Giallo - thriller - noir

Acqua morta

Catozzi Michele

Descrizione: Venezia, 1981. Una giovane coppia, appartata su una panchina dei giardini della Biennale, a Sant'Elena, viene aggredita. Il ragazzo resta ucciso, la ragazza precipita in un silenzio al limite della follia, che rende impossibile risalire al colpevole. Alla Polizia non rimane che archiviare il caso. Venezia, oggi. Dalle acque della laguna affiora un cadavere. Si tratta di Mirco Albrizzi, immobiliarista molto conosciuto e vittima troppo illustre per passare inosservata. Se le autorità vorrebbero archiviare la faccenda come suicidio, il commissario Nicola Aldani, incaricato delle indagini, riconosce inequivocabili i segni dell'omicidio. È un caso scomodo, e a complicarlo ci si mette anche quel commissario Zennari, da tempo in pensione, che pretende aiuto per chiudere una storia ormai dimenticata, risalente a molti anni prima, l'aggressione ai giardini della Biennale... Ma nulla avviene per caso, e ben presto le due piste si confondono, le acque si intorbidano, gli indizi si inquinano... Sullo sfondo della vicenda, vivida e inconfondibile, Venezia: l'altana sul tetto, dove Aldani ama rifugiarsi; la laguna davanti alle fondamente Nove, dove il pilota del commissario fa sfrecciare il vecchio Toni, la lancia in dotazione alla Polizia; il dialetto, che risuona nelle calli e lungo i rii; le acque e le foschie, complici di misteri e custodi di verità.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: TEA

Collana: Narrativa Tea

Anno: 2015

ISBN: 9788850240654

Recensito da Daniela Frascati

Le Vostre recensioni

È in una calda giornata di un’estate precoce, in una Venezia invasa dai turisti, che prende l’avvio Acqua Morta, coinvolgente giallo di Michele Catozzi.

Il commissario Aldani, approfittando della festività  del ponte del primo maggio sta per lasciare il suo appartamento di Venezia e traslocare nella nuova casa a Mestre, raggiungendo la moglie e i bambini che lo hanno preceduto, quando viene avvertito che il cadavere di un uomo è affiorato dall’acqua morta di un canale secondario. Il morto è Mirco Albrizzi, ricco immobiliarista e nipote di un senatore molto conosciuto in città. Un suicidio da liquidare in fretta,  così appare in un primo momento questa morte, ma il commissario Aldani non è uomo da fermarsi alle apparenze malgrado le contingenze personali gli suggeriscano di chiudere il caso in tempi brevi. Lui è un investigatore di primordine, ligio al proprio lavoro e con la passione delle giustizia e delle cose fatte a dovere.

Così, seguendo dettagli dissonanti  e indizi appena accennati, il commissario Nicola Aldani prende per mano il lettore e lo conduce  lungo un percorso ad ostacoli dove altre morti e sparizioni si accavalleranno nel breve tempo di una settimana facendo emergere segreti familiari, tradimenti,  sotterfugi e un pantano di connessioni oscure che sotto l’apparente normalità di brillante uomo d’affari hanno costellato la vita di Mirco Albrizzi.

Ma della trama di un giallo così ben costruito e governato da Michele Catozzi, autentico giallista di cui sentirete ancora parlare, non si deve dire troppo, si toglierebbe il piacere della suspense e della lettura.

Come dice Ronald Knox in Best Detective Stories, del 1939 “(…) In una detective story l’elemento fondamentale è la soluzione di un mistero, un mistero i cui elementi sono presentati in maniera chiara al lettore all’inizio della storia e la cui natura è tale da suscitarne la curiosità, una curiosità che viene ripagata alla fine.” E  di misteri e intrecci Acqua Morta è carico fin dalla prima pagina; morti che si tirano dietro persino un passato dimenticato nelle scartoffie di un colde case, riesumato dall’intuito di un vecchio collega di Aldani, commissario in pensione.

Acqua Morta è un romanzo notevole che si fa apprezzare, al di là del genere, non solo per la qualità della scrittura  ma  per la capacita dell’autore di raccontare alla perfezione le dinamiche del potere e della finanza, le relazioni umane, gli ambienti in cui i personaggi si muovono e prendono vita.

Perfetto l’incastro della trama; il passato, il presente e ancor di più il “futuro”, che è l’oggi che viviamo nell’attualità degli scandali e degli intrecci criminali dei poteri che agiscono in questo paese. Pagine che sono un punto di osservazione privilegiato e tagliente dal quale mostrare la complessità di un mondo che ci appare a sprazzi dalle pagine dei giornali e dai reportage delle tv, di cui Catozzi mostra la sotterranea matrice truffaldina.

