Classici

Agostino di Alberto Moravia

Moravia Alberto

Descrizione: Un ragazzino di tredici anni che è ancora bambino, ma che comincia ad avvertire la pulsione di scoprire la vita; una madre, vedova, che è ancora fiorente e desiderosa di vivere; L'inquietudine, la difficoltà dei rapporti, la scoperta del sesso. I turbamenti sessuali ed esistenziali di un adolescente che scopre la vita in un grande romanzo che ha segnato un'epoca: un libro scritto nel 1941 ma giudicato troppo scabroso dalla censura fascista, uscito in libreria solo nel 1944.

Categoria: Classici

Editore: Bompiani

Collana: Grandi tascabili

Anno: 2014

ISBN: 9788845277610

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Agostino di Alberto Moravia

“Quei discorsi irriverenti non erano forse, come la nudità intravista, distruttori della vecchia condizione filiale che ora tanto gli ripugnava? Medicina molto amara, ne sarebbe morto o sarebbe guarito.”

Eterna mutevolezza della forma, dell’essenza, della sensazione; stato liquido, disciolto inevitabilmente e mai più ricomponibile, terribile, struggente, cupo, poetico: in Agostino, protagonista del romanzo breve di Alberto Moravia, la sensazione invincibile, patetica, definitiva è quella della transizione: dalla vita ignara, felice e spensierata del fanciullo, alla rivelazione, alla bruttezza e al ripudio di una condizione appena passata e già ineluttabilmente inarrivabile. La storia si svolge nel corso di un’estate: lunghe gite in patino in mezzo al mare, affiancato dalla madre di una bellezza tale da rendere ancora più epica la narrazione, riempiono le mattinate estive di Agostino. Tutto è al suo posto, inamovibile, serrato: tutto è come appare, è perché è, niente di più. Una mattina però, con immenso sgomento oltre che offuscamento di una visione tanto forte quanto fragile oramai, la madre porta anche un uomo nella solita gita mattutina, un amante, si vedrà più tardi: la fine del rapporto filiale, ritenuto da sempre unico e inimitabile, è iniziata. La frattura, la caduta, il crollo definitivo di un mondo forse inesistente ma sicuramente totalizzante è immediata. Da qui in poi le rivelazioni, per Agostino, non sono scoperte coscienti, ma imposizioni crudeli, stordenti, che la vita fa crollare su di lui senza umanità, senza ritegno: inizierà a frequentare un gruppo di ragazzi, popolani, già abbrutiti dalla vita, crudeli, rudi che gli faranno conoscere l’umiliazione e l’ingiustizia della vita; conoscerà la malizia, la sessualità vissuta, brutalmente e indegnamente, solo per aspro piacere; inizierà a guardare il corpo della madre, con disprezzo estatico, con consapevolezza nuova e riluttante; cercherà la redenzione, una nuova condizione finalmente stabile, felice, anche se per giungere deve passare per esperienze nuove e orribili; guarderà la vita precedente, con ombrosa malinconia ma sincero biasimo. Tradito dal suo mondo, da sua madre, dalla sua stessa vita, dai suoi valori più intimi: la fine della fanciullezza, l’inizio dell’adolescenza: è una condizione di passaggio, è vero, ma se non finisse?

È un libro durissimo, sorprendente, cupo, dolce. È un incredibile, genuino e aperto viaggio alla scoperta: scoperta della sessualità, tramite i racconti fatti dai compagni-nemici, scoperta del diverso, come la sua nuova prospettiva nei confronti della madre, fino ad allora mai immaginata, scoperta della realtà, vera, nuova, finalmente sincera e quindi detestabile. Un romanzo sull’adolescenza, sull’eterno trapasso infelice, perentorio, critico. La notte arriva, ricca di tenebre e di pensieri, di nuovi timori, di antico disprezzo: cosa serve allora ad Agostino? Forse un viaggio, forse una sola notte, forse una vita.

Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 2 commenti )

Agostino – Louis Book World

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Agostino – Luigi's book

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Moravia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moravia Alberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Da lassù abbraccia piazza Trento e Trieste

La zona tra Brescia, Chiari e Rovato è un distretto produttivo pieno di fabbriche e di capannoni. Ed è il personale inferno di Dante, che di mestiere fa la guardia giurata e gira, notte dopo notte, per verificare che tutto vada per il meglio. Vive insieme a sua madre, una donna che da quando è vedova sembra rinata. Ma rinata male, perché passa il suo tempo tra creme e sesso trovato via internet. Col risultato che Dante è sempre più solo. Nella stessa zona vive anche Samira. Quindici anni, musulmana e bella. Ha un padre violento, reso ancora più violento dal fatto di vivere in un posto che sente straniero e ostile: l’Italia. Così quest’uomo sarebbe pronto ad ammazzare sua figlia se soltanto sapesse che ha incontrato Dante, un cristiano, e che si ostina a frequentarlo. Perché Samira, in realtà, è già una donna. E vuole essere una donna libera. Mentre un gruppetto di suoi connazionali sta preparando un attentato miserabile, da poveracci, e Dante finirà per imbattersi anche in loro. “La notte dei petali bianchi” prova a rispondere a una domanda: fa più paura stare da soli o fanno più paura gli altri, i diversi da noi? E lo fa mettendoci a disposizione una lucida visione dell’Italia dei nostri anni e un strepitoso talento nel raccontarla.

