Giallo - thriller - noir

Acqua morta

Catozzi Michele

Descrizione: Venezia, 1981. Una giovane coppia, appartata su una panchina dei giardini della Biennale, a Sant'Elena, viene aggredita. Il ragazzo resta ucciso, la ragazza precipita in un silenzio al limite della follia, che rende impossibile risalire al colpevole. Alla Polizia non rimane che archiviare il caso. Venezia, oggi. Dalle acque della laguna affiora un cadavere. Si tratta di Mirco Albrizzi, immobiliarista molto conosciuto e vittima troppo illustre per passare inosservata. Se le autorità vorrebbero archiviare la faccenda come suicidio, il commissario Nicola Aldani, incaricato delle indagini, riconosce inequivocabili i segni dell'omicidio. È un caso scomodo, e a complicarlo ci si mette anche quel commissario Zennari, da tempo in pensione, che pretende aiuto per chiudere una storia ormai dimenticata, risalente a molti anni prima, l'aggressione ai giardini della Biennale... Ma nulla avviene per caso, e ben presto le due piste si confondono, le acque si intorbidano, gli indizi si inquinano... Sullo sfondo della vicenda, vivida e inconfondibile, Venezia: l'altana sul tetto, dove Aldani ama rifugiarsi; la laguna davanti alle fondamente Nove, dove il pilota del commissario fa sfrecciare il vecchio Toni, la lancia in dotazione alla Polizia; il dialetto, che risuona nelle calli e lungo i rii; le acque e le foschie, complici di misteri e custodi di verità.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: TEA

Collana: Narrativa Tea

Anno: 2015

ISBN: 9788850240654

Recensito da Daniela Frascati

Le Vostre recensioni

È in una calda giornata di un’estate precoce, in una Venezia invasa dai turisti, che prende l’avvio Acqua Morta, coinvolgente giallo di Michele Catozzi.

Il commissario Aldani, approfittando della festività  del ponte del primo maggio sta per lasciare il suo appartamento di Venezia e traslocare nella nuova casa a Mestre, raggiungendo la moglie e i bambini che lo hanno preceduto, quando viene avvertito che il cadavere di un uomo è affiorato dall’acqua morta di un canale secondario. Il morto è Mirco Albrizzi, ricco immobiliarista e nipote di un senatore molto conosciuto in città. Un suicidio da liquidare in fretta,  così appare in un primo momento questa morte, ma il commissario Aldani non è uomo da fermarsi alle apparenze malgrado le contingenze personali gli suggeriscano di chiudere il caso in tempi brevi. Lui è un investigatore di primordine, ligio al proprio lavoro e con la passione delle giustizia e delle cose fatte a dovere.

Così, seguendo dettagli dissonanti  e indizi appena accennati, il commissario Nicola Aldani prende per mano il lettore e lo conduce  lungo un percorso ad ostacoli dove altre morti e sparizioni si accavalleranno nel breve tempo di una settimana facendo emergere segreti familiari, tradimenti,  sotterfugi e un pantano di connessioni oscure che sotto l’apparente normalità di brillante uomo d’affari hanno costellato la vita di Mirco Albrizzi.

Ma della trama di un giallo così ben costruito e governato da Michele Catozzi, autentico giallista di cui sentirete ancora parlare, non si deve dire troppo, si toglierebbe il piacere della suspense e della lettura.

Come dice Ronald Knox in Best Detective Stories, del 1939 “(…) In una detective story l’elemento fondamentale è la soluzione di un mistero, un mistero i cui elementi sono presentati in maniera chiara al lettore all’inizio della storia e la cui natura è tale da suscitarne la curiosità, una curiosità che viene ripagata alla fine.” E  di misteri e intrecci Acqua Morta è carico fin dalla prima pagina; morti che si tirano dietro persino un passato dimenticato nelle scartoffie di un colde case, riesumato dall’intuito di un vecchio collega di Aldani, commissario in pensione.

Acqua Morta è un romanzo notevole che si fa apprezzare, al di là del genere, non solo per la qualità della scrittura  ma  per la capacita dell’autore di raccontare alla perfezione le dinamiche del potere e della finanza, le relazioni umane, gli ambienti in cui i personaggi si muovono e prendono vita.

Perfetto l’incastro della trama; il passato, il presente e ancor di più il “futuro”, che è l’oggi che viviamo nell’attualità degli scandali e degli intrecci criminali dei poteri che agiscono in questo paese. Pagine che sono un punto di osservazione privilegiato e tagliente dal quale mostrare la complessità di un mondo che ci appare a sprazzi dalle pagine dei giornali e dai reportage delle tv, di cui Catozzi mostra la sotterranea matrice truffaldina.

Ma Acqua Morta è anche una storia intrisa di umanità e compassione, e il commissario Nicola Aldani un uomo come molti altri con i suoi umori, i suoi dubbi, i sentimenti che mettono in conflitto gli affetti più cari – una moglie che ama  e due bambini a cui vorrebbe essere più vicino -, con l’attaccamento per un lavoro difficile di cui, al contempo, sente  la responsabilità e subisce il fascino.

