Giallo - thriller - noir

A distanza ravvicinata

De Bastiani Sabrina, Cambiaso Daniele

Descrizione: Lavagna, estate 1998. Pietro Farné è un giovane maresciallo dei carabinieri, fresco di nomina, incaricato di una strana missione: sorvegliare un'anziana turista di origine tedesca, Frau Gertrud Stingel, e la sua accompagnatrice, Viviana Prestigiacomo. Un compito apparentemente noioso, ma al quale si interessano addirittura i servizi segreti. Mistral Garlet, invece, è una studentessa universitaria, che si è concessa qualche giorno di vacanza perché sente l'esigenza di riflettere sul proprio futuro. Casualmente si ritrova a essere vicina di ombrellone proprio di Gertrud Stingel e resta colpita dalla personalità sfaccettata dell'anziana signora, nonché dal rapporto complesso che sembra esistere tra la tedesca e la sua badante. Nella notte tra l'11 e il 12 agosto, la svolta. Gertrud Stingel viene uccisa nel proprio appartamento e Viviana Prestigiacomo scompare. Il caso appare subito difficile da risolvere. Chi è l'uomo che veniva a trovare Gertrud con una certa regolarità? E dove la accompagnava? Perché aleggia come un fantasma l'ombra di un vecchio criminale nazista? E chi è, invece, l'altro misterioso individuo che sembrava muoversi sottotraccia attorno a Viviana? Ma soprattutto: che fine ha fatto la badante? È ancora viva? È lei l'assassina? Sì, perché una nuova vittima viene ritrovata e la scia di sangue sembra destinata a non fermarsi ancora. Attorno a questi misteri si snodano parallelamente l'inchiesta condotta dal maresciallo Pietro Farné e l'indagine dilettantesca e appassionata di Mistral. Si dipana così un fitto intreccio di scoperte e rivelazioni, che porterà i due...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Frilli

Collana: Supernoir

Anno: 2020

ISBN: 9788869434198

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Sabrina De Bastiani, Daniele Cambiaso, A distanza ravvicinata, Frilli 2020.

A distanza ravvicinata è il libro d’esordio, appena pubblicato, di Sabrina De Bastiani e Daniele Cambiaso, esemplare coppia di scrittori. Lei: genovese, redattrice di Thriller Nord, è autrice di racconti pubblicati su riviste e antologie. Lui: insegnante, è autore di racconti e romanzi, scritti anche a quattro mani.

Questo romanzo è ambientato a Lavagna, che “come tutte le piccole cittadine, vive di echi, di risonanze, di quel tam tam urbano che supera la barriera del suono e fa correre le voci. È una legge non scritta che le notizie brutte circolino anche più veloci di quelle belle...” Il testo colpisce per la storia narrata e per i protagonisti descritti con vivida ricchezza di particolari.

Siamo nell’estate del 1998 e a Lavagna soggiorna un personaggio che incuriosisce per la cattiveria del carattere e per il nome: è una tedesca, si chiama Frau Gertrud Stingel, è  sorella di un vecchio criminale nazista, fuggito da tempo. È “una bella signora sugli ottanta . Gli occhi azzurri, molto chiari, sono attenti, anche se sembrano  non soffermarsi su nulla e nessuno un attimo più del necessario.”

Ad accompagnarla, la badante Viviana Prestigiacomo, “una donna sulla cinquantina, pallida e anonima nell’aspetto.”

Entrambe sono vicine di ombrellone di Mistral Garlet, una giovane ragazza dotata di particolare sensibilità e acutezza investigativa, che “vede ombre dove non ci sono. Coglie sfumature interessanti, ma forse le amplifica.”

A vegliare su tutti Pietro Farnè, un giovane ufficiale dei carabinieri, a cui hanno affidato l’incarico di vigilare sull’anziana donna e sulla badante. Lui svolge questo incarico con professionalità, pur non comprendendo appieno le motivazioni che vi stanno alla base. Quando la donna viene trovata morta in casa e la badante scompare, tutto si complica ulteriormente. Chi ha voluto questa morte? E chi era questa arcigna donna? Che rapporti aveva con il fratello, forse tornato in Italia? Chi era il misterioso uomo che una volta alla settimana prelevava la donna per accompagnarla in un luogo sconosciuto? L’investigazione si svolge, con grande acume, su due piani differenti: da una parte quella del giovane Pietro Farnè e dei suoi compagni misteriosi ed enigmatici del Servizio Segreto. E dall’altra quella più dilettantesca ma sensibile di Mistral, coinvolta suo malgrado. Riusciranno entrambi a raggiungere una parvenza di verità?

