IoScrittore

A che ora muori?

Carabba Simone

Descrizione:

Categoria: IoScrittore

Editore: IoScrittore

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

 

Simone Carabba, personalità multiforme, si occupa di recitazione e canto e, dal 2007, si cimenta nella scrittura di romanzi gialli tra cui l’ultimo, edito IoScrittore, dal titolo “A che ora muori?”.

“L’orologio aumenta di un minuto la sua corsa. 15.01. Tic toc, tic toc, tic toc. Battiti pesanti come macigni in discesa da un monte. Rintocchi profondi, con una eco grassa. Il pendolo oscilla ghigliottinando un altro minuto. Ne rimangono pochi. Forse uno. Un uomo aspetta. L’altro urla.”

 

Siamo nel mese di luglio, la città di Genova è intorpidita ed immobile a causa dell’afa estiva.

 

Durante una di queste giornate di caldo torrido, in questura, l’ispettore Ugo Marrassi riceve uno strano pacco contenente degli oggetti e una serie di numeri e, qualche minuto dopo, una telefonata che comunica il ritrovamento di un cadavere: è l’inizio di un mistero, della ricerca di una giusta combinazione di dati, di un enigma messo in atto da un omicida seriale che porrà a dura prova le capacità e i nervi (non sempre saldi) della squadra dell’ispettore.

 

S’intreccia così un gioco di cifre, orari e corse contro il tempo che, come si evince già dal titolo, è una costante all’interno del romanzo oltre che l’elemento unificante di tutta la narrazione. Più in fretta si muoverà la squadra, più in fretta si dissolverà il piano maniacale e folle del killer, più possibilità ci saranno per otto persone (tante quante il numero degli oggetti contenuti nel pacco misterioso) di rimanere in vita. Nel testo il tempo è una ricorrenza ossessiva che scandisce parallelamente il ritmo della narrazione e quello delle indagini.

 

Il gruppo di poliziotti è decisamente variegato a partire dallo stesso Ugo Marassi, uomo in apparenza “di ghiaccio” ammirato ed invidiato da  tutti i suoi subordinati, all’agente scelto Pasquale Pasquali, l’unico ad instaurare un rapporto con l’ispettore con cui, inoltre, si gioca, antagonisti a livello narrativo, il ruolo di protagonista; la vice sovrintendente Barbara Salvi, donna sensuale e carismatica e ancora l’agente Antonio Castroreale, il medico legale Domenico Menighetti…ciascuno con le sue peculiarità.

Interessante è che la narrazione, che utilizza quasi una tecnica da montaggio cinematografico, passa da un personaggio all’altro(anche se maggiormente giocata tra l’ispettore e l’agente scelto) e così tanto la vicenda quanto ciascuno dei personaggi  vengono inquadrati da più punti di vista, il che permette al lettore una panoramica a 360° di quello che sta avvenendo.

 

Qui, più che nella stesura della trama del romanzo, risiede l’abilità dell’autore: mentre i personaggi si passano il “testimone della narrazione”, l’autore sceglie ed usa per loro un linguaggio diverso che è immediatamente riconoscibile dal lettore. Anche se non viene quasi mai detto esplicitamente chi di loro stia parlando, il lettore non ha nessuna difficoltà a capirlo.

Il linguaggio di alcuni è colorato e colorito, quotidiano e ricco di inflessioni dialettali (soprattutto liguri, ma anche pugliesi), quello di altri è più serioso ed impostato.

Un romanzo veloce ed equilibrato, con dei personaggi arrabbiati e con delle descrizioni dettagliate di barbarie atroci a cui viene però mescolata una buona dose di humour e ironia.

 

“Bisognerebbe avere il cestino come il computer, per gettarci dentro un file che non ti piace. Poi basterebbe cliccare su «svuota cestino» e il gioco sarebbe fatto. Memoria cancellata. Il documento non esiste più. Io il cestino non ce l’ho. Però ho una rabbia tale in corpo che compromette il mio giudizio, il mio equilibrio.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Simone

Carabba

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carabba Simone


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Il cappotto blu

Balzano Anna Maria

Tutti sanno come Kal-El - Superman - venne mandato sulla Terra appena prima che il suo pianeta esplodesse. Ma cosa causò un disastro di quella portata? Ora, ne "Gli ultimi giorni di Krypton", Kevin J. Anderson presenta un ampio racconto del fasto e della grandezza di un mondo condannato ricco di impavidi eroi e crudeli traditori. Sullo sfondo spettacolare degli ultimi giorni felici di Krypton avviene il corteggiamento e il matrimonio dei genitori di Kal-El, il brillante scienziato Jor-El e sua moglie, una storica, Lara. Insieme combattono per convincere una società stagnante e incredula che il loro mondo sta per scomparire. Il fratello di Jor-El, Zor-El, capo della leggendaria città di Argo, si unisce alla lotta, non solo per salvare il pianeta, ma anche per combattere contro la minaccia dello spietato e astuto Generale Zod. Il diabolico Zod si avvale di un'opportunità d'oro per impossessarsi del potere quando l'androide Brainiac cattura la capitale Kandor. Nel momento stesso in cui l'influenza di Zod sulla popolazione si rafforza e il suo potere cresce, anche lui diventa cieco a tutti i segnali che indicano la morte di quella stessa civiltà che sta cercando di governare. Attraverso tutto questo, l'amore reciproco di Jor-El e Lara, la loro storia e il loro figlio permettono a Krypton di continuare a vivere anche se il pianeta si sta consumando intorno a loro. Per questo, nella fuga del loro bambino giace il più grande dono di Kripton e il più grande eroe della Terra.

GLI ULTIMI GIORNI DI KRYPTON

Anderson Kevin J.

L'Italia che cambia degli anni settanta non sembra aver voglia di cambiare in via Icaro 15, Milano. Sì, certo, l'eco arriva anche lì ma Elvira, la portinaia, è, come un secolo prima, alla mercé di inquilini gretti, litigiosi, pettegoli. Un universo di maligne ottusità e luoghi comuni che tuttavia diventa teatro del mondo nell'immaginazione duttile e porosa di Chino, il figlio adolescente di Elvira. Quando, al quinto piano, prende casa Amelia Lynd, un'anziana signora dall'incedere altero, maniere impeccabili, madrelingua inglese, Chino ne avverte subito il carisma e ne diventa adorante discepolo. Da dove viene? Cos'ha da nascondere? Qual è il suo segreto? Gli inquilini la mettono al bando, la ostracizzano. Chino si muove, con una sorta di strana ebbrezza, fra i sogni combattivi della madre - diventare proprietaria di uno degli appartamenti abitati dai suoi aguzzini - e le utopie della nuova madre-maestra dalla quale apprende la magia delle parole, le parole che raccontano e le parole che semplicemente dicono. Proprio allora la commedia quotidiana cede al dramma e le vicende di via Icaro e della sua portineria subiscono una fortissima accelerazione. E Chino deve imparare più in fretta, di che passioni, di che ambizioni, di che febbri è intessuta la vita.

LE PAROLE PERDUTE DI AMELIA LYND

Gardini Nicola

La storia romantica di una modesta e poco appariscente istitutrice che, con il suo fascino discreto e la sua forza di carattere, riesce a conquistare il tenebroso e avvenente signore di Rochester, la cui giovane figlia è affidata alle sue cure. La donna vittoriana di metà Ottocento, ridotta allo stato di femmina asessuata, trova in Jane Eyre un ideale contraltare antropologico sulla via dell'emancipazione e del suffragio universale.

Jane Eyre

Brontë Charlotte