Saggi

Le abitudini della felicità

Colbert Brian

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: M&A Edizioni

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Ma la felicità è un’abitudine? Ebbene, lungi dall’idea di considerare la felicità come qualcosa di astratto, impalpabile e quasi inesistente, l’autore ci offre quello che lui stesso definisce “un’opportunità entusiasmante, che trasformerà la tua vita in modo radicale, come mai avresti sognato”.

Alzi la mano chi di noi  non ha mai desiderato essere felice, stare bene e provare piacere; anzi, potremmo a buon diritto dire che la felicità è quasi lo scopo della vita. Eppure, essa è la grande assente della nostra epoca e della nostra vita quotidiana, persi fra mille impegni, tanti rinvii e poche, troppo poche, occasioni per concentrarsi su se stessi. La sfida dell’autore è  allora quella di rendere la felicità un’ abitudine quotidiana, una necessità inderogabile ed un obiettivo irrinunciabile.

Come? Perché ci sia un cambiamento duraturo e positivo il viaggio prevede otto diversi livelli, che corrispondono ad aree e domande, che una volta esplicitate costituiranno la “carta dei principi”: trascendendo ciascun livello ognuno di noi potrà realizzare il massimo risultato possibile in termini di progressi ed efficacia. Così ad esempio nell’area del “ruolo” ci si chiederà “che cosa è possibile, quali limiti porre a se stessi”, ma anche il “tempo a disposizione” e gli “spazi che occupiamo”.

Il cambiamento richiede energia e azione  e nelle pagine di questo libro c’è tutto quello che ci serve, tecniche, strategie ed esercizi per allenare il cervello al benessere psicofisico e acquisire le abitudini che possono trasformare la felicità in uno stile di vita.  Gli esercizi sono spiegati ma diventano più chiari man mano che si fanno e molti potrebbero diventare una buona pratica di vita, da fare quando ne sentiamo il bisogno.

È un libro che va assaporato lentamente, sulle cui pagine si deve tornare più volte e la cui storia ha un finale aperto, perchè siamo noi i protagonisti e sta a noi scriverne le pagine.

Leggere questo libro è regalarsi l’opportunità di cambiare vita, orientandosi verso nuove, più produttive e più piacevoli direzioni.

Brian Colbert è psicologo, psicoterapeuta, ipnotista, ed è considerato uno dei più importanti ed efficaci Mind Coach in Europa,  molto conosciuto e apprezzato anche in vari Paesi nel resto del mondo. È Master Trainer certificato in “Programmazione Neuro-Linguistica (PNL)” ed è co-fondatore dell’Irish Institute of NLP a Dublino.

La programmazione neuro linguistica (PNL), in inglese Neuro-linguistic programming ( NLP), è un approccio alla comunicazione, allo sviluppo personale e alla psicoterapia ideato in California negli anni Settanta del XX secolo da Richard Bandler e John Grinder. Il nome deriva dall’idea che ci sia una connessione fra i processi neurologici ( “neuro”), il linguaggio ( “linguistico”) e gli schemi comportamentali appresi con l’esperienza (“programmazione”), affermando che questi schemi possono essere organizzati per raggiungere specifici obiettivi nella vita.

Il libro è  ricco di esercizi ed è adatto a tutte le età e a tutte le professioni e rivolto a coloro che desiderano comprendere più profondamente se stessi,  migliorare i rapporti con gli altri, rafforzare la propria autostima,  definire e raggiungere i propri obiettivi, superare gli ostacoli, le paure, l’ansia, l’insicurezza.  “Le abitudini della felicità” è uscito in Italia per M&A Edizioni Milano. Sul sito www.accademiapnl.itè possibile scaricare il Quaderno di Esercizi e il file audio che facilitano e arricchiscono il percorso di auto-conoscenza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Brian

Colbert

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colbert Brian

"[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Il cappotto blu (prima parte)

Balzano Anna Maria

Non ci pensa due volte la terribile, dispotica signora Pontreau a spingere giù dalla finestrella del granaio il genero immobilizzato da una crisi di epilessia. La morte di quel buono a nulla, di quella «marionetta» dalle gambe molli, le permetterà di annettersi la sua proprietà e soprattutto di riprendere il controllo sulle tre figlie. Ma c’è un’altra donna, altrettanto terribile, una vecchia domestica rancorosa, che ha dei sospetti e che potrebbe parlare, o ricattarla. Il prezzo da pagare perché tutto venga soffocato, perché una greve cappa di silenzio scenda sulle vittime e i colpevoli, e perché ogni cosa – il paese come la grande casa dalle finestre sprangate – ripiombi in una calma sinistra, sarà altissimo.

Il grande male

Simenon Georges

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

Enon

Harding Paul

È la storia dell'incontro tra un aviatore, costretto da un guasto ad un atterraggio di fortuna nel deserto, e un ragazzino alquanto strano, che gli chiede di disegnargli una pecora. Il bambino viene dallo spazio e ha abbandonato il suo piccolo pianeta perchè si sentiva troppo solo lassù: unica sua compagna era una rosa. Un libro che si rivolge ai ragazzi e "a tutti i grandi che sono stati bambini ma non se lo ricordano più", come dice lo stesso autore nella dedica del suo libro. Prefazione di Nico Orengo. Edizione speciale per i 70 anni. Età di lettura: da 8 anni.

Il piccolo principe

De Saint-Exupery Antoine