Letteratura inglese

1984

Orwell George

Descrizione: L'azione si svolge in un futuro prossimo del mondo (l'anno 1984) in cui il potere si concentra in tre immensi superstati: Oceania, Eurasia ed Estasia. Al vertice del potere politico in Oceania c'è il Grande Fratello, onnisciente e infallibile, che nessuno ha visto di persona ma di cui ovunque sono visibili grandi manifesti. Il Ministero della Verità, nel quale lavora il personaggio principale, Smith, ha il compito di censurare libri e giornali non in linea con la politica ufficiale, di alterare la storia e di ridurre le possibilità espressive della lingua. Per quanto sia tenuto sotto controllo da telecamere, Smith comincia a condurre un'esistenza "sovversiva". Scritto nel 1949, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2002

ISBN: 9788804507451

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Il romanzo, distopico o antiutopico, è ambientato in un futuro imprecisato e tende a vedere la società dell’epoca descritta in maniera pessimistica e negativa.

1984 di George Orwell è sicuramente uno dei capolavori del genere.
Scritto nel 1948 (a questo si deve il titolo), nell’immediato dopoguerra, il romanzo in realtà è una denuncia contro i totalitarismi che hanno causato direttamente o indirettamente la seconda guerra mondiale, al di là di ogni colore e appartenenza politica.

Siamo in una Londra decadente, piena di macerie, non più centro di un impero ma città periferica dell’Oceania, aggregazione di stati che comprende l’Inghilterra, gli Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda e parte dell’Africa e che segue i principi del partito socialista inglese SOCING; poi abbiamo l’Eurasia, che comprende parte dell’Europa e dell’Asia, nata dalle ceneri dell’unione Sovietica e dove vige il neobolscevismo, e infine l’Estasia, che comprende gli altri territori ed è basata sul Culto della morte.

A turno l’Oceania è in guerra con gli altri due stati e vive pertanto in una situazione permanente di conflitto. Ma al di là della tendenza a combattere, è spaventosa la situazione interna: la popolazione è braccata dalla Polizia del pensiero, sottoposta a sorveglianza continua attraverso dei televisori accesi tutto il giorno, in ogni casa, e con il culto del Grande fratello, il capo del partito, il cui ritratto baffuto a metà tra Stalin e Hitler campeggia praticamente ovunque.
Inoltre con la neolingua, un linguaggio semplicistico che tende ad abolire la maggior parte delle parole per impedire alla gente di pensare, si attenta ulteriormente alla libertà interiore della popolazione.

Winston Smith (nome simbolico, da Winston, nome proprio del primo ministro Churchill, che seppe risollevare gli inglesi durante il secondo conflitto, e Smith, cognome assai diffuso nel Regno Unito), mite funzionario addetto a rimodulare la storia a seconda delle direttive del partito (mutuato dai dettami della dittatura staliniana), tenta di mantenere una sua integrità giungendo a intrattenere una relazione con la giovane militante Julia, una ragazza che in realtà ha aderito al partito solo per convenienza.
Altro personaggio chiave è O’Brien, un membro del partito per il quale Smith nutre un affetto quasi paterno ma che finirà per annientarlo psicologicamente.

Cupo e caratterizzato da un profondo pessimismo, senza alcuno spiraglio di luce, il romanzo è scorrevole, non esente da venature ironiche.
Il narratore è in terza persona mentre il punto di vista è quello del protagonista Smith.
Uno dei romanzi chiave della letteratura  mondiale del secondo dopoguerra.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

George

Orwell

Libri dallo stesso autore

Intervista a Orwell George

«Se siete pronti partiamo, vi avverto però che le cose si faranno complicate». L'avvertimento di Wes, consulente di polizia chiamato a indagare su un caso di bambini scomparsi, è più che mai fondato, visto che ci si trova da subito immersi in una storia in cui niente è come sembra e il male si confonde col bene, in un crescendo vorticoso di colpi di scena inquietanti ed enigmi che implorano una soluzione. Le sue capacità investigative e l'aiuto di forze invisibili che lo accompagnano fin dalla sua infanzia aiuteranno Wes a sciogliere il tremendo intrico di delitti e minacciose presenze.

