Giallo - thriller - noir

A distanza ravvicinata

De Bastiani Sabrina, Cambiaso Daniele

Descrizione: Lavagna, estate 1998. Pietro Farné è un giovane maresciallo dei carabinieri, fresco di nomina, incaricato di una strana missione: sorvegliare un'anziana turista di origine tedesca, Frau Gertrud Stingel, e la sua accompagnatrice, Viviana Prestigiacomo. Un compito apparentemente noioso, ma al quale si interessano addirittura i servizi segreti. Mistral Garlet, invece, è una studentessa universitaria, che si è concessa qualche giorno di vacanza perché sente l'esigenza di riflettere sul proprio futuro. Casualmente si ritrova a essere vicina di ombrellone proprio di Gertrud Stingel e resta colpita dalla personalità sfaccettata dell'anziana signora, nonché dal rapporto complesso che sembra esistere tra la tedesca e la sua badante. Nella notte tra l'11 e il 12 agosto, la svolta. Gertrud Stingel viene uccisa nel proprio appartamento e Viviana Prestigiacomo scompare. Il caso appare subito difficile da risolvere. Chi è l'uomo che veniva a trovare Gertrud con una certa regolarità? E dove la accompagnava? Perché aleggia come un fantasma l'ombra di un vecchio criminale nazista? E chi è, invece, l'altro misterioso individuo che sembrava muoversi sottotraccia attorno a Viviana? Ma soprattutto: che fine ha fatto la badante? È ancora viva? È lei l'assassina? Sì, perché una nuova vittima viene ritrovata e la scia di sangue sembra destinata a non fermarsi ancora. Attorno a questi misteri si snodano parallelamente l'inchiesta condotta dal maresciallo Pietro Farné e l'indagine dilettantesca e appassionata di Mistral. Si dipana così un fitto intreccio di scoperte e rivelazioni, che porterà i due...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Frilli

Collana: Supernoir

Anno: 2020

ISBN: 9788869434198

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Sabrina De Bastiani, Daniele Cambiaso, A distanza ravvicinata, Frilli 2020.

A distanza ravvicinata è il libro d’esordio, appena pubblicato, di Sabrina De Bastiani e Daniele Cambiaso, esemplare coppia di scrittori. Lei: genovese, redattrice di Thriller Nord, è autrice di racconti pubblicati su riviste e antologie. Lui: insegnante, è autore di racconti e romanzi, scritti anche a quattro mani.

Questo romanzo è ambientato a Lavagna, che “come tutte le piccole cittadine, vive di echi, di risonanze, di quel tam tam urbano che supera la barriera del suono e fa correre le voci. È una legge non scritta che le notizie brutte circolino anche più veloci di quelle belle...” Il testo colpisce per la storia narrata e per i protagonisti descritti con vivida ricchezza di particolari.

Siamo nell’estate del 1998 e a Lavagna soggiorna un personaggio che incuriosisce per la cattiveria del carattere e per il nome: è una tedesca, si chiama Frau Gertrud Stingel, è  sorella di un vecchio criminale nazista, fuggito da tempo. È “una bella signora sugli ottanta . Gli occhi azzurri, molto chiari, sono attenti, anche se sembrano  non soffermarsi su nulla e nessuno un attimo più del necessario.”

Ad accompagnarla, la badante Viviana Prestigiacomo, “una donna sulla cinquantina, pallida e anonima nell’aspetto.”

Entrambe sono vicine di ombrellone di Mistral Garlet, una giovane ragazza dotata di particolare sensibilità e acutezza investigativa, che “vede ombre dove non ci sono. Coglie sfumature interessanti, ma forse le amplifica.”