Ma Acqua Morta è anche una storia intrisa di umanità e compassione, e il commissario Nicola Aldani un uomo come molti altri con i suoi umori, i suoi dubbi, i sentimenti che mettono in conflitto gli affetti più cari – una moglie che ama  e due bambini a cui vorrebbe essere più vicino -, con l’attaccamento per un lavoro difficile di cui, al contempo, sente  la responsabilità e subisce il fascino.

E poi c’è Venezia. Non una semplice scenografia, ma il personaggio comprimario del bel romanzo di Catozzi. Una  grande madre che accoglie e raccoglie nel suo ventre amniotico questo mondo disfatto dal malaffare e da una modernità senza rispetto. Una vecchia signora carica di storia e di passioni, amorevole e un po’ ruffiana che sa fare del suo decadimento una ragione in più per essere amata. Così sa renderla l’autore.

“Su tutto aleggiava l’incombente sfacelo della costruzione, che appariva trascurata, piena di crepe, di pietre spaccate, di ferri rugginosi, di imposte squinternate. Il velo nero del tempo ricopriva i marmi e le pietre pregiate. La decadenza era la cifra distintiva di palazzo Albrizzi.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michele

Catozzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Catozzi Michele


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Se Marco rileggesse i diari che ha scritto quando era ragazzo, ogni giorno della sua adolescenza, con i giorni tutti in fila, se prendesse la briga di metterli in ordine in un faldone, se soltanto avesse il tempo o il coraggio ­ che è uguale ­ di ricopiarli al computer e li dividesse per sezioni, capitoli, articoli, ne uscirebbe una versione allucinata della sua vita, scritta a casaccio sfogliando nel passato, irta di piccoli drammi domestici, sforzi fatti dalle fibre del suo cuore perchè il seme del suo pianto fosse gettato altrove, oltre lo schianto provocato alla scoperta che tutti gli altri bambini avevano una madre e lui no. Il nuovo romanzo di Luciano Pagano racconta l'amore inconsueto dei padri per i figli.

E’ TUTTO NORMALE

Pagano Luciano

1 – Introduzione alla sezione giallo – thriller – noir

Libero e Viola si stanno cercando. Ancora non si conoscono, ma questo è solo un dettaglio. Nel 2007 Libero ha prenotato un tavolo alla Locanda dell'Ultima Solitudine, per dieci anni dopo. Ed è certo che lì e solo lì, in quella locanda arroccata sul mare costruita col legno di una nave mancata, la sua vita cambierà. L'importante è saper aspettare, ed essere certi che "se qualcosa nella vita non arriva è perché non l'hai aspettato abbastanza, non perché sia sbagliato aspettarlo". Anche Viola aspetta: la forza di andarsene. Da anni scrive lettere al padre, che lui non legge perché tempo prima, senza che nessuno ne conosca la ragione, è scomparso, lasciandola sola con la madre a Bisogno, il loro paese. Ed è a Bisogno, dove i fiori si scordano e da generazioni le donne della famiglia di Viola, che portano tutte un nome floreale, si tramandano il compito di accordarli, che lei comincia a sentire il peso di quell'assenza e la voglia di un nuovo orizzonte. Con ironia leggera, tra giochi linguistici, pennellate surreali e grande tenerezza, Alessandro Barbaglia ci racconta una splendida storia d'amore.

La Locanda dell’Ultima Solitudine

Barbaglia Alessandro

Presentazione dell'autore Un piccolo paese, Soulpass, sperduto ai margini del Crater Lake in Oregon, al limitare della riserva indiana. Un posto isolato da tutti dove l’unica stranezza, vissuta con curiosa indifferenza dagli abitanti, è che ogni tanto “qualcuno scompare”. Una ragazzina capitata lì dal nulla, malconcia e senza memoria, viene trovata da un abitante del villaggio, comincia una nuova vita, con un nuovo nome: Neve. Un corollario di personaggi quanto mai vario che si trovano ad incrociare le loro esistenze con lei; si accorgeranno presto che Neve è speciale, capace a volte di mutare gli agenti atmosferici, trasgredire talvolta le leggi della fisica oltre ad essere dotata di un unico talento musicale. Sono questi gli ingredienti del romanzo “La linea verde” scritto da Simone Fancelli e pubblicato da Albatros. Una lettura dal tono leggero che si presta a una duplice chiave di lettura: è adatto agli adolescenti che si lasceranno travolgere da un turbinio di immagini e di vicende intrise di mistero, amore e avventura; gli adulti invece potranno cogliere i risvolti profondi, la riflessione (scevra da condizionamenti politici, religiosi, medici) sulla natura spirituale e materiale del genere umano, che si offre pagina dopo pagina fino al sorprendente epilogo in cui ogni tessera, comprese le apparenti incongruenze, trova collocazione e spiegazione.

La linea verde

Fancelli Simone