Narrativa

ALICE IN GABBIA

Gasbarro Arianna

Descrizione: La vita di Alice è apparentemente perfetta: 28 anni, un lavoro a tempo indeterminato e un fidanzato che ama, ricambiata. Non le resta che cercare casa e fare dei figli, guadagnandosi il paradiso terrestre di una vita normale. Eppure di perfetto non c’è nulla. Il surreale sarcasmo di Alice fa scoprire al lettore situazioni che suo malgrado conosce fin troppo bene, nascoste dietro la maschera della normalità di un’ordinaria giornata in ufficio. Il badge che scandisce malignamente il tempo. La routine del ritmo aziendale che diventa ossessione. Le manie degli impiegati a un passo dalla psicosi. La sindrome antisociale dell’open-space. Le figure clownesche dei capufficio, tronfi della loro incompetenza. I giorni che invece di allargarsi in un presente vivo si spengono con monotonia uno sull’altro. Le pause – pausa-mela, pausa aria, pausa-sclero – sono le uniche boccate di sollievo. Finché Alice non scopre la pausa-papera! Osservando da dietro la recinzione dell’azienda i pennuti che vivono liberi nel loro stagno, ad Alice si rivela una nuova filosofia di vita, una possibilità di salvezza, di liberazione…

Categoria: Narrativa

Editore: Miraggi

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788896910016

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Il contratto a tempo indeterminato… Per molti rappresenta un sogno, anzi: una vera e propria utopia. Però Alice, che pure ha perseguito questo obiettivo con tenacia e perseveranza, ora si sente in gabbia.

Ho fatto come mi hanno detto. Ho un contratto ATI (A Tempo Indeterminato) e un fidanzato che amo. A questo punto dovrei solo procurarmi un nido e covare la prole, poi tutto filerebbe liscio fino alla pensione. Quarant’anni davanti a me tutti della stessa vita: ogni dannato giorno la stessa gente, gli stessi luoghi, gli stessi percorsi, mentre a una a una sfoglio le pagine che mi separano dal sepolcro“.

Insomma, la vita è tutta qui? É veramente così che funziona per tutti?

Alice se lo domanda ogni giorno, e non sa se dare ascolto al demonietto birichino che le intima di non arrendersi, di non accontentarsi e di seguire la passione piuttosto che le certezze, oppure al suo Ego perfettino che la riporta coi piedi per terra: “Ma taci, in tempo di crisi non otterrà mai un ATI se lascia questo“.

E intanto i giorni passano, tra le insidie del badge e l’attesa spasmodica delle ferie, ed Alice rimpiange i tempi in cui serviva ai tavoli in una frenetica Londra, o anche quelli in cui si guadagnava qualche spicciolo facendo la dog-sitter.

Allora sì che si sentiva in cima al mondo: era libera, entusiasta e piena di speranze.

Perché ci si indebita per organizzare un matrimonio sfarzoso se poi le coppie non possono permettersi un figlio per tre anni? Qual è il senso della nostra esistenza? Non vedere il sole per mesi per mantenere l’Audi?

Alice è stanca di lavorare senza prospettive per arricchire quei buffoni dei suoi capi, stanca di veder sprecati gli anni migliori della propria vita nel grigiore dell’apatia: deve trovare una via d’uscita. Subito.

E alla fine si accorge che, tutto sommato, non era poi così difficile…

Come ha fatto a non pensarci prima? Bastava osservare le papere!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Arianna

Gasbarro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gasbarro Arianna


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Johnny, la Resistenza e le Langhe sono i tre protagonisti a pari titolo di questo romanzo, trovato tra le carte di Fenoglio dopo la morte. Cronaca della guerra partigiana, epopea antieroica in cui l'autore proietta la propria esperienza in una visione drammatica, Il partigiano Johnny rivela un significato umano che va ben aldilà di quello storico-politico. Dalla formazione delle prime bande fino all'estate del '44 e alla presa di Alba seguiamo l'odissea di Johnny e dei suoi compagni fra gli ozi forzati nei casali, le imboscate contro gli automezzi fascisti, le puntate per giustiziare una spia in pianura, le battaglie campali, i rapporti tra le varie formazioni ribelli. Con un saggio di Dante Isella.

Il partigiano Johnny

Fenoglio Beppe

Come nei primi due romanzi di Laurent Mauvignier, Lontano da loro e La camera bianca, anche in questo volume, i monologhi in prima persona ruotano intorno a un evento drammatico e doloroso: lo stupro subito da Claire, che però non viene mai nominato. Mauvignier preferisce definirlo per confine, tramite la descrizione di due vite di solitudine e sofferenza narrate a voci alterne: da una parte la vicina di casa e amica di Claire e dall’altra l’uomo che ha violentato Claire una sera di ritorno dalla piscina.

I passanti

Mauvignier Laurent

Dopo l'acclamata trilogia della frontiera, il nuovo, atteso romanzo di Cormac McCarthy ha ancora una volta come sfondo il confine fra Texas e Messico. La storia è però ambientata ai giorni nostri, in un paese che, come annuncia il titolo, ha abbandonato i vecchi valori per cadere in preda a una violenza cieca e incontrollata. Questa violenza si incarna in Anton Chigurh, un assassino psicopatico munito di un'arma micidiale e di una pericolosa filosofia della giustizia. Il suo avversario, un uomo del passato che non sa farsi una ragione della ferocia del presente, è lo sceriffo Bell. Entrambi sono alla ricerca di Llewelyn Moss, un reduce del Vietnam che mentre cacciava antilopi sul Rio Grande si è ritrovato sul luogo affollato di cadaveri di una battaglia fra narcotrafficanti, e ha colto al volo un'occasione che si è rivelata troppo grande per lui. L'inseguimento si svolge lungo e oltre il confine, in un crescendo di suspense e violenza. Il destino di Moss, erede di tutti i cowboy di McCarthy e dei loro valori di dignità e onore, dipende da quale dei due inseguitori lo troverà per primo. Scritto in uno stile veloce e asciutto, crudo e implacabile come una premonizione di tragedia, con i dialoghi incisivi, decisamente cinematografici che rendono unica la scrittura di McCarthy, Non è un paese per vecchi riporta il lettore nei paesaggi del Sudest degli Stati Uniti, popolati da anime perdute, uomini che, «se uno li ammazzasse tutti, toccherebbe costruire una dépendance dell'inferno».

NON E’ UN PAESE PER VECCHI

McCarthy Cormac

Roger Thorpe ha 43 anni, un divorzio doloroso alle spalle, qualche problema con l’alcol e un lavoro come commesso da Staples, un megastore specializzato in prodotti per l’ufficio. La sua collega Bethany – 24 anni, pelle diafana, rossetto nero e una sfilza di scheletri nell’armadio di famiglia – ha davanti a sé una prospettiva avvilente: anni a sistemare penne Bic, cartucce di toner e blocchetti di Post-it nei corridoi asettici del negozio. Ma un giorno Bethany trova per caso i diari privati di Roger, scritti in parte dal punto di vista di lei. Superato il turbamento iniziale, decide di rispondergli con una lettera, dando il via a un carteggio segreto, bizzarro e sempre più intimo, che si dipana parallelo alle vicende dei protagonisti dello Stagno del guanto, il romanzo borghese a tinte surreali che Roger sta scrivendo e che spera un giorno di riuscire a pubblicare. Con una prosa nitida e visionaria, Coupland crea un miracoloso congegno narrativo in cui tutti gli ingranaggi si combinano per dar vita a un caleidoscopico affresco dell’animo umano.

IL LADRO DI GOMME

Coupland Douglas