Raccolte

365 STORIE D’AMORE

AA.VV.

Descrizione: Perché proprio 365 storie d'amore? Perché questo genere letterario è il solo che riesce a muoversi fra i vari sottogeneri della letteratura senza mai perdere la propria identità. Il romance è infatti declinato in decine di sfumature che contemplano escursioni nello storico, nel thriller, nella fantascienza, nell'erotico, nel fantasy e chi più ne ha più ne metta, pur mantenendo sempre la passione e i sentimenti saldamente in tolda di comando. Insomma, l'importante è che siano belle storie d'amore, dopodiché poco importa se ne sono protagonisti un pistolero e una bella ragazza all'epoca del far west o due viaggiatori dello spazio. E non importa nemmeno se i due innamorati sono entrambi uomini o entrambe donne, perché al lettore di romance piace esplorare tutte le possibili declinazioni dell'amore, senza restare ingabbiati nel pregiudizio eterosessuale. Un genere letterario, quindi, estremamente aperto e ricettivo, che offre grandi possibilità ai lettori ma anche agli scrittori, che possono sbizzarrirsi a descrivere storie d'amore e di passione all'interno dei sottogeneri a loro più congeniali.

Categoria: Raccolte

Editore: Delos Books

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788865303924

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Regalare un libro a San Valentino?

Può essere un’idea.

Regalare le 365 storie d’amore, la nuova raccolta di Delos Books, può essere un’idea vincente.

Dopo il successo delle precedenti antologie tematiche come i “365 racconti sulla fine del mondo”, Delos pubblica anche quest’opera abbinando ai giorni dell’almanacco un racconto breve (uno per pagina), sotto la guida di Franco Forte, direttore di Writers Magazine.

Ciascun autore ha interpretato in poche righe l’amore come io cercherò di fare qui, utilizzando titoli e storie di un piccolo campione rappresentativo dei molti racconti di pregio contenuti dall’antologia. Lo farò rendendo omaggio alle autrici donne.

Perché un libro? 

Perché è un universo di emozioni (23 settembre, Bruna Suglia, Fuori nevica): come quelle commosse, scatenate in tutti noi da “Fuori nevica”, pensando a Gianpiero Possieri, coautore con la moglie Bruna. O quelle suscitate da “Bimba Sole” di Patrizia Di Donato (15 febbraio).

Perché un libro è strumento di lotta al pregiudizio (27 ottobre, Livin Derevel: Tienimi la mano).

Perché in un libro c’è quello che abbiamo (10 ottobre, Patrizia Ferrando: L’amore è attitudine) e ciò che non possiamo avere (18 giugno, Marina Paolucci: Anna che amava il vento; 6 luglio, Ester Trasforini: Così sia); c’è la fantasia (11 aprile, Viola Lodato: Oltre il limite), il sogno (21 luglio, Simonetta Brambilla: Sogno d’estate) che può anche avverarsi (21 novembre, Il sogno di Lara di Donatella Perullo, collaboratrice della nostra testata), la favola (29 giugno, Raffaella Ferrari: Risveglio con sorpresa), l’inquietudine (23 aprile, Valeria Barbera: Amore e paura), l’ambivalenza (25 gennaio, Irene Vanni: Maria Antonietta Duchessa degli Struzzi) e anche la nostra follia (25 marzo, Romina Tamerici: L’amore è una follia).

Perché in un libro ci sono le nostre ansie (20 luglio, Francesca Panzacchi: La telefonata), i ricordi (19 giugno, Tina Caramanico: La Punto Sole), la vitalità e la ribellione apparentemente rassegnata (1 novembre, Lucia Coluccia: I feel like a monster).

Perché le 365 storie d’amore?

