Giallo - thriller - noir

AD LUCEM

Cortese Alessandro

Descrizione: La congiura è fallita. Gli Angeli, colpevoli di aver tradito la fiducia del Grande Padre sono stati cacciati dal Paradiso Terrestre e scaraventati nell'Abisso. Ma Lucifero, custode del lume, ha deciso di ribellarsi: da capo rivoluzionario a dittatore, è pronto a sfruttare tutto e tutti pur di ottenere la vendetta su Yahweh. La caduta dall'Eden non è che l'inizio della guerra più grande. La Storia della Creazione come mai è stata raccontata, un punto di vista finora non affrontato perché considerato tabù. Una reinterpretazione della Bibbia in grado di proiettarci verso una trasformazione dell'esistenza. Con una narrazione a metà tra la storiografia e il più classico dei fantasy, il libro indaga sulla natura dell'eterno conflitto tra il bene e il male, intessendo una trama basata tanto sulle fonti più antiche del mito e della sacralità, quanto su alcune tra le principali opere di letteratura mondiale di ogni tempo.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: ARPANet

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788874261727

Trama

Le Vostre recensioni

Seguito di EDEN, il secondo romanzo di Alessandro Cortese relativo alla trilogia sulla Genesi,  AD LUCEM  presenta una struttura più complessa rispetto al lavoro precedente pur mantenendone il ritmo sostenuto che, tranne qualche lieve appannamento non abbandona mai il romanzo e il medesimo apparato scenico.

Lo scrittore però allarga il suo orizzonte non limitandosi come fonti soltanto alla Bibbia, ma attingendo a piene mani dalla Kabbala ebraica (vedasi ad esempio la figura di Lillith , la “femme fatale” ritratta da Dante Gabriel Rossetti), dalla mitologia cosmogonica, ma anche da romanzi ed autori contemporanei (tra gli altri Orwell e Pasolini ) e da teorie scientifiche.

Il risultato da’ origine a un’opera senza dubbio dotta, sostenuta dallo stile di Cortese scorrevole, moderno grazie a un periodare non arzigogolato, ma composto da frasi brevi e nel contempo forte di un lessico non comune, elevato e comprensibile al tempo stesso.

Il lettore può forse disorientarsi perché non è adottata nel romanzo una narrazione cronologica o pseudotale e quindi potrebbe fare fatica a distinguere tra le varie figure introdotte dal testo soprattutto se appartenenti a miti poco noti, ciononostante l’architettura della storia è chiara come anche il suo senso intrinseco.

Le teorie accennate nel libro ancora una volta potrebbero creare nei fondamentalisti cristiani un sicuro turbamento, ma l’autore, forse consapevole di questo, inserendo a conclusione un suo saggio in cui espone e spiega le sue fonti ispirative, mostra le sue valide argomentazioni.

Qual è la natura vera di Lucifero? E quella del grande Padre? Perché esistono il bene e il male?

John Milton nel suo “Paradiso perduto” fu forse uno dei primi a porsi l’interrogativo, William Blake parlò di dualismo presente già a monte nell’atto della creazione poiché animali feroci come la tigre e animali mansueti e docili come l’agnello hanno avuto lo stesso processo creativo: “Did he who made the Lamb make thee?” (The tyger).

Preceduto da nomi illustri Cortese espone una tesi che forse può essere osteggiata e invisa da molti ma sicuramente affascinante.

Un plauso a questo giovane autore che con piglio sicuro ha saputo affrontare un argomento difficile riuscendo a non annoiare, ma a dare al tema il taglio incalzante di un thriller moderno.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Cortese

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cortese Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un sorriso in una lacrima

Eros Otto

Ferite d’oro. Quando un oggetto di valore si rompe, in Giappone, lo si ripara con oro liquido. È un’antica tecnica che mostra e non nasconde le fratture. Le esibisce come un pregio: cicatrici dorate, segno orgoglioso di rinascita. Anche per le persone è così. Chi ha sofferto è prezioso, la fragilità può trasformarsi in forza. La tecnica che salda i pezzi, negli esseri umani, si chiama amore. Questa è la storia di Irina, che ha combattuto una battaglia e l’ha vinta. Una donna che non dimentica il passato: lo ricorda, lo porta al petto come un fiore. Irina ha una vita serena, ordinata. Un marito, due figlie gemelle. È italiana, vive in Svizzera, lavora come avvocato. Un giorno qualcosa si incrina. Il matrimonio finisce, senza traumi apparenti. In un fine settimana qualsiasi Mathias, il padre delle bambine, porta via Alessia e Livia. Spariscono. Qualche giorno dopo l’uomo si uccide. Delle bambine non c’è più nessuna traccia. Pagina dopo pagina, rivelazione dopo rivelazione, a un ritmo che fa di questo libro un autentico thriller psicologico e insieme un superbo ritratto di donna, coraggiosa e fragile, Irina conquista brandelli sempre più luminosi di verità e ricuce la sua vita. Da quel fondo oscuro, doloroso, arriva una luce nuova. La possibilità di amare ancora, l’amore che salda e che resta. Concita De Gregorio prende i fatti, semplici e terribili, ed entra nella voce della protagonista. Indagando a fondo una storia vera crea un congegno narrativo rapido, incalzante e pieno di sorprese. Scandisce l’esistenza di questa madre privata dei figli – qual è la parola per dirlo? – in lettere, messaggi, elenchi. Irina scrive alla nonna, al fratello, al giudice, alla maestra delle gemelle, abbozza ritratti, scava nei gesti, torna alle sue radici, trova infine un approdo. Dimenticare significa portare fuori dalla mente, ricordare è tenere nel cuore. Il bisogno di essere ancora felice, ripetuto a voce alta, una sfida contro le frasi fatte, contro i giudizi e i pregiudizi.

Mi sa che fuori è primavera

De Gregorio Concita

Attraverso le avventure di Gulliver l'autore si sfogò contro una congiuntura sociale e politica dell'Inghilterra del primo Settecento e soprattutto contro l'intolleranza, la corruzione, l'avidità, l'ipocrisia della cieca fiducia nella scienza.

I viaggi di Gulliver

Swift Jonathan

Il giovane Theo Decker sta visitando una mostra di pittori fiamminghi al Metropolitan Museum di New York quando accade l'inconcepibile: lo scoppio di una bomba, calcinacci, sangue e grida dappertutto, e per terra decine di corpi senza vita, tra cui quello della madre di Theo. Sconvolto e in stato confusionale, Theo si allontana dal luogo dell'attentato senza che i soccorsi e le forze dell'ordine riescano a intercettarlo. E, per timore di finire affidato ai servizi sociali (il padre ha da tempo abbandonato la famiglia per rifarsi una vita con la nuova fidanzata a Las Vegas), si nasconde nel suo appartamento insieme al pacchetto che una delle vittime gli ha affidato pochi minuti prima di morire. Il tesoro contenuto all'interno, un piccolo prezioso dipinto raffigurante un cardellino, sarà l'unica costante, il centro di gravità permanente nella vita deragliata di Theo, simbolo di un'innocenza impossibile da riscattare. E insieme miccia di una pulsione autodistruttiva destinata a tormentarlo per sempre. Tra i salotti dell'Upper East Side e la desolazione della periferia Las Vegas, tra amori impossibili e vizi inconfessabili, capolavori rubati e vertiginose fughe lungo i canali di Amsterdam.

Il cardellino

Tartt Donna