Classici

1984

Orwell George

Descrizione: L'azione si svolge in un futuro prossimo del mondo (l'anno 1984) in cui il potere si concentra in tre immensi superstati: Oceania, Eurasia ed Estasia. Al vertice del potere politico in Oceania c'è il Grande Fratello, onnisciente e infallibile, che nessuno ha visto di persona ma di cui ovunque sono visibili grandi manifesti. Il Ministero della Verità, nel quale lavora il personaggio principale, Smith, ha il compito di censurare libri e giornali non in linea con la politica ufficiale, di alterare la storia e di ridurre le possibilità espressive della lingua. Per quanto sia tenuto sotto controllo da telecamere, Smith comincia a condurre un'esistenza "sovversiva". Scritto nel 1949, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2009

ISBN: 9788804507451

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

La storia viene collocata in un mondo utopico, o forse sarebbe meglio dire anti-utopico: nel 1948 Orwell immagina quale mondo si verrà a creare di lì a pochi decenni e, in particolare, si chiede se i grandi totalitarismi sopravviveranno.

Il protagonista della vicenda si troverà a contestare un intero sistema, eppure è un personaggio assolutamente “normale”, come suggerisce il suo stesso nome: Winston Smith. Smith è infatti uno dei cognomi più comuni nel mondo anglosassone e quella dell’autore non è certamente una scelta casuale o dettata dalla svogliatezza.

Orwell vuole mettere al centro della sua storia un uomo i cui difetti fisici e le cui paure possono essere accostati alla quotidianità di qualsiasi altro lettore.
Il protagonista lavora in un giornale, ma non è un giornale così come noi siamo abituati a concepirlo: invece di fornire informazioni, le si distruggono, o meglio, si inventano quelle necessarie e si cestinano quelle scomode, perché la politica del Big Brother, è una politica fondata sull’inganno, che continuamente cambia le sue alleanze e strumentalizza i media.

Gli uomini vengono omologati, ciascuno è confinato nel proprio compito, che viene definito in base all’età, al sesso e ale competenze: gli istinti vengono contenuti grazie ai “due minuti di odio”, in seguito ai quali, ogni “cittadino” scarica la propria frustrazione contro un nemico ipotetico, inesistente, creato appositamente come valvola di sfogo e di contenimento.

La disumanizzazione è tale da invadere persino la distruzione dello stesso pensiero: l’obiettivo del partito è quello di annullare il linguaggio attraverso l’eliminazione dei sinonimi e dei contrari. La concezione strutturalista del linguaggio come segmentazione della realtà viene utilizzata con uno scopo esattamente contrario a quello che essa ha in seno: impedire all’uomo di avere un termine, per quanto vago e poco aderente, che gli permetta di esprimerele proprie idee. Una semplificazione che porta all’annientamento.

La vita di Winston cambierà radicalmente in seguito all’incontro con Giulia, una ragazza che è innamorata di lui e grazie alla quale riuscirà a prendere atto della situazione. Insieme tenteranno di combattere il sistema.
La prospettiva di Orwell, però, non è affatto positiva: è stato un giornalista che ha visto gli orrori della guerra.
I totalitarismi sono capaci di trasformare gli uomini in automi e la natura, che per un momento sembra offrire una via di fuga, seppur temporanea, ai due amanti, non sarà sufficiente a restituire loro la condizione di uomini.

Il controllo è su tutto, e l’amore, che viene dichiarato unica arma di difesa, sarà debellato da un paradossale, e quanto mai raccapricciante, ufficio amministrativo del ministero del Big Brother: il ministero dell’Amore.

