Narrativa

2025 BLACKOUT

Riva Renato

Descrizione: Un’isola stupenda, avviata alla totale indipendenza energetica, alla piena ecosostenibilità, che già vive nella società all’idrogeno decide di utilizzare la scoperta di un giovane ricercatore italiano emigrato in California: una tecnologia solare dal rendimento eccezionale e dall’impatto visivo nullo. Quest’isola è la Corsica del 2025. Situazione opposta in Italia, dove la sua innovazione è duramente osteggiata da un sistema che ha scommesso sul nucleare e che non tollera deviazioni, forte del supporto della“democrazia continuativa”. La vita per l’inventore diventa difficile, oggetto di attenzioni sgradite. Ma il giovane ed i suoi amici non si danno per vinti e riescono a mettere in ridicolo il sistema energetico italiano, evidenziandone le debolezze strutturali, e a comunicare attraverso i media in maniera inaspettata e devastante, creando una situazione esplosiva.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni della Sera

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788890473098

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Ecosostenibilità, idrogeno, energia alternativa, innovazione: parole che oggi ricorrono spesso nella politica, nell’informazione, nell’imprenditoria.

L’altro mondo possibile, in sintonia con l’ambiente e con la salute delle persone. Eppure per quanto si tratti di modernità e di presente, nel nostro Paese svecchiare le fonti energetiche è un’impresa ardua.

Per un Paese come l’Italia in cui l’innovazione non trova sbocchi se non quelli degli spot elettorali, in cui ancora si parla di investimenti nel nucleare anziché nell’eolico ed in cui anche l’energia alternativa fatica a decollare, il futuro non può che essere umanamente catastrofico.

Con “2025 Blackout” lo scenario che si rappresenta al lettore è apocalittico: è quello di un Paese del futuro – neanche troppo lontano – che la martellante disinformazione di massa, il disinteresse diffuso tra la gente per le scelte politiche di un’improbabile classe dirigente e l’imbarbarimento delle coscienze hanno condotto ad una deriva prevedibile e, proprio perché certa, ancor più spaventosa.

Renato Riva scrive tuttavia di un’Italia possibile, lasciando al lettore – nonostante la minaccia di una catastrofe necessaria – la speranza di un Paese in cui c’è ancora qualcosa da salvare.

Il protagonista di questo romanzo “energeticamente impegnato” è un giovane ricercatore che – come accade da tempo nel nostro Paese – è costretto a cercare fortuna all’estero. Ma proprio quando il suo impegno lo conduce alla scoperta di una nuova tecnologia a dir poco straordinaria – dal punto di vista energetico e di impatto ambientale – egli decide che è l’Italia a doverne godere.

Purtroppo la sua impresa, per quanto nobile, sarà duramente osteggiata.

Grazie al ritmo incalzante della narrazione e all’intreccio avvincente, la storia che ci racconta Renato Rivaè ben riuscita: si tratta di un romanzo che, senza pretese didattiche, induce il lettore ad una attenta riflessione sul presente. Il messaggio dell’autore è chiaro: è solo dalle scelte consapevoli e responsabili di oggi che può nascere un futuro “ecosostenibile”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Renato

Riva

Libri dallo stesso autore

Intervista a Riva Renato

Artur Paz Semedo, impiegato di una storica fabbrica d'armi, le Produzioni Bellona s.a., e intenditore di film bellici, viene profondamente colpito da alcune commoventi immagini de "L'espoir", di André Malraux, cui assiste casualmente. La successiva lettura del libro, che pare già provocare un'impercettibile incrinatura nelle sue certezze di amante appassionato delle armi da fuoco e, poco dopo, il suggerimento della ex moglie Felícia, una pacifista convinta, di investigare negli archivi dell'azienda per scoprire se le Produzioni Bellona s.a. abbiano mai venduto armamenti ai fascisti lo avviano verso un'avventura...

Alabarde Alabarde

Saramago Jose

Jean Daragane, scrittore parigino vicino alla settantina, vive in totale solitudine, fuori dal resto del mondo. Una sera, però, dopo mesi in cui non ha letteralmente parlato con nessuno, il telefono di casa squilla: si tratta di un uomo che dice di aver ritrovato la sua agenda, perduta su un treno. Daragane inizialmente è recalcitrante a incontrarlo; rompere il suo isolamento gli costa, e i numeri segnati su quella rubrica non gli interessano più. Ma infine accetta un appuntamento. E cosi che conosce l'ambiguo, mellifluo Gilles Ottolini e la sua sottomessa e giovane compagna, Chantal Grippay. L'appuntamento farà ripensare Deragane al suo primo romanzo e gli farà rivalutare una serie di dettagli a suo tempo trascurati che lo porteranno a riscoprire l'importanza della memoria, della nostalgia e dell'amore rimosso, ma mai sopito.

Perché tu non ti perda nel quartiere

Modiano Patrick

In un futuro non troppo lontano, tutti i sopravvissuti alle deportazioni nazifasciste sono ormai scomparsi e l'Italia è scossa da un rigurgito antisemita. In un clima ostile, Pacifico Lattes, giovane studioso del museo della Shoah di Roma, prepara un'importante mostra sugli ultimi superstiti ai campi di concentramento. Il suo minuzioso lavoro di archiviazione e conservazione però, svolto per anni dietro a una scrivania, sembra improvvisamente crollare di fronte alla notizia della possibile esistenza di un sopravvissuto ancora in vita: tra le mura di una casa di riposo di Tor Sapienza, infatti, ce Attilio Amati, novantottenne aspro e taciturno custode di un segreto all'apparenza inconcepibile. Dall'incontro tra Attilio e Pacifico, dapprima scettico nei confronti di un vecchio il cui nome non compare sulle liste dei deportati, inizia una ricerca difficile e ostinata, un confronto serrato che porterà entrambi a riconoscersi nella dolorosa esperienza dell'altro. Un gioco inestricabile di scambi e silenzi che nasconde una drammatica «scelta di Sophie», un terribile segreto legato alla travagliata esperienza del lager.

Il museo delle penultime cose di Massimiliano Boni

Boni Massimiliano

La zona tra Brescia, Chiari e Rovato è un distretto produttivo pieno di fabbriche e di capannoni. Ed è il personale inferno di Dante, che di mestiere fa la guardia giurata e gira, notte dopo notte, per verificare che tutto vada per il meglio. Vive insieme a sua madre, una donna che da quando è vedova sembra rinata. Ma rinata male, perché passa il suo tempo tra creme e sesso trovato via internet. Col risultato che Dante è sempre più solo. Nella stessa zona vive anche Samira. Quindici anni, musulmana e bella. Ha un padre violento, reso ancora più violento dal fatto di vivere in un posto che sente straniero e ostile: l’Italia. Così quest’uomo sarebbe pronto ad ammazzare sua figlia se soltanto sapesse che ha incontrato Dante, un cristiano, e che si ostina a frequentarlo. Perché Samira, in realtà, è già una donna. E vuole essere una donna libera. Mentre un gruppetto di suoi connazionali sta preparando un attentato miserabile, da poveracci, e Dante finirà per imbattersi anche in loro. “La notte dei petali bianchi” prova a rispondere a una domanda: fa più paura stare da soli o fanno più paura gli altri, i diversi da noi? E lo fa mettendoci a disposizione una lucida visione dell’Italia dei nostri anni e un strepitoso talento nel raccontarla.

LA NOTTE DEI PETALI BIANCHI

Di Fiore Gianfranco