Saggi

Alighieri passatemi il sale

Pischedda Anna

Descrizione: Cosa si mangiava nel Medioevo? E perché? Cosa è rimasto di tutto ciò nell'alimentazione di oggi? La storia del cibo è una storia affascinante perché, come quella del pensiero, ricca di scoperte e di imprese anonime, ma non per questo meno importanti. Dall'alimentazione romana alla corale conversione del mondo mediterraneo verso la carne, si rende in questo libro pian piano evidente come gli uomini si adattino spesso e con rapidità a cambiare i loro gusti. Una curiosa e interessante vicenda collettiva che ci trascina fino ad approdare al Medioevo,tra gusti, odori e aspetti del cibo e dell'umanità sempre diversi.

Categoria: Saggi

Editore: Effequ

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788889647592

Recensito da Laura Barbieri

Le Vostre recensioni

Per quocere ova nello spedo. [S]chalda molto bene el spedo e ficha lova dentro pel lungo ho per traverso come ti piace e falle voltare al fuoco amodo di arrosto e quando ti paiono cotte chavale fuora e mandale a tavola” (Ricette di Maestro Martino – XV secolo).

Interessante e ben scritto, il saggio di Anna Pischedda si legge davvero tutto d’un fiato, ingolositi, si può ben dire, da numerose curiosità che ci trasportano in un’epoca lontana, ma nemmeno tanto, dove hanno avuto inizio alcune di quelle che diventeranno le nostre tradizioni alimentari e quella che sarà la cosiddetta “dieta mediterranea”: il Medioevo.

Il primo aspetto che colpisce del lavoro è stato lo scoprire che quelli che noi tutti consideriamo alimenti da sempre fortemente legati agli usi e ai costumi del nostro territorio sono, in gran parte, frutto di una continua commistione ed integrazione con gusti e tradizioni alimentari portati da popoli stranieri che hanno attraversato la nostra penisola, pacificamente e non, lasciando un retaggio culturale che ha toccato anche la sfera gastronomica. Ed ecco che in seguito alla caduta dell’Impero Romano d’Occidente, le popolazioni di origine germanica che occupano l’Italia portano con sé il proprio sistema alimentare che prevedeva una massiccia presenza di prodotti animali, il maiale in primo luogo. Prima di loro, nella cultura romana, i punti di forza dell’alimentazione quotidina erano il grano, la vite e l’ulivo. Altro aspetto che stupisce è la scoperta che solo il lusso ellenistico ha fatto sì che la pesca e il consumo di pesce fossero allargati ai ceti di elevata cultura e posizione sociale, dal momento che per i romani il pesce era cibo estremamente modesto e non raffinato. Anche da tutto ciò possiamo ben comprendere quanto le cosiddette ‘tradizioni’ siano lontane dall’essere meri fatti essendo piuttosto il frutto di un’evoluzione continua.

Un altro punto veramente interessante e sorprendente del saggio è la trattazione del significato simbolico e religioso che il cibo ha sempre avuto nel corso della storia dell’uomo: partendo dalla famosa cacciata dal Paradiso Terrestre a causa di Eva che mangiò la mela proibita, passando all’estrema mortificazione della carne con i digiuni estenuanti predicati dal monachesimo del X secolo, per arrivare al ruolo centrale che il vino e il pane hanno nella liturgia cristiana.

Il saggio della Pischedda è completato da una sezione di ‘Contenuti speciali’ dedicata allo studio delle testimonianze iconografiche e alle ricette originali medievali che ci trasmettono una grande passione e un raffinato sapere, uniti alla voglia costante di stupire i commensali. Fra le varie preparazioni citate spiccano le varie versioni del ‘biancomangiare’ che, lungi dall’essere il dolce delicato che oggi conosciamo, è nato come pietanza leggera rigorosamente bianca, a base di carne di pollo o di pesce.

