Raccolte

365 STORIE D’AMORE

AA.VV.

Descrizione: Perché proprio 365 storie d'amore? Perché questo genere letterario è il solo che riesce a muoversi fra i vari sottogeneri della letteratura senza mai perdere la propria identità. Il romance è infatti declinato in decine di sfumature che contemplano escursioni nello storico, nel thriller, nella fantascienza, nell'erotico, nel fantasy e chi più ne ha più ne metta, pur mantenendo sempre la passione e i sentimenti saldamente in tolda di comando. Insomma, l'importante è che siano belle storie d'amore, dopodiché poco importa se ne sono protagonisti un pistolero e una bella ragazza all'epoca del far west o due viaggiatori dello spazio. E non importa nemmeno se i due innamorati sono entrambi uomini o entrambe donne, perché al lettore di romance piace esplorare tutte le possibili declinazioni dell'amore, senza restare ingabbiati nel pregiudizio eterosessuale. Un genere letterario, quindi, estremamente aperto e ricettivo, che offre grandi possibilità ai lettori ma anche agli scrittori, che possono sbizzarrirsi a descrivere storie d'amore e di passione all'interno dei sottogeneri a loro più congeniali.

Categoria: Raccolte

Editore: Delos Books

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788865303924

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Regalare un libro a San Valentino?

Può essere un’idea.

Regalare le 365 storie d’amore, la nuova raccolta di Delos Books, può essere un’idea vincente.

Dopo il successo delle precedenti antologie tematiche come i “365 racconti sulla fine del mondo”, Delos pubblica anche quest’opera abbinando ai giorni dell’almanacco un racconto breve (uno per pagina), sotto la guida di Franco Forte, direttore di Writers Magazine.

Ciascun autore ha interpretato in poche righe l’amore come io cercherò di fare qui, utilizzando titoli e storie di un piccolo campione rappresentativo dei molti racconti di pregio contenuti dall’antologia. Lo farò rendendo omaggio alle autrici donne.

Perché un libro? 

Perché è un universo di emozioni (23 settembre, Bruna Suglia, Fuori nevica): come quelle commosse, scatenate in tutti noi da “Fuori nevica”, pensando a Gianpiero Possieri, coautore con la moglie Bruna. O quelle suscitate da “Bimba Sole” di Patrizia Di Donato (15 febbraio).

Perché un libro è strumento di lotta al pregiudizio (27 ottobre, Livin Derevel: Tienimi la mano).

Perché in un libro c’è quello che abbiamo (10 ottobre, Patrizia Ferrando: L’amore è attitudine) e ciò che non possiamo avere (18 giugno, Marina Paolucci: Anna che amava il vento; 6 luglio, Ester Trasforini: Così sia); c’è la fantasia (11 aprile, Viola Lodato: Oltre il limite), il sogno (21 luglio, Simonetta Brambilla: Sogno d’estate) che può anche avverarsi (21 novembre, Il sogno di Lara di Donatella Perullo, collaboratrice della nostra testata), la favola (29 giugno, Raffaella Ferrari: Risveglio con sorpresa), l’inquietudine (23 aprile, Valeria Barbera: Amore e paura), l’ambivalenza (25 gennaio, Irene Vanni: Maria Antonietta Duchessa degli Struzzi) e anche la nostra follia (25 marzo, Romina Tamerici: L’amore è una follia).

Perché in un libro ci sono le nostre ansie (20 luglio, Francesca Panzacchi: La telefonata), i ricordi (19 giugno, Tina Caramanico: La Punto Sole), la vitalità e la ribellione apparentemente rassegnata (1 novembre, Lucia Coluccia: I feel like a monster).

Perché le 365 storie d’amore?

Perché celebrano un sentimento vero e basilare (14 aprile, Fabiola D’Amico: 12/4/2007), un impulso naturale contro ogni aspettativa (3 novembre, Roberta Eman: Inatteso), una forza che oltrepassa la morte (11 agosto, Fatima Cardoso: L’amore ci libererà), una paura (9 settembre, Laura Poletti: Sotto la pioggia).

