Romanzo storico

568 D.C. i Longobardi. La grande marcia

Colloredo Sabina

Descrizione: Tra l'autunno del 567 e l'estate del 568 molti popoli premono alle porte dell'Italia, e tra questi ci sono i Longobardi, i guerrieri dalle lunghe barbe, che dalle pianure della Pannonia si muovono verso le fertili distese al di là delle Alpi. Un'imponente carovana composta da trecentomila uomini, donne, bambini e mandrie, guidata dal re Alboino, comincia così la sua Grande Marcia alla conquista di nuove terre. Intorno al leggendario Alboino si muovono i personaggi di una grandiosa epopea: la moglie e regina Rosmunda, il fratello di latte Elmichi, la figlia ribelle Alpsuinda, la spietata e bellissima sacerdotessa Rodelinda e gli Ari, sanguinaria setta di guerrieri votati al culto del dio Wotan. In Italia intanto l'avamposto di San Giorgio, ai piedi del passo del Predil, si organizza per resistere all'invasione. Il duca Agostino, Attolico, Isabella, la piccola Ignatia e Antinoro sono l'espressione di un popolo che non vuole arrendersi e che lotta fino alla fine per la propria libertà. Questo libro narra le gesta di due civiltà che si fronteggiano, i trionfi e le sconfitte, i tradimenti e le passioni, ma soprattutto la creazione di un nuovo regno e, forse, di una possibile rinascita.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Fanucci

Collana: TIF Extra

Anno: 2011

ISBN: 9788834718513

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

L’impero romano d’occidente è ormai tramontato. L’Italia è sottoposta a continue invasioni barbariche. A pochi anni dalla guerra gotica, che ha visto affrontarsi gli uomini di Belisario, generale al servizio dell’imperatore di Bisanzio, e il popolo dei Goti, le popolazioni italiche iniziano lentamente a riprendersi. Nello stesso periodo, nella Pannonia il leggendario Alboino, re dei Longobardi, sulla scia della gloriosa vittoria conseguita contro i Gepidi e spinto dalla pressione degli Avari, inizia a pianificare la migrazione del proprio popolo verso una terra più ospitale, l’Italia.  

Per entrare in Italia i Longobardi devono necessariamente attraversare le Alpi ed attraversare il passo del Predil, ove è situato l’avamposto di San Giorgio, un piccolo e poco ospitale castello, dal quale il duca Agostino governa il territorio circostante. Gli abitanti di San Giorgio si trovano a dover fronteggiare nemici da ogni fronte. Da una parte, i Longobardi che avanzano e, dall’altra, l’impero bizantino che si accinge ad ostacolarlo, chiedendo ai propri vassalli il pagamento di un prezzo che questi non sono in grado di pagare. Tra i tanti, il duca Agostino si rifiuta di pagare, scatenando l’ira dell’imperatore.

L’autore ambienta in questo scenario il proprio romanzo. I protagonisti sono in alcuni casi  i personaggi che hanno condizionato un’epoca: il re Alboino, la moglie Rosmunda, la figlia Alpsuinda, il duca Agostino con la moglie Isabella e l’eroe Attolico. Il racconto della grande marcia, dell’esodo di un’intera popolazione. Quando si parla dei Longobardi ci si riferisce sempre ad un popolo barbaro. La realtà descritta dall’autore non è poi tanto lontana, ma certamente permette al lettore di conoscere il lato umano di un popolo che forse in pochi realmente conoscono.

Un romanzo storico che merita di essere letto, il cui seguito uscirà nei prossimi mesi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sabina

Colloredo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colloredo Sabina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le ceneri dell’esistenza

Dami Jissed Vertiz Lozano

A vent'anni, Elisa ha tutto: benessere, una famiglia che la ama e la coccola (anche troppo!), un amore, interessi che le riempiono la giornata e appagano la sua sensibilità. Solo una cosa le manca, ma lei non lo sa... fino a un freddo pomeriggio invernale in cui, non sapendo come trascorrere il tempo, apre un baule pieno di vecchie fotografie. Comincia così per lei un viaggio che la porta lontano, alla ricerca del tassello capace di ricomporre il disegno della sua vita.

Alla ricerca di un cuore

Melissano Manuela

"Il libro più intelligente - ma anche il più divertente - di questi ultimi anni." Lars Gustafsson, Der Spiegel "Il libro è così ricco che permette tutti i livelli di lettura... Eco, ancora bravo!" Robert Maggiori, Liberation "Brio e ironia. Eco è andato a scuola dai migliori modelli." Richard Ellmann, The New York Review of Books "Precisamente il genere di libro che, se fossi un milionario, comanderei su misura." Punch "Quando Baskerville e Adso entrarono nella stanza murata allo scoccare della mezzanotte e all'ultima parola del capitolo, ho sentito, anche se è fuori moda, un caratteristico sobbalzo al cuore." Nicholas Shrimpton, The Sunday Times "E' riuscito a scrivere un libro che si legge tutto d'un fiato, accattivante, comico, inatteso..." Mario Fusco, Le Monde "E' un tipo di libro che ci trasforma, che sostituisce la nostra realtà con la sua... ci presenta un mondo nuovo nella tradizione di Rabelais, Cervantes, Sterne, Melville, Dostoevskij, lo stesso Joyce e Garcfa Marquez." Kenneth Atchity, Los Angeles Times "Mi rallegro e tutto il mondo delle lettere si rallegrerà con me, che si possa diventare best seller contro i pronostici cibernetici, e che un'opera di letteratura genuina possa soppiantare il ciarpame... L'alta qualità e il successo non si escludono a vicenda." Anthony Burgess, The Observer

Il nome della rosa

Eco Umberto

IL SILENZIO IMPERFETTO – di Aldo Penna