Teatro

Affabulazione

Pasolini Pier Paolo

Descrizione: Scritta nel 1966 e messa in scena per la prima volta nel 1977 a Roma, cioè a due anni dalla scomparsa del suo autore, Affabulazione narra la storia di una rivolta tra padre e figlio che diventa una dolente metafora del mancato dialogo tra due generazioni.

Categoria: Teatro

Editore: Einaudi

Collana: Collezione di teatro

Anno: 1997

ISBN: 9788806128050

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Affabulazione – Una tragedia all’ombra di Sofocle

In Affabulazione di Pier Paolo Pasolini l’ombra di Sofocle è non soltanto influente fonte d’ispirazione o radice culturale, ma anche  personaggio con il quale si misura un padre, anch’egli nell’epilogo ridotto a mendicante proprio come l’Edipo a Colono.

Preannunciata da un sogno inquietante come nella miglior tradizione greca (“Ma perché, se in quel sogno si nascondeva Dio,/ne provo tanta vergogna?”), va in scena la tragedia dell’alterità (“Quel biondo terribile, non mio”) che si contrappone al desiderio d’identità (“Ma tu non sai che la più grande gioia dei padri/è vedere i figli uguali a loro?”) e incarna il diritto del figlio all’autonomia esistenziale (“Ma io sono giovane/e ho diritto alla mia ingenuità;/ad avere il mio conformismo di figlio ribelle!”).

Alcuni passaggi sfidano la proibizione etica, affrontano l’interdizione sociale e si avventurano in sfere ritenute intangibili oltrepassando – per intercessione della madre – il tabù freudiano della scena primaria.
“Ed è così che mi troverà,
invece, e vedrà il mio sesso… la cui funzione, dunque,
sarà pura… senza utilità… come nelle masturbazioni
del ragazzo, appunto… quando il ragazzo si sente,
nel pugno, un sesso di padre, ma privo
del privilegio e del dovere di fecondare,
come un grande albero senza ombra.”

In questo modo si consuma l’inversione dei ruoli genealogici (“Così davanti alla tua giovinezza,/piena di seme e di voglia di fecondare,/il padre sei tu./E io sono il bambino. L’ho capito adesso.”), agisce il detonatore del paradosso generazionale (“Sono dunque qui, ai piedi della tua giovinezza,/e ne interrogo, da impotente, la potenza./Ai piedi della tua giovinezza là dov’è più giovinezza:/quel biondo terribile,/e il tuo corpo, dalla cintola in giù”), opera l’empia Sfinge del mistero intimo (“È questo che non so. Come violi, quando violi/il tuo pudore – che forma ha la tua violazione…”).

La conclusione (“Dovevo ben saperlo che il padre è androgeno”), che deriva dallo scambio dell’autorità parentale (“Non era il mio pudore, che doveva essere violato. Era passato a te lo scettro di padre, e solo tu potevi reggerlo nel pugno e brandirlo in segno di potere”) e dalla rotazione delle attribuzioni potestative (“Ci troviamo dunque di fronte a un rovesciamento di situazione/consistente in un’inversione dei ruoli,/del mostrare e del vedere, del dare e dell’avere…/del possedere e dell’essere posseduti…”), è un delitto incestuoso (“Uccidi, uccidi il bambino/che vuole vedere…”) anch’esso rovesciato.

Infatti, se lo schema tragico è quello dell’inversione dei ruoli nella tracimazione dei complessi psicanalitici, il ribaltamento opera a tutto tondo e si riflette nella dinamica delittuosa: non più Edipo che uccide Laio, ma l’opposto del parricidio. Un reato altrettanto inconcepibile, non conosciuto dal vocabolario italiano se non nel neologismo impronunciabile di “figlicidio”, che ha un antecedente – simile nell’effetto, non certamente nell’eziologia – nell’infanticidio di Medea e che in Pasolini assume una portata epocale (“Ci sono delle epoche nel mondo/in cui i padri degenerano/e se uccidono i loro figli/compiono dei regicidi”) o addirittura di classe. Un orrore familiare che, nel privato, mantiene un unico punto fisso di riferimento: il suicidio della madre-Giocasta (“Non voglio più amare coloro che amo”)…

“La sinossi del rapporto tra padre e figlio
con cui ho concluso il mio affabulare solitario
vale proprio per il presente reale;
e il futuro imprevedibile che mi ha armato la mano
è proprio questo, del decennio che viviamo.”

