Narrativa

ALICE IN GABBIA

Gasbarro Arianna

Descrizione: La vita di Alice è apparentemente perfetta: 28 anni, un lavoro a tempo indeterminato e un fidanzato che ama, ricambiata. Non le resta che cercare casa e fare dei figli, guadagnandosi il paradiso terrestre di una vita normale. Eppure di perfetto non c’è nulla. Il surreale sarcasmo di Alice fa scoprire al lettore situazioni che suo malgrado conosce fin troppo bene, nascoste dietro la maschera della normalità di un’ordinaria giornata in ufficio. Il badge che scandisce malignamente il tempo. La routine del ritmo aziendale che diventa ossessione. Le manie degli impiegati a un passo dalla psicosi. La sindrome antisociale dell’open-space. Le figure clownesche dei capufficio, tronfi della loro incompetenza. I giorni che invece di allargarsi in un presente vivo si spengono con monotonia uno sull’altro. Le pause – pausa-mela, pausa aria, pausa-sclero – sono le uniche boccate di sollievo. Finché Alice non scopre la pausa-papera! Osservando da dietro la recinzione dell’azienda i pennuti che vivono liberi nel loro stagno, ad Alice si rivela una nuova filosofia di vita, una possibilità di salvezza, di liberazione…

Categoria: Narrativa

Editore: Miraggi

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788896910016

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Il contratto a tempo indeterminato… Per molti rappresenta un sogno, anzi: una vera e propria utopia. Però Alice, che pure ha perseguito questo obiettivo con tenacia e perseveranza, ora si sente in gabbia.

Ho fatto come mi hanno detto. Ho un contratto ATI (A Tempo Indeterminato) e un fidanzato che amo. A questo punto dovrei solo procurarmi un nido e covare la prole, poi tutto filerebbe liscio fino alla pensione. Quarant’anni davanti a me tutti della stessa vita: ogni dannato giorno la stessa gente, gli stessi luoghi, gli stessi percorsi, mentre a una a una sfoglio le pagine che mi separano dal sepolcro“.

Insomma, la vita è tutta qui? É veramente così che funziona per tutti?

Alice se lo domanda ogni giorno, e non sa se dare ascolto al demonietto birichino che le intima di non arrendersi, di non accontentarsi e di seguire la passione piuttosto che le certezze, oppure al suo Ego perfettino che la riporta coi piedi per terra: “Ma taci, in tempo di crisi non otterrà mai un ATI se lascia questo“.

E intanto i giorni passano, tra le insidie del badge e l’attesa spasmodica delle ferie, ed Alice rimpiange i tempi in cui serviva ai tavoli in una frenetica Londra, o anche quelli in cui si guadagnava qualche spicciolo facendo la dog-sitter.

Allora sì che si sentiva in cima al mondo: era libera, entusiasta e piena di speranze.

Perché ci si indebita per organizzare un matrimonio sfarzoso se poi le coppie non possono permettersi un figlio per tre anni? Qual è il senso della nostra esistenza? Non vedere il sole per mesi per mantenere l’Audi?

Alice è stanca di lavorare senza prospettive per arricchire quei buffoni dei suoi capi, stanca di veder sprecati gli anni migliori della propria vita nel grigiore dell’apatia: deve trovare una via d’uscita. Subito.

E alla fine si accorge che, tutto sommato, non era poi così difficile…

Come ha fatto a non pensarci prima? Bastava osservare le papere!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Arianna

Gasbarro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gasbarro Arianna

Dieci minuti al giorno. Tutti i giorni. Per un mese. Dieci minuti per fare una cosa nuova, mai fatta prima. Dieci minuti fuori dai soliti schemi. Per smettere di avere paura. E tornare a vivere. Tutto quello con cui Chiara era abituata a identificare la sua vita non esiste più. Perché, a volte, capita. Capita che il tuo compagno di sempre ti abbandoni. Che tu debba lasciare la casa in cui sei cresciuto. Che il tuo lavoro venga affidato a un altro. Che cosa si fa, allora? Rudolf Steiner non ha dubbi: si gioca. Chiara non ha niente da perdere, e ci prova. Per un mese intero, ogni giorno, per almeno dieci minuti, decide di fare una cosa nuova, mai fatta prima. Lei che è incapace anche solo di avvicinarsi ai fornelli, cucina dei pancake, cammina di spalle per la città, balla l'hip-hop, ascolta i problemi di sua madre, consegna il cellulare a uno sconosciuto. Di dieci minuti in dieci minuti, arriva così ad accogliere realtà che non avrebbe mai immaginato e che la porteranno a scelte sorprendenti. Da cui ricominciare. Con la profonda originalità che la contraddistingue, Chiara Gamberale racconta quanto il cambiamento sia spaventoso, ma necessario. E dimostra come, un minuto per volta, sia possibile tornare a vivere.

Per dieci minuti

Gamberale Chiara

Maria Rosa ed Eugenia appartengono a due mondi diversi. La prima è cresciuta a Napoli in una famiglia aristocratica. L'altra è nata in un paesino del Nord e sogna di diventare medico. Se non fosse stato per la guerra, non si sarebbero mai incontrate. E invece è il primo conflitto mondiale a unire le due ragazze, partite come infermiere volontarie al fronte. È il duro lavoro in un ospedale sul Carso a permettere loro di conoscersi, diventare amiche, innamorarsi. Una volta tornata la pace, sperano di rimanere insieme, a costo di fingere, nascondersi, lottare. Ma adesso ogni istante è prezioso: in mezzo al caos, possono rubare un tempo per l'amore e vivere fino in fondo i propri sentimenti.

Le regole del fuoco

Rasy Elisabetta

C'è chi guarda le vetrine desiderando cose che non potrà mai permettersi, chi invece ammira le foto di alberghi di lusso in cui non andrà mai. Io invece mi sono spesso immaginata di aver incontrato un ragazzo carinissimo e perfetto quando invece non esisteva. Come quel giorno in cui avrei preferito restarmene a casa invece di partecipare a un matrimonio. Non era tanto la cerimonia a disturbarmi, quanto il fatto che ci sarebbe stato quel bastardo del mio ex, al braccio di mia sorella, per giunta, mentre io sarei arrivata da sola. L'unica soluzione era inventarsi un fidanzato, un tipo meraviglioso e affascinante con sex appeal da vendere e un tagliente senso dell'umorismo. Uno di quelli per cui le altre sbavano di invidia e sarebbero disposte a tutto pur di rubartelo... Di sicuro uno così non è l'uomo della porta accanto, sarebbe troppo bello per essere vero.

TROPPO BELLO PER ESSERE VERO

Higgins Kristan

Testamento spirituale del maggiore poeta finlandese. i "Canti di Pentecoste", raccolta di ballate, leggende e miti, sono le tappe di un viaggio in un immaginario intimo e primitivo e un maestoso sforzo poetico di sintesi tra coscienza europea, tradizione balto-finnica e simbolo universale. Redatti in due tomi (1903 e 1916) ed ispirati alle "cerimonie liriche di Pentecoste" o helkajuhla di Ritvala, rito pagano della fertilità permeato da elementi del cristianesimo medioevale, i ventinove poemi sono riflessioni originali e profonde sulle questioni centrali del pensiero moderno: il superuomo e la volontà eroica di fronte alla morte, lo slancio faustiano e la magia come riscatto cosmico dell'io, l'identità nazionale, l'interpretazione romantica e la dimensione tragica, vero sigillo d'equilibrio tra forze apollinee e dionisiache.

Canti di Pentecoste

Leino Eino