Narrativa

Ali

Nardi Andrea B.

Descrizione: In una New York crepuscolare e fredda c'è ancora chi insegue un sogno. La bella Rouge deve parlare con Sebastiano, due tristi messaggeri lo stanno cercando, Zariele nasconde un segreto, le anime s'intrecciano sotto un cielo di fiamme e di pace perduta. Che ci fa una piuma per terra in mezzo a Manhattan? E una spada? Dove stanno andandosene tutti quei ragazzi dai volti disperati? E in tutto questo, c'entra ancora qualcosa Dio? Sullo sfondo stanno ancora bruciando le Twin Towers dell'11 settembre, quando nemmeno più gli angeli ricordano i giuramenti antichi. Fra personaggi confusi dalla vita, qualcuno lotta perché prevalga il bene, ma sono ormai molti a dubitarne. Possiamo continuare a vivere senza risposte? Un'avventura umana e celestiale alla scoperta non solo d'una storia fra cronaca recente, epica leggendaria, pensiero e sentimenti, ma soprattutto l'ingresso in una dimensione dove angeli e demoni attraversano il tempo umano domandandosi disperatamente dove sia finito Dio.

Categoria: Narrativa

Editore: Parallelo45

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788898440597

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Ė un romanzo, ma è anche un lungo apologo che coinvolge l’umanità questo “Ali” di Andrea B. Nardi. Dedicato alle vittime degli attentati alle Torri Gemelle di New York, il libro parte da quel dannato undici settembre 2001 che ha sconvolto indelebilmente le vite di ognuno per planare, è il caso di dirlo, tra passato e presente, in un continuo oscillare, anche se la maggior parte della vicenda si svolge nella Grande Mela tra cronaca recente e storia, citazioni note, fantasia e realtà.

Scritto in terza persona, caratterizzato da frasi brevi, in un preciso e rapido susseguirsi di azioni, il romanzo – a tratti epico – ruota intorno alla sempiterna lotta tra Bene e Male, forze rappresentate dalle schiere angeliche. Curioso vedere gli angeli che si ritrovano con il loro pesante ingombro di ali e spade mescolati agli umani, con i quali condividono anche i modi di fare, gli atteggiamenti, gli indumenti.
L’autore s’interroga sulla presenza e sull’essenza di Dio, che nel suo grande sogno ha generato la filosofia di Pitagora e di Aristotele, i volumi della Biblioteca vaticana e la magica recitazione di Marlon Brando, riprendendo anche la teoria che già fu di Blake.

Did he who made the Lamb make thee?  (cit. W. Blake, The tyger)
Chi ha creato l’Agnello ha creato te? – si chiedeva il poeta inglese vissuto a cavallo tra Settecento e Ottocento. Sintetizzando il suo pensiero: se Dio è, se Dio esiste,  ha generato Bene e Male perché ha generato tutte le cose.
“Ali” riprende questo concetto e nella lotta tra angeli e demoni sembra quasi riecheggiare un altro autore italiano, Alessandro Cortese, che ha voluto rappresentare  (nel  suo “Eden”  e nel seguito  “Ad lucem”) il principio degli Inferi con la caduta degli angeli ribelli, ponendosi l’interrogativo che ha sempre assillato l’inglese Blake.

Colto e lirico, preciso nelle descrizioni che lo assimilano a una sceneggiatura di Leone o di un film distopico, il romanzo non è di facile lettura per i simbolismi e le metafore spesso nascoste, spesso chiare e lucide.
Da leggere lentamente, ripensando a ogni singola frase per poi tornare indietro a godere della prosa di Nardi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

B.

Andrea

Nardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nardi Andrea B.

