Classici

1984

Orwell George

Descrizione: L'azione si svolge in un futuro prossimo del mondo (l'anno 1984) in cui il potere si concentra in tre immensi superstati: Oceania, Eurasia ed Estasia. Al vertice del potere politico in Oceania c'è il Grande Fratello, onnisciente e infallibile, che nessuno ha visto di persona ma di cui ovunque sono visibili grandi manifesti. Il Ministero della Verità, nel quale lavora il personaggio principale, Smith, ha il compito di censurare libri e giornali non in linea con la politica ufficiale, di alterare la storia e di ridurre le possibilità espressive della lingua. Per quanto sia tenuto sotto controllo da telecamere, Smith comincia a condurre un'esistenza "sovversiva". Scritto nel 1949, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2009

ISBN: 9788804507451

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

La storia viene collocata in un mondo utopico, o forse sarebbe meglio dire anti-utopico: nel 1948 Orwell immagina quale mondo si verrà a creare di lì a pochi decenni e, in particolare, si chiede se i grandi totalitarismi sopravviveranno.

Il protagonista della vicenda si troverà a contestare un intero sistema, eppure è un personaggio assolutamente “normale”, come suggerisce il suo stesso nome: Winston Smith. Smith è infatti uno dei cognomi più comuni nel mondo anglosassone e quella dell’autore non è certamente una scelta casuale o dettata dalla svogliatezza.

Orwell vuole mettere al centro della sua storia un uomo i cui difetti fisici e le cui paure possono essere accostati alla quotidianità di qualsiasi altro lettore.
Il protagonista lavora in un giornale, ma non è un giornale così come noi siamo abituati a concepirlo: invece di fornire informazioni, le si distruggono, o meglio, si inventano quelle necessarie e si cestinano quelle scomode, perché la politica del Big Brother, è una politica fondata sull’inganno, che continuamente cambia le sue alleanze e strumentalizza i media.

Gli uomini vengono omologati, ciascuno è confinato nel proprio compito, che viene definito in base all’età, al sesso e ale competenze: gli istinti vengono contenuti grazie ai “due minuti di odio”, in seguito ai quali, ogni “cittadino” scarica la propria frustrazione contro un nemico ipotetico, inesistente, creato appositamente come valvola di sfogo e di contenimento.

La disumanizzazione è tale da invadere persino la distruzione dello stesso pensiero: l’obiettivo del partito è quello di annullare il linguaggio attraverso l’eliminazione dei sinonimi e dei contrari. La concezione strutturalista del linguaggio come segmentazione della realtà viene utilizzata con uno scopo esattamente contrario a quello che essa ha in seno: impedire all’uomo di avere un termine, per quanto vago e poco aderente, che gli permetta di esprimerele proprie idee. Una semplificazione che porta all’annientamento.

La vita di Winston cambierà radicalmente in seguito all’incontro con Giulia, una ragazza che è innamorata di lui e grazie alla quale riuscirà a prendere atto della situazione. Insieme tenteranno di combattere il sistema.
La prospettiva di Orwell, però, non è affatto positiva: è stato un giornalista che ha visto gli orrori della guerra.
I totalitarismi sono capaci di trasformare gli uomini in automi e la natura, che per un momento sembra offrire una via di fuga, seppur temporanea, ai due amanti, non sarà sufficiente a restituire loro la condizione di uomini.

Il controllo è su tutto, e l’amore, che viene dichiarato unica arma di difesa, sarà debellato da un paradossale, e quanto mai raccapricciante, ufficio amministrativo del ministero del Big Brother: il ministero dell’Amore.

Un finale tragico… Tuttavia, per quanto l’autore ritenga che da solo un uomo non possa sconvolgere un sistema tanto radicato, non può allo stesso tempo non invitare a una lotta costante, per quanto questa porti inevitabilmente alla sconfitta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

George

Orwell

Libri dallo stesso autore

Intervista a Orwell George


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Da Jose Arcadio ad Aureliano Babilonia, dalla scoperta del ghiaccio alle pergamene dello zingaro Melquìades finalmente decifrate: Cent'anni di solitudine di una grande famiglia i cui componenti vengono al mondo, si accoppiano e muoiono per inseguire un destino ineluttabile, in attesa della nascita di un figlio con la coda di porco. Pubblicato nel 1967, scritto in diciotto mesi, ma "meditato" per più di tre lustri, Cent'anni di solitudine rimane un capolavoro insuperato e insuperabile, che nel 1982 valse al suo autore I'assegnazione del premio Nobel. Un libro tumultuoso con i toni della favola, sorretto da una tensione narrativa fondata su un portentoso linguaggio e su un'invidiabile fantasia. Garcia Marquez ha saputo rifondare la realtà e creare Macondo, il paradigma della solitudine, una situazione mentale e un destino più che un villaggio. Lo ha costretto a crescere avvinghiato alla famiglia Buendia. Lo ha trasformato in una città degli specchi e lo ha fatto spianare dal vento. In questo universo di solitudini incrociate, impenetrabili ed eterne, galleggia una moltitudine di eroi predestinati alla sconfitta, cui fanno da contraltare la solidità e la sensatezza dei personaggi femminili. Su tutti domina la figura del colonnello Aureliano Buendia, il primo uomo nato a Macondo, colui che promosse trentadue insurrezioni senza riuscire in nessuna, che ebbe diciassette figli maschi e glieli uccisero tutti, che sfuggì a quattordici attentati, a settantatre imboscate e a un plotone di esecuzione per finire i suoi giorni chiuso in un laboratorio a fabbricare pesciolini d'oro.

Cent’anni di solitudine

Márquez Gabriel García

Il contadino astrologo di Italo Calvino

Ksenia, giovane e bella siberiana, è costretta dalla povertà e dalla mancanza di prospettive a credere ciecamente a un fascinoso italiano che le ha promesso un matrimonio da favola. Un atroce inganno che la rende prigioniera del suo stesso sogno. Da sola non ce la farebbe a uscire dall'incubo ma con l'aiuto di Luz, Eva e di un'altra misteriosa donna, il riscatto può avere inizio e la vendetta compiersi. Senza esclusione di colpi.

Le Vendicatrici: Ksenia

Carlotto Massimo, Videtta Marco

Boscobasso, succulento borgo in provincia di Cremona, è in subbuglio. Non solo il liutaio Arcari è stato trovato morto in circostanze imbarazzanti, ma pare che la sua perfetta mogliettina si sia messa a intrallazzare col becchino, mentre l'ex sindaco è "fuggito" dalla sua tomba: è troppo persino per il maresciallo Bellomo e per i suoi due obbedienti sottoposti. Nel breve volgere di due giorni, mezzo paese viene preso dalla febbre dell'intrigo, che non risparmia nessuno: dalla segretaria comunale Gigliola, zelante in tutto tranne che nel lavoro, al ruvido macellaio milanista Primo Ruggeri, per non parlare della bella barista Elena, contesa tra due uomini e ben decisa a conquistarne un terzo. L'indagine si complica, finché il maresciallo perderà, se non la testa, perlomeno il cappello... Una commedia degli equivoci sul filo del giallo che mette in scena con gusto la provincia italiana, i suoi caratteri, la sua allegria e i suoi misteri, in un intreccio che coinvolge e trascina come una sarabanda.

Il cappello del maresciallo

Ghizzoni Marco