Perché celebrano un sentimento vero e basilare (14 aprile, Fabiola D’Amico: 12/4/2007), un impulso naturale contro ogni aspettativa (3 novembre, Roberta Eman: Inatteso), una forza che oltrepassa la morte (11 agosto, Fatima Cardoso: L’amore ci libererà), una paura (9 settembre, Laura Poletti: Sotto la pioggia).

Ma anche perché sorprendono con un evento paradossale (29 gennaio, Catia Pieragostini: Storie del lunedì), con un incontro sofferto e conflittuale (31 ottobre, Giorgia Rebecca Gironi: Retrospettiva), con il cambiamento di prospettiva (22 agosto, Libera Schiano Lomoriello: Amore incompreso).

Perché l’amore è semplicemente bello (13 gennaio, Scilla Bofiglioli: Come un cigno), a volte è illusorio (29 novembre, Maria Rosaria del Ciello: Le macchine che passano) o addirittura un gioco (11 gennaio, Simonetta Fornasiero: Un amore quasi perfetto).

Perché l’amore è gioia e tragedia (2 gennaio, Lia Tomasich: Lamiere; 27 gennaio, Giulia Dal Mas: L’eternità di un istante), perché l’amore è erotismo allo stato puro (24 gennaio, Irene Pecikar: Perle di gioia rubate)…

 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aa.vv.

Libri dallo stesso autore

Intervista a AA.VV.

Susie, tredicenne, e stata assassinata da un serial killer che abita a due passi da casa. E' stata adescata da quest'uomo dall'aria perbene, che la stupra, poi fa a pezzi il cadavere e nasconde i resti in cantina. A raccontarci l'orrendo omicidio e la stessa Susie, di cui Alice Sebold riesce a ricostruire in modo sorprendente pensieri e fantasie.

AMABILI RESTI

Sebold Alice

Due ‘cold cases’ che, dopo anni di stasi, diventano improvvisamente urgenti. Uno perché la vittima muore con dieci anni di ritardo rispetto alle intenzioni dell’aspirante omicida. Era riuscita a resistere tutto quel tempo con un proiettile nella schiena, senza che si riuscisse a trovare chi glielo aveva piantato, ma la sua morte riporta il caso alla ribalta. L’altro perché un nuovo elemento apre d’improvviso una finestra sulla strage di bambini avvenuta nel corso di un incendio doloso. E chi gli danno come partner? Una giovane ‘rookie’ senza nessuna esperienza di omicidi, a cui Bosch deve fare da tutore. Una bella sfida. Appassionante come al solito, incalzante e veloce. Connelly non delude mai.

La strategia di Bosch

Connelly Michael

I bambini osservano muti le giostre dei grandi

Marotta Giuseppe

Da nove anni, Jeanie vive in una prigione di silenzio. Da quando, una fredda sera di autunno, suo marito George è rientrato a casa e ha iniziato a comportarsi come se lei non esistesse. Ancora oggi, lui non la guarda, non le parla, dorme in un'altra stanza. Per Jeanie, gli unici momenti di gioia sono i giovedì al parco insieme con la nipotina. Ed è proprio in una di quelle occasioni che lei conosce Ray, anche lui lì col nipote. Ray è galante, spiritoso, gentile. Per la prima volta dopo tanto tempo, Jeanie si sente di nuovo apprezzata e, settimana dopo settimana, sente nascere dentro di sé una passione che credeva non avrebbe mai più provato. Eppure la felicità ha un prezzo. Ben presto, infatti, Jeanie si rende conto che, per vivere in pieno un nuovo amore, deve recidere ciò che la lega al passato, mettendo così a rischio tutto ciò che ha costruito nel corso di una vita. Come l'affetto dei figli, che non capiscono cosa stia succedendo alla madre, o la stima degli amici, che le suggeriscono di non dare peso a un sentimento effimero. Ma, soprattutto, Jeanie deve ricominciare a comunicare col marito, e l'unico modo per farlo è scoprire cosa sia successo quella notte di nove anni prima...

I nostri giovedì al parco

Boyd Hilary