Raccolte

365 STORIE D’AMORE

AA.VV.

Descrizione: Perché proprio 365 storie d'amore? Perché questo genere letterario è il solo che riesce a muoversi fra i vari sottogeneri della letteratura senza mai perdere la propria identità. Il romance è infatti declinato in decine di sfumature che contemplano escursioni nello storico, nel thriller, nella fantascienza, nell'erotico, nel fantasy e chi più ne ha più ne metta, pur mantenendo sempre la passione e i sentimenti saldamente in tolda di comando. Insomma, l'importante è che siano belle storie d'amore, dopodiché poco importa se ne sono protagonisti un pistolero e una bella ragazza all'epoca del far west o due viaggiatori dello spazio. E non importa nemmeno se i due innamorati sono entrambi uomini o entrambe donne, perché al lettore di romance piace esplorare tutte le possibili declinazioni dell'amore, senza restare ingabbiati nel pregiudizio eterosessuale. Un genere letterario, quindi, estremamente aperto e ricettivo, che offre grandi possibilità ai lettori ma anche agli scrittori, che possono sbizzarrirsi a descrivere storie d'amore e di passione all'interno dei sottogeneri a loro più congeniali.

Categoria: Raccolte

Editore: Delos Books

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788865303924

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Regalare un libro a San Valentino?

Può essere un’idea.

Regalare le 365 storie d’amore, la nuova raccolta di Delos Books, può essere un’idea vincente.

Dopo il successo delle precedenti antologie tematiche come i “365 racconti sulla fine del mondo”, Delos pubblica anche quest’opera abbinando ai giorni dell’almanacco un racconto breve (uno per pagina), sotto la guida di Franco Forte, direttore di Writers Magazine.

Ciascun autore ha interpretato in poche righe l’amore come io cercherò di fare qui, utilizzando titoli e storie di un piccolo campione rappresentativo dei molti racconti di pregio contenuti dall’antologia. Lo farò rendendo omaggio alle autrici donne.

Perché un libro? 

Perché è un universo di emozioni (23 settembre, Bruna Suglia, Fuori nevica): come quelle commosse, scatenate in tutti noi da “Fuori nevica”, pensando a Gianpiero Possieri, coautore con la moglie Bruna. O quelle suscitate da “Bimba Sole” di Patrizia Di Donato (15 febbraio).

Perché un libro è strumento di lotta al pregiudizio (27 ottobre, Livin Derevel: Tienimi la mano).

Perché in un libro c’è quello che abbiamo (10 ottobre, Patrizia Ferrando: L’amore è attitudine) e ciò che non possiamo avere (18 giugno, Marina Paolucci: Anna che amava il vento; 6 luglio, Ester Trasforini: Così sia); c’è la fantasia (11 aprile, Viola Lodato: Oltre il limite), il sogno (21 luglio, Simonetta Brambilla: Sogno d’estate) che può anche avverarsi (21 novembre, Il sogno di Lara di Donatella Perullo, collaboratrice della nostra testata), la favola (29 giugno, Raffaella Ferrari: Risveglio con sorpresa), l’inquietudine (23 aprile, Valeria Barbera: Amore e paura), l’ambivalenza (25 gennaio, Irene Vanni: Maria Antonietta Duchessa degli Struzzi) e anche la nostra follia (25 marzo, Romina Tamerici: L’amore è una follia).

Perché in un libro ci sono le nostre ansie (20 luglio, Francesca Panzacchi: La telefonata), i ricordi (19 giugno, Tina Caramanico: La Punto Sole), la vitalità e la ribellione apparentemente rassegnata (1 novembre, Lucia Coluccia: I feel like a monster).

Perché le 365 storie d’amore?

Perché celebrano un sentimento vero e basilare (14 aprile, Fabiola D’Amico: 12/4/2007), un impulso naturale contro ogni aspettativa (3 novembre, Roberta Eman: Inatteso), una forza che oltrepassa la morte (11 agosto, Fatima Cardoso: L’amore ci libererà), una paura (9 settembre, Laura Poletti: Sotto la pioggia).

Ma anche perché sorprendono con un evento paradossale (29 gennaio, Catia Pieragostini: Storie del lunedì), con un incontro sofferto e conflittuale (31 ottobre, Giorgia Rebecca Gironi: Retrospettiva), con il cambiamento di prospettiva (22 agosto, Libera Schiano Lomoriello: Amore incompreso).

Perché l’amore è semplicemente bello (13 gennaio, Scilla Bofiglioli: Come un cigno), a volte è illusorio (29 novembre, Maria Rosaria del Ciello: Le macchine che passano) o addirittura un gioco (11 gennaio, Simonetta Fornasiero: Un amore quasi perfetto).

Perché l’amore è gioia e tragedia (2 gennaio, Lia Tomasich: Lamiere; 27 gennaio, Giulia Dal Mas: L’eternità di un istante), perché l’amore è erotismo allo stato puro (24 gennaio, Irene Pecikar: Perle di gioia rubate)…

 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aa.vv.

