Giallo - thriller - noir

AD LUCEM

Cortese Alessandro

Descrizione: La congiura è fallita. Gli Angeli, colpevoli di aver tradito la fiducia del Grande Padre sono stati cacciati dal Paradiso Terrestre e scaraventati nell'Abisso. Ma Lucifero, custode del lume, ha deciso di ribellarsi: da capo rivoluzionario a dittatore, è pronto a sfruttare tutto e tutti pur di ottenere la vendetta su Yahweh. La caduta dall'Eden non è che l'inizio della guerra più grande. La Storia della Creazione come mai è stata raccontata, un punto di vista finora non affrontato perché considerato tabù. Una reinterpretazione della Bibbia in grado di proiettarci verso una trasformazione dell'esistenza. Con una narrazione a metà tra la storiografia e il più classico dei fantasy, il libro indaga sulla natura dell'eterno conflitto tra il bene e il male, intessendo una trama basata tanto sulle fonti più antiche del mito e della sacralità, quanto su alcune tra le principali opere di letteratura mondiale di ogni tempo.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: ARPANet

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788874261727

Trama

Le Vostre recensioni

Seguito di EDEN, il secondo romanzo di Alessandro Cortese relativo alla trilogia sulla Genesi,  AD LUCEM  presenta una struttura più complessa rispetto al lavoro precedente pur mantenendone il ritmo sostenuto che, tranne qualche lieve appannamento non abbandona mai il romanzo e il medesimo apparato scenico.

Lo scrittore però allarga il suo orizzonte non limitandosi come fonti soltanto alla Bibbia, ma attingendo a piene mani dalla Kabbala ebraica (vedasi ad esempio la figura di Lillith , la “femme fatale” ritratta da Dante Gabriel Rossetti), dalla mitologia cosmogonica, ma anche da romanzi ed autori contemporanei (tra gli altri Orwell e Pasolini ) e da teorie scientifiche.

Il risultato da’ origine a un’opera senza dubbio dotta, sostenuta dallo stile di Cortese scorrevole, moderno grazie a un periodare non arzigogolato, ma composto da frasi brevi e nel contempo forte di un lessico non comune, elevato e comprensibile al tempo stesso.

Il lettore può forse disorientarsi perché non è adottata nel romanzo una narrazione cronologica o pseudotale e quindi potrebbe fare fatica a distinguere tra le varie figure introdotte dal testo soprattutto se appartenenti a miti poco noti, ciononostante l’architettura della storia è chiara come anche il suo senso intrinseco.

Le teorie accennate nel libro ancora una volta potrebbero creare nei fondamentalisti cristiani un sicuro turbamento, ma l’autore, forse consapevole di questo, inserendo a conclusione un suo saggio in cui espone e spiega le sue fonti ispirative, mostra le sue valide argomentazioni.

Qual è la natura vera di Lucifero? E quella del grande Padre? Perché esistono il bene e il male?

John Milton nel suo “Paradiso perduto” fu forse uno dei primi a porsi l’interrogativo, William Blake parlò di dualismo presente già a monte nell’atto della creazione poiché animali feroci come la tigre e animali mansueti e docili come l’agnello hanno avuto lo stesso processo creativo: “Did he who made the Lamb make thee?” (The tyger).

Preceduto da nomi illustri Cortese espone una tesi che forse può essere osteggiata e invisa da molti ma sicuramente affascinante.

Un plauso a questo giovane autore che con piglio sicuro ha saputo affrontare un argomento difficile riuscendo a non annoiare, ma a dare al tema il taglio incalzante di un thriller moderno.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Cortese

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cortese Alessandro

1311. In missione segreta per conto dell'imperatore, Dante fa il suo ingresso a Venezia, una città umida e inospitale, che lui detesta. Non ha intenzione di trattenersi a lungo, ma poi viene fermato da un uomo che sembra sapere molte cose su di lui e soprattutto sull'opera che sta scrivendo, l'Inferno, e che lo invita alla riunione di una setta in possesso di una reliquia straordinaria: la Sindone del diavolo. Così, quando alcune persone vengono trovate morte in circostanze misteriose, il poeta capisce che a Venezia sta accadendo qualcosa di molto strano. Qualcosa su cui è necessario indagare...

La sindone del diavolo

Leoni Giulio

La vita sonnolenta di un’isola in mezzo al mare viene turbata dalla scomparsa di Cecilia, diciassette anni, bruna, florida, allegra e senza fantasie, poi ritrovata morta in fondo a un pozzo. Suo padre, grande e grosso come una specie di orco da fiaba, gestisce il negozio di alimentari in alto sulla collina. Improvvisamente tutta l’isola vibra di eccitazione e di curiosità. Un’aria di suspense si addensa a poco a poco. Uno straniero sbarca dalla nave con una valigia in mano e uno strano cappello calato sugli occhi, quasi non volesse farsi riconoscere. Una vecchia racconta di avere udito al calare della sera un grido moribondo, non si sa se umano o animale. Un bambino dice di aver visto un’ombra seguire la ragazza su per la ripida salita verso il paese alto. Un paio di scarpe di vernice nera col tacco fanno il giro del paese non per ordine di un Principe Azzurro ma nelle mani di un giovane e inesperto carabiniere.

L’ETA’ DELL’ARGENTO

Bompiani Ginevra

WONDER

Palacio R. J.

Quattro pensionati - un giudice, un avvocato, un pubblico ministero e un boia - ammazzano il tempo inscenando i grandi processi della storia: a Socrate, Gesù, Dreyfus. Ma certo è più divertente quando alla sbarra finisce un imputato in carne e ossa: come Alfredo Traps, rappresentante di commercio, che il fato conduce un giorno alla villetta degli ex uomini di legge. La sua automobile ha avuto una panne lì vicino, ma lui non se ne rammarica, anzi: pregusta già il lato piccante della situazione. Si ritrova invece fra i quattro vegliardi, che gli illustrano il loro passatempo. L'ospite è spiacente: non ha commesso, ahimè, nessun delitto. Come aiutarli? Niente paura, lo rassicurano: "un crimine si finisce sempre per trovarlo". E se la colpa non viene alla luce, la si confeziona su misura: "bisogna confessare, che lo si voglia o no, c'è sempre qualcosa da confessare". Tra grandi abbuffate e abbondanti libagioni, il gioco si fa sempre più pericoloso, finché il piazzista si avvede d'essere non già un tipo banale, mosso solo da meschine aspirazioni di carriera e sesso, bensì un delinquente machiavellico, capace di usare la sua amante come un'arma infallibile contro il superiore cardiopatico.

La panne

Dürrenmatt Friedrich