A vegliare su tutti Pietro Farnè, un giovane ufficiale dei carabinieri, a cui hanno affidato l’incarico di vigilare sull’anziana donna e sulla badante. Lui svolge questo incarico con professionalità, pur non comprendendo appieno le motivazioni che vi stanno alla base. Quando la donna viene trovata morta in casa e la badante scompare, tutto si complica ulteriormente. Chi ha voluto questa morte? E chi era questa arcigna donna? Che rapporti aveva con il fratello, forse tornato in Italia? Chi era il misterioso uomo che una volta alla settimana prelevava la donna per accompagnarla in un luogo sconosciuto? L’investigazione si svolge, con grande acume, su due piani differenti: da una parte quella del giovane Pietro Farnè e dei suoi compagni misteriosi ed enigmatici del Servizio Segreto. E dall’altra quella più dilettantesca ma sensibile di Mistral, coinvolta suo malgrado. Riusciranno entrambi a raggiungere una parvenza di verità?

La lettura riporta indietro nel tempo, a un passato doloroso, pieno di ferite mai sopite. Molti sono i temi della narrazione: il ruolo dei Servizi Segreti nella società, il comportamento e l’organizzazione di molti criminali tedeschi, capaci di organizzare una struttura parallela per fuggire lontano, dopo aver commesso ogni genere di nefandezze con crudeltà e cinismo. Il romanzo è scritto con una prosa incisiva e priva di fronzoli. La lettura procede spedita verso un finale inaspettato che colpisce e intriga il lettore. Dunque un ottimo esordio, preludio di altre possibili avventure…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sabrina,

Bastiani

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Bastiani Sabrina, Cambiaso Daniele


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un raccapricciante delitto si è consumato nella città di Metz. Il dottor Valadier, medico legale in pensione, si trova inspiegabilmente coinvolto nelle indagini e si mette sulle tracce degli assassini. Più le sue ricerche procedono, più una complicata trama viene alla luce, intessuta da menti sottili e diaboliche. All'insaputa dell'intera umanità, è in corso una guerra combattuta da forze occulte che si muovono nell'oscuro universo dell'Esoterismo. Le origini di due antichi popoli, gli Ebrei e gli Zingari, legati da un comune destino di sofferenza e di persecuzione, sono la chiave per comprendere l'incredibile vicenda che sta per compiersi. La protagonista è una giovane e bellissima zingara, che si dibatte tra la sottomissione al suo Dio e la passione per un uomo. Un dilemma che riflette quello dell'intera umanità, alla vigilia di un eccezionale cambiamento. La Zingara fa le carte al mondo, e scopre l'Angelo del Giudizio, mentre un'epoca spirituale sta per tramontare e un'altra completamente nuova, sta per sorgere.

La zingara di Metz

Rosaci Domenico

Composto da Albert Camus prima de "Lo straniero" e lasciato intenzionalmente inedito, "La morte felice" è già opera autonoma, sguardo lucido e solidissimo sull'umano nelle sue manifestazioni più estreme. Un romanzo che un altro grande scrittore francese contemporaneo di Camus, Andre Gide, considerava la crisalide nella quale si formava la larva delle sue opere successive. Un romanzo che è dunque al contempo narrazione e progetto di narrazioni.

La morte felice

Camus Albert

Lapo Elkann firma un libro in prima persona, ma senza arroganza o presunzione di insegnare qualcosa: semplicemente per raccontare ciò che gli sta più a cuore, lo stile, come estensione dell’amore per la vita. “L’eleganza rispecchia quello che hai fatto, pensato, visto in ogni momento della tua vita, e diventa il tuo modo di essere, in cui metti in gioco personalità, audacia e libertà” Il libro è quasi un ritratto, con foto inedite create su “misura”, e la vivacità delle pagine e dei capitoli diventano spunti, consigli e riflessioni in bilico tra creatività e cambiamento, le coordinate di una particolare forma di equilibrio firmata LAPO.

LE REGOLE DEL MIO STILE

Elkann Lapo

Leone Ginzburg fu un eroe della Resistenza. Un eroe mite e integerrimo: non imbracciò mai le armi, lavoratore tenace, antifascista irriducibile. Fondò la casa editrice Einaudi e mandò avanti una famiglia sotto le bombe. Questa è la sua storia vera dal giorno in cui viene cacciato dall'università perché rifiuta di sottomettersi al fascismo fino a quello in cui è stato ucciso in carcere dai tedeschi.

Il tempo migliore della nostra vita

Scurati Antonio