E poi c’è Venezia. Non una semplice scenografia, ma il personaggio comprimario del bel romanzo di Catozzi. Una  grande madre che accoglie e raccoglie nel suo ventre amniotico questo mondo disfatto dal malaffare e da una modernità senza rispetto. Una vecchia signora carica di storia e di passioni, amorevole e un po’ ruffiana che sa fare del suo decadimento una ragione in più per essere amata. Così sa renderla l’autore.

“Su tutto aleggiava l’incombente sfacelo della costruzione, che appariva trascurata, piena di crepe, di pietre spaccate, di ferri rugginosi, di imposte squinternate. Il velo nero del tempo ricopriva i marmi e le pietre pregiate. La decadenza era la cifra distintiva di palazzo Albrizzi.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michele

Catozzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Catozzi Michele


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Al centro del romanzo troviamo Milo, un'anima davvero antica: ha già vissuto 9.995 volte e non ha nessuna intenzione di smettere. Anziché cercare di raggiungere la perfezione, il nirvana, che gli sembra una cosa piuttosto noiosa, egli preferisce infatti continuare a vivere una vita dopo l'altra rimanendo nel ciclo della reincarnazione, così da poter continuare la sua relazione con la Morte (o "Suzie", come preferisce essere chiamata). Ciò che ancora Milo non sa è che le anime non sono eterne: si sta rapidamente avvicinando il momento in cui il suo ciclo si esaurirà e lui sarà cancellato per sempre se non raggiungerà la perfezione. Avrà solo altre cinque vite per provarci, e gli serviranno tutte per riuscire a salvare se stesso e, forse, l'intero genere umano. Reincarnation Blues ci porta ovunque, dall'antica India a una colonia penale posta su una lontana galassia del futuro, con soste a Vienna, sul Sole e nell'Ohio. Vivendo ogni tipo di esistenza immaginabile, Milo avrà la possibilità di scoprire cosa renda perfetta una persona. Neil Gaiman incontra Kurt Vonnegut in questa dark comedy profondamente fantasiosa sui segreti della vita, della morte e dell'amore.

Reincarnation blues

Poore Michael

La violenza degli adulti irrompe nel mondo dei ragazzi, troncando i sogni e le speranze per portarvi in cambio, inaspettata e apparentemente casuale, la tragedia. Ispirandosi a un fatto di cronaca, l’autore descrive con occhio acuto e grande sensibilità le vite, straordinarie nella loro quotidianità, di un gruppo di adolescenti, in una taciuta ma ben riconoscibile città del Meridione italiano. La scuola e gli amori, i progetti per il futuro e le difficoltà dell’oggi, i problemi familiari e l’accettazione di sé sono gli elementi che vanno a formare un quadro realistico, ma dalle tinte delicate.Uno straordinario affresco corale, ora poetico e ora ruvido, dedicato a tutti quei ragazzi che, tra mille difficoltà, non accettano di perdere la speranza.

IL MARE DI SPALLE

Sofia Antonio

In un punto preciso dello spaziotempo Raffaele, satiro irrequieto, inciampa da una storia all'altra in cerca di successo e Fabio, misantropo nerd, insegue se stesso e la fortuna in un agone digitale di improbabili social. L'incrocio sbilenco delle loro vite innesca un romanzo selvaggio, labirintico, possente. Cometa è l'epopea disastrata, erotica e lisergica degli eroi senza motivo. Archetipi di una generazione fuori fuoco, il cui centro è dappertutto ma sempre altrove. L'odissea senza approdo di una stirpe di eletti a niente che cavalca il progresso come una pulce su un cavallo imbizzarrito, traghettata da sogni frenetici e deliri tecnologici. Gregorio Magini celebra il dispiegarsi incerto dell'epoca che viviamo e approda a una visione del futuro a cui tutti, volenti o impotenti, siamo destinati.

Cometa

Magini Gregorio

La moderna relazione uomo-animale domestico affonda le radici in secoli di convivenza e oggi è sempre più regolata dalla legge: gli animali da compagnia sono considerati soggetti partecipi della società, con diritti e doveri, come ogni altro «cittadino». Chi vive con animali da affezione deve, non solo per legge, rispettare le regole civili e prestare attenzione ai bisogni del suo migliore amico, provvedendo alle necessarie cure del caso, anche rispondere per i loro comportamenti. In questa guida è possibile trovare tutto quello che c’è da sapere per vivere in famiglia, in condominio e in società con il proprio animale: dalle fondamentali leggi e diritti ormai acquisiti dagli animali d’affezione, ai loro rapporti sociali (iscrizione all’anagrafe canina, vita in condominio, rumori molesti...); dalle responsabilità e rischi connessi al possesso alle potenzialità e vantaggi delle assicurazioni pensate appositamente per loro; fino alle utili indicazioni da consultare prima delle vacanze o di un viaggio «in compagnia», con una lista delle principali strutture pet-friendly.

Animali in famiglia

Catapano Claudia