Saggi

Alberto Moravia e La ciociara – Atti del secondo convegno internazionale a Fondi (Edizioni Sinestesie)

Autori vari

Descrizione: Il volume "Alberto Moravia e La ciociara. Letteratura. Storia. Cinema", raccoglie le relazioni pronunciate nel corso del II Convegno Internazionale svoltosi a Fondi, nei luoghi del romanzo, il 13 aprile 2012, e con alcuni interventi di rilievo, oltre alla prefazione di Rino Caputo, al saggio introduttivo di Angelo Fàvaro, alle conclusioni di Dante Della Terza e all'indirizzo di saluto di Dacia Maraini. Pubblicato dalle Edizioni Sinestesie, con il patrocinio dell'Associazione Fondo Alberto Moravia, è passato al vaglio di numerosi comitati scientifici e ha ottenuto il plauso per i contenuti e per la forma editoriale. Da non tacere alcuni interventi di insigni storici della letteratura, intellettuali, italianisti, esperti dell'Opera di Alberto Moravia, non senza alcune inedite riflessioni e dimostrazioni.

Categoria: Saggi

Editore: Sinestesie

Collana: Biblioteca di Sinestesie

Anno: 2014

ISBN: 9788898169481

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’Associazione Culturale Internazionale Edizioni Sinestesie promuove e cura l’organizzazione di conferenze, convegni, mostre, seminari, pubblicazione di libri.
In questo ambito ha curato la pubblicazione degli Atti del secondo convegno internazionale, tenutosi a Fondi il 13 aprile 2012, e intitolato “Alberto Moravia e La ciociara – Letteratura. Storia. Cinema”.
Il volume, disponibile a questo link, http://www.edizionisinestesie.it/biliotecasinestesie/54-alberto-moravia-e-la-ciociara.html viene così illustrato: “Il volume Alberto Moravia e La ciociara. Letteratura. Storia. Cinema, raccoglie le relazioni pronunciate nel corso del II Convegno Internazionale svoltosi a Fondi, nei luoghi del romanzo, il 13 aprile 2012, e con alcuni interventi di rilievo, oltre alla prefazione di Rino Caputo, al saggio introduttivo di Angelo Fàvaro, alle conclusioni di Dante Della Terza e all’indirizzo di saluto di Dacia Maraini. Pubblicato dalle Edizioni Sinestesie, con il patrocinio dell’Associazione Fondo Alberto Moravia, è passato al vaglio di numerosi comitati scientifici e ha ottenuto il plauso per i contenuti e per la forma editoriale. Da non tacere alcuni interventi di insigni storici della letteratura, intellettuali, italianisti, esperti dell’Opera di Alberto Moravia italiani, fra i quali Simone Casini, Andrea Gareffi, Giulio Ferroni, Alberto Granese, e stranieri come Mark Epstein, Laurent Lombard, Wei Yi. Il romanzo di Alberto Moravia viene riletto alla luce dell’esperienza autoriale, esistenziale e culturale di Alberto Moravia, non senza alcune inedite riflessioni e dimostrazioni, perciò si è scelto di disporre le relazioni in ordine alfabetico, generando un percorso concettuale inatteso che dalla conclusione del romanzo e dalla ripresa-tradimento filmico procede zigzagando fra le figure di Michele, Rosetta, Cesira, giungendo poi a considerare l’opera romanzesca dal punto di vista della scrittura, della struttura, dell’ideologia, fino a osservare la testimonianza autoriale sul fronte di guerra.

Come illustrato da Angelo Favaro nella sua introduzione “La ciociara, Alberto e Elsa sulle macere”, il convegno ha avuto “dimensione planetaria” grazie alla presenza di relatori di caratura internazionale, provenienti da diverse parti del mondo. Il fatto che contributi e relazioni siano stati pubblicati in ordine alfabetico non mi impedirà di fornirne una rassegna organizzando i diversi interventi secondo la personale lettura che io ne ho dato, nel tentativo di meglio rapportarmi all’opera-capolavoro di Alberto Moravia.

ELEMENTI AUTOBIOGRAFICI DEL ROMANZO SULLA GUERRA

Come Angelo Favaro annota nell’introduzione all’opera: “Alberto Moravia e Elsa Morante… vennero a trovarsi in quei luoghi dopo l’8 settembre del 1943, e vi rimasero fino al maggio del 1944, per necessità, in fuga da Roma con una valigia, due libri, una Bibbia e I Fratelli Karamazov” di Dostoevskij. Quest’esperienza, alla quale faranno riferimento quasi tutti gli interventi del convegno, è il retroterra storico de “La ciociara” di Moravia e de “La storia” della Morante; da qui “personaggi usciti in passeggiata dalle pagine di Dostoevskij per finire fra quelle di Moravia-Morante potrebbero essere, fra molti, Michele e Davide”. Dunque, dalla sofferta esperienza di vita scaturiranno due tra i più importanti romanzi della letteratura italiana sulla guerra, in un parallelismo (tra rette più divergenti che convergenti) che variamente si combina con la poetica di Dostoevskij.

Anche Dacia Maraini, nella sua veste di presidente dell’Associazione Fondo Alberto Moravia, nel saluto introduttivo, così enuclea il messaggio del romanzo:  “Capire la guerra e difendere la pace. Capire i meccanismi dell’odio dell’altro per scoprire le tante inaspettate strategie della pace. Questo è il messaggio profondo del romanzo La ciociara.”

Gianna Cimino, nipote di Moravia, dalla quale abbiamo ricevuto una preziosa testimonianza in una precedente occasione, ricorda l’evento che causò la fuga dei coniugi (“Qualcuno gli aveva detto che i fascisti lo cercavano per mandarlo in un campo di concentramento in Germania”) e offre un ulteriore spunto alla riflessione sulla guerra, attingendo direttamente alla memoria dello zio: “Zio Alberto diceva sempre e appassionatamente che così come il genere umano aveva stabilito culturalmente il tabù dell’incesto, allo stesso modo avrebbe dovuto concepire il tabù della guerra”.