Chi è Malik Mir Sultan Khan? L’uomo misterioso di cui parla tutta New York, erede di una piccola parte dell’enorme fortuna di Mrs Abbott, ritiratosi a vita privata in una remota località del subcontinente indiano. È soltanto uno scaltro seduttore di facoltose vedove? E come ha fatto negli anni Trenta a vincere per tre volte il campionato inglese di scacchi partendo da un piccolo villaggio sperduto nella foresta? Un giornalista americano, di stanza nel Punjab a metà degli anni Sessanta, decide di incontrarlo per ricostruire la sua storia. Una storia iniziata con una tigre, che appare nei suoi sogni di bambino e poi si fa reale portandogli via entrambi i genitori. Una storia che prosegue alla corte del nababbo che lo aiuta a perfezionare il suo stile nel chaturanga e lo introduce alla versione occidentale del gioco, per poter sfoggiare le sue vittorie (batterà addirittura il campione del mondo Capablanca) in giro per l’Europa umiliando i colonialisti inglesi. Una storia che s’intreccia con quella del mondo intero quando le sue doti di raffinato stratega trascinano Malik in uno strano gioco di guerra che deciderà le sorti del Secondo conflitto mondiale...

Il gioco degli dei

Maurensig Paolo

Una famiglia italiana con tre bambini allegri viaggia da Torino all'Inghilterra su un'auto dal nome di baleniera. È il 2005, pochi giorni dopo gli attentati a Londra. Il fascino di leggende e antichi misteri, il salmastro delle maree, il profumo di brughiere ventose e assolate, s'intrecciano a un omicidio (scoperto dal protagonista e mai rivelato ai familiari). La vacanza si tinge inaspettatamente di nero. Così pare, fino al finale a sorpresa, introdotto dal ritrovamento di una lettera e un manoscritto e da un incontro. Il lettore mescoli questi ingredienti, si faccia incantare dai loro aromi e viaggi a sua volta, pagina dopo pagina.

Raccontare troppo

Asola Teresio

Erri De Luca e la scoperta della musica. La musica della scrittura, certo, ma anche la musica che si ascolta, che colma le nostre giornate, la musica che si canta. Questa "musica provata" comincia sui banchi del liceo con il celebre invito omerico alla musa "cantami o diva del pelide Achille", con la Napoli delle canzoni ottocentesche, con Ciccio Formaggio, con le incisioni beethoveniane di Arturo Toscanini, e prosegue dentro i canti di Pete Seeger negli anni Sessanta, Il disertore di Boris Vian, le canzoni scritte o rimaneggiate insieme all'amico Gian Maria Testa, l'armonica di Mauro Corona. Ci sono le bombe di Sarajevo e la memoria dei canti della fatica, quelli legati alla terra, quelli legati al lavoro operaio, c'è la musica di Stefano Di Battista e la voce di Nicky Nicolai. C'è il Mediterraneo. C'è tutta una vita che prova a intonare la voce.

La musica provata

De Luca Erri

Non basta la verità giudiziaria. Nel mare di accuse e veleni che continuano a inquinare i processi in corso sulla trattativa Stato-mafia, con particolare riferimento alle morti di Falcone e Borsellino, e che hanno addirittura coinvolto indirettamente il presidente della Repubblica, è necessario provare a spostare il nostro angolo visuale e fare un passo indietro. La storia ci viene in aiuto per capire che cosa sta succedendo. La partita è troppo grossa perché possa rimanere nelle aule di un tribunale. In gioco è la Repubblica italiana, il nostro Stato. Entrambi nati con l'appoggio fondamentale della mafia. L'autore spiega come e perché. Dalla vittoriosa cavalcata di Garibaldi aiutato dai picciotti siciliani durante la spedizione del 1860 agli omicidi impuniti d'inizio secolo che contaminano il tessuto economico-finanziario, all'alleanza col fascismo che si limitò a contrastare la manovalanza armata. Poi il patto di sangue con gli angloamericani nel 1943 per indirizzare la pace, seguito dagli omicidi e dalle stragi del dopoguerra perché la sinistra non avesse il sopravvento al Sud, fino alle tragiche vicende oggetto degli attuali processi. Difficile ammetterlo, però è così: la mafia è stata una risorsa decisiva per lo Stato italiano sin dai suoi albori unitari offrendo appoggio anche militare a chi vigilava sul controllo "democratico" del paese e talora a chi sosteneva veri e propri disegni eversivi. La magistratura non ce la può fare da sola a spaccare questa crosta spessa di bugie e inganni...

Una lunga trattativa

Fasanella Giovanni