Classici

Agostino di Alberto Moravia

Moravia Alberto

Descrizione: Un ragazzino di tredici anni che è ancora bambino, ma che comincia ad avvertire la pulsione di scoprire la vita; una madre, vedova, che è ancora fiorente e desiderosa di vivere; L'inquietudine, la difficoltà dei rapporti, la scoperta del sesso. I turbamenti sessuali ed esistenziali di un adolescente che scopre la vita in un grande romanzo che ha segnato un'epoca: un libro scritto nel 1941 ma giudicato troppo scabroso dalla censura fascista, uscito in libreria solo nel 1944.

Categoria: Classici

Editore: Bompiani

Collana: Grandi tascabili

Anno: 2014

ISBN: 9788845277610

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Agostino di Alberto Moravia

“Quei discorsi irriverenti non erano forse, come la nudità intravista, distruttori della vecchia condizione filiale che ora tanto gli ripugnava? Medicina molto amara, ne sarebbe morto o sarebbe guarito.”

Eterna mutevolezza della forma, dell’essenza, della sensazione; stato liquido, disciolto inevitabilmente e mai più ricomponibile, terribile, struggente, cupo, poetico: in Agostino, protagonista del romanzo breve di Alberto Moravia, la sensazione invincibile, patetica, definitiva è quella della transizione: dalla vita ignara, felice e spensierata del fanciullo, alla rivelazione, alla bruttezza e al ripudio di una condizione appena passata e già ineluttabilmente inarrivabile. La storia si svolge nel corso di un’estate: lunghe gite in patino in mezzo al mare, affiancato dalla madre di una bellezza tale da rendere ancora più epica la narrazione, riempiono le mattinate estive di Agostino. Tutto è al suo posto, inamovibile, serrato: tutto è come appare, è perché è, niente di più. Una mattina però, con immenso sgomento oltre che offuscamento di una visione tanto forte quanto fragile oramai, la madre porta anche un uomo nella solita gita mattutina, un amante, si vedrà più tardi: la fine del rapporto filiale, ritenuto da sempre unico e inimitabile, è iniziata. La frattura, la caduta, il crollo definitivo di un mondo forse inesistente ma sicuramente totalizzante è immediata. Da qui in poi le rivelazioni, per Agostino, non sono scoperte coscienti, ma imposizioni crudeli, stordenti, che la vita fa crollare su di lui senza umanità, senza ritegno: inizierà a frequentare un gruppo di ragazzi, popolani, già abbrutiti dalla vita, crudeli, rudi che gli faranno conoscere l’umiliazione e l’ingiustizia della vita; conoscerà la malizia, la sessualità vissuta, brutalmente e indegnamente, solo per aspro piacere; inizierà a guardare il corpo della madre, con disprezzo estatico, con consapevolezza nuova e riluttante; cercherà la redenzione, una nuova condizione finalmente stabile, felice, anche se per giungere deve passare per esperienze nuove e orribili; guarderà la vita precedente, con ombrosa malinconia ma sincero biasimo. Tradito dal suo mondo, da sua madre, dalla sua stessa vita, dai suoi valori più intimi: la fine della fanciullezza, l’inizio dell’adolescenza: è una condizione di passaggio, è vero, ma se non finisse?

È un libro durissimo, sorprendente, cupo, dolce. È un incredibile, genuino e aperto viaggio alla scoperta: scoperta della sessualità, tramite i racconti fatti dai compagni-nemici, scoperta del diverso, come la sua nuova prospettiva nei confronti della madre, fino ad allora mai immaginata, scoperta della realtà, vera, nuova, finalmente sincera e quindi detestabile. Un romanzo sull’adolescenza, sull’eterno trapasso infelice, perentorio, critico. La notte arriva, ricca di tenebre e di pensieri, di nuovi timori, di antico disprezzo: cosa serve allora ad Agostino? Forse un viaggio, forse una sola notte, forse una vita.

Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 2 commenti )

Agostino – Louis Book World

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Agostino – Luigi's book

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Moravia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moravia Alberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sulle tracce di La testa ben fatta e I sette saperi necessari all’educazione del futuro, Edgar Morin auspica una riforma profonda dell’educazione, fondata sulla sua missione essenziale, che già Rousseau aveva individuato: insegnare a vivere. Si tratta di permettere a ciascuno di sviluppare al meglio la propria individualità e il legame con gli altri ma anche di prepararsi ad affrontare le molteplici incertezze e difficoltà del destino umano Questo nuovo libro non si limita a ricapitolare le idee dei precedenti ma sviluppa tutto ciò che significa insegnare a vivere nel nostro tempo, che è anche quello di Internet, e nella nostra civiltà planetaria, nella quale ci sentiamo così spesso disarmati e strumentalizzati.

Insegnare a vivere

Morin Edgar

L'azione si svolge in un futuro prossimo del mondo (l'anno 1984) in cui il potere si concentra in tre immensi superstati: Oceania, Eurasia ed Estasia. Al vertice del potere politico in Oceania c'è il Grande Fratello, onnisciente e infallibile, che nessuno ha visto di persona ma di cui ovunque sono visibili grandi manifesti. Il Ministero della Verità, nel quale lavora il personaggio principale, Smith, ha il compito di censurare libri e giornali non in linea con la politica ufficiale, di alterare la storia e di ridurre le possibilità espressive della lingua. Per quanto sia tenuto sotto controllo da telecamere, Smith comincia a condurre un'esistenza "sovversiva". Scritto nel 1949, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.

1984

Orwell George

Ci sono fatti che possono essere accantonati. Altri addirittura dimenticati. Ma ce ne sono alcuni, terribili, devastanti, su cui nessuno può passare sopra. Questo è il caso di Michele. Una parte della sua vita se ne è andata, una parola fine scritta dalla penna del destino. Incomprensibile, inimmaginabile. Un dolore che sembra non finire mai, che conduce la mente nell'oblio più profondo. Michele non può sopportarlo. Deve fare qualcosa. Deve scegliere il proprio destino. Il nostro destino. È davvero nostro? Siamo veramente noi a sceglierlo? Michele si trova nel bel mezzo di una spirale di eventi di cui lui stesso non è in grado di carpire il filo conduttore. Pensa di avere in mano la situazione, di poter controllare il flusso degli eventi. Eppure c'è qualcosa nei suoi piani che sta per andare in fumo. Qualcosa che non aveva calcolato e che nessuno può fermare. È una voce, un'idea, una persona. O forse niente di tutto questo. È il disegno del destino.

Il disegno del destino

Simoncini Davide

LA CURA DELLE PAROLE

Piazza Tania