Libri dallo stesso autore

Intervista a AA.VV.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un primo romazo sugli effetti - alcuni prevedibili, altri del tutto inattesi - che un drammatico avvenimento può avere sulla vita di una ragazza fino a quel momento del tutto in pace con se stessa. Ellis ha 21 anni e sta facendo una tranquilla passeggiata in un parco di New York quando viene avvicinata da uno sconosciuto che la minaccia con una pistola. Dopo averla fatta sedere per alcuni minuti con sé su una panchina, lo sconosciuto la lascia inspiegabilmente andare.

E ADESSO PUOI ANDARE

Vida Vendela

Marianna appartiene a una nobile famiglia palermitana del Settecento. Il suo destino dovrebbe essere quello di una qualsiasi giovane nobildonna ma la sua condizione di sordomuta la rende diversa: "Il silenzio si era impadronito di lei come una malattia o forse una vocazione". Le si schiudono così saperi ignoti: Marianna impara l'alfabeto, legge e scrive perché questi sono gli unici strumenti di comunicazione col mondo. Sviluppa una sensibilità acuta che la spinge a riflettere sulla condizione umana, su quella femminile, sulle ingiustizie di cui i più deboli sono vittime e di cui lei stessa è stata vittima. Eppure Marianna compirà i gesti di ogni donna, gioirà e soffrirà, conoscerà la passione.

La lunga vita di Marianna Ucria

Maraini Dacia

Ci sono onde che arrivano e travolgono per sempre la superficie calma della vita. Succede a Luna, bimba albina dagli occhi così chiari che per vedere ha bisogno dell'immaginazione, eppure ogni giorno sfida il sole della Versilia cercando le mille cose straordinarie che il mare porta a riva per lei. Succede a suo fratello Luca, che solca le onde con il surf rubando il cuore alle ragazze del paese. Succede a Serena, la loro mamma stupenda ma vestita come un soldato, che li ha cresciuti da sola perché la vita le ha insegnato che non è fatta per l'amore. E quando questo tsunami del destino li manda alla deriva, intorno a loro si raccolgono altri naufraghi, strambi e spersi e insieme pieni di vita: ecco Sandro, che ha quarant'anni ma vive ancora con i suoi, e insieme a Marino e Rambo vive di espedienti improvvisandosi supplente al liceo, cercando tesori in spiaggia col metal detector, raccogliendo funghi e pinoli da vendere ai ristoranti del centro. E poi c'è Zot, bimbo misterioso arrivato da Chernobyl con la sua fisarmonica stonata, che parla come un anziano e passa il tempo con Ferro, astioso bagnino in pensione sempre di guardia per respingere l'attacco dei miliardari russi che vogliono comprarsi la Versilia. Luna, Luca, Serena, Sandro, Ferro e Zot, da un lato il mare a perdita d'occhio, dall'altro il profilo aguzzo e boscoso delle Alpi Apuane. Quando il dolore arriva a schiacciarli lì in mezzo, sarà la vita stessa a scuoterli con i suoi prodigi, sarà proprio il mare che misteriosamente comincerà a parlare. E questa armata sbilenca si troverà buttata all'avventura, a stringersi e resistere in un on the road tra leggende antiche, fantasmi del passato, amori impossibili e fantasie a occhi aperti, diventando così una stranissima, splendida famiglia. _____________________________________ Fabio Genovesi ha scritto un romanzo traboccante di personaggi e di storie, sospeso come un sogno, amaro ed esilarante, commovente e scatenato come la vita vera. Un romanzo che parla la lingua calda e diretta dei suoi personaggi, che scava dentro esistenze minime e laterali per trovarci un disegno: spesso lo chiamiamo "caso", ma la sua magia è così scintillante che per non vederla bisogna proprio tenere gli occhi stretti.

Chi manda le onde

Genovesi Fabio

È la paura che gli dà la forza di correre. Il piccolo John Cameron non sente né la fame né il freddo e nemmeno si accorge di avere le braccia coperte di sangue. John sa soltanto che deve attraversare il bosco, nel buio. Solo così potrà chiedere aiuto per il suo amico James Sinclair. Solo così potrà salvare quello che rimane della sua innocenza… Seattle, oggi. Gli occhi bendati, le mani legate e una croce sulla fronte tracciata col sangue: è in questa macabra posa che il detective Alice Madison trova i cadaveri di James Sinclair e della sua famiglia, trucidati nella loro casa. Dalle prove rinvenute, sembra che il colpevole sia John Cameron, un criminale sospettato di numerosi altri delitti. Ma per Madison i conti non tornano: perché John Cameron avrebbe ucciso il suo amico d’infanzia? Perché avrebbe dovuto odiare proprio la persona con cui aveva condiviso un’esperienza devastante? C’è qualcosa di oscuro dietro quegli omicidi, qualcosa che affonda le radici nel buio di quella notte di venticinque anni prima, quando la polizia aveva salvato i due ragazzini, non riuscendo però ad arrestare i rapitori. E, per scoprire la verità, Madison dovrà entrare in sintonia con l’assassino, e accettare che, quando si volge lo sguardo verso un abisso di tenebra, anche la tenebra guarda dentro di noi.

Il dono del buio

Giambanco V. M.