Narrativa

ACQUANERA

D'Urbano Valentina

Descrizione: È un mattino di pioggia gelida quello in cui Fortuna torna a casa. Sono passati dieci anni dall’ultima volta, ma Roccachiara è rimasto uguale a un tempo: un paesino abbarbicato alle montagne e a precipizio su un lago, le cui acque sembrano inghiottire la luce del sole. Fortuna pensava di essere riuscita a scappare, di aver finalmente lasciato il passato alle spalle, spezzato i legami con ciò che resta della sua famiglia per rinascere a nuova vita, lontano. Ma nessun segreto può resistere all’erosione dell’acqua nera del lago. A richiamarla a Roccachiara è un ritrovamento, nel profondo del bosco, che potrebbe spiegare l’improvvisa scomparsa della sua migliore amica, Luce. O forse, a costringerla a quel ritorno è la forza invisibile che, nonostante tutto e tutti, ha sempre unito la sua famiglia: tre generazioni di donne tenaci e coraggiose, ognuna a suo modo. E forse, questa volta, è giunta l’ora che Fortuna dipani i segreti nascosti nella storia della sua famiglia. Forse è ora che capisca qual è la natura di quella forza invisibile, per riuscire a darle un nome. Sperando che si chiami amore.

Categoria: Narrativa

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2013

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Fortuna torna dopo dieci anni. Un decennio di esilio volontario dal piccolo paese che l’ha vista nascere e da quel poco che resta della sua famiglia.

Il villaggio è Roccachiara, un piccolo agglomerato di case che affaccia su un lago cupo che sembra calamita di sciagure e dolore.

Non è la nostalgia di casa a spingere Fortuna a farvi ritorno, ma il ritrovamento dei resti di un corpo femminile in un anfratto, tra i boschi che circondano il lago. Quel corpo potrebbe essere di Luce, la più cara amica di Fortuna, scomparsa nel nulla pochi giorni prima che la giovane lasciasse Roccachiara.

Il ritorno di Fortuna è doloroso, riapre vecchie ferite e disseppellisce ricordi che sembravano perduti.

Fortuna ritrova sua madre, Onda, e con lei tracce e ferite di un passato che aveva cercato di dimenticare, ma non si può cancellare la propria storia e non si può dimenticare se stessi.

Acquanera è la storia di quattro generazioni di donne. Donne tanto diverse tra loro quanto simili, accomunate dalla capacità di provare forti sentimenti e di lottare contro l’emarginazione che incombe perenne su di loro come un nemico caparbio.

Valentina D’Urbano torna dopo appena un anno dal suo esordio letterario che fu lo struggente Il rumore dei tuoi passi, la cui fama ha di recente oltrepassato i confini nazionali. In quei giorni più d’uno la definì una promessa della letteratura, ebbene quella promessa oggi è mantenuta e chi ha amato Alfredo e Beatrice, non potrà esimersi dall’addentrarsi nel microuniverso di Roccachiara.

Acquanera è un romanzo lirico e al contempo vigoroso, che ci narra una storia non meno difficile di quella che vide coinvolti i protagonisti de Il rumore dei tuoi passi. Clara, Elsa, Onda, Luce e Fortuna sono ognuna speciale a suo modo, destinate a lasciare traccia di sé.  Sono vere protagoniste della propria vita, agguerrite nel respingere un destino che sembra già deciso.

Sono le donne le sole eroine del racconto, nel bene e nel male. Gli uomini restano in ombra, fugaci apparizioni non sempre determinanti nella vita delle protagoniste. A Roccachiara si respira un’atmosfera incantata, che impone di tener sospeso il fiato in attesa di eventi che elettrizzano l’aria.

La Valentina D’Urbano di Acquanera mi ha, a tratti, ricordato la Isabelle Allende de La casa degli spiriti, o di Ritratto in seppia, romanzi che hanno lasciato il segno come credo farà questo secondo lavoro della brava scrittrice romana.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Valentina

