Narrativa

A un metro da te

Lippincott Rachael

Descrizione: Come puoi amare qualcuno che non puoi nemmeno sfiorare? A Stella piace avere il controllo su tutto, il che è piuttosto ironico, visto che da quando è bambina è costretta a entrare e uscire dall'ospedale per colpa dei suoi polmoni totalmente fuori controllo. Lei però è determinata a tenere testa alla sua malattia, il che significa stare rigorosamente alla larga da chiunque o qualunque cosa possa passarle un'infezione e vanificare così la possibilità di un trapianto di polmoni. Una sola regola tra lei e il mondo: mantenere la "distanza di sicurezza". Nessuna eccezione. L'unica cosa che Will vorrebbe poter controllare è la possibilità di uscire una volta per tutte dalla gabbia in cui è costretto praticamente da sempre. Non potrebbe essere meno interessato a curarsi o a provare la più recente e innovativa terapia sperimentale. L'importante, per lui, è che presto compirà diciotto anni e a quel punto nessuno potrà più impedirgli di voltare le spalle a quella vita vuota e non vissuta, un viaggio estenuante da una città all'altra, da un ospedale all'altro, e di andare finalmente a conoscerlo, il mondo. Will è esattamente tutto ciò da cui Stella dovrebbe stare alla larga. Se solo lui le si avvicinasse troppo, infatti, lei potrebbe veder sfumare la possibilità di ricevere dei polmoni nuovi. Anzi, potrebbero rischiare la vita entrambi. L'unica soluzione per non correre rischi sarebbe rispettare la regola e stare lontani, troppo lontani, uno dall'altra. Però, più imparano a conoscersi, più quella "distanza di sicurezza" inizia ad assomigliare a "una punizione"...

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Chrysalide

Anno: 2019

ISBN: 9788804709367

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel romanzo di Rachael Lippincott devono stare almeno A un metro da te sia Stella, che inventa app molto utili (“Ho creato una app per le malattie croniche. Tabelle, orari”), sia il dissacrante Will, abile disegnatore di fumetti. Ma anche Poe con il suo skate. Il motivo di tale raccomandazione: sono tutti e tre ammalati di fibrosi cistica (“Abbiamo la FC. Non ci si tocca… Non vale la pena morire per il sesso”).

Dopo le schermaglie iniziali che contrappongono le differenze caratteriali di Stella (“Io ho manie di controllo. Ho bisogno di sapere che tutto sia in ordine”) e di Will (“Il ragazzo più sarcastico e insopportabile, per non dire infetto, che abbia mai incontrato”), quando si manifesta l’attrazione reciproca, i due ragazzi ricorrono a Skype, alla videochat e a Facetime per superare le dstanze che la loro malattia impone. Anche perché Will segue una cura sperimentale per tentare di debellare un’infezione endemica (“Ero così vicina a lui e lui ha il B. cepacia?”), mentre Stella nutre ancora la speranza del trapianto (“Te la prendi e puoi dire addio alla possibilità di avere due polmoni nuovi”). Sarebbe naturale concludere che “Una storia è un rischio che non posso permettermi in questo momento, devo restare concentrata. Tenermi in vita. Ottenere il mio trapianto”. E invece… e invece i due si innamorano. E nonostante il cinismo, Will si lascia conquistare (“Un’espressione nuova… gli riempie gli occhi azzurri. Non è strafottente o scherzosa, ma completamente disarmante. Quasi sincera”) dalla complessità di Stella, dal suo altruismo (“Perché sono quasi sicura che tenermi in vita sia l’unica cosa che possa far andare avanti i miei genitori”).

La storia, nata per divulgare e sensibilizzare le coscienze su una patologia che compriomette la vita di chi ne è afflitto, è commovente e appartiene al filone dei romanzi destinati a coinvolgere l’emotività del lettore (sulla quale sicuramente punta anche il film – leggi qui la recensione al film).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rachael

Lippincott

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lippincott Rachael

Attraverso dodici affreschi, tracciati come pennellate su tele, l'autore ci traghetta in un viaggio tra i sentieri dell'amore, verso situazioni d'analisi introspettiva e, talvolta, di disagio interiore. Perché amare è gioire e piangere. Benedire e maledirsi. Sussurrare e strillare. Sanguinare e curarsi. Sussultare e lenirsi. Perché amare...

L’amore dietro ogni cosa

Di Matteo Simone

Da bambina Lucy Nelson vede il padre alcolista finire in galera. Da quel giorno ha cercato di redimere qualunque uomo le capitasse intorno, per la rovina sua e dei suoi amanti. Quando Roy e Lucy iniziano a uscire insieme, lui lo fa perché sta cercando se stesso, lei perché non sopporta più una madre remissiva e un padre ubriacone. Si innamorano, o cosi credono. Quando Lucy cede alle estenuanti insistenze, alle canzoni romantiche e alle parole rassicuranti di Roy e "va fino in fondo", rimane incinta. Da quel momento in avanti, come in una tragedia greca in cui, qualunque cosa si faccia, non si può sfuggire al destino, tutto precipita. Lucy non vuole ripercorrere le orme della madre, non vuole diventare la moglie di un uomo egoista, debole e fallito, ma si convince di essere già quel tipo di donna, trascinando il matrimonio - e se stessa - alla rovina. Uscito subito prima del Lamento dì Portnoy, questo terzo romanzo di Philip Roth contiene già tutto il sarcasmo, l'ironia tagliente, l'inquietudine morale delle opere della maturità. Ma possiede una caratteristica che lo rende una stella preziosa: è l'unico romanzo del maestro di Newark ad avere per protagonista una donna. Con Lucy, Roth consegna alla storia della letteratura un personaggio agghiacciante e commovente, incarnazione di una donna che lotta per non sprofondare nella propria follia.

Quando lei era buona

Roth Philip

L’America è in guerra. Archie Goodwin, braccio destro di Wolfe, è stato richiamato alle armi e, incredibile a dirsi, anche il pigro, cinico Wolfe ha deciso di dare il suo contributo alla patria arruolandosi. Con gravi pericoli per la sua mole, in compagnia del suo fido cuoco Fritz Brenner, l’illustre detective si addestra ogni giorno, incurante delle richieste di Lily Rowan, un’attraente ragazza che cerca di convincerlo a proteggere la sua amica Ann Amory, in pericolo per aver scoperto qualcosa di terribile su una certa persona. Peccato per Ann, soprattutto, che verrà trovata da Lily Rowan con una sciarpa azzurra stretta intorno al collo... «non abbastanza morta». Nel secondo caso, Wolfe, diventato consulente dell’esercito, indaga sulla morte del capitano Cross per conto del colonnello Ryder, che cadrà vittima di una «trappola esplosiva » in una fase cruciale delle indagini.

NON ABBASTANZA MORTA. Le inchieste di Nero Wolf

Stout Rex

Viaggiatrice nel passato suo malgrado per un dono di famiglia, Gwen, giovane londinese che vorrebbe avere a che fare con i problemi tipici della sua età e dei suoi compagni di scuola, si trova catapultata da un secolo all'altro con una pericolosa missione da compiere. Peccato che non sappia di chi può fidarsi, dei Guardiani del Tempo o del terribile Conte di Saint Germain, dell'affascinante ma scostante Gideon o dell'invidiosa cugina Charlotte. A un certo punto l'unico vero amico sembra essere Xemerius... un gargoyle col muso di gatto.

BLUE

Gier Kerstin