La lettura riporta indietro nel tempo, a un passato doloroso, pieno di ferite mai sopite. Molti sono i temi della narrazione: il ruolo dei Servizi Segreti nella società, il comportamento e l’organizzazione di molti criminali tedeschi, capaci di organizzare una struttura parallela per fuggire lontano, dopo aver commesso ogni genere di nefandezze con crudeltà e cinismo. Il romanzo è scritto con una prosa incisiva e priva di fronzoli. La lettura procede spedita verso un finale inaspettato che colpisce e intriga il lettore. Dunque un ottimo esordio, preludio di altre possibili avventure…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sabrina,

Bastiani

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Bastiani Sabrina, Cambiaso Daniele

L'Italia che cambia degli anni settanta non sembra aver voglia di cambiare in via Icaro 15, Milano. Sì, certo, l'eco arriva anche lì ma Elvira, la portinaia, è, come un secolo prima, alla mercé di inquilini gretti, litigiosi, pettegoli. Un universo di maligne ottusità e luoghi comuni che tuttavia diventa teatro del mondo nell'immaginazione duttile e porosa di Chino, il figlio adolescente di Elvira. Quando, al quinto piano, prende casa Amelia Lynd, un'anziana signora dall'incedere altero, maniere impeccabili, madrelingua inglese, Chino ne avverte subito il carisma e ne diventa adorante discepolo. Da dove viene? Cos'ha da nascondere? Qual è il suo segreto? Gli inquilini la mettono al bando, la ostracizzano. Chino si muove, con una sorta di strana ebbrezza, fra i sogni combattivi della madre - diventare proprietaria di uno degli appartamenti abitati dai suoi aguzzini - e le utopie della nuova madre-maestra dalla quale apprende la magia delle parole, le parole che raccontano e le parole che semplicemente dicono. Proprio allora la commedia quotidiana cede al dramma e le vicende di via Icaro e della sua portineria subiscono una fortissima accelerazione. E Chino deve imparare più in fretta, di che passioni, di che ambizioni, di che febbri è intessuta la vita.

LE PAROLE PERDUTE DI AMELIA LYND

Gardini Nicola

Dalla tragica morte della moglie, A. J. Fikry è diventato un uomo scostante e scorbutico, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (e pure quelli che non vende) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di abbassare i prezzi. Anche per gli agenti di vendita è ormai un interlocutore a dir poco difficile. Ma tutto cambia una sera come tante, quando, rientrando in libreria, A. J. trova una bambina che gironzola nel reparto dedicato all'infanzia. Al collo ha appuntato un biglietto scritto dalla madre: questa è Maya. Ha due anni. È molto intelligente ed è eccezionalmente loquace per la sua età. Voglio che diventi una lettrice e che cresca in mezzo ai libri. Io non posso più occuparmi di lei. Sono disperata. Seppur riluttante (e sorprendendo tutti i suoi conoscenti), A. J. decide di adottarla, lasciando così che quella bambina gli sconvolga l'esistenza. Perché Maya è animata da un'insaziabile curiosità e da un'attrazione istintiva per i libri, per il loro odore, per le copertine vivaci, per quell'affascinante mosaico di parole che riempie le pagine all'interno e, grazie a lei, A. J. non solo scoprirà la gioia di essere padre, ma riassaporerà anche il piacere di essere un libraio. Trovando infine la forza per aprirsi a un nuovo, inatteso amore.

La misura della felicità

Zevin Gabrielle

L'automobile del marito nel vialetto di casa. La chiave nella toppa. I passi che risuonano in corridoio. Rumori familiari per Sarah Bridgewater. Ma è notte. E l'uomo in corridoio non è suo marito Stephen. È uno sconosciuto, che però sembra conoscere tutto di lei. Sarah deve mantenersi calma a tutti i costi. Perché nella stanza vicina dorme suo figlio di sei anni...

Phobia

Dorn Wulf

L’amore dietro ogni cosa a teatro