Narrativa

AFA

Soldi Luca

Descrizione: Napoli. Anni Novanta. Andi, il protagonista, non riesce a stare solo... Una scrittura tanto imprevedibile quanto vera che rincorre le idee senza condizionamenti convenzionali.

Categoria: Narrativa

Editore: Ad est dell'equatore

Collana:

Anno: 2009

ISBN: 9788895797090

Recensito da Riccardo Melito

Le Vostre recensioni

 

Una decina di anni fa usciva nelle sale il film Canicola di Ulrich Seidl. Raccontava sei storie che si svolgevano in un afoso weekend estivo in un quartiere periferico e residenziale di Vienna. L’atmosfera era ovattata e oppressiva, il caldo e l’afa sembravano emanare dallo schermo e invadere la sala cinematografica climatizzata, mentre immagini insensate di atti violenti scorrevano attutite da quella canicola. La stessa sensazione oppressiva di insensatezza è trasmessa da Afa, esordio romanzesco di Luca Soldi, pubblicato dalla Ad Est dell’Equatore, piccola e coraggiosa casa editrice napoletana attenta alle opere prime, agli esordienti.

Durante un’estate degli anni ’90, Andi attraversa Napoli, elogiando il Cilento e incontrando i suoi amici. Scrittore affermato, ma in crisi, continua a far scorrere le giornate una dietro l’altra, inseguendo neanche lui sa cosa e Charlotte, donna imprendibile e impossibile. In questo continuo girare a vuoto Andi è accompagnato da due presenze eteree, frutto della sua mente e specchio di altrettante parti del suo ego: un pittore scomparso, un artista capace di stare da solo e di raggiungere la calma necessaria a produrre le sue opere, e l’uomo delle vele, detentore della saggezza concessa a chi sa trattare il mare. Andi, nel vano tentativo di ritrovare il senso dell’esistenza e della creatività, si abbandona a questo costante girare, a questa bulimia relazionale che non ha un approdo o una direzione e che si rivela perciò sterile e insensata, trascurando le sue responsabilità in questa inesorabile caduta al rallenty.

Attraverso una narrazione fintamente corale, si viene calati in un flusso di coscienza fatto di flashback e salti spaziali e temporali, si procede per associazione d’idee sull’onda di una colonna sonora rock composta dai Garbage, dai Metallica, dai Cure, dai Nirvana, dagli Apollo 440, dagli U2, insomma da tutto il pop anni ’90. Ne emerge un senso di spaesamento che rimanda tutta la vacuità delle relazioni e delle formalità sociali. Impossibile non pensare alla noia borghese che attanaglia i protagonisti di Meno di Zero di Ellis, affrontata da entrambi gli autori a colpi di droghe, liquori e sesso, il tutto all’insegna della più tronfia incoscienza. Un viaggio all’interno di una deriva mentale e di quell’epoca che ha inaugurato l’avvento del nuovo millennio, uno sguardo critico verso le sue illusioni e false speranze, verso i molli borghesismi che l’hanno contraddistinta, perché, come scrive l’autore: “non so ancora che fare”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luca

Soldi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Soldi Luca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sulle tracce di La testa ben fatta e I sette saperi necessari all’educazione del futuro, Edgar Morin auspica una riforma profonda dell’educazione, fondata sulla sua missione essenziale, che già Rousseau aveva individuato: insegnare a vivere. Si tratta di permettere a ciascuno di sviluppare al meglio la propria individualità e il legame con gli altri ma anche di prepararsi ad affrontare le molteplici incertezze e difficoltà del destino umano Questo nuovo libro non si limita a ricapitolare le idee dei precedenti ma sviluppa tutto ciò che significa insegnare a vivere nel nostro tempo, che è anche quello di Internet, e nella nostra civiltà planetaria, nella quale ci sentiamo così spesso disarmati e strumentalizzati.

Insegnare a vivere

Morin Edgar

Fred e Mick, due amici alla soglia degli ottanta, trascorrono una vacanza in un hotel di lusso sulle Alpi. Fred è un direttore d’orchestra in pensione, Mick un regista ancora in attività. Sanno che il loro futuro si va esaurendo e decidono di affrontarlo insieme. Guardano con tenerezza alla vita confusa dei loro figli, a quanti sembrano poter disporre di un tempo che a loro non è dato. E mentre Mick si affanna a concludere la sceneggiatura di quello che sarà il suo ultimo e più significativo film, Fred, che da anni ha rinunciato alla musica, non intende assolutamente tornare sui propri passi. Ma c’è chi vuole ad ogni costo vederlo dirigere ancora una volta e ascoltare le sue composizioni.

Youth – La giovinezza

Sorrentino Paolo

Ambientato in Antartide, racconta quanto accaduto a una spedizione scientifica alle prese con reperti antichi milioni di anni. In una terra di ghiaccio e di morte senza tempo, il gruppo s'imbatte in campioni zoologici che, apparentemente, non provengono da questo pianeta. Le difese della razionalità illuminista cadono, una a una, di fronte all'impossibilità di spiegare con la logica il quadro che inesorabilmente si prefigura. Una serie di colpi di scena da incubo spingono i protagonisti sull'orlo della pazzia e l'avventura finisce in tragedia, catapultando il lettore in un mondo visionario dominato dal terrore e dall'angoscia. La nuova traduzione resta il più possibile fedele al testo originale, senza semplificazioni né asciugature, conservando il ritmo glaciale e ipnotico della prosa lovecraftiana.

Le montagne della follia

Lovecraft Howard Phillips

Sono passati solo due anni, e di tutto ciò che è stata non è rimasto nulla. Lena era brillante, determinata, brava a detta di tutti, curata, buona. Poi nella sua vita era entrato Saverio, e tutto era stato stravolto. Quel ragazzo più giovane, che viveva per essere contro qualsiasi regola, pregiudizio, conformità, l'aveva trasformata. E non erano solo i vestiti, i capelli, le parole. Era lei, le sue sicurezze, il suo amor proprio. Tutto calpestato in nome di un amore che agli occhi di tutti gli altri era solo nella sua testa. Il giorno in cui lui era finito in Arno, dato per disperso prima e per morto poi, qualcosa in Lena si era spento definitivamente. Sono passati due anni, e di Saverio le resta il cane Argo, che ancora la vive come un'usurpatrice, e un senso di vuoto dolente e indistruttibile. La sera in cui trova nella cassetta della posta un cellulare, Lena pensa che si tratti di uno scherzo, oppure di uno sbaglio. Ma bastano pochi minuti per rendersi conto che quell'oggetto può cambiare la sua vita. Perché i messaggi che arrivano, e a cui lei non può rispondere, parlano di cose che solo Saverio può sapere. E quindi è vivo. È tornato. Così, senza che Lena se ne accorga, quell'oggetto diventa l'unica linfa vitale a cui abbeverarsi, e non importa che i messaggi siano sempre più impositivi e le ordinino di commettere atti di cui mai si sarebbe pensata capace. Perché se lei farà la brava, lui rientrerà nella sua vita. O questo è ciò che pensa. Almeno fino a quando le persone che le stanno intorno cominciano a morire. E il gioco si fa sempre più crudele...

Io so chi sei

Barbato Paola