Narrativa

Adorazione

Urciuolo Alice

Descrizione: A Pontinia, piccolo centro di fondazione fascista nel mezzo della pianura pontina, il giovane Enrico ha ucciso la fidanzata Elena. Ma chi è davvero responsabile della morte di Elena? Solo Enrico o in una certa misura anche l'intera comunità, ancora marcata dall'impronta fascista e regolata nel profondo da valori patriarcali? E quanto quei valori continuano a segnare le vite dei ragazzi e delle ragazze? Vanessa, la migliore amica di Elena; Giorgio, che era innamorato di lei; Christian, il suo ex fidanzato; Laura, la sorella minore di Giorgio; Diana, la migliore amica di Laura; e i loro genitori: tutti devono fare i conti con il trauma. Per ognuno dei giovani la morte di Elena ha un significato diverso, e per ognuno va a sovrapporsi alla propria storia personale, a un'educazione sentimentale e sessuale fatta di estremi, in cui l'amore, la tenerezza e il desiderio si mescolano alla sopraffazione, all'umiliazione e alla violenza. Tutto accade nel corso di un'estate afosa tra Pontinia, Latina e le dune e il mare di Sabaudia. Roma, la grande città, sta sullo sfondo, vicinissima e lontana insieme.

Categoria: Narrativa

Editore: 66thand2nd

Collana: Bookclub

Anno: 2020

ISBN: 9788832971347

Recensito da Simone Pozzati

Le Vostre recensioni

Oggi vi parlerò di Adorazione di Alice Urciuolo edito da 66thand2nd e candidato al premio Strega edizione 2021.

Non mi soffermerò ad illustravi la trama e i punti nodali del romanzo, cosa che trovo assai superflua nel recensire uno scritto. Poiché la recensione dovrebbe anzitutto mettere in luce il perché leggere un determinato libro e tutt’al più invogliare il lettore a dedicare il suo tempo nella lettura. Oltretutto l’indugiare in passaggi della trama potrebbe togliere gusto al lettore.

Dunque che di dire su Adorazione di Alice Urciuolo?

Una scrittura calibrata, comprensibile, certo non un pezzo da Letteratura mondiale ma senz’altro un libro godibilissimo, di facile lettura. La narrazione non si concede tanti sconvolgenti, grosse tensioni, climax o capovolgimenti, sono infatti abbastanza prevedibili l’andamento e la direzione della storia. Insomma un romanzo di formazione che prova a rappresentare le nuove generazioni, forse proprio quella dei millennials. Una storia dove tutti, adulti e adolescenti, sono soggetti alle ingiustizie del caso o alla responsabilità collettiva. Il fulcro del romanzo è la morte di Elena, uccisa dal fidanzato, su questo dubbio e ricordo doloroso poggiano desiderio e tradimento.  Questi due sentimenti muovono i fili dei protagonisti adolescenti confinati nelle loro esistenze abbozzate e in costruzione. Personaggi dalla caratterizzazione del tutto veritiera con le loro luci ed ombre.  Sullo sfondo l’Agro pontino, Latina, Sabaudia, Pontinia e anche Roma.
Dentro c’è un po’ di tutto, dalla violenza sulle donne all’amore omosessuale, dal tradimento all’amicizia sincera, fino alla scoperta del corpo attraverso il sesso. La Urciuolo sembra ben tracciare il senso di noia che pervade la stagnante vita di provincia e il romanzo ha il merito di lasciarsi leggere nonostante il suo sviluppo sia – come già accennato – del tutto intellegibile. La curiosità del lettore consisterà nel capire se i personaggi riusciranno a prendere decisioni sorprendenti o si limiteranno a percorrere la strada di destini inevitabili e già segnati. Il passaggio dall’adolescenza all’età della maturità si compie sempre attraverso qualche atto di apparente irresponsabilità, è il desiderio di novità che spinge alla prova e al superamento dei piccoli limiti adombrati nelle zone di comfort. si tratti di un treno che porta a un’ora di distanza da casa, della tresca dentro un ripostiglio o semplicemente dell’imparare a dire di no. Sul finale il libro porta a compimento l’evoluzione dei personaggi, eroi nel loro piccolo microcosmo, e lascia spazio alla dolce e cruda verità sulle nostre contraddizioni interne arrivando a toccare corde molto intime. Forse, in sintesi, Adorazione è un libro sulla scoperta di se stessi, sull’accettarsi, che passa specularmente dall’adorazione degli altri all’amore per se stessi. Un romanzo che apre voragini sopra i tormenti e i dubbi provocati dall’adolescenza. In grado di generare ricordi precisi in chi l’Agro Pontino l’ha vissuto non ai tempi del compianto Antonio Pennacchi, ma ai giorni nostri. La palude resta palude anche in Adorazione solo con un po’ di cemento in più e qualche sovrastruttura di troppo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alice

