Giallo - thriller - noir

A distanza ravvicinata

De Bastiani Sabrina, Cambiaso Daniele

Descrizione: Lavagna, estate 1998. Pietro Farné è un giovane maresciallo dei carabinieri, fresco di nomina, incaricato di una strana missione: sorvegliare un'anziana turista di origine tedesca, Frau Gertrud Stingel, e la sua accompagnatrice, Viviana Prestigiacomo. Un compito apparentemente noioso, ma al quale si interessano addirittura i servizi segreti. Mistral Garlet, invece, è una studentessa universitaria, che si è concessa qualche giorno di vacanza perché sente l'esigenza di riflettere sul proprio futuro. Casualmente si ritrova a essere vicina di ombrellone proprio di Gertrud Stingel e resta colpita dalla personalità sfaccettata dell'anziana signora, nonché dal rapporto complesso che sembra esistere tra la tedesca e la sua badante. Nella notte tra l'11 e il 12 agosto, la svolta. Gertrud Stingel viene uccisa nel proprio appartamento e Viviana Prestigiacomo scompare. Il caso appare subito difficile da risolvere. Chi è l'uomo che veniva a trovare Gertrud con una certa regolarità? E dove la accompagnava? Perché aleggia come un fantasma l'ombra di un vecchio criminale nazista? E chi è, invece, l'altro misterioso individuo che sembrava muoversi sottotraccia attorno a Viviana? Ma soprattutto: che fine ha fatto la badante? È ancora viva? È lei l'assassina? Sì, perché una nuova vittima viene ritrovata e la scia di sangue sembra destinata a non fermarsi ancora. Attorno a questi misteri si snodano parallelamente l'inchiesta condotta dal maresciallo Pietro Farné e l'indagine dilettantesca e appassionata di Mistral. Si dipana così un fitto intreccio di scoperte e rivelazioni, che porterà i due...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Frilli

Collana: Supernoir

Anno: 2020

ISBN: 9788869434198

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Sabrina De Bastiani, Daniele Cambiaso, A distanza ravvicinata, Frilli 2020.

A distanza ravvicinata è il libro d’esordio, appena pubblicato, di Sabrina De Bastiani e Daniele Cambiaso, esemplare coppia di scrittori. Lei: genovese, redattrice di Thriller Nord, è autrice di racconti pubblicati su riviste e antologie. Lui: insegnante, è autore di racconti e romanzi, scritti anche a quattro mani.

Questo romanzo è ambientato a Lavagna, che “come tutte le piccole cittadine, vive di echi, di risonanze, di quel tam tam urbano che supera la barriera del suono e fa correre le voci. È una legge non scritta che le notizie brutte circolino anche più veloci di quelle belle...” Il testo colpisce per la storia narrata e per i protagonisti descritti con vivida ricchezza di particolari.

Siamo nell’estate del 1998 e a Lavagna soggiorna un personaggio che incuriosisce per la cattiveria del carattere e per il nome: è una tedesca, si chiama Frau Gertrud Stingel, è  sorella di un vecchio criminale nazista, fuggito da tempo. È “una bella signora sugli ottanta . Gli occhi azzurri, molto chiari, sono attenti, anche se sembrano  non soffermarsi su nulla e nessuno un attimo più del necessario.”

Ad accompagnarla, la badante Viviana Prestigiacomo, “una donna sulla cinquantina, pallida e anonima nell’aspetto.”

Entrambe sono vicine di ombrellone di Mistral Garlet, una giovane ragazza dotata di particolare sensibilità e acutezza investigativa, che “vede ombre dove non ci sono. Coglie sfumature interessanti, ma forse le amplifica.”

A vegliare su tutti Pietro Farnè, un giovane ufficiale dei carabinieri, a cui hanno affidato l’incarico di vigilare sull’anziana donna e sulla badante. Lui svolge questo incarico con professionalità, pur non comprendendo appieno le motivazioni che vi stanno alla base. Quando la donna viene trovata morta in casa e la badante scompare, tutto si complica ulteriormente. Chi ha voluto questa morte? E chi era questa arcigna donna? Che rapporti aveva con il fratello, forse tornato in Italia? Chi era il misterioso uomo che una volta alla settimana prelevava la donna per accompagnarla in un luogo sconosciuto? L’investigazione si svolge, con grande acume, su due piani differenti: da una parte quella del giovane Pietro Farnè e dei suoi compagni misteriosi ed enigmatici del Servizio Segreto. E dall’altra quella più dilettantesca ma sensibile di Mistral, coinvolta suo malgrado. Riusciranno entrambi a raggiungere una parvenza di verità?