Anche Wei Yi, in “Alberto Moravia, testimone di guerra in Ciociaria, volare più in alto”, si sofferma sugli spunti autobiografici e sulle distorsioni che hanno subito nell’opera.
Così se “Rosetta fa una doccia giornaliera, rovesciandosi sulla testa il secchio di acqua ghiacciata”, la mente corre alla Morante; la fuga di Michele dai rastrellamenti allude a quella di Moravia (“Durante il periodo dei rastrellamenti da parte dei tedeschi, invece di far scappare solo Michele, come ha fatto realmente Moravia…”); la lettura di Michele del passo del Vangelo corrisponde a un’esperienza dello scrittore (“L’idea insolita di leggere loro il Vangelo. Scelsi l’episodio della resurrezione di lazzaro, ma mi accorsi subito che non capivano niente”), come pure la “cena offerta ai due soldati alleati in fuga”…
Questi e altri particolari s’inseriscono in una potente riflessione sulla guerra (“Per capire com’è fatta la gente bisogna osservarla in situazioni eccezionali, appunto in guerra”), che rappresenta in modo preponderante il tema del romanzo (“Nelle quasi 260 pagine, ben 200 sono dedicate a descrizioni piuttosto oggettive e osservazioni sulla guerra”).

1 – continua

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vari

Autori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Autori vari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'epoca di "Io, Pablo e le cacciatrici di eredità" è la nostra e i valori sono quelli del passato, dove, fusi abilmente in un miscuglio esiziale, percepiamo materiali letterari, stili di vita, vocazioni e talenti inespressi. Banda non propone una tesi all'incompiuto, ma ne esalta nella forma l'ardire; ricordando, analizza e ripensa negli ambienti, riportandoci agli affetti personali, non scheda indizi, ma ci immerge nel linguaggio. La storia centrale è il frutto di un raggiro, è un percorso di doppiezza, dove ogni gesto romantico nasconde un sotterfugio e dove il protagonista si fa amare, pur di vivere un'insperata seconda giovinezza, accetta, e noi empaticamente con lui, le artefatte seduzioni di due compagne con cui parure per un lungo viaggio. Due femmine gravide di rimpianto che, in omaggio alla legge estetica del dislocamento, sfruttano il loro sapore esotico per compensare le inadeguatezze di ruolo e rango. Le frasi non dette, o le attese attenzioni spontanee e disinteressate, sfumano la riduzione di una presenza a progetto e l'esistenza diviene simbolo del possesso. Banda fa sì che non si abbia bisogno di fornire una ragione alla conclusione: il viaggio "Merano - Mirano", dove lo slittamento di vocale fornisce lo straniamento di non luogo e non tempo. I rituali ipocriti della vita familiare, approntano un magistrale teatro del vero più coerente e efficace del reale.

Io, Pablo e le cacciatrici di eredità

Banda Alessandro

Imperniato attorno a un leggendario brano blues, il racconto parla con la voce di un sedicenne che scopre di avere un difetto irreversibile all’udito. Il suo è un viaggio attraverso la presa di coscienza dell’handicap, ma è anche il cammino di un teenager come tanti, alla ricerca della propria identità. È un’empatia che lo sorregge dove i sensi vengono meno: trasporta lontano e pone un diaframma tra lui e il mondo degli uomini che si muovono in fretta, e coltivano cinici il destino come fosse un’occasione. Il ragazzo osserva, memorizza i suoni per riascoltarli nell’animo e attende il silenzio che verrà, e che forse sarà davvero un’occasione. Lo fa in disparte, perché non ama la compagnia chiassosa e accessoria delle conoscenze di passaggio. L’affiancano gli amici dai quali trae, come dalla musica, l’energia per combattere la deriva. L’amicizia è il sentimento che conforta e dà voce a ogni cosa, mentre sul mondo cade fragile il sipario del silenzio.

La Forma Fragile del Silenzio

Pigola Fabio Ivan

Esiste il delitto perfetto? Gastmann, “demonio in forma umana”, ne è convinto, e per dimostrarlo al commissario Barlach – e vincere la scommessa fatta in una bettola sul Bosforo – getta un uomo dal ponte di Galata. Per oltre quarant’anni il commissario seguirà le orme di quella belva feroce, finché un giorno, nella tetra quiete del lago di Biel, in Svizzera, l’assassinio dell’ispettore Schmied lo metterà nuovamente di fronte all’inquietante spettro del suo nemico e degli audaci, efferati delitti da lui commessi. A Barlach non resta molto da vivere: giusto il tempo di regolare i conti.

Il giudice e il suo boia

Durrenmatt Friedrich

"Gentili lettori, questa quarta di copertina promette molte cose, le più strane. In effetti il libro che andrete a sfogliare ha poco di convenzionale. Si tratta di una innovativa visione del teatro o forse di un passatempo vintage con risvolti social: in quest'opera l'antico e il moderno coesistono, così come la burla e il dramma. Quello di un'attrice che sopravvive alla scomparsa del cinema muto e che, circondata di gemme e di rose, viene irretita da un bellimbusto. Un noir ferrarese degli anni Trenta che vi vede spettatori e protagonisti, note esplicative con curiosità e gossip d'epoca, un kit per la messa in scena e un pubblico che vi attende online. Del resto, se siamo fatti della stessa sostanza dei sogni - come sosteneva Shakespeare -, conviene forse sognare in grande: i fasti di Broadway dal divano di casa. Anzi, dal Sofà".

Sofà

Conventi Gaia