Giallo - thriller - noir

Il collezionista di ossa

Deaver Jeffery

Descrizione: Lincoln Rhyme, criminologo forense divenuto tetraplegico in seguito a un incidente, deve scovare "il collezionista di ossa", uno psicopatico che rapisce le sue vittime e le uccide facendole a pezzi.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Rizzoli

Collana: Best BUR

Anno: 2013

ISBN: 9788817066914

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il collezionista di ossa di Jeffery Deaver è attraversato da una sequenza di omicidi efferati: il caso si apre con un ritrovamento raccapricciante (“John Ulbrecht – ferito con un colpo di pistola e sepolto vivo nella massicciata… all’incrocio tra l’Undicesima e la Trentasettesima”) dopo un doppio rapimento (“T.J. Ventotto anni. Lavora per la Morgan Stanley”). L’assassino seriale predilige modalità macabre (“Monelle sentì l’irresistibile solletico delle vibrisse sul naso mentre i minuscoli denti aguzzi emergevano dalla bocca e cominciavano a masticare il nastro adesivo”) che risuonano delle note de Il pozzo e il pendolo di Poe. E manifesta una sinistra predilezione (“Vecchio e magro, pensò il collezionista di ossa. La pelle si sposterà sulle ossa come seta”), che culmina in un altro doppio rapimento: quello di madre e figlia, giunte a New York da Chicago, in occasione di un summit delle Nazioni Unite. 

I delitti sono collegati da un filo conduttore (“Lasciò gli indizi che portavano al luogo successivo”) in un’audace sfida che vuole coinvolgere gli inquirenti (“Ci rende suoi complici. Se non salviamo le vittime in tempo, la loro morte è in parte colpa nostra”). 

Si occupa del caso Lincoln Rhyme (“Una stramaledetta tortura, per un tetraplegico”), “il più eminente criminalista del mondo” inchiodato a un letto tecnologico dopo un incidente sul lavoro, mentre cova propositi di suicidio assistito (“Ognuno ha il diritto di uccidersi”) e attende che un medico gli somministri la morte (“Berger… il suo dottore della morte”).

Una strana assonanza (“Il disco di osso era stato lasciato lì dallo specialista ortopedico di Rhyme, Peter Taylor”) lega il detective all’assassino (“Questa è una quarta vertebra cervicale. Proprio come quella nel suo collo. Quella che si è rotta”), mentre l’intuito lega Rhyme ad Amelia Sachs (“Era come se la sua condizione la stesse mettendo a proprio agio. L’esatto opposto di come reagiva la maggior parte della gente”), l’agente che lo affianca in un indagine condotta con puntiglio minuzioso che si manifesta nella compilazione progressiva di una tabella ove – nel corso del romanzo – si definisce la fisionomia del sosco, il soggetto sconosciuto, serial killer che sembra trarre spunto da un precedente criminale (“Schneider stava tentando di scoprire il metodo più efficace di purificare le sue vittime separandole dalla carne”) e che ha una sua orribile filosofia di morte (“Sono arrivato alla conclusione che è meglio… limitarsi semplicemente a seppellire il corpo in terra fertile e lasciare che sia la Natura a compiere il noioso lavoro”).

Clamorosi i colpi di scena finali che, dopo pagine narrate con precisione entomologica, rendono questo romanzo irrinunciabile per gli amanti del genere.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeffery

Deaver

Libri dallo stesso autore

Intervista a Deaver Jeffery


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Finalmente dietro la storia e la leggenda della Sponsa Christi, appare la donna: Giulia Farnese. Un ritratto inedito e profondo di una figura femminile al centro di intrighi e trame di potere, che non si è sottratta al proprio destino, ma l'ha voluto vivere da protagonista e non da vittima. Bella, elegante, raffinata, questo ritratto le restituisce quella intensa umanità, che nessuno degli uomini che la possedevano, per folle desiderio, diritto familiare e amore coniugale (il cardinale e poi papa Rodrigo Borgia, l'ambizioso fratello Alessandro, il marito per procura Orsini) le poteva togliere.

Giulia, una donna fra due Papi

Lorusso Del Linz Silvia

Il dottor Amin Jaafari, cittadino israeliano di origine araba, lavora come chirurgo in un ospedale di Tel Aviv. Il giorno in cui un kamikaze si fa esplodere in un ristorante nel centro della città, Amin soccorre freneticamente per lunghe ore i feriti che arrivano al pronto soccorso. Ma questa orribile giornata di morte e distruzione inaspettatamente prende per lui una piega molto personale quando scopre che la terrorista kamikaze è sua moglie Sihem. Sospeso tra disperazione e bisogno di capire, comincia una sua personale e dolorosa investigazione alla ricerca della verità e delle ragioni che possono aver spinto una donna affascinante, intelligente, moderna, a diventare un mostro. Dalla terrificante scena iniziale dell'attentato fino all'epilogo disperato e dolente, L'attentatrice è un libro implacabile, capace di dipingere con lucidità e commozione, senza chiavi di lettura ideologiche preconfezionate, l'universo più misterioso e agghiacciante: l'orrore quotidiano del mondo di oggi.

L’ATTENTATRICE

Khadra Yasmina

Il quartiere Trieste è un posto tranquillo, in apparenza anonimo, e nel 1975 il "San Leone Magno" è il suo fiore all'occhiello: un istituto religioso in cui crescono i figli della nuova borghesia romana. Un mondo innocuo che diventa d'improvviso inquietante, quando alcuni di quei ragazzi diventano protagonisti di uno degli omicidi più tristemente noti della storia italiana, in una villa del Circeo. Intorno a questo evento simbolo, il romanzo ruota e oscilla raccontando decine di fatti, di premesse e di conseguenze che ci svelano, pagina dopo pagina, in una caduta sempre più travolgente, come e quando è nata la nostra anima crudele, quella disposta a tutto pur di sopravvivere.

La scuola cattolica

Albinati Edoardo

Quindici storie che segnano l'esordio narrativo di James Joyce e compongono un mosaico unitario che rappresenta le tappe fondamentali della vita umana: l'infanzia, l'adolescenza, la maturità, la vecchiaia, la morte. In queste pagine Joyce ritrae oggettivamente il mondo della sua città natale, i pregi e i difetti della piccola borghesia dublinese, l'attaccamento alla tradizione cattolica, il sentimento nazionalistico, il decoro, la grettezza, le meschinità, i pregiudizi, osservati e descritti con mordente ironia e profondo senso poetico. Ogni storia, dove pare nulla succeda, rivela in realtà una complessità di sentimenti che smascherano, agli occhi e al cuore di Joyce, la vera anima di Dublino. Introduzione di Giorgio Melchiori.

Gente di Dublino

Joyce James