Urciuolo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Urciuolo Alice

L’io narrante, un professore di letteratura che festeggia i suoi sessant’anni di carriera universitaria, riceve da studenti e colleghi un volume in suo onore, e si accorge che in quella biografia manca un elemento che ha invece rappresentato la più significativa e determinante esperienza emotiva e sentimentale di tutta la sua vita, mai confessata a nessuno. Torna così ai suoi anni giovanili e studenteschi e all’incontro fondamentale con un collega da cui era rimasto totalmente affascinato e intellettualmente sedotto, e il quale, a sua volta, segretamente omosessuale, si era innamorato di lui. L’altalenante rapporto di tenerezza e repulsione con il suo maestro provoca nel giovane angoscia, sofferenza e confusione che lo conducono dolorosamente nella vita adulta. Come spesso nei racconti di Zweig, un elemento imprevedibile e incontrollabile, quel sovvertimento dei sensi, turbamento delle zone più oscure della coscienza, è in grado di travolgere e sconvolgere istantaneamente la vita di un essere umano; ed è ciò che avviene sia nell’animo del giovane e ingenuo protagonista che in quello del vecchio docente, i cui sentimenti omosessuali per lo studente lo gettano in una profonda disperazione e nello smarrimento di quelle convenzioni borghesi in cui la sua vita si era fino a quel momento faticosamente conservata. Racconto che rispecchia perfettamente la poetica di Zweig, Sovvertimento dei sensi analizza la dualità, le ossessioni, i sensi di colpa, i desideri inconfessati e i conflitti interiori del personaggio con l’usuale finezza psicologica dell’autore, e ci offre un’ulteriore rappresentazione della passione vissuta come forza oscura e irreprimibile.

Sovvertimento dei sensi

Zweig Stefan

Cronaca di un viaggio irripetibile, "... di due giovani partiti da minuscoli paesi sul fiume Po e andati in Messico, per vivere quella libertà che, senza saperlo, si portavano già dentro". L'autore racconta che "... tutto il peregrinare in luoghi più o meno esotici, prima e dopo il Viaggio, è stato qualcosa di diverso, forse più chiaro, ma diverso. Ecco perché, quando mi trovai ad attraversare la Sierra Madre del Sud, sulla strada che porta da Puerto Escondido a Oaxaca, ebbi una visione che mi scaldò il cuore. Transitavamo su uno dei passi più alti della Sierra, un pianoro con due baracche o poco più. Una bambina indio correva nel prato che dava sul vuoto; correva contro il vento, con la bocca aperta, indossando un vestito chiaro sul quale erano appuntati grossi fiori scuri. Il cartello stradale diceva che eravamo arrivati in un luogo chiamato La Luna". Accompagnano la narrazione, le fotografie in bianco e nero di Andrea Longhini.

VIAGGIO SULLA LUNA

Bocchi Vittorio

Ksenia, giovane e bella siberiana, è costretta dalla povertà e dalla mancanza di prospettive a credere ciecamente a un fascinoso italiano che le ha promesso un matrimonio da favola. Un atroce inganno che la rende prigioniera del suo stesso sogno. Da sola non ce la farebbe a uscire dall'incubo ma con l'aiuto di Luz, Eva e di un'altra misteriosa donna, il riscatto può avere inizio e la vendetta compiersi. Senza esclusione di colpi.

Le Vendicatrici: Ksenia

Carlotto Massimo, Videtta Marco

La Rosa del deserto

Annalisa Giordano