Narrativa

Ali

Nardi Andrea B.

Descrizione: In una New York crepuscolare e fredda c'è ancora chi insegue un sogno. La bella Rouge deve parlare con Sebastiano, due tristi messaggeri lo stanno cercando, Zariele nasconde un segreto, le anime s'intrecciano sotto un cielo di fiamme e di pace perduta. Che ci fa una piuma per terra in mezzo a Manhattan? E una spada? Dove stanno andandosene tutti quei ragazzi dai volti disperati? E in tutto questo, c'entra ancora qualcosa Dio? Sullo sfondo stanno ancora bruciando le Twin Towers dell'11 settembre, quando nemmeno più gli angeli ricordano i giuramenti antichi. Fra personaggi confusi dalla vita, qualcuno lotta perché prevalga il bene, ma sono ormai molti a dubitarne. Possiamo continuare a vivere senza risposte? Un'avventura umana e celestiale alla scoperta non solo d'una storia fra cronaca recente, epica leggendaria, pensiero e sentimenti, ma soprattutto l'ingresso in una dimensione dove angeli e demoni attraversano il tempo umano domandandosi disperatamente dove sia finito Dio.

Categoria: Narrativa

Editore: Parallelo45

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788898440597

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Ė un romanzo, ma è anche un lungo apologo che coinvolge l’umanità questo “Ali” di Andrea B. Nardi. Dedicato alle vittime degli attentati alle Torri Gemelle di New York, il libro parte da quel dannato undici settembre 2001 che ha sconvolto indelebilmente le vite di ognuno per planare, è il caso di dirlo, tra passato e presente, in un continuo oscillare, anche se la maggior parte della vicenda si svolge nella Grande Mela tra cronaca recente e storia, citazioni note, fantasia e realtà.

Scritto in terza persona, caratterizzato da frasi brevi, in un preciso e rapido susseguirsi di azioni, il romanzo – a tratti epico – ruota intorno alla sempiterna lotta tra Bene e Male, forze rappresentate dalle schiere angeliche. Curioso vedere gli angeli che si ritrovano con il loro pesante ingombro di ali e spade mescolati agli umani, con i quali condividono anche i modi di fare, gli atteggiamenti, gli indumenti.
L’autore s’interroga sulla presenza e sull’essenza di Dio, che nel suo grande sogno ha generato la filosofia di Pitagora e di Aristotele, i volumi della Biblioteca vaticana e la magica recitazione di Marlon Brando, riprendendo anche la teoria che già fu di Blake.

Did he who made the Lamb make thee?  (cit. W. Blake, The tyger)
Chi ha creato l’Agnello ha creato te? – si chiedeva il poeta inglese vissuto a cavallo tra Settecento e Ottocento. Sintetizzando il suo pensiero: se Dio è, se Dio esiste,  ha generato Bene e Male perché ha generato tutte le cose.
“Ali” riprende questo concetto e nella lotta tra angeli e demoni sembra quasi riecheggiare un altro autore italiano, Alessandro Cortese, che ha voluto rappresentare  (nel  suo “Eden”  e nel seguito  “Ad lucem”) il principio degli Inferi con la caduta degli angeli ribelli, ponendosi l’interrogativo che ha sempre assillato l’inglese Blake.

Colto e lirico, preciso nelle descrizioni che lo assimilano a una sceneggiatura di Leone o di un film distopico, il romanzo non è di facile lettura per i simbolismi e le metafore spesso nascoste, spesso chiare e lucide.
Da leggere lentamente, ripensando a ogni singola frase per poi tornare indietro a godere della prosa di Nardi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

B.

Andrea

Nardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nardi Andrea B.

