Narrativa

L’ARTE DI DIMENTICARE

Mosteghanemi Ahlam

Descrizione: Quando una donna viene lasciata, tanto più se di punto in bianco, le ambasce del cuore possono travolgerla e spingerla a entrare nel tortuoso tunnel delle supposizioni, delle attese spasmodiche - più o meno sensate - di un segnale, magari nella speranza che non sia proprio l'ultimo e che lui ritorni. Ma così non va. C'è una cosa che le donne dovrebbero imparare dagli uomini, e cioè l'arte di dimenticare. Nessuno ci insegna come si fa ad amare, a evitare di essere infelici, a dimenticare, a spezzare le lancette dell'orologio dell'amore. Come si fa a non tormentarci, a lottare contro la tirannia delle piccole cose, a neutralizzare il complotto dei ricordi e ignorare un telefono che resta muto. Esiste qualcuno che, mentre siamo lì a singhiozzare per un torto d'amore, ci dice che un giorno rideremo di quella stessa cosa che oggi ci fa piangere? Attraverso le confidenze di amiche e conoscenti, proverbi e una ricchissima raccolta di aforismi di personaggi famosi - poeti, scrittori, filosofi arabi e non - questo libro è una sapiente e gustosa raccolta di pillole di saggezza per prendere le distanze da una storia finita e creare i presupposti per una nuova. Una meditazione piena di stile e ironia su come sopravvivere all'amore e ai suoi danni.

Categoria: Narrativa

Editore: Sonzogno

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788845425509

Trama

Le Vostre recensioni

Con L’arte di dimenticare– Amalo come sai fare tu, dimenticalo come farebbe lui la scrittrice algerina compila un vero e proprio vademecum su come dimenticare un uomo dopo una delusione d’amore.

Dopo pubblicazioni di grande successo come ذاكرة الجسد (La memoria del corpo) del 1993 – primo romanzo scritto in arabo da una scrittrice algerina – e الاسود يليق بك (Il nero ti si addice), nel 2009 Ahlam Mosteghanemi si rivolge al suo numeroso pubblico, non solo femminile, con una raccolta di consigli pratici nati proprio dalle confessioni di amiche e lettrici dal cuore infranto. 

Il libro ripercorre la vicenda amorosa nella sua spesso drammatica evoluzione: dalla nascita impetuosa del sentimento, alla gelosia, fino alla stanchezza e alla scomparsa volontaria dell’uomo unica ragione di vita. 

Proprio su quest’ultimo punto si concentra la riflessione dell’autrice: in quel momento in cui la donna, di fronte alla fuga o al silenzio dell’amato, dovrebbe reagire con rabbia e determinazione, si riduce invece in un essere inerme e sottomesso, vittima consapevole della proprio inconsolabile disperazione e schiava di un potere maschile decisamente sopravvalutato.

L’ironia è la forza di queste pagine, soprattutto quando la scrittrice suggerisce ad una sua amica, malata d’amore, una serie di rimedi per uscire dalla palude in cui è precipitata la sua vita, dopo che l’uomo tanto amato ha smesso di chiamarla ben 7 mesi prima:

Mia cara, quest’uomo in sette mesi ha preso sonno e si è svegliato (escludiamo pure i sonnellini pomeridiani) duecentodieci volte senza avvertire – mai, né una sera né una mattina, né addormentandosi né alzandosi dal letto – lo struggente bisogno di sentire la tua voce. In questo periodo, ha consumato tre pasti al giorno, cioè tra colazioni, pranzi e cene ha mangiato seicentotrenta volte senza mai avere la sensazione che gli mancava il cibo dell’anima e che per vivere aveva bisogno di nutrirsi di te. Nel frattempo, gli sono passati addosso un’estate, un autunno e un inverno e non una delle tre stagioni lo ha fatto scappare, vuoi per la calura vuoi per il gelo, e tornare qui a farsi aiutare da te”.

L’errore, ci spiega l’autrice, è a monte, nella scelta dell’uomo di cui innamorarsi. La tendenza, diffusa, soprattutto tra le donne arabe, è quella di rifiutare uomini più giovani e rivolgere la propria attenzione verso quelli con i capelli grigi. “Succede perché, tali e quali ai nostri popoli, cresciamo con in testa il concetto Leader-Padre e, di conseguenza, abbiamo come modello di virilità i nostri governanti, uomini incanutiti, stretti alle loro poltrone”, ma aggiunge Ahlam Mosteghanemi “Hanno capelli grigi e angosce esistenziali. Perché, oltretutto, un uomo nell’autunno della vita ha più bisogno di bugie che d’amore”. Spesso si tratta di uomini coniglio di quelli che hanno il vizio di squagliarsela, perché “a un uomo che non ha incontrato, prima di te, una donna vera, i grandi amori mettono paura”. 