Un finale tragico… Tuttavia, per quanto l’autore ritenga che da solo un uomo non possa sconvolgere un sistema tanto radicato, non può allo stesso tempo non invitare a una lotta costante, per quanto questa porti inevitabilmente alla sconfitta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

George

Orwell

Libri dallo stesso autore

Intervista a Orwell George

Anne, Hanna, Anny: tre ragazze, tre spiriti liberi che si scontrano con le chiusure dell'epoca in cui vivono. Anne, nelle Fiandre del XVI secolo, è una mistica che parla con gli animali come San Francesco, fa il bene perché non concepisce altra forma di agire, percepisce Dio nella natura e non comprende la necessità dei riti religiosi. Ma è fuori tempo rispetto al periodo della Controriforma e dell'Inquisizione: la sua estatica serenità viene presto tacciata di eresia. Hanna, nella Vienna inizio Novecento, è una giovane aristocratica alla ricerca di se stessa, insoddisfatta delle serate all'opera e delle convenzioni borghesi. Dopo molta infelicità riuscirà a individuare nella psicoanalisi, nuova strabiliante cura appena inventata dal dottor Freud, il modo per raggiungere le radici del suo malessere. Anny è una star di Hollywood dei nostri tempi, drogata di celebrità e di sostanze stupefacenti, che cerca con l'abbrutimento di dare un senso a una vita in cui l'unico valore è il denaro: ci riuscirà invece attraverso la recitazione, e nel suo travagliato percorso esistenziale troverà l'amore. Le storie delle tre giovani donne si intersecano nonostante i secoli che le dividono in un intreccio sempre più appassionante che in un crescendo di rivelazioni porta le tre vicende a una conclusione congiunta.

LA DONNA ALLO SPECCHIO

Schmitt Eric-Emmanuel

ome si gioca a nascondino da soli? Un bambino ricerca un riparo dalla morte del padre e trova nell'aria le voci dei matti, degli animali, dei vecchi e delle donne che popolano i luoghi marginali di una sperduta valle di montagna. Riti collettivi di addio all'inverno, campane ferme, racconti orali, cadute, incantamenti e ossessioni animano il romanzo d'esordio di Sergio Peter che, ispirandosi alla lezione del Celati di "Narratori delle pianure" e del Calvino delle "Città invisibili", dà vita a un ritorno a casa che è anche viaggio iniziatico nei territori della memoria.

Dettato

Peter Sergio

Il quartiere Trieste è un posto tranquillo, in apparenza anonimo, e nel 1975 il "San Leone Magno" è il suo fiore all'occhiello: un istituto religioso in cui crescono i figli della nuova borghesia romana. Un mondo innocuo che diventa d'improvviso inquietante, quando alcuni di quei ragazzi diventano protagonisti di uno degli omicidi più tristemente noti della storia italiana, in una villa del Circeo. Intorno a questo evento simbolo, il romanzo ruota e oscilla raccontando decine di fatti, di premesse e di conseguenze che ci svelano, pagina dopo pagina, in una caduta sempre più travolgente, come e quando è nata la nostra anima crudele, quella disposta a tutto pur di sopravvivere.

La scuola cattolica

Albinati Edoardo

Una raccolta di paradossali colloqui di lavoro, domande singolari, annunci bizzarri. Consigli utili per districarsi fra i "lei è troppo per la nostra azienda", i "lei è una persona instabile, ha viaggiato troppo" e i "dobbiamo tornare tutti all'agricoltura". Un modo per riflettere, sorridendo, sui cambiamenti del mondo del lavoro e della nostra società, ma soprattutto per non arrendersi di fronte all'incertezza. Mal comune, mezzo gaudio? Forse, ma anche consapevolezza che dalla crisi si esce solo credendo in se stessi e nelle proprie capacità. Il libro è diviso in tre parti, suddivise a loro volta in capitoli. La prima parte è intitolata "Dei colloqui e degli altri demoni". La seconda: "Storie di ordinaria follia lavorativa". La terza: "Lavoro o son desto?". Qui sono raccolti una serie di consigli su come sopravvivere ai colloqui, agli stage, nonché una guida semiseria per capire quando è ora di darsela a gambe e fuggire dagli annunci-truffa.

Papà mi presti i soldi che devo lavorare?

Bottone Alessia