Narrativa

2025 BLACKOUT

Riva Renato

Descrizione: Un’isola stupenda, avviata alla totale indipendenza energetica, alla piena ecosostenibilità, che già vive nella società all’idrogeno decide di utilizzare la scoperta di un giovane ricercatore italiano emigrato in California: una tecnologia solare dal rendimento eccezionale e dall’impatto visivo nullo. Quest’isola è la Corsica del 2025. Situazione opposta in Italia, dove la sua innovazione è duramente osteggiata da un sistema che ha scommesso sul nucleare e che non tollera deviazioni, forte del supporto della“democrazia continuativa”. La vita per l’inventore diventa difficile, oggetto di attenzioni sgradite. Ma il giovane ed i suoi amici non si danno per vinti e riescono a mettere in ridicolo il sistema energetico italiano, evidenziandone le debolezze strutturali, e a comunicare attraverso i media in maniera inaspettata e devastante, creando una situazione esplosiva.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni della Sera

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788890473098

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Ecosostenibilità, idrogeno, energia alternativa, innovazione: parole che oggi ricorrono spesso nella politica, nell’informazione, nell’imprenditoria.

L’altro mondo possibile, in sintonia con l’ambiente e con la salute delle persone. Eppure per quanto si tratti di modernità e di presente, nel nostro Paese svecchiare le fonti energetiche è un’impresa ardua.

Per un Paese come l’Italia in cui l’innovazione non trova sbocchi se non quelli degli spot elettorali, in cui ancora si parla di investimenti nel nucleare anziché nell’eolico ed in cui anche l’energia alternativa fatica a decollare, il futuro non può che essere umanamente catastrofico.

Con “2025 Blackout” lo scenario che si rappresenta al lettore è apocalittico: è quello di un Paese del futuro – neanche troppo lontano – che la martellante disinformazione di massa, il disinteresse diffuso tra la gente per le scelte politiche di un’improbabile classe dirigente e l’imbarbarimento delle coscienze hanno condotto ad una deriva prevedibile e, proprio perché certa, ancor più spaventosa.

Renato Riva scrive tuttavia di un’Italia possibile, lasciando al lettore – nonostante la minaccia di una catastrofe necessaria – la speranza di un Paese in cui c’è ancora qualcosa da salvare.

Il protagonista di questo romanzo “energeticamente impegnato” è un giovane ricercatore che – come accade da tempo nel nostro Paese – è costretto a cercare fortuna all’estero. Ma proprio quando il suo impegno lo conduce alla scoperta di una nuova tecnologia a dir poco straordinaria – dal punto di vista energetico e di impatto ambientale – egli decide che è l’Italia a doverne godere.

Purtroppo la sua impresa, per quanto nobile, sarà duramente osteggiata.

Grazie al ritmo incalzante della narrazione e all’intreccio avvincente, la storia che ci racconta Renato Rivaè ben riuscita: si tratta di un romanzo che, senza pretese didattiche, induce il lettore ad una attenta riflessione sul presente. Il messaggio dell’autore è chiaro: è solo dalle scelte consapevoli e responsabili di oggi che può nascere un futuro “ecosostenibile”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Renato

Riva

Libri dallo stesso autore

Intervista a Riva Renato


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il caso di Charles Dexter Ward, pubblicato nel 1941, è il romanzo di un pazzo: Ward, personaggio schivo, opaco e studioso, si trasforma, lentamente, in una sorta di alieno, che incute terrore e sgomento. A indagare sul caso è uno psichiatra, che ha conosciuto Ward fin dalla giovinezza, e che scioglie il mistero scoprendo una realtà di orrore insospettabile, svelando pratiche ancestrali di resurrezione dei morti e oscure forze soprannaturali.

Il caso di Charles Dexter Ward

Lovecraft Howard P.

Il ruolo economico dello stato

Stiglitz Joseph E.

Jeremy Rifkin spiega come allo schiudersi del nuovo secolo "l'Internet delle cose", una nuova realtà in via di formazione, stia dando luce a un inedito sistema economico, basato sulla "condivisione collaborativa" e destinato a mutare radicalmente il nostro modo di vivere. Questa infrastruttura intelligente, composta dall'Internet delle comunicazioni, la nascente Internet dell'energia e l'Internet della logistica, è destinata a spingere la produttività fino al punto in cui il costo marginale della produzione di numerosi beni e servizi sarà quasi azzerato. Nei prossimi anni il vortice del costo marginale zero trascinerà con sé quasi ogni settore dell'economia generando un'economia ibrida, in parte orientata al mercato capitalistico e in parte alla condivisione collaborativa, con ricadute sociali notevolissime. In questo nuovo mondo il capitale sociale è non meno importante del capitale finanziario, la libertà di accesso prevale sulla proprietà, la cooperazione soppianta la concorrenza e al "valore di scambio" nel mercato capitalista va sempre più sostituendosi il "valore di condivisibilità" nel comune spazio collaborativo. Nell'immediato futuro il capitalismo rimarrà tra noi, con un ruolo sempre più circoscritto fino a scomparire nella seconda metà del XXI secolo. Stiamo per entrare in un mondo che ha trasceso i mercati, per imparare a vivere gli uni accanto agli altri in uno spazio di condivisione collaborativa caratterizzato da una sempre più profonda interdipendenza.

La società a costo marginale zero

Rifkin Jeremy

Poeti, attori, donne che attendono e uomini che si perdono, giovani squattrinati e affittacamere, donne di strada e gigolò. Eccola l’America di Tennessee Williams, una terra generosa e traditrice dove l’umanità più varia gioca le sue carte al tavolo di un destino baro e beffardo. I protagonisti di questi racconti sono anime perse, derelitte, destinate a gettarsi nel ventre e nelle strade di un’America che li ignora, perché non è per tutti che nascono le opportunità. Williams racconta le loro vite una dopo l’altra, con una compassione che non cancella la durezza di un mondo da cui presto verranno sopraffatti, perché è così che vanno le cose e quello che ci resta da fare è giocare le nostre carte una mano dopo l’altra. È in questa raccolta che nascono le storie che faranno di Tennessee Williams una delle penne più celebrate del teatro mondiale (dal racconto Ritratto di ragazza in vetro verrà tratto il dramma Lo Zoo di vetro).

L’innocenza delle caramelle

Williams Tennessee