Bruno Elpis

Il sito del Centro Studi Pier Paolo Pasolini

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Pier

Pasolini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pasolini Pier Paolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ci sono bar e bar e poi c’è il Bar Sport che tutti li accomuna e li fonde in un solo paradigmatico universo, in una sola grande scena di umanità raccolta sotto la fraterna insegna come intorno a un fuoco, intorno al calore di un’identità minacciata. Stefano Benni, con il suo Bar Sport, ha aperto la porta su un mondo che per tutti è diventato un luogo, anzi il luogo familiare per eccellenza. Il Bar Sport è quello dove non può mancare un flipper, un telefono a gettoni e soprattutto la "Luisona", la brioche paleolitica condannata a un’esposizione perenne in perenne attesa del suo consumatore. Il Bar Sport è quello in cui passa il carabiniere, lo sparaballe, il professore, il tecnnico (proprio così, con due n) che declina la formazione della nazionale, il ragioniere innamorato della cassiera, il ragazzo tuttofare. Nel Bar Sport fioriscono le leggende, quella del Piva (calciatore dal tiro portentoso), del Cenerutolo (il lavapiatti che sogna di fare il cameriere) e delle allucinazioni estive. Vagando e divagando Benni ha scritto la sua piccola commedia umana, a cui presto aggiungerà un nuovo capitolo. Ebbene sì, Bar Sport è vivo, è ancora vivo.

BAR SPORT

Benni Stefano

Paul Overt, giovane autore con qualche buon romanzo alle spalle, incontra con grande emozione Henry St. George, lo scrittore da lui idolatrato, che lo mette in guardia dalle insidie dell’amore romantico, persuaso com’è che la vita di famiglia, con i suoi gravami, comprometta la creatività e l’integrità artistica. Esaltato e lacerato dalle parole del collega più anziano, Overt partirà per un lungo viaggio all’estero. Ma al ritorno, due anni più tardi, di fronte a una sorpresa dal sapore beffardo, si domanderà se il sublime sacrificio che avrebbe voluto imporsi fosse davvero così imperativo: e la lezione che avrà appreso sarà meno eccelsa, e più venefica, di quella impartitagli dal sommo, ineffabile Maestro.

La lezione del maestro

James Henry

Quattro liceali amiche per la pelle. Ognuna tiene un diario, e le pagine dei loro diari sono la forma narrativa scelta da Schmitt per raccontarci gli eccessi a cui può far giungere l’amore. Le protagoniste hanno diciassette anni, sono compagne di scuola, e vivono quel difficile periodo in cui da ragazza si diventa donna, pensano con ansia e frenesia all’amore fisico, al sesso, si chiedono come sarà la “prima volta” con il desiderio impaurito di farlo il prima possibile. Quello che raccontano alle amiche non è quello che raccontano a se stesse. I fatti avvengono, hanno un loro svolgimento oggettivo, ma la visione che ognuna ha degli stessi fatti è ben diversa, come vediamo dalle pagine dei loro diari. Il grande evento dell’anno scolastico è la recita del Romeo e Giulietta a cui tutte e quattro collaborano, due di loro addirittura come ruoli principali, nella parte di Giulietta e di Romeo. Si allestisce lo spettacolo, si fanno le prove, ma con il passare dei giorni le storie private delle quattro ragazze si intrecciano sempre più con le vicende del dramma di Shakespeare, fino ad arrivare a un sorprendente finale in comune che squarcerà il velo sulle tante illusioni che tutti ci facciamo sull’argomento “amore”.

Veleno d’amore

Eric-Emmanuel Schmitt

Un mazzo di rose rosse senza biglietto. Regali sulla porta di casa. Lettere sotto il tergicristallo... Lo psichiatra Jan Forstner è l'oggetto delle attenzioni insistenti di una sconosciuta. All'inizio pensa si tratti dei sentimenti innocui di una paziente. Ma quando un amico giornalista, che stava per fargli delle rivelazioni sconvolgenti che lo riguardavano da vicino, viene trovato barbaramente ucciso, Forster capisce di essere il bersaglio finale di una pazza omicida. Una stalker che non si ferma davanti a nulla pur di ottenere ciò che vuole...

FOLLIA PROFONDA

Dorn Wulf