Raccolte

Alabarde Alabarde

Saramago Jose

Descrizione: Artur Paz Semedo, impiegato di una storica fabbrica d'armi, le Produzioni Bellona s.a., e intenditore di film bellici, viene profondamente colpito da alcune commoventi immagini de "L'espoir", di André Malraux, cui assiste casualmente. La successiva lettura del libro, che pare già provocare un'impercettibile incrinatura nelle sue certezze di amante appassionato delle armi da fuoco e, poco dopo, il suggerimento della ex moglie Felícia, una pacifista convinta, di investigare negli archivi dell'azienda per scoprire se le Produzioni Bellona s.a. abbiano mai venduto armamenti ai fascisti lo avviano verso un'avventura...

Categoria: Raccolte

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2014

ISBN: 9788807018831

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Alabarde Alabarde” è l’ultima opera incompiuta del premio Nobel portoghese José Saramago.
Lo spunto creativo proviene da una domanda: “Perché non si è mai avuta notizia di uno sciopero nell’industria degli armamenti?”, come ben evidenziato nella prefazione intitolata “Un libro incompiuto, una volontà tenace” di Fernando Gomez Aguilera.
Perché l’uomo – l’animale politico-sociale di Aristotele (πολιτικῶς ξῆν) –  per Saramago è più che altro “un animale guerriero per natura, ce l’ha nel sangue”: un’idea più vicina all’homo homini lupus di Thomas Hobbes…

L’abbozzo della storia è il seguente: Artur Paz Semedo è impiegato in mansioni amministrative presso le “Produzioni Bellona S.A.”, azienda che fabbrica armi. Reduce dalla separazione dalla moglie, la pacifista Felicia, decide di rovistare nel passato dell’impresa presso la quale lavora e accede all’archivio dei documenti contabili, con l’intento di indagare sull’anima bellicosa degli affari che lo vedono in qualche modo complice.

Il prosieguo di una storia incompiuta può soltanto essere immaginato: lo stesso non vale per il racconto “Anch’io ho conosciuto Artur Paz Semedo” di Roberto Saviano, pubblicato in quest’edizione con l’abbozzo dell’opera di Saramago per concludere che “di tutte le cose che poteva fare José Saramago morire è quella più inaspettata.” Sino ad arrivare a enucleare la missione dello scrittore: “Trovare parole semplici è il mestiere più complicato che sceglie di fare uno scrittore. Parole semplici incapaci di inganno. Parole forse in grado d’esser felici.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jose

Saramago

Libri dallo stesso autore

Intervista a Saramago Jose

È un mattino di pioggia gelida quello in cui Fortuna torna a casa. Sono passati dieci anni dall’ultima volta, ma Roccachiara è rimasto uguale a un tempo: un paesino abbarbicato alle montagne e a precipizio su un lago, le cui acque sembrano inghiottire la luce del sole. Fortuna pensava di essere riuscita a scappare, di aver finalmente lasciato il passato alle spalle, spezzato i legami con ciò che resta della sua famiglia per rinascere a nuova vita, lontano. Ma nessun segreto può resistere all’erosione dell’acqua nera del lago. A richiamarla a Roccachiara è un ritrovamento, nel profondo del bosco, che potrebbe spiegare l’improvvisa scomparsa della sua migliore amica, Luce. O forse, a costringerla a quel ritorno è la forza invisibile che, nonostante tutto e tutti, ha sempre unito la sua famiglia: tre generazioni di donne tenaci e coraggiose, ognuna a suo modo. E forse, questa volta, è giunta l’ora che Fortuna dipani i segreti nascosti nella storia della sua famiglia. Forse è ora che capisca qual è la natura di quella forza invisibile, per riuscire a darle un nome. Sperando che si chiami amore.

ACQUANERA

D'Urbano Valentina

Due ragazzi sedicenni frequentano la stessa scuola esclusiva. L'uno è figlio di un medico ebreo, l'altro è di ricca famiglia aristocratica. Tra loro nasce un'amicizia del cuore, un'intesa perfetta e magica. Un anno dopo, il loro legame è spezzato. Questo accade in Germania, nel 1933... Racconto di straordinaria finezza e suggestione, L'amico ritrovato è apparso nel 1971 negli Stati Uniti ed è poi stato pubblicato in Inghilterra, Francia, Olanda, Svezia, Norvegia, Danimarca, Spagna, Germania, Israele, Portogallo. Ovunque lo stesso entusiasmo della critica. "Un'opera letteraria rara", l'ha definito George Steiner sul New Yorker, "Un capolavoro", ha scritto Arthur Koestler nell'introduzione all'edizione inglese del 1976. "Un libro che assilla la memoria... una gemma", "Un racconto magistrale", hanno fatto eco The Sunday Express e The Financial Times di Londra. E infine Le Monde di Parigi: "Uno dei testi più densi e più puri sugli anni del nazismo in Germania... Tra i romanzi più belli che si possano raccomandare ai lettori, dai dodici anni in su. Senza esitazione."

L’amico ritrovato

Uhlman Fred

“Una foschia rosso porpora” è la più scrupolosa e dettagliata biografia di Jimi Hendrix mai scritta, uno sterminato mosaico di informazioni e dati che non ha eguali nella letteratura rock. Il volume di Shapiro e Glebbeek si estende dalla musica a immagini rare, ai dischi, a quella labirintica “Discoteca di Babele” che fra opere ufficiali, antologie e bootleg conta centinaia di pezzi, qui sistemati dagli autori con precisione maniacale. A quarant’anni dalla morte di Jimi Hendrix ritorna in libreria l’opera definitiva su un maestro ancora influente e venerato, che con la sua chitarra ha ridisegnato i confini della musica americana del Novecento.

Una foschia rosso porpora

Glebbeek Caesar

La tempesta

Moravia Alberto