Narrativa

ACQUANERA

D'Urbano Valentina

Descrizione: È un mattino di pioggia gelida quello in cui Fortuna torna a casa. Sono passati dieci anni dall’ultima volta, ma Roccachiara è rimasto uguale a un tempo: un paesino abbarbicato alle montagne e a precipizio su un lago, le cui acque sembrano inghiottire la luce del sole. Fortuna pensava di essere riuscita a scappare, di aver finalmente lasciato il passato alle spalle, spezzato i legami con ciò che resta della sua famiglia per rinascere a nuova vita, lontano. Ma nessun segreto può resistere all’erosione dell’acqua nera del lago. A richiamarla a Roccachiara è un ritrovamento, nel profondo del bosco, che potrebbe spiegare l’improvvisa scomparsa della sua migliore amica, Luce. O forse, a costringerla a quel ritorno è la forza invisibile che, nonostante tutto e tutti, ha sempre unito la sua famiglia: tre generazioni di donne tenaci e coraggiose, ognuna a suo modo. E forse, questa volta, è giunta l’ora che Fortuna dipani i segreti nascosti nella storia della sua famiglia. Forse è ora che capisca qual è la natura di quella forza invisibile, per riuscire a darle un nome. Sperando che si chiami amore.

Categoria: Narrativa

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2013

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Fortuna torna dopo dieci anni. Un decennio di esilio volontario dal piccolo paese che l’ha vista nascere e da quel poco che resta della sua famiglia.

Il villaggio è Roccachiara, un piccolo agglomerato di case che affaccia su un lago cupo che sembra calamita di sciagure e dolore.

Non è la nostalgia di casa a spingere Fortuna a farvi ritorno, ma il ritrovamento dei resti di un corpo femminile in un anfratto, tra i boschi che circondano il lago. Quel corpo potrebbe essere di Luce, la più cara amica di Fortuna, scomparsa nel nulla pochi giorni prima che la giovane lasciasse Roccachiara.

Il ritorno di Fortuna è doloroso, riapre vecchie ferite e disseppellisce ricordi che sembravano perduti.

Fortuna ritrova sua madre, Onda, e con lei tracce e ferite di un passato che aveva cercato di dimenticare, ma non si può cancellare la propria storia e non si può dimenticare se stessi.

Acquanera è la storia di quattro generazioni di donne. Donne tanto diverse tra loro quanto simili, accomunate dalla capacità di provare forti sentimenti e di lottare contro l’emarginazione che incombe perenne su di loro come un nemico caparbio.

Valentina D’Urbano torna dopo appena un anno dal suo esordio letterario che fu lo struggente Il rumore dei tuoi passi, la cui fama ha di recente oltrepassato i confini nazionali. In quei giorni più d’uno la definì una promessa della letteratura, ebbene quella promessa oggi è mantenuta e chi ha amato Alfredo e Beatrice, non potrà esimersi dall’addentrarsi nel microuniverso di Roccachiara.

Acquanera è un romanzo lirico e al contempo vigoroso, che ci narra una storia non meno difficile di quella che vide coinvolti i protagonisti de Il rumore dei tuoi passi. Clara, Elsa, Onda, Luce e Fortuna sono ognuna speciale a suo modo, destinate a lasciare traccia di sé.  Sono vere protagoniste della propria vita, agguerrite nel respingere un destino che sembra già deciso.

Sono le donne le sole eroine del racconto, nel bene e nel male. Gli uomini restano in ombra, fugaci apparizioni non sempre determinanti nella vita delle protagoniste. A Roccachiara si respira un’atmosfera incantata, che impone di tener sospeso il fiato in attesa di eventi che elettrizzano l’aria.

La Valentina D’Urbano di Acquanera mi ha, a tratti, ricordato la Isabelle Allende de La casa degli spiriti, o di Ritratto in seppia, romanzi che hanno lasciato il segno come credo farà questo secondo lavoro della brava scrittrice romana.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Valentina

D'urbano

Libri dallo stesso autore

Intervista a D'Urbano Valentina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Città reali scomposte e trasformate in chiave onirica, e città simboliche e surreali che diventano archetipi moderni in un testo narrativo che raggiunge i vertici della poeticità.

L’arte di insegnare a vedere l’invisibile, Calvino e il suo «poema d’amore»: Le città invisibili

Calvino Italo

http://www.lafeltrinelli.it/products/9788866880103/In_difesa_di_Jacob/William_Landay.html

IN DIFESA DI JACOB

Landay William

A che ora muori?

Carabba Simone

Il destino può riservare incontri che cambiano la vita. Così è stato per Caterina, una studentessa universitaria con il fiuto per il mistero e il vizio della curiosità nella sua nuova amicizia con Rose, un’anziana vestita come una bambola e che serba in sé un segreto rimasto tale troppo a lungo. In un appartamento milanese dove il tempo sembra essersi fermato, tra bicchieri di vodka, domande e riflessioni, Rose narrerà a Caterina della sua vita in Galles, dall’infanzia all’adolescenza rubata, fino all’età adulta, divisa tra l’amore per un enigmatico pittore spagnolo e l’affettuoso rapporto con un ragazzo geniale. Sul filo della rivelazione di una verità sconvolgente, Rose terrà Caterina e il lettore con il fiato sospeso in una narrazione precisa, colta, appassionante.

Mi salvarono i colli del Galles

Premoli Elena