Il primo passo verso l’oblio è liberarsi dai ricordi, di quelli che rimangono lì a sedimentare e a marcire e che impediscono alla mente, e quindi al cuore, di esplorare nuovi lidi: la donna abbandonata conserva uno scrigno i cui tesori (i ricordi appunto) si trasformeranno presto in armi letali capaci di annientarla. Seguono, quindi, consigli pratici per facilitare la dimenticanza, come non ascoltare tutte quelle canzoni, spesso sciocche e senza senso, capaci di far rivivere il pensiero della nostra storia perduta e non fermarsi ad aspettare un ritorno che non ci sarà. Insomma, mai come in queste circostanze, chi si ferma è perduto.

Non mancano nel testo citazioni illustri di intellettuali e personaggi famosi, da Ovidio e Mark Twain al poeta arabo-andaluso Ibn Zaydun, passando da Sylvia Plath e Gabriel García Márquez, alternate a quelle – spesso sarcastiche – della scrittrice.

Nonostante l’innegabile bravura dell’autrice algerina a parlare ai suoi lettori, il testo manca certamente di originalità, vista anche la notevole quantità di libri che – attraverso una raccolta di “pillole di saggezza” e aforismi sul tema – riempie gli scaffali di tante “desperate housewives” (e non solo) già zeppe di libri di cucina. Il testo, ripetitivo e scontato in molti passaggi, trascina il lettore poco avvezzo a questo tipo di letture in uno stato di noia e sfinimento. Ragione per cui si ritroverà spesso a richiudere il libro e ad indugiare sull’immagine di un pesciolino rosso che campeggia sulla simpatica copertina e sulla frase “la memoria di un pesce oscilla tra i cinque e gli otto secondi”, la sola di cui conserverà ricordo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ahlam

Mosteghanemi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mosteghanemi Ahlam


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il libro di esordio di Aimee Bender, autrice del bestseller L’inconfondibile tristezza della torta al limone, è una raccolta che usa la dimensione surreale e fantastica, a volte fiabesca, per raccontare in maniera originale l’amore, il tradimento, il desiderio sessuale, le dinamiche familiari, l’amicizia. Dietro un uomo che torna dalla guerra senza labbra, una donna che partorisce misteriosamente la propria madre, un folletto che si innamora di una sirena nei corridoi di un liceo americano – dietro l’ereditiera o la bibliotecaria che cercano di esorcizzare il dolore con il sesso, dietro il delinquente ossessionato dalla propria bruttezza – c’è in fondo ognuno di noi, con la sua solitudine, le sue paure e le sue infinite possibilità di redenzione. Figlia del postmoderno di Calvino e del minimalismo di Carver, la scrittura leggera ma mai banale della Bender è una forma di «realismo magico» dallo straordinario impatto emotivo.

La ragazza con la gonna in fiamme

Bender Aimee

QUANDO ERO UN’OPERA D’ARTE

Schmitt Eric-Emmanuel

È una notte del 1534 quando Jacopo, che da grande vuole diventare un pittore, fugge da Pistoia e dal padre, che non condivide il suo sogno e lo vorrebbe costringere a lavorare in bottega. Dopo un lungo e pericoloso viaggio, il ragazzo arriva a Roma, dove la fortuna sembra volgere a suo favore. Riesce infatti a diventare l'apprendista di Michelangelo Buonarroti, il grande artista che sta dipingendo il Giudizio Universale. Ben presto Jacopo diventa il suo allievo prediletto e il maestro gli affida anche un altro compito: deve recapitare misteriose lettere ai membri di una setta segreta di cui anche Michelangelo fa parte. Quando Papa Clemente VII muore avvelenato e il malefico abate Biagio da Cesena dà la caccia proprio a Michelangelo, accusandolo dell'omicidio, Jacopo deve scegliere da che parte stare. Ma in un mondo pieno di intrighi e ambiguità, è difficile distinguere il Bene dal Male... All'interno un inserto a colori con le immagini dell'opera di Michelangelo che hanno ispirato il romanzo. Età di lettura: da 10 anni.

L’apprendista di Michelangelo

Martigli Carlo A.

Una madre parla alla figlia tra le mura di una clinica serba. Al di là di una porta stanno preparando la sala operatoria. Eva ha appena compiuto diciotto anni e da quando è nata aspetta questo momento. Vuole cambiare sesso sottoponendosi all'intervento che la renderà come si è sempre sentita: uomo. Sua madre le parla col corpo, perché è il corpo ad essere sbagliato, ingannevole, traditore, un corpo come il suo che la natura stessa vuole negare. In un dialogo senza risposte, sospeso tra l'immaginato e il reale, la madre racconta la loro vita fino a quel momento, ne ripercorre i sentieri come muovendosi in una terra straniera. La sua voce è concreta, toccante, vivida e parla di una lotta che non ha vincitori né vinti, per cui non esiste resa, in cui la forma più pura dell'amore diventa bifronte e feroce.

La madre di Eva

Ferreri Silvia