Narrativa

Aldilà

Nievo Stanislao

Descrizione: L'avventura estrema della vita, quella che accompagna ognuno di noi appena ha chiuso gli occhi sulla realtà e li ha aperti sul viaggio che la mente, subito dopo, intraprende verso un mondo misterioso.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana: Romanzi e racconti

Anno: 1999

ISBN: 9788831773218

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Accanto alle più famose e contagiose rappresentazioni della letteratura,  l’Aldilà è stato variamente immaginato. Stanislao Nievo ha composto in due parti un’opera che ha proprio come tema il mistero di quello che attende l’uomo – se mai qualcosa avviene – dopo la morte (“Stefano Saint Sixt esalò l’ultimo respiro il 17 maggio di quell’anno agli albori del millennio”).

Nella prima parte prendono corpo ipotesi (“Tutto uguale, soltanto più delicato, meno sensuale. E più bello”) e idee (“Quel che ci capita è tutto, tranne il grande sonno che ci aspettavamo”), dapprima molto legate alla realtà appena abbandonata (“Finora non è stato che un lungo allenamento. La realtà che abbiamo conosciuto è preparazione, tirocinio”) e superata (“Usavano i sensi dell’esistenza, ma ce n’era un altro, la quintessenza, che li univa come loro si univano nel pensiero l’uno all’altro”), che via via si allontanano dagli schemi terrestri (“Uomini? Donne?… Sembravano l’uno e l’altra, la sensualità fusa diversamente in vita era scomparsa”) grazie a presenze (“Apparve una figura che si definì il suo compagno di luce… Ero il tuo compagno nero, nell’esistenza esaurita. La tua ombra…”) ed essenze (“Sì, siamo farfalle di luce”) della nuova condizione.

In questa sezione dell’opera, l’itinerario mantiene le caratteristiche del viaggio (“Davanti, la vista si schiudeva sul mare segnato da piccole onde schiumanti. Venne un flusso scuro, più alto, la corsa d’una nuvola che dava alla distesa d’acqua una cornice striata dai riflessi d’indaco…”): in una grotta, su una spiaggia, in una torre del Circeo. Ma il paesaggio diviene sempre più metafisico (“Sembrava di attraversare un paesaggio metafisico, come in certi dipinti novecenteschi surreali. Le sfere li spinsero davanti alla porta della nuova torre”) con il procedere di esperienze nuove (“La sua abitudine a considerare linee e disegni come figure note alla sua sensibilità subiva delle oscillazioni. Un grande quadro si formò davanti, con maschere d’ogni sorta, caleidoscopiche. Alcuni arlecchini ballavano nel mezzo…”) ed esoteriche (“Nel gorgo vide tale composizione atomica esprimersi come la danza di Siva che irradia vita a pioggia, a mo’ di fontana infinita”).

Prendono forma concetti (“Di colpo scorse l’immagine della grande protettrice, la Provvidenza”) ed enti come l’eden e il caos. Si susseguono gli incontri con animali e persone, mentre il ruolo di Virgilio viene svolto da un uccelletto, il martin pescatore, lungo il fiume della memoria.
Le rievocazioni – dell’amante, della maestra, della mamma – si susseguono con le esperienze mistiche (“Si è sdoppiato in una mirabile opera di scissione e rinascita che è la profonda verità di ogni scoperta umana”), vitalistiche (“… prima di esplodere in girandole liberatorie. L’esistenza è stato un insieme di contraddizioni e di mascheramenti intrecciati…”), filosofiche (“È questo, attraverso lettere e parole, il viaggio nell’eternità”) perché “eliminata ogni tensione, la struttura della memoria ruota come un planetario primitivo in cerca di una danza assoluta, matematica”.

“Incontrerà i due gemelli perduti alla nascita?”
Sembra questa, forse, una possibile destinazione. Poi si pone un’alternativa: “Vuoi ricominciare quel che hai fatto, per farlo meglio? Oppure, abbandonarti ai grandi Spiriti che ruotano attorno al mistero?
Ma nella seconda parte, il quadro di riferimento cambia completamente: una Super Rete sembra connettere diversi piani temporali e sacche carsiche di realtà (gli universi paralleli?) sino a un drammatico dilemma (“Pensa bene se correre in cielo o in terra”) risolto, forse, con la fede e la poesia.
La girandola del suo viaggio diventava una giostra e su un cavallino a dondolo lui seguiva l’immensa ruota dove tutti, uno alla volta, con differente cavalcatura, correvano attorno.”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stanislao