La lettura riporta indietro nel tempo, a un passato doloroso, pieno di ferite mai sopite. Molti sono i temi della narrazione: il ruolo dei Servizi Segreti nella società, il comportamento e l’organizzazione di molti criminali tedeschi, capaci di organizzare una struttura parallela per fuggire lontano, dopo aver commesso ogni genere di nefandezze con crudeltà e cinismo. Il romanzo è scritto con una prosa incisiva e priva di fronzoli. La lettura procede spedita verso un finale inaspettato che colpisce e intriga il lettore. Dunque un ottimo esordio, preludio di altre possibili avventure…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sabrina,

Bastiani

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Bastiani Sabrina, Cambiaso Daniele

"Non è vero che la patria si difende senza discutere; la si difende discutendola, così come è discutendo la nostra società borghese e denunziandone noi stessi i difetti e le debolezze che la si puntella”. Per il principe del giornalismo nostrano, Indro Montanelli, era questa “l’unica manifestazione veramente producente di patriottismo e di solidarietà”. Per un atto di profondo amore nei confronti di questa Italia malandata, Mariano Sabatini è andato in ricognizione di quel mondo parallelo, e per lo più sconosciuto ai lettori italiani, che è rappresentato dai corrispondenti stranieri che vivono nelle nostre città. L’ampia rassegna de L’Italia s’è mesta compone un ritratto sentimentale, o se si vuole emotivo, della nostra nazione attraverso i racconti dei giornalisti d’oltreconfine: qual è stata la prima impressione che hanno avuto arrivando in Italia, come ci vivono, quali motivi di scontento o di entusiasmo li anima; che giudizio danno di Berlusconi e del berlusconismo o dell’invadenza della Chiesa nella politica italiana; se pensano che la sinistra saprà trovare una fortunata via di risalita. Le “firme” di Itar-Tass, Arte, The Herald, Business week, Frankfurter Allgemeine Zeitung, El Mundo, Le Figaro, CNN, BBC, Nouvel Observateur, etc., dicono la loro sulle affezioni del Palazzo; le aberrazioni di una tv sempre più becera, volgare, faziosa; i tagli alla cultura e gli attacchi dei ministri Brunetta e Bondi ai cineasti italiani; il baratro su cui pencolano scuola, università e ricerca italiane… E se davvero l'Italia s’è mesta perché dell’elmo di Silvio s’è cinta la testa avremo, forse, alla fine di questo ideale viaggio anche la medicina per tornare a destarla.

L’Italia s’è mesta

Sabatini Mariano

Nel 1987 “Presunto innocente” ha inaugurato un nuovo genere letterario, il legal thriller, destinato ad avere un grandissimo successo di pubblico. Vent’anni dopo, “Innocente” segna il ritorno di Rusty Sabich, indimenticato protagonista del primo romanzo e ora sessantenne. In queste nuove pagine di Turow un fatto terribile, la misteriosa morte della moglie di Sabich, trovata cadavere nel letto coniugale, costringerà quest’ultimo a confrontarsi con Tommy Molto, il suo accusatore di un tempo. Si tratta di suicidio o assassinio? Ancora una volta Sabich si proclama innocente, ma molte sono le ombre che si addensano sulla sua versione dei fatti e oscuri risultano i ruoli del figlio e della giovane amante di Sabich in tutta la vicenda.

INNOCENTE

Turow Scott

Jess Thomas, giovane mamma single con due figli da mantenere, fa del suo meglio per vivere dignitosamente, ma i sacrifici sono molti, specie quando non c'è nessuno che ti possa dare una mano. Suo marito se ne è andato da tempo, sua figlia Tanzie è un genietto dei numeri, ma per far fruttare il suo talento matematico c'è bisogno di un aiuto concreto. E poi c'è Nicky, un adolescente difficile come tutti i ragazzi della sua età, vittima di bullismo, che non può certo combattere da solo... La famiglia di Jess è proprio scombinata e spesso lei non sa come fare e corre dei rischi inutili, finché inaspettatamente sul suo cammino incontra Ed Nicholls, quell'antipatico uomo d'affari cui lei pulisce la casa per arrotondare. Jess e Ed non si conoscono affatto. Jess non sa che lui è travolto da una crisi profonda e che uno stupido errore gli è costato tutto, e Ed non sa fino a che punto la ragazza sia nei guai, ma entrambi sanno cosa significhi essere davvero soli e desiderano la stessa cosa. Capiscono, nonostante la loro diversità, che hanno molto da imparare l'uno dall'altra e che una più uno fa più di due. In questo suo nuovo romanzo, Jojo Moyes racconta con grande empatia una storia d'amore insolita e coinvolgente tra due persone che si incontrano in circostanze inverosimili, come solo la vita sa riservare.

Una più uno

Moyes Jojo

I quattro Re

Giancarlo Galletti