Dopo il terribile inverno di Case Rosse, il commissario Roberto Serra ha lasciato l'Appennino emiliano per Termine, nel profondo Nord Est, sulle colline del Prosecco: quattro case, tre strade, una chiesa, un cimitero, e intorno solo vigneti, a perdita d'occhio. Lì, di sera, Roberto sfoga in incognito la sua passione per la cucina e per i vini nel piccolo ristorante ricavato nel chiostro di un antico monastero. Di giorno, invece, lavora nella questura della scintillante e perbenista Treviso. Una vita che scorre lenta, tra le sempre più rade visite della sua Alice e le sempre più frequenti chiacchierate con Susana, una bella sudamericana andata come lui a voltare pagina in quell'angolo di mondo. Sino a quando, un giorno d'inverno, il commissario non incontra Francesca, una ragazza eccentrica e disperata che cerca di convincerlo a occuparsi del caso di una giovane sparita nel nulla. Per quanto Roberto punti i piedi in nome della serenità ritrovata tra i vigneti di Termine - anche grazie ai farmaci che assume per non sprofondare nelle visioni angosciose che lo tormentano - davanti a lui si delinea una scia di scomparse misteriose: tutte donne, tutte giovanissime, tutte straniere. Invisibili per la procura, per la polizia, per la gente. Roberto non può più scappare. è costretto ad affrontare un'indagine che lo porterà a scrutare le acque nere dei laghi nascosti tra i vigneti, a scoprire che un passato irrisolto può allungare le sue dita fatali fino al nostro presente, a sondare gli abissi più oscuri della mente umana. Dormienza, pianto, allegagione, invaiatura... le fasi della vita delle vigne scandiscono la nuova indagine del commissario Serra, i cui occhi hanno la luce speciale di chi si sente, in ogni luogo, straniero - e proprio per questo vicino alla sofferenza delle vittime, alla disumanità dei carnefici. Con scrittura mobile, asciutta, a tratti intensamente poetica, Giuliano Pasini dà vita a un romanzo sull'amore e sull'odio, sul dolore e sulla redenzione. Un thriller -spumante, torbido e profumato- come un calice di Prosecco sur lie.

IO SONO LO STRANIERO

Pasini Giuliano

Si può ricordare l'estate di un lutto come la più bella di sempre? Si può tornare a sorridere dopo aver perso ciò che avevamo di più caro? Ventitré autori rispondono, cercando nuovi occhi per guardare la morte, senza nascondere le ferite, scegliendo non di dimenticarla, ma di accettarla e, semmai, assecondarla, esorcizzando il loro lutto in racconti piena di vitalità. Ci sono tanti modi per raccontare la morte, che sia essa la perdita di una persona cara o la fine di un amore. In «Lutto libero» c'è la volontà di rispondere alla morte con l'ironia, per liberarsi in modo catartico di un momento durissimo. E soprattutto con il desiderio di tornare a sorridere, di abbracciare un amico, di fare l'amore perché «l'unico modo che abbiamo per rispondere alla morte è la vita». Storie di: Ezio Azzollini, Donato Barile, Matteo Bianconi, Matteo Caccia, Ilaria Calamandrei, Cristiano Carriero, Giusy Cascio, Michele Dalai, Tommy Dibari, Fabio Fanelli, Virginia Gaspardo, Marco Maddaloni, Marco Napoletano, Giulia Olivi, Fulvio Paglialunga, Giuliano Pavone, Claudio Pellecchia, Lucia Perrucci, Alessandro Piemontese, Francesco Poroli, Ferdinando Sallustio, Ivan Tabanelli, Roberto Venturini.

Lutto libero allo Scriptorium Cafè

AA. VV.

RITORNO A PLANAVAL

Dal Bianco Stefano

Cronaca di un viaggio irripetibile, "... di due giovani partiti da minuscoli paesi sul fiume Po e andati in Messico, per vivere quella libertà che, senza saperlo, si portavano già dentro". L'autore racconta che "... tutto il peregrinare in luoghi più o meno esotici, prima e dopo il Viaggio, è stato qualcosa di diverso, forse più chiaro, ma diverso. Ecco perché, quando mi trovai ad attraversare la Sierra Madre del Sud, sulla strada che porta da Puerto Escondido a Oaxaca, ebbi una visione che mi scaldò il cuore. Transitavamo su uno dei passi più alti della Sierra, un pianoro con due baracche o poco più. Una bambina indio correva nel prato che dava sul vuoto; correva contro il vento, con la bocca aperta, indossando un vestito chiaro sul quale erano appuntati grossi fiori scuri. Il cartello stradale diceva che eravamo arrivati in un luogo chiamato La Luna". Accompagnano la narrazione, le fotografie in bianco e nero di Andrea Longhini.

VIAGGIO SULLA LUNA

Bocchi Vittorio