Narrativa

ACCIAIO

Avallone Silvia

Descrizione: Anna e Francesca, “tredici anni quasi quattordici”, vivono nei casermoni di cemento costruiti negli anni Settanta dalla Lucchini S.p.a., la grande acciaieria che ancora oggi dà pane e disperazione a tutta Piombino. Anna e Francesca, la mora e la bionda, sono bellissime e irriverenti, e soprattutto sono inseparabili. Ma quando Anna scopre l’amore e il sesso con Mattia, qualcosa si rompe tra le due, che verranno risucchiate nelle loro storie private, sole davanti a genitori buoni a nulla o assenti o violenti, e si riabbracceranno solo quando la vita le sottoporrà alle prove più crudeli. Nel suo sorprendente romanzo d’esordio, Silvia Avallone racconta una periferia che non sembra avere rappresentazione pubblica, un’Italia alla ricerca di un’identità e di un futuro che paiono orizzonti lontanissimi, irraggiungibili come l’isola d’Elba, bellissima e a poche miglia di mare: un paradiso a portata di mano che resta però inaccessibile.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: La Scala

Anno: 2010

ISBN: 9788817037631

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Anna e Francesca, la mora e la bionda, sono inseparabili, le classiche amiche del cuore.

Vivono a Piombino, in via Stalingrado, “in un complesso di quattro casermoni, da cui piovono pezzi di balcone e di amianto, in un cortile dove i bambini giocano accanto a ragazzi che spacciano e vecchie che puzzano (…)”. La torre dell’altoforno si staglia alta e minacciosa e l’isola d’Elba, per i figli degli operai che sudano e tossiscono nelle acciaierie, è il sogno proibito, il paradiso impossibile.

A tredici anni quasi quattordici, ciò che conta nella vita è stare al centro della pista, sotto i riflettori, e Anna e Francesca sono lì, belle ed impertinenti, ad attirare l’invidia delle “sfigate” come Lisa e monopolizzare l’attenzione dei maschi. E anche se le cose a casa non funzionano per il meglio, quando sono insieme le due ragazze si sentono invincibili.

A tredici anni quasi quattordici, il corpo si trasforma così rapidamente che diventa difficile da gestire, e la sete di nuove esperienze può confondere i sentimenti.

Cosa bisogna fare? Cosa è “giusto” fare? La paura di scontrarsi con i pregiudizi della gente frena gli entusiasmi e ostacola la felicità…

È vero, glielo aveva tacitamente giurato: non è successo niente e non ne parleremo mai più. Però… Però adesso, nel segreto della sua stanza, poteva anche farlo: ritrovare, rivivere, nominare quel niente. Almeno qui, dentro di sé. Perché quel niente era successo”.

Silvia Avallone esordisce con un romanzo bellissimo e coraggioso, ben scritto e coinvolgente come pochi. Il linguaggio immediato scelto dall’autrice, le descrizioni brevi e precise che si alternano ai dialoghi vivaci e, soprattutto, la cura messa nella rappresentazione dei sentimenti creano un mondo in cui è inevitabile immergersi completamente, con la testa e con il cuore. La trama, per di più, è avvincente ed originale, e il finale è insieme amaro e pieno di speranza: l’isola d’Elba non è poi così lontana… Più che consigliato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Silvia

Avallone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Avallone Silvia