LA NOTTE DEI PETALI BIANCHI

Di Fiore Gianfranco

Ampelio il nonno, Aldo l’intellettuale, il Rimediotti pensionato di destra, e il Del Tacca del Comune; sono i quattro vecchietti detective del BarLume. Attorno al nuovo biliardo sezionano gli ultimi fatti di Pineta, tra cui il terribile incidente della statale: è morto un ragazzino e sua madre è in coma profondo. Abituati a indagini e delitti i quattro si autoconvincono che non si sia trattato affatto di un incidente. Ritornano i quattro vecchietti detective del BarLume di Pineta, con il nipote Massimo il «barrista» e la brava banconista Tiziana. Dopo La briscola in cinque e Il gioco delle tre carte, con Il re dei giochi si può dire che ora siamo alla serie, sia per la caratterizzazione ben sagomata e viva di ciascun personaggio che lo rende familiare, sia per il brio naturale con cui, come un meccanismo ben avviato, funziona l’eccentrico amalgama che struttura le storie. Marco Malvaldi incardina senza sbalzi tre generi: la farsa comica della diatriba ininterrotta dei quattro amici pensionati al bar, stolidi, politicamente scorretti, malignamente affamati di pettegolezzi intorno alle abitudini dei loro compaesani; l’intreccio dell’investigazione deduttiva, da giallo logico alla, per dirne una, Miss Marple; e infine la commedia d’ambiente, che inscena più o meno intera una comunità: l’immaginario, ma realissimo, paesino di Pineta, sul litorale nei pressi di Pisa, in tutta la sua profonda toscanità, cioè l’umore popolaresco, iconoclasta, ridanciano, orgogliosamente localistico. Re dei giochi è il biliardo nuovo all’italiana giunto al BarLume. Ampelio il nonno, Aldo l’intellettuale, il Rimediotti pensionato di destra, e il Del Tacca del Comune (per distinguerlo da altri tre Del Tacca) vi si sono accampati e da lì sezionano con geometrica esattezza gli ultimi fatti di Pineta. Tra cui il terribile incidente della statale. È morto un ragazzino e sua madre è in coma profondo. Sono gli eredi di un ricchissimo costruttore. La madre è anche la segretaria di un uomo politico impegnato nella campagna elettorale. Non sembra un delitto. Manca il movente e pure l’occasione. «Anche quest’anno sembrava d’aver trovato un bell’omicidio per passare il tempo e loro vengono a rovinarti tutto». Ma la donna muore in ospedale, uccisa in modo maldestro. E sulle iperboliche ma sapienti maldicenze dei quattro ottuagenari cala, come una mente ordinatrice, l’intuizione logica del «barrista», investigatore per amor di pace.

IL RE DEI GIOCHI

Mavaldi Marco

Come si spiega che nei Paesi occidentali (Italia compresa) l’evoluzionismo sia diventato terreno di scontro politico tra destra e sinistra? Che c’entra Darwin con la politica? In realtà, dicono gli autori, questo è stato il suo destino da sempre, fin da prima della pubblicazione di L’origine delle specie. Da allora la polemica non si è mai estinta. Dai comunisti ai liberali, dalle chiese ai tribunali, dal creazionismo americano a quello di matrice islamica, Compagno Darwin ricostruisce l’accoglienza del darwinismo in politica, mostrando che il naturalista con la barba è buono o cattivo a seconda di chi osserva e di cosa viene osservato attraverso le lenti della sua teoria. Da destra e da sinistra, l’evoluzionismo darwiniano è stato sposato per giustificare – non senza forzature – questa o quella posizione, salvo poi essere attaccato quando risultava scomodo. Lesa maestà nei confronti della scienza? Gli autori credono di no: in parte anche i ricercatori hanno un atteggiamento oscillante; e occuparsi del posto dell’uomo nel mondo, proprio come ha fatto Darwin, è l’essenza stessa della politica. Se si lamenta la distanza tra scienza e cittadini, lo spettacolo di una teoria scientifica che entra prepotentemente nel dibattito pubblico andrebbe guardato con interesse e casomai con sollievo, non temuto.

Compagno Darwin

Nosengo Nicola