Saggi

Le abitudini della felicità

Colbert Brian

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: M&A Edizioni

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Ma la felicità è un’abitudine? Ebbene, lungi dall’idea di considerare la felicità come qualcosa di astratto, impalpabile e quasi inesistente, l’autore ci offre quello che lui stesso definisce “un’opportunità entusiasmante, che trasformerà la tua vita in modo radicale, come mai avresti sognato”.

Alzi la mano chi di noi  non ha mai desiderato essere felice, stare bene e provare piacere; anzi, potremmo a buon diritto dire che la felicità è quasi lo scopo della vita. Eppure, essa è la grande assente della nostra epoca e della nostra vita quotidiana, persi fra mille impegni, tanti rinvii e poche, troppo poche, occasioni per concentrarsi su se stessi. La sfida dell’autore è  allora quella di rendere la felicità un’ abitudine quotidiana, una necessità inderogabile ed un obiettivo irrinunciabile.

Come? Perché ci sia un cambiamento duraturo e positivo il viaggio prevede otto diversi livelli, che corrispondono ad aree e domande, che una volta esplicitate costituiranno la “carta dei principi”: trascendendo ciascun livello ognuno di noi potrà realizzare il massimo risultato possibile in termini di progressi ed efficacia. Così ad esempio nell’area del “ruolo” ci si chiederà “che cosa è possibile, quali limiti porre a se stessi”, ma anche il “tempo a disposizione” e gli “spazi che occupiamo”.

Il cambiamento richiede energia e azione  e nelle pagine di questo libro c’è tutto quello che ci serve, tecniche, strategie ed esercizi per allenare il cervello al benessere psicofisico e acquisire le abitudini che possono trasformare la felicità in uno stile di vita.  Gli esercizi sono spiegati ma diventano più chiari man mano che si fanno e molti potrebbero diventare una buona pratica di vita, da fare quando ne sentiamo il bisogno.

È un libro che va assaporato lentamente, sulle cui pagine si deve tornare più volte e la cui storia ha un finale aperto, perchè siamo noi i protagonisti e sta a noi scriverne le pagine.

Leggere questo libro è regalarsi l’opportunità di cambiare vita, orientandosi verso nuove, più produttive e più piacevoli direzioni.

Brian Colbert è psicologo, psicoterapeuta, ipnotista, ed è considerato uno dei più importanti ed efficaci Mind Coach in Europa,  molto conosciuto e apprezzato anche in vari Paesi nel resto del mondo. È Master Trainer certificato in “Programmazione Neuro-Linguistica (PNL)” ed è co-fondatore dell’Irish Institute of NLP a Dublino.

La programmazione neuro linguistica (PNL), in inglese Neuro-linguistic programming ( NLP), è un approccio alla comunicazione, allo sviluppo personale e alla psicoterapia ideato in California negli anni Settanta del XX secolo da Richard Bandler e John Grinder. Il nome deriva dall’idea che ci sia una connessione fra i processi neurologici ( “neuro”), il linguaggio ( “linguistico”) e gli schemi comportamentali appresi con l’esperienza (“programmazione”), affermando che questi schemi possono essere organizzati per raggiungere specifici obiettivi nella vita.

Il libro è  ricco di esercizi ed è adatto a tutte le età e a tutte le professioni e rivolto a coloro che desiderano comprendere più profondamente se stessi,  migliorare i rapporti con gli altri, rafforzare la propria autostima,  definire e raggiungere i propri obiettivi, superare gli ostacoli, le paure, l’ansia, l’insicurezza.  “Le abitudini della felicità” è uscito in Italia per M&A Edizioni Milano. Sul sito www.accademiapnl.itè possibile scaricare il Quaderno di Esercizi e il file audio che facilitano e arricchiscono il percorso di auto-conoscenza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Brian

