Letteratura americana

ABISSO SENZA FINE

Slaughter Karin

Descrizione: Non c’è addestramento di polizia più efficace dell’istinto. La madre di Faith non risponde al telefono. La porta di casa però viene trovata aperta. Una macchia di sangue sopra la maniglia. La sua figlia più piccola è nascosta in un capannone dietro casa. Quando Faith si precipita lì trova un uomo morto nella lavanderia. Segni di colluttazione in camera da letto, ma della madre nessuna traccia. Per trovarla avrà bisogno dell’aiuto del suo collega, Will Trent, e del medico Sara Linton. Ma Faith non è solo un poliziotto in questa indagine, è un testimone e anche un sospettato.

Categoria: Letteratura americana

Editore: TimeCrime

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788866880837

Trama

Le Vostre recensioni

Faith Mitchel è di ritorno da un seminario di informatica ed è in ritardo di due ore. Ha affidato la sua bimba di quattro mesi a sua madre Evelyn, poliziotta in pensione. Nel momento in cui Evelyn non risponde al telefono, all’inizio la figlia non si preoccupa, ma poi la madre non risponde neanche al cellulare e quando Faith finalmente riesce ad arrivare a casa, lo scenario che le si presenta è apocalittico. Ci sono due cadaveri, sangue ovunque, Evelyn è sparita e la piccola Emma è chiusa nel capanno degli attrezzi. Che cosa è accaduto? Chi ha portato via l’ex poliziotta e perché? Faith è sotto choc. È una testimone indispensabile, ma è anche sospettata di omicidio. Toccherà al suo collega, il detective Will Trent e alla dottoressa Sara Linton fare di tutto per aiutarla e per risolvere il mistero.

Tra indagini serrate e un continuo susseguirsi di colpi di scena, Will Trent si troverà ad affrontare uno dei casi più sconvolgenti della sua carriera, ma non solo. Il suo autocontrollo sarà messo a dura prova dalla vicinanza di Sara Linton e dalla lucida cattiveria di Angie, sua moglie.

Chissà se Will, il dislessico, insicuro, criptico Will Trent, colui al quale la vita ha insegnato che provare rancore è come bere veleno e aspettare che l’altra persona muoia, questa volta riuscirà a trovare qualcosa di buono anche per sé nel variegato universo tutto al femminile che lo circonda. In tal caso sarà piacere puro per il lettore, ormai affezionato a questo personaggio tanto profondo e vero, vederlo finalmente rilassarsi e lasciar uscire il fiato che aveva trattenuto per tutta la vita.

Karin Slaughter non si smentisce e non delude. La sua scrittura è come sempre audace, diretta e priva di scrupoli quando descrive le indagini e gli eventi criminosi, ma al contempo coraggiosamente femminile quando entra nella sfera affettiva dei protagonisti. La giusta mistura di durezza e sensibilità è quanto fa la differenza nei suoi romanzi. Il risultato è sempre un’overdose di emozioni che dà quasi assuefazione e stimola a desiderare che il libro non finisca mai e che non si debba restare lontani a lungo da Will Trent (per il quale ho un debole più che evidente).

Abisso senza fine è un romanzo da cinque stelle, ancora più esaltante di quelli che l’hanno preceduto. Confido che potremmo continuarne la lettura con i volumi già editi negli Stati Uniti: Snatched (2012), Criminal (2012) e Unseen (2013).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Karin

Slaughter

Libri dallo stesso autore

Intervista a Slaughter Karin

Siamo a Denver, è il 7 aprile 2052 quando ad Oscar Mianich, 70 enne burbero e abitudinario, viene diagnosticata una rara malattia che lo porterà, in poco tempo, a perdere la vista. Cosa lega il suo destino a quello di Anthony Peng, ricco e potente imprenditore? Probabilmente ciò che accomuna da sempre tutti gli umani sulla terra: la paura di andarsene senza aver lasciato un segno tangibile di sé. Nell'era in cui la rivoluzione digitale ha ormai cambiato radicalmente la quotidianità del genere umano, Anthony Peng brevetta un server in grado di custodire tutto ciò che vi confluisce dalla memoria di pc, tablet, smartphone di miliardi di utenti, un vero e proprio database grande milioni di gigabyte. In questo sterminato spazio dorme la nostra memoria e i nostri ricordi, l'esubero di informazioni che non riusciamo più a contenere nell'angusto spazio di un cellulare. Quanti scatti fotografici conta ogni giorno la camera del nostro smartphone? Quante di quelle cose che abbiamo filmato e memorizzato ci interessano davvero?

Chiama tua madre

Barale Fabrizio

La carriola di Luigi Pirandello (commento)

De Amicis, Edmondo – LA PICCOLA VEDETTA LOMBARDA (Cuore, 1886)

Cosa accadrebbe se a James Joyce venisse rifiutato ogni libro? E se Tolstoj fosse ospitato in radio a Roma, per ascoltare il parere di Ilaria da Foggia? E se William Shakespeare finisse alla sbarra con l'accusa di plagio? Sono solo alcuni dei ritratti paradossali che questo libro ha in serbo per il lettore. Con una prosa scanzonata, L'unico scrittore buono è quello morto illumina splendori e miserie del mondo letterario, senza risparmiare i mostri sacri. Autori e lettori, editori e traduttori finiscono in un frullatore di racconti che miscela una metafisica Praga ribattezzata Kafkania (dove i bordelli si chiamano "Il castello", "La condanna" o "La colonia penale") con una San Francisco iperletteraria dove vagano i sosia dei beat, uno scrittore beone alle prese con una lettrice assatanata e un poetastro in gara nel poetry slam più sgangherato della storia. Una parodia per aspiranti scrittori e lettori sgamati, che snocciola una carrellata di personaggi afasici, perduti, smarriti nel tragicomico labirinto delle lettere. Un libro per tutti quelli che vogliono scrivere e per chi li farebbe fuori volentieri, ma anche un grande atto d'amore per la forza della scrittura.

L’UNICO SCRITTORE BUONO E’ QUELLO MORTO

Rossari Marco