Nievo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nievo Stanislao


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Entrato in un negozio per comprare una borsa alla fidanzata, Kemal Basmaci, trentenne rampollo di una famiglia altolocata di Istanbul, si imbatte in una commessa di straordinaria bellezza: la diciottenne Füsun, sua lontana cugina. Fra i due ha ben presto inizio un rapporto anche eroticamente molto intenso. Kemal tuttavia non si decide a lasciare Sibel, la fidanzata: per quanto di mentalità aperta e moderna, in lui sono comunque radicati i valori tradizionali (e anche un certo opportunismo). Così si fidanza e perde tutto: sconvolta dal suo comportamento, Füsun scompare, mentre Kemal, preda di una passione che non gli dà tregua, trascura gli affari e alla fine scioglie il fidanzamento. Quando, dopo atroci patimenti, i due amanti si ritrovano, nella vita di Füsun tutto è cambiato. Kemal però non si dà per vinto. In assoluta castità, continua a frequentarla per otto lunghi anni, durante i quali via via raccoglie un'infinità di oggetti che la riguardano: cagnolini di porcellana, apriscatole, righelli, orecchini... Poterli guardare, assaggiare, toccare è spesso la sua unica fonte di conforto. E quando la sua esistenza subisce una nuova dolorosa svolta, quegli stessi oggetti confluiranno nel Museo dell'innocenza, destinato a rendere testimonianza del suo amore per Füsun nei secoli futuri. La storia di un'incontenibile passione, ma allo stesso tempo uno sguardo ora severo, ora ironico, ma certamente non privo di profondo affetto sulla Istanbul di quegli anni e sulla sua contraddittoria borghesia.

Il museo dell’innocenza

Pamuk Orhan

Marta ha solo sedici anni, ma dietro i suoi begli occhi si nascondono le incisioni di segreti inconfessati, orribili ferite dall'odore nauseabondo. Gli uomini sono delle bestie, Marta è costretta a ripeterselo. L'ha imparato a sue spese, sulla sua pelle, e pagherà fino in fondo. Eppure, gli uomini sono l'unico approdo che resta, quando tutti i sogni si spengono nelle ristrettezze di una vita che offre solo la copia sbiadita di ciò che sembra luccicare nell'Occidente, così lontano eppure appena dietro l'angolo. Salvo avere la fortuna di scovarlo, l'uomo giusto. Un uomo da amare. Sempre che l'amore esista davvero. Chisinau, Moldavia... La gioventù finisce presto, da quelle parti. La spensieratezza non c'è. La vita è dura, violenta, i miti si schiantano nella realtà di tutti i giorni. Si vive border line, e si finisce sopraffatti, se si è donne, giovani, carine. Come Marta, violabile e violata, colpevole senza colpe, eroina al contrario di una storia senza speranza. E in cambio c'è solo vendetta, morte, e altra sopraffazione. Esiste una giustizia? Se esiste, è la giustizia più ingiusta che si possa meritare. La "Frivolezza" è quella dei sogni rincorsi. Ma la storia è densa, proprio come "il cristallo liquido" che nel titolo annulla e trasforma gli anni teneri di una gioventù bruciata dagli altri. Irina Turcanu scrive questa sua cronaca dell'infanzia con mano intenerita e partecipe, eppure senza fronzoli, senza mediare con l'asprezza delle tematiche scelte, con mano dura laddove la storia si fa dura. Il romanzo di una giovanissima scrittrice rumena, oggi italiana. Tenetelo di conto, ne sentirete ancora parlare.

LA FRIVOLEZZA DEL CRISTALLO LIQUIDO

Turcanu Irina

L’eros va assaporato, toccato, ascoltato, guardato e perfino respirato. Ognuno dei cinque sensi può innescare il piacere, così come fa il sesto, quello invisibile dell’intuizione. Tre autori raccontano l’eros così come viene percepito a livello sensoriale in sei racconti intensi e coinvolgenti, in ciascuno dei quali è uno dei sensi a trionfare. Antologia a cura di Francesca Panzacchi

I sensi dell’eros

Roses Charmel, Elpis Bruno, Detari Frank

Nella Dublino chiusa e retrograda del 1907, una giovanissima attrice ha intrecciato una relazione con un uomo più anziano, il drammaturgo più importante del teatro dove la ragazza lavora. Ribelle, irriverente, bella, corteggiata da tutti, Molly Allgood proviene da una quartiere popolare, e sogna un futuro da star in America. Il suo amore, John Millington Synge, è un genio inquieto, ultimo discendente di quella che è stata una ricca famiglia di proprietari terrieri, un poeta dal linguaggio forte e dalle passioni tempestose. Ma la sua vita è ostacolata dalle convenzioni dell’età edoardiana e dalla madre austera e timorata di Dio con la quale vive. La relazione tra John e Molly, ostacolata dagli amici e dalla famiglia, è turbolenta, a volte crudele, spesso sofferta. Molti anni dopo, una donna anziana attraversa una Londra sconvolta dalla tempesta. Natale è alle porte. Mentre la donna vaga tra le macerie dei recenti bombardamenti, un vortice di neve di ricordi e desideri perduti sembra turbinarle intorno. Da una delle più grandi voci della narrativa irlandese contemporanea. Un indimenticabile romanzo sull’amore che sfida tutte le convenzioni, anche quelle religiose, una commovente storia di abbandoni e riconciliazioni, un omaggio all’arte stessa di narrare.

UNA CANZONE CHE TI STRAPPA IL CUORE

O'Connor Joseph