LA NOTTE DELL’ERBA CREMISI

Bussini Mario

Il bugiardo patologico, il parassita, l’altruista, l’uomo del mistero: sono solo alcuni dei manipolatori psicologici, quelli che le donne incontrano ogni giorno e che le trasformano in vittime di molestie, stalking e talvolta peggio. L’autrice analizza i 10 profili più diffusi, il comportamento, le peculiarità, attraverso le testimonianze delle vittime; ne riassume le caratteristiche principali e spiega come non cadere nella loro trappola.

Il manipolatore affettivo e le sue maschere

Mammoliti Cinzia

Questo libro racconta la vita di Marguerite Duras, dall'infanzia, quando è per tutti Nenè, agli anni centrali in cui gli amici più intimi, come Jeanne Moreau, Godard, Depardieu, Lacan, la chiamano Margot, fino al delirio megalomane e alcolico della vecchiaia in cui la scrittrice parla di sé in terza persona autocitandosi con il solo cognome: Duras. E’ la storia incandescente di un destino eccezionale che ha attraversato il colonialismo francese, la Resistenza, l'adesione e la ribellione al Partito comunista francese, con la conseguente espulsione, il '68, il femminismo, l'Ecole du Regard, la Nouvelle Vague. La storia di una donna dai moltissimi aggrovigliati amori e di una scrittrice e cineasta che ha conquistato, suo malgrado, una sterminata folla di lettori, a volte fanatici fino al culto. La storia, infine, delle vittorie e delle sconfitte di questa donna, del suo impressionante corpo a corpo con la letteratura, della sua autenticità e delle sue mistificazioni, del doloroso attraversamento dell'alcolismo, dei deliri dovuti alla disintossicazione, della sua capacità d'innamorarsi e di giocare coi sentimenti e con le parole fino all'ultimo soffio di vita.

Marguerite

Petrignani Sandra

Da anni, a partire da Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano, attraverso altri quattro romanzi ambientati in luoghi e culture diverse, Eric-Emmanuel Schmitt persegue il progetto di un affresco della spiritualità umana nelle varie manifestazioni religiose del pianeta. Dall’islam all’ebraismo, dal cristianesimo al buddismo, per arrivare ora, con questo nuovo vivacissimo romanzo breve, al confucianesimo, l’antica saggezza del popolo cinese. Tutti, anche i più sprovveduti, sanno che in Cina le coppie non possono avere più di un figlio. Le autorità cinesi sono molto attente al controllo demografico, e chi trasgredisce incorre in severe sanzioni. Come fa allora la modesta signora Ming, addetta alle pulizie nella toilette per gli uomini del Grand Hotel di Yunhai, ad avere dieci figli?Il moderno e spregiudicato imprenditore francese, a Yunhai per affari, ritiene che la donna lo voglia prendere in giro. Si diverte a parlare a parlare con lei, ad ascoltare le storie che lei gli racconta sui suoi figli immaginari, e ne approfitta per praticare la lingua del luogo, il cantonese, ma di base è convinto che la donna sia una mitomane. Nel corso dei giorni, però, man mano che si dipanano le vicende dei figli inesistenti, l’uomo d’affari cambia parere. Le parole della signora Ming, farcite di precetti di Confucio, gli fanno apparire l’esistenza sotto un’altra ottica, lo spingono a indagare sui labili confini che dividono la verità dalla menzogna e lo portano, infine, a rivalutare la sua stessa vita e a considerare seriamente la possibilità di una paternità fino ad allora accuratamente evitata.

I DIECI FIGLI CHE LA SIGNORA MING NON HA MAI AVUTO

Schmitt Eric-Emmanuel