Ma anche perché sorprendono con un evento paradossale (29 gennaio, Catia Pieragostini: Storie del lunedì), con un incontro sofferto e conflittuale (31 ottobre, Giorgia Rebecca Gironi: Retrospettiva), con il cambiamento di prospettiva (22 agosto, Libera Schiano Lomoriello: Amore incompreso).

Perché l’amore è semplicemente bello (13 gennaio, Scilla Bofiglioli: Come un cigno), a volte è illusorio (29 novembre, Maria Rosaria del Ciello: Le macchine che passano) o addirittura un gioco (11 gennaio, Simonetta Fornasiero: Un amore quasi perfetto).

Perché l’amore è gioia e tragedia (2 gennaio, Lia Tomasich: Lamiere; 27 gennaio, Giulia Dal Mas: L’eternità di un istante), perché l’amore è erotismo allo stato puro (24 gennaio, Irene Pecikar: Perle di gioia rubate)…

 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aa.vv.

Libri dallo stesso autore

Intervista a AA.VV.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il giovane Theo Decker sta visitando una mostra di pittori fiamminghi al Metropolitan Museum di New York quando accade l'inconcepibile: lo scoppio di una bomba, calcinacci, sangue e grida dappertutto, e per terra decine di corpi senza vita, tra cui quello della madre di Theo. Sconvolto e in stato confusionale, Theo si allontana dal luogo dell'attentato senza che i soccorsi e le forze dell'ordine riescano a intercettarlo. E, per timore di finire affidato ai servizi sociali (il padre ha da tempo abbandonato la famiglia per rifarsi una vita con la nuova fidanzata a Las Vegas), si nasconde nel suo appartamento insieme al pacchetto che una delle vittime gli ha affidato pochi minuti prima di morire. Il tesoro contenuto all'interno, un piccolo prezioso dipinto raffigurante un cardellino, sarà l'unica costante, il centro di gravità permanente nella vita deragliata di Theo, simbolo di un'innocenza impossibile da riscattare. E insieme miccia di una pulsione autodistruttiva destinata a tormentarlo per sempre. Tra i salotti dell'Upper East Side e la desolazione della periferia Las Vegas, tra amori impossibili e vizi inconfessabili, capolavori rubati e vertiginose fughe lungo i canali di Amsterdam.

Il cardellino

Tartt Donna

Da lassù abbraccia piazza Trento e Trieste

A dieci anni dal grande successo de "Il delfino", Sergio Bambarén torna a narrare le avventure oceaniche di Daniel Alexander Dolphin, con un percorso che si svolge fra le onde del mare aperto e nelle profondità del mondo interiore di Daniel. Questa volta Daniel dovrà capire se la sua continua ricerca di pace interiore possa coniugarsi con il desiderio e la necessità di creare una famiglia e di accudire una nuova vita che sta per nascere.

IL DELFINO

Bambarén Sergio

Scultore è colui che plasma, modella, incide la materia, sia essa pietra, ferro, legno, bronzo, terra o altro ancora. Il suo lavoro è volto a realizzare un soggetto già ben definito nella sua mente, frutto di disegni, modelli, progetti. Io non mi ritengo scultore, ma piuttosto l'esecutore di progetti, modelli, disegni di una grande maestra: la natura. Miei collaboratori sono il vento, la pioggia, il gelo, il fulmine, il passare inesorabile del tempo. Quante volte ci siamo chiesti se un albero può provare delle emozioni: ebbene io sono convinto di si, anzi può amare così tanto da dar forma a questo amore nelle sue radici che rimarranno anche dopo la sua morte, così come le radici del nostro passato rimangono vive dentro di noi, se sapremo interrogarci sul trascorrere inesorabile del tempo e con gli occhi spalancati sul mondo tornare bambini a sognare l'universo.

L’anima segreta del bosco – Il poeta del legno

Germena Luca