare che misteriosamente comincerà a parlare. E questa armata sbilenca si troverà buttata all'avventura, a stringersi e resistere in un on the road tra leggende antiche, fantasmi del passato, amori impossibili e fantasie a occhi aperti, diventando così una stranissima, splendida famiglia. _____________________________________ Fabio Genovesi ha scritto un romanzo traboccante di personaggi e di storie, sospeso come un sogno, amaro ed esilarante, commovente e scatenato come la vita vera. Un romanzo che parla la lingua calda e diretta dei suoi personaggi, che scava dentro esistenze minime e laterali per trovarci un disegno: spesso lo chiamiamo "caso", ma la sua magia è così scintillante che per non vederla bisogna proprio tenere gli occhi stretti.

Chi manda le onde

Genovesi Fabio

Il suo nome è associato ai più gravi episodi della strategia della tensione. Gli hanno dato la caccia le polizie di mezzo mondo. Gli hanno attribuito rapporti opachi con apparati deviati dello Stato. Ora, dopo una lunghissima attesa, Delle Chiaie racconta la sua versione dei fatti. Dagli esordi in politica, con la fondazione di Avanguardia Nazionale, al Golpe Borghese, di cui fornisce la sua "verità"; poi la fuga nella Spagna franchista e l'avventurosa attività da protagonista in Cile, Portogallo, Spagna, Bolivia e Angola. E, ovviamente, in Italia, allora stritolata dagli "opposti estremismi".

L’aquila e il condor

Delle Chiaie Stefano