D'urbano

Libri dallo stesso autore

Intervista a D'Urbano Valentina

Presentazione dell'Autore È la storia di una donna che con ironia e spirito di osservazione mette in pratica gli insegnamenti di un filosofo, un maestro che le ha insegnato a rinascere. Dal rischio di sprofondare nell'anoressia si eleva, mettendo le ali, a filosofa lei stessa, e nella frenesia di aiutare gli altri si salva iniziando una nuova vita. Impara a non soccombere più alle prevaricazione e lo insegna a tutti quelli che incontra. Non mancano nel racconto episodi esilaranti al limite del paradosso e varie storie di sesso raccontate con eleganza, come quella del diritto all'orgasmo. Francesca, la protagonista, diventa il simbolo del riscatto femminile, una donna che non accetta più di auto-infliggersi punizioni, ma rivendica il suo ruolo paritario accanto all'uomo. Dietro la maschera di Francesca si nasconde una storia vera e un mondo di relazioni tra donne e uomini elaborate sulla panchina del dialogo. Un libro scritto per le donne e utile anche agli uomini. Dalla quarta di Alberoni: "un libro divertente e delizioso che vi darà di certo molti spunti per cavarvela nelle piccole e grandi difficoltà della vita". Informazioni sull'autrice: Maria Giovanna Farina, nata a Milano nel '62, si è laureata in Filosofia all'Università Statale di Milano e svolge la professione di consulente filosofico nella stessa città. Pioniera nel campo delle pratiche filosofiche, sempre a Milano fonda lo studio professionale Heuristic Institution prima e l'associazione culturale L'accento di Socrate poi. Collabora con varie riviste e ha una rubrica su www.siamodonne.it dove videointervista personaggi della cultura e dello spettacolo. Sul suo sito si trovano tutte le sue attività www.mariagiovannafarina.it

Ho messo le ali

Farina Maria Giovanna

The White Album è un intenso reportage giornalistico che indaga i grandi miti dell'America degli anni Sessanta, la cultura, gli idoli, la vita quotidiana, le icone pop. Joan Didion descrive e analizza gli eventi chiave e le principali tendenze di quell'epoca, soffermandosi sulle vicende di alcuni personaggi cruciali. Da Charles Manson a Doris Lessing, dalla pittrice Georgia O'Keeffe alla storica organizzazione afroamericana delle Pantere Nere, dai centri commerciali "che fluttuano nel paesaggio come piramidi" alla Villa Getty di Malibu: ogni cosa è vista attraverso il suo sguardo lucido e impietoso, fragile e inquieto. The White Album è un reportage attuale e imprescindibile, un grande classico moderno del giornalismo narrativo, con cui Didion ha contribuito a raccontare l'America e il suo immaginario.

The White Album

Didion Joan

Impetuoso, lieve, sconvolgente: è il vento che soffia senza requie sulle pendici del Rossarco, leggendaria, enigmatica altura a pochi chilometri dal mar Jonio. Il vento scuote gli olivi secolari e gli arbusti odorosi, ulula nel buio, canta di un antico segreto sepolto e fa danzare le foglie come ricordi dimenticati. Proprio i ricordi condivisi sulla "collina del vento" costituiscono le radici profonde della famiglia Arcuri, che da generazioni considera il Rossarco non solo luogo sacro delle origini, ma anche simbolo di una terra vitale che non si arrende e tempio all'aria aperta di una dirittura etica forte quanto una fede. Così, quando il celebre archeologo trentino Paolo Orsi sale sulla collina alla ricerca della mitica città di Krimisa e la campagna di scavi si tinge di giallo, gli Arcuri cominciano a scontrarsi con l'invidia violenta degli uomini, la prepotenza del latifondista locale e le intimidazioni mafiose. Testimone fin da bambino di questa straordinaria resistenza ai soprusi è Michelangelo Arcuri, che molti anni dopo diventerà il custode della collina e dei suoi inconfessabili segreti. Ma spetterà a Rino, il più giovane degli Arcuri, di onorare una promessa fatta al padre e ricostruire pezzo per pezzo un secolo di storia familiare che s'intreccia con la grande storia d'Italia, dal primo conflitto mondiale agli anni cupi del fascismo, dalla liberazione alla rinascita di un'intera nazione nel sogno di un benessere illusorio. Carmine Abate dà vita a un romanzo dal ritmo serrato e dal linguaggio seducente, che parte da Alberto, il tenace patriarca, agli inizi del Novecento, passa per i suoi tre figli soldati nella Grande Guerra e per tutte le sue donne forti e sensuali, e giunge fino a Umberto Zanotti-Bianco, all'affascinante Torinèsia e all'ultimo degli Arcuri, uomo dei nostri giorni che sceglie di andare lontano. La collina del vento è la saga appassionata e coinvolgente, epica ed eroica di una famiglia che nessuna avversità riesce a piegare, che nessun vento potrà mai domare.

LA COLLINA DEL VENTO

Abate Carmine

Una passione d'amore bruciante, un lungo viaggio nelle profondità del desiderio di una donna per un'altra donna.

SCRITTO SUL CORPO

Winterson Jeanette