Colbert

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colbert Brian

I proventi di questo ebook andranno totalmente all’Associazione onlus Franca Cassola Pasquali, una bella realtà che opera sul nostro territorio soprattutto a sostegno della Senologia di Tortona. Otto racconti che hanno per protagoniste altrettante donne. Persone comuni, come lo sono di solito i personaggi delle mie storie, che vivono delle situazioni particolari e che si ritrovano a dover compiere delle scelte, capaci, nel bene e nel male, di condizionare la loro vita. Sono donne ben diverse l’una dall’altra, sia per età che per estrazione sociale, sia per le problematiche del loro vivere che per il modo in cui ognuna le affronta, ma in egual modo ricche di sentimenti e di quella sensibilità speciale che caratterizza l’animo femminile. E’ diversa anche l’atmosfera che si respira nei vari racconti, in alcuni triste se non addirittura tragica, in altri più lieve e persino venata di ironia e di umorismo. E anche lo stile si adatta al contenuto. Ho raccolto i racconti accostandoli a due a due, puntando su un aspetto, che, in qualche modo, accomuna le protagoniste. Filomena e Altea. Essere prigioniere del marito e della casa può risultare orrendo, oppure qualcosa a cui non si vuole rinunciare. Tutto dipende dalla situazione personale. Pinuccia e Teresa. La condizione di suocera non è facile, specie se col marito della propria figlia esiste un feeling decisamente scarso. Anna e Carmela. Un figlio può costituire un problema se se lo si desidera intensamente e ci viene negato, ma anche se una gravidanza inaspettata arriva ad aggiungere difficoltà a una situazione familiare già non facile. Silvana e Angela. Entrambe le protagoniste si rivolgono a una persona cara, la madre e la figlia, e traggono dal loro ottimismo, dalla loro positività, coraggio e speranza.

8 marzo – Storie di donne

Sanna Silvana

Domenico Boschis è nato nelle Langhe, ma da molti anni ormai la sua vita è a Roma, dove ha raggiunto il successo come attore di fiction TV. Una notizia inaspettata, però, lo costringe a tornare tra le sue colline: il padre, col quale ha da tempo interrotto ogni contatto, è malato e gli resta poco da vivere. All'hospice, infatti, Domenico trova un'ombra pallida dell'uomo autoritario che il padre è stato: il vecchio non riesce quasi più a parlare, ma c'è una cosa che sembra voler dire al figlio con urgenza disperata. «La ragazza, Domenico, la ragazza!» grida, per scoppiare poi in un pianto muto. Dentro quel pianto Domenico riconosce un dolore che viene da lontano. Chi è la ragazza che sembra turbarlo fino all'ossessione? Mentre Domenico riprende confidenza con la terra in cui è cresciuto e cerca di addomesticare i fantasmi che popolano i suoi ricordi d'infanzia, si imbatte in un fatto di cronaca avvenuto cinquant'anni prima a una manciata di chilometri da lì. La protagonista è proprio una ragazza: ha tredici anni quando, una notte di dicembre del 1968, viene "rubata" da casa sua. Di lei non si sa nulla per otto mesi, poi la verità emerge con tutta la sua forza. È possibile che sia il ricordo della tredicenne a perseguitare il padre di Domenico? E se così fosse, significa che il vecchio ha avuto un ruolo nella vicenda della ragazza? Lui l'ha sempre considerato un cattivo padre; deve forse cominciare a pensare che sia stato anche un cattivo uomo? Domenico ha bisogno di trovare una risposta prima che il vecchio chiuda gli occhi per sempre.

Il silenzio della collina

Perissinotto Alessandro

La silloge poetica vincitrice del Premio Casinò di Sanremo 2018

Costellazioni di Ilaria Spes

Spes Ilaria

Dicembre 2003. Qualche giorno prima di Natale, gli scrittori John Gregory Dunne e Joan Didion vedono una banale influenza della loro unica figlia Quintana degenerare prima in polmonite, poi in choc settico. Soltanto qualche giorno più tardi, rientrati da una visita alla figlia ancora grave in ospedale, John e Joan siedono a tavola: all'improvviso l'uomo cade a terra e, in pochi minuti, muore d'infarto. "La vita cambia in fretta", scriverà Joan Didion qualche giorno dopo. Per oltre un anno la vita di Joan Didion è stata schiacciata dalla portata di questi due eventi, e questo libro è il resoconto di quell'anno, del tentativo di venire a patti con il modo repentino in cui la sua vita è stata stravolta. Diventa faticoso allora il dialogo tra la realtà e le strategie che si mettono in atto per accettarla: se per sopportare la malattia della figlia studia testi di medicina, si rende insopportabile alle infermiere dell'ospedale e si rivolge ad amici in cerca di numeri di telefono e indirizzi di ottimi medici, allo stesso tempo si rende conto che la morte e la malattia sono eventi che al di là dal suo controllo la lasciano in preda dei suoi ricordi, e si sorprende a pensare come i bambini: "come se i miei pensieri o i miei desideri avessero il potere di rovesciare la storia dei fatti".

L’anno del pensiero magico

Didion Joan