Romanzo storico

568 D.C. i Longobardi. La grande marcia

Colloredo Sabina

Descrizione: Tra l'autunno del 567 e l'estate del 568 molti popoli premono alle porte dell'Italia, e tra questi ci sono i Longobardi, i guerrieri dalle lunghe barbe, che dalle pianure della Pannonia si muovono verso le fertili distese al di là delle Alpi. Un'imponente carovana composta da trecentomila uomini, donne, bambini e mandrie, guidata dal re Alboino, comincia così la sua Grande Marcia alla conquista di nuove terre. Intorno al leggendario Alboino si muovono i personaggi di una grandiosa epopea: la moglie e regina Rosmunda, il fratello di latte Elmichi, la figlia ribelle Alpsuinda, la spietata e bellissima sacerdotessa Rodelinda e gli Ari, sanguinaria setta di guerrieri votati al culto del dio Wotan. In Italia intanto l'avamposto di San Giorgio, ai piedi del passo del Predil, si organizza per resistere all'invasione. Il duca Agostino, Attolico, Isabella, la piccola Ignatia e Antinoro sono l'espressione di un popolo che non vuole arrendersi e che lotta fino alla fine per la propria libertà. Questo libro narra le gesta di due civiltà che si fronteggiano, i trionfi e le sconfitte, i tradimenti e le passioni, ma soprattutto la creazione di un nuovo regno e, forse, di una possibile rinascita.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Fanucci

Collana: TIF Extra

Anno: 2011

ISBN: 9788834718513

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

L’impero romano d’occidente è ormai tramontato. L’Italia è sottoposta a continue invasioni barbariche. A pochi anni dalla guerra gotica, che ha visto affrontarsi gli uomini di Belisario, generale al servizio dell’imperatore di Bisanzio, e il popolo dei Goti, le popolazioni italiche iniziano lentamente a riprendersi. Nello stesso periodo, nella Pannonia il leggendario Alboino, re dei Longobardi, sulla scia della gloriosa vittoria conseguita contro i Gepidi e spinto dalla pressione degli Avari, inizia a pianificare la migrazione del proprio popolo verso una terra più ospitale, l’Italia.  

Per entrare in Italia i Longobardi devono necessariamente attraversare le Alpi ed attraversare il passo del Predil, ove è situato l’avamposto di San Giorgio, un piccolo e poco ospitale castello, dal quale il duca Agostino governa il territorio circostante. Gli abitanti di San Giorgio si trovano a dover fronteggiare nemici da ogni fronte. Da una parte, i Longobardi che avanzano e, dall’altra, l’impero bizantino che si accinge ad ostacolarlo, chiedendo ai propri vassalli il pagamento di un prezzo che questi non sono in grado di pagare. Tra i tanti, il duca Agostino si rifiuta di pagare, scatenando l’ira dell’imperatore.

L’autore ambienta in questo scenario il proprio romanzo. I protagonisti sono in alcuni casi  i personaggi che hanno condizionato un’epoca: il re Alboino, la moglie Rosmunda, la figlia Alpsuinda, il duca Agostino con la moglie Isabella e l’eroe Attolico. Il racconto della grande marcia, dell’esodo di un’intera popolazione. Quando si parla dei Longobardi ci si riferisce sempre ad un popolo barbaro. La realtà descritta dall’autore non è poi tanto lontana, ma certamente permette al lettore di conoscere il lato umano di un popolo che forse in pochi realmente conoscono.

Un romanzo storico che merita di essere letto, il cui seguito uscirà nei prossimi mesi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sabina

Colloredo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colloredo Sabina

Elisa, grazie a un colloquio con una psicologa, scopre che la figlia diciassettenne Federica ha grossi problemi, tenuti ben nascosti dietro la facciata di studentessa e ballerina modello. Sentendo di non poter contare sull'aiuto di nessuno, dopo alcuni tentativi falliti miseramente, Elisa intuisce che solo un drastico cambiamento rispetto alla routine quotidiana può aiutarla. Decide di rifugiarsi con Federica in una casetta di montagna. Iniziano così giorni duri e decisivi nella vita delle due protagoniste. Giorni di passeggiate nei boschi, litigi, risate, lacrime, accuse reciproche, bicchieri di latte rovesciati e torte finite sul pavimento. Elisa non si arrenderà alle difficoltà e continuerà ad inseguire il suo obiettivo, ma prima dovrà trovare il coraggio di affrontare un segreto del suo passato.

I giorni di Elisa

Senestro Silvia

Sono passati parecchi anni da quell'estate in Riviera: Elio, in piena confusione adolescenziale, aveva scoperto la forza travolgente del primo amore grazie a Oliver, lo studente americano ospite del padre nella casa di famiglia. Erano stati giorni unici, in grado di segnare le loro vite con la forza di un desiderio incancellabile, nonostante ciascuno abbia poi proseguito per una strada diversa. Questo romanzo di André Aciman si apre con l'incontro casuale su un treno tra un professore di mezza età e una giovane donna: lui è Samuel, il padre di Elio, sta andando a Roma per tenere una conferenza ed è ansioso di cogliere l'occasione per rivedere suo figlio, pianista affermato ma molto inquieto nelle questioni sentimentali; lei è una fotografa, carattere ribelle e refrattaria alle relazioni stabili, e in quell'uomo più maturo scopre la persona che avrebbe voluto conoscere da sempre. Tra i due nasce un'attrazione fortissima, che li porterà a mettere in discussione tutte le loro certezze. Anche per Elio il destino ha in serbo un incontro inaspettato a Parigi, che potrebbe assumere i contorni di un legame importante. Ma nulla può far sbiadire in lui il ricordo di Oliver, che vive a New York una vita apparentemente serena, è sposato e ha due figli adolescenti, eppure... Una parola, solo una parola, potrebbe bastare a riaprire una porta che in fondo non si è mai chiusa.

Cercami

Aciman André

Febbre e abbandono come distinzione e “vigore nuovo” per ricominciare in quella giostra dei sensi che non ha fine...

Dio dell’abbandono

Gori Ignazio

Incastonando uno straordinario equilibrio di grottesco e oggettivo, di concreto e assurdo, in un impianto stilistico sopraffino, Kafka è riuscito a creare un capolavoro letterario senza tempo. La parabola di umiliazione suprema alla quale Gregor Samsa non può fare a meno di sottostare, dà sfogo ad un intrico di contraddizioni mai risolte e di vincoli insormontabili nel rantolo senza voce di un insetto; l'opressione e la repressione familiare, il legame di schiavitù civile col posto di lavoro, lo scontro silenzioso tra le tensioni individuali e i rigidi schemi di una società inesorabilmente vicina al collasso, rendono questo gioiello un'incredibile allegoria di ogni umana vicenda.

La metamorfosi

Kafka Franz