Giallo - thriller - noir

AD LUCEM

Cortese Alessandro

Descrizione: La congiura è fallita. Gli Angeli, colpevoli di aver tradito la fiducia del Grande Padre sono stati cacciati dal Paradiso Terrestre e scaraventati nell'Abisso. Ma Lucifero, custode del lume, ha deciso di ribellarsi: da capo rivoluzionario a dittatore, è pronto a sfruttare tutto e tutti pur di ottenere la vendetta su Yahweh. La caduta dall'Eden non è che l'inizio della guerra più grande. La Storia della Creazione come mai è stata raccontata, un punto di vista finora non affrontato perché considerato tabù. Una reinterpretazione della Bibbia in grado di proiettarci verso una trasformazione dell'esistenza. Con una narrazione a metà tra la storiografia e il più classico dei fantasy, il libro indaga sulla natura dell'eterno conflitto tra il bene e il male, intessendo una trama basata tanto sulle fonti più antiche del mito e della sacralità, quanto su alcune tra le principali opere di letteratura mondiale di ogni tempo.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: ARPANet

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788874261727

Trama

Le Vostre recensioni

Seguito di EDEN, il secondo romanzo di Alessandro Cortese relativo alla trilogia sulla Genesi,  AD LUCEM  presenta una struttura più complessa rispetto al lavoro precedente pur mantenendone il ritmo sostenuto che, tranne qualche lieve appannamento non abbandona mai il romanzo e il medesimo apparato scenico.

Lo scrittore però allarga il suo orizzonte non limitandosi come fonti soltanto alla Bibbia, ma attingendo a piene mani dalla Kabbala ebraica (vedasi ad esempio la figura di Lillith , la “femme fatale” ritratta da Dante Gabriel Rossetti), dalla mitologia cosmogonica, ma anche da romanzi ed autori contemporanei (tra gli altri Orwell e Pasolini ) e da teorie scientifiche.

Il risultato da’ origine a un’opera senza dubbio dotta, sostenuta dallo stile di Cortese scorrevole, moderno grazie a un periodare non arzigogolato, ma composto da frasi brevi e nel contempo forte di un lessico non comune, elevato e comprensibile al tempo stesso.

Il lettore può forse disorientarsi perché non è adottata nel romanzo una narrazione cronologica o pseudotale e quindi potrebbe fare fatica a distinguere tra le varie figure introdotte dal testo soprattutto se appartenenti a miti poco noti, ciononostante l’architettura della storia è chiara come anche il suo senso intrinseco.

Le teorie accennate nel libro ancora una volta potrebbero creare nei fondamentalisti cristiani un sicuro turbamento, ma l’autore, forse consapevole di questo, inserendo a conclusione un suo saggio in cui espone e spiega le sue fonti ispirative, mostra le sue valide argomentazioni.

Qual è la natura vera di Lucifero? E quella del grande Padre? Perché esistono il bene e il male?

John Milton nel suo “Paradiso perduto” fu forse uno dei primi a porsi l’interrogativo, William Blake parlò di dualismo presente già a monte nell’atto della creazione poiché animali feroci come la tigre e animali mansueti e docili come l’agnello hanno avuto lo stesso processo creativo: “Did he who made the Lamb make thee?” (The tyger).

Preceduto da nomi illustri Cortese espone una tesi che forse può essere osteggiata e invisa da molti ma sicuramente affascinante.

Un plauso a questo giovane autore che con piglio sicuro ha saputo affrontare un argomento difficile riuscendo a non annoiare, ma a dare al tema il taglio incalzante di un thriller moderno.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Cortese

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cortese Alessandro

Caligola. Impero e follia (dialogando con l’autore)

Forte Franco

Più ispirato che mai, Fabio Genovesi torna a farci sognare con la sua scrittura unica, che ci travolge e ci emoziona come un'onda impetuosa, ci fa commuovere, sorridere e poi ridere fino alle lacrime. E ci racconta cosa vuol dire credere in qualcosa. Hai presente quando la radio passa la canzone che ascoltavi sempre alle superiori, e ti immaginavi nel futuro, libero e felice di fare quel che volevi... be', se a sentirla il cuore ti si stringe e alla fine devi cambiare stazione, vuol dire che in quel futuro qualcosa non è andato come sognavi. Così è per Fabio, che ha ventiquattro anni e studia giurisprudenza. La materia non lo entusiasma per niente, ma una serie di circostanze lo ha condotto lì, e lui non ha avuto la forza di opporsi. Perciò procede stancamente, fin quando – siamo nel 1998 – per evitare il servizio militare obbligatorio viene spedito in un ospizio per preti in cima ai monti. Qua il direttore è un ex missionario ottantenne ruvido e lunatico, che non esce dalla sua stanza perché non gli interessa più nulla, e tratta male tutti tranne Gina, una ragazza che si crede una gallina. Diversi come sono, qualcosa in comune Fabio e Don Basagni ce l'hanno: la passione per il ciclismo. Così iniziano a guardare insieme il Giro d'Italia, e trovano in Marco Pantani l'incarnazione di un sogno. Un uomo coraggioso, tormentato e solo, che si confronta con campioni colossali che hanno il loro punto di forza nella prudenza e nel controllo della corsa. Pantani invece non fa tanti calcoli, lui dà retta all'istinto e compie sforzi immani che gli permettono di spostare il confine, "il terribile confine tra il possibile e l'impossibile, tra quel che vorremmo fare e quel che si può". Grazie a questa meravigliosa follia, Fabio e Don Basagni troveranno in sé un'audacia sepolta, e metteranno in discussione l'esistenza solida e affidabile che ormai erano abituati a sopportare. Più ispirato che mai, Fabio Genovesi torna a farci sognare con la sua scrittura unica, che ci travolge...

Cadrò, sognando di volare

Genovesi Fabio

Protagonisti sono Mosè e suo fratello Enrico, lo scatenato Vanni (appassionato di pesca subacquea) e Pedro, immigrato dall'Argentina. Hanno trentanni, sono amici da sempre e hanno molta voglia di divertirsi. Hanno anche tutti i problemi che può avere oggi un giovane cresciuto in una delle tante periferie italiane: il lavoro, i soldi, i rapporti di coppia (Viviana ha appena lasciato Enrico...). Vite qualunque e però piene di avventure sgangherate e divertenti, finché Enrico, improvvisato infermiere e badante, non inizia a occuparsi di Adelaide, un'anziana che, dopo essere stata rinchiusa per trentanni in manicomio, può finalmente tornare a casa propria. Quando entra nell'appartamento di Adelaide, resta sbalordito: la donna ha inciso tutte le pareti con scritte quasi illeggibili, fitte fitte: è il racconto di una vita, forse la traccia di un tesoro.

Poco più di niente

Calamini Cosimo

Menina, centenaria, unica erede dei potenti Carvalhais Medeiros, spadroneggia sulla famiglia e su tutta la città. Chiusa nella sua villa sontuosa, teme il sesso, la luce, i colori. Vive di minacce e rancore, della sua fredda intelligenza. Solo una giovane nipote, Marina, non si lascia intimidire. Con João, ha esplorato tutti gli angoli della città, i quartieri più poveri, le vie delle prostitute. Il suo amore per lui è nato a diciott'anni, sulla sabbia fine delle dune di Jaçaña. E adesso che João è in prigione, per aver scritto sui muri che la libertà è un passero blu,Marina non vede l'ora che venga il sabato, per andarlo a trovare con una scatola di biscotti fatti in casa.

LA LIBERTA’ E’ UN PASSERO BLU

Studart Heloneida