Narrativa

Aldilà

Nievo Stanislao

Descrizione: L'avventura estrema della vita, quella che accompagna ognuno di noi appena ha chiuso gli occhi sulla realtà e li ha aperti sul viaggio che la mente, subito dopo, intraprende verso un mondo misterioso.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana: Romanzi e racconti

Anno: 1999

ISBN: 9788831773218

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Accanto alle più famose e contagiose rappresentazioni della letteratura,  l’Aldilà è stato variamente immaginato. Stanislao Nievo ha composto in due parti un’opera che ha proprio come tema il mistero di quello che attende l’uomo – se mai qualcosa avviene – dopo la morte (“Stefano Saint Sixt esalò l’ultimo respiro il 17 maggio di quell’anno agli albori del millennio”).

Nella prima parte prendono corpo ipotesi (“Tutto uguale, soltanto più delicato, meno sensuale. E più bello”) e idee (“Quel che ci capita è tutto, tranne il grande sonno che ci aspettavamo”), dapprima molto legate alla realtà appena abbandonata (“Finora non è stato che un lungo allenamento. La realtà che abbiamo conosciuto è preparazione, tirocinio”) e superata (“Usavano i sensi dell’esistenza, ma ce n’era un altro, la quintessenza, che li univa come loro si univano nel pensiero l’uno all’altro”), che via via si allontanano dagli schemi terrestri (“Uomini? Donne?… Sembravano l’uno e l’altra, la sensualità fusa diversamente in vita era scomparsa”) grazie a presenze (“Apparve una figura che si definì il suo compagno di luce… Ero il tuo compagno nero, nell’esistenza esaurita. La tua ombra…”) ed essenze (“Sì, siamo farfalle di luce”) della nuova condizione.

In questa sezione dell’opera, l’itinerario mantiene le caratteristiche del viaggio (“Davanti, la vista si schiudeva sul mare segnato da piccole onde schiumanti. Venne un flusso scuro, più alto, la corsa d’una nuvola che dava alla distesa d’acqua una cornice striata dai riflessi d’indaco…”): in una grotta, su una spiaggia, in una torre del Circeo. Ma il paesaggio diviene sempre più metafisico (“Sembrava di attraversare un paesaggio metafisico, come in certi dipinti novecenteschi surreali. Le sfere li spinsero davanti alla porta della nuova torre”) con il procedere di esperienze nuove (“La sua abitudine a considerare linee e disegni come figure note alla sua sensibilità subiva delle oscillazioni. Un grande quadro si formò davanti, con maschere d’ogni sorta, caleidoscopiche. Alcuni arlecchini ballavano nel mezzo…”) ed esoteriche (“Nel gorgo vide tale composizione atomica esprimersi come la danza di Siva che irradia vita a pioggia, a mo’ di fontana infinita”).

Prendono forma concetti (“Di colpo scorse l’immagine della grande protettrice, la Provvidenza”) ed enti come l’eden e il caos. Si susseguono gli incontri con animali e persone, mentre il ruolo di Virgilio viene svolto da un uccelletto, il martin pescatore, lungo il fiume della memoria.
Le rievocazioni – dell’amante, della maestra, della mamma – si susseguono con le esperienze mistiche (“Si è sdoppiato in una mirabile opera di scissione e rinascita che è la profonda verità di ogni scoperta umana”), vitalistiche (“… prima di esplodere in girandole liberatorie. L’esistenza è stato un insieme di contraddizioni e di mascheramenti intrecciati…”), filosofiche (“È questo, attraverso lettere e parole, il viaggio nell’eternità”) perché “eliminata ogni tensione, la struttura della memoria ruota come un planetario primitivo in cerca di una danza assoluta, matematica”.

“Incontrerà i due gemelli perduti alla nascita?”
Sembra questa, forse, una possibile destinazione. Poi si pone un’alternativa: “Vuoi ricominciare quel che hai fatto, per farlo meglio? Oppure, abbandonarti ai grandi Spiriti che ruotano attorno al mistero?
Ma nella seconda parte, il quadro di riferimento cambia completamente: una Super Rete sembra connettere diversi piani temporali e sacche carsiche di realtà (gli universi paralleli?) sino a un drammatico dilemma (“Pensa bene se correre in cielo o in terra”) risolto, forse, con la fede e la poesia.
La girandola del suo viaggio diventava una giostra e su un cavallino a dondolo lui seguiva l’immensa ruota dove tutti, uno alla volta, con differente cavalcatura, correvano attorno.”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stanislao

Nievo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nievo Stanislao


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Chi salirà nel monte di Dio? Chi ha le mani innocenti e il cuore puro." Un quartiere di vicoli a Napoli: Montedidio. Un ragazzo di tredici anni va a bottega da Mast'Errico, il falegname. E' l'inizio della sua vita nuova, la vita che a sera, a casa, in una casa vuota per l'assenza del padre e per la malattia della madre, il ragazzo va scrivendo su una bobina di carta avuta in regalo dal tipografo di Montedidio. Ha anche un altro regalo, che porta sempre con sé, un "bùmeran", un legno nato per volare che il padre ebbe a sua volta da un marinaio di passaggio. Così passano i giorni: Mast'Errico gli insegna il mestiere e Don Rafaniello, uno scarparo che Mast'Errico tiene ospite a bottega, gli insegna a pensare sugli uomini e sulle cose.

Montedidio

De Luca Erri

Elegie di Patti Smith

Torna l’attesa voce di Derfel Cadarn, il guerriero fattosi monaco, un tempo protetto di Merlino e paladino fedele di Artù, per accompagnarci lungo un nuovo capitolo delle sue memorie, che lo vede impegnato a lottare su due fronti ugualmente insidiosi: l’amore e la guerra. Dopo aver affrontato i demoni dell’Isola dei Morti per liberare la sacerdotessa Nimue, Derfel è accanto al suo signore, Artù, nella sanguinosa battaglia contro il regno del Powys. Il re di quelle terre vuole infatti vendicare a caro prezzo l’offesa subita da sua figlia Ceinwyn, ripudiata da Artù che le ha preferito Ginevra. Artù e i suoi cavalieri riescono a vincere solo grazie ai poteri di Merlino, e si decide di sancire la ristabilita unità dei britanni celebrando l’unione tra Ceinwyn e Lancillotto. Neanche questa volta però è destino che il matrimonio della nobile fanciulla abbia luogo: durante la cerimonia di fidanzamento, Ceinwyn abbandona il promesso sposo e fugge con Derfel, di cui si è innamorata. Un amore che rischia di mettere a repentaglio il fragile equilibrio politico raggiunto a costo di molte, troppe vite umane...

IL CUORE DI DERFEL

Cornwell Bernard

1311. In missione segreta per conto dell'imperatore, Dante fa il suo ingresso a Venezia, una città umida e inospitale, che lui detesta. Non ha intenzione di trattenersi a lungo, ma poi viene fermato da un uomo che sembra sapere molte cose su di lui e soprattutto sull'opera che sta scrivendo, l'Inferno, e che lo invita alla riunione di una setta in possesso di una reliquia straordinaria: la Sindone del diavolo. Così, quando alcune persone vengono trovate morte in circostanze misteriose, il poeta capisce che a Venezia sta accadendo qualcosa di molto strano. Qualcosa su cui è necessario indagare...

La sindone del diavolo

Leoni Giulio