In conclusione, il saggio si segnala come un modo intrigante e coinvolgente di fare storia, ricordandoci che quest’ultima non è fatta solo di grandi avvenimenti ma, anche, dall’evoluzione delle pratiche quotidiane.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anna

Pischedda

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pischedda Anna

Federica è una donna di quarant'anni separata e madre di due gemellini. Quando la sua amica Lia le consiglia di partire per una vacanza e pubblica un annuncio per trovarle una baby-sitter che la aiuti con i piccoli, Federica ancora non sa cosa il destino ha in serbo per lei. Già, perché a presentarsi è un bel giovane di ventitré anni al cui fascino - come Federica scopre ben presto - è piuttosto difficile resistere. Fin qui nulla di irreparabile, se non fosse per il fatto che anche Tom non sembra affatto indifferente alla sensualità della sua datrice di lavoro... Il ragazzo alla parie una commedia rosa, piccante ed esilarante che diverte, fa sognare ma anche riflettere. Al di là della pura e semplice toy-boy story romantica e sexy, si muovono infatti due protagonisti seducenti, dalle vite complesse: Federica convive quotidianamente con i fantasmi di un matrimonio fallito e con le ansie di una madre single, mentre Tom deve fare i conti con una morbosa situazione familiare. Tra dubbi, incertezze e appassionati momenti di intimità, Federica e Tom dovranno impegnarsi non poco per vincere le difficoltà. E insieme a queste, dovranno affrontare anche il tabù sociale di un rapporto - quello tra una donna matura e un ragazzo - che pure chiede solo di essere vissuto e rispettato "alla pari" di qualsiasi altra forma d'amore.

Il ragazzo alla pari

Gnomo Twins Federica

Solo in cucina Ginny riesce a esprimere se stessa e a ritrovare i sapori di una vita che dopo la morte dei genitori le sembra diventata incomprensibile. E mentre dai fornelli si leva il profumo corposo e piccante della zuppa della nonna, davanti le appare il fantasma della nonna stessa che le sussurra una frase sibillina: Non lasciarglielo fare. Chissà che cosa voleva dire, chissà se ha a che fare con il fatto che la prepotente sorella maggiore di Ginny vuole vendere la casa. Una casa che ha ancora tanti segreti da svelare...

LA CUCINA DEGLI INGREDIENTI MAGICI

McHenry Jael

Chi sarebbe Antigone oggi? Se nella tragedia di Sofocle la donna e il tiranno si fronteggiavano per dare o negare la sepoltura a Polinice, in questa riscrittura di Valeria Parrella, libera e alta, carica d'intensità e di poesia, è il diritto all'eutanasia a essere al centro del racconto.

Antigone

Parrella Valeria

Da Jose Arcadio ad Aureliano Babilonia, dalla scoperta del ghiaccio alle pergamene dello zingaro Melquìades finalmente decifrate: Cent'anni di solitudine di una grande famiglia i cui componenti vengono al mondo, si accoppiano e muoiono per inseguire un destino ineluttabile, in attesa della nascita di un figlio con la coda di porco. Pubblicato nel 1967, scritto in diciotto mesi, ma "meditato" per più di tre lustri, Cent'anni di solitudine rimane un capolavoro insuperato e insuperabile, che nel 1982 valse al suo autore I'assegnazione del premio Nobel. Un libro tumultuoso con i toni della favola, sorretto da una tensione narrativa fondata su un portentoso linguaggio e su un'invidiabile fantasia. Garcia Marquez ha saputo rifondare la realtà e creare Macondo, il paradigma della solitudine, una situazione mentale e un destino più che un villaggio. Lo ha costretto a crescere avvinghiato alla famiglia Buendia. Lo ha trasformato in una città degli specchi e lo ha fatto spianare dal vento. In questo universo di solitudini incrociate, impenetrabili ed eterne, galleggia una moltitudine di eroi predestinati alla sconfitta, cui fanno da contraltare la solidità e la sensatezza dei personaggi femminili. Su tutti domina la figura del colonnello Aureliano Buendia, il primo uomo nato a Macondo, colui che promosse trentadue insurrezioni senza riuscire in nessuna, che ebbe diciassette figli maschi e glieli uccisero tutti, che sfuggì a quattordici attentati, a settantatre imboscate e a un plotone di esecuzione per finire i suoi giorni chiuso in un laboratorio a fabbricare pesciolini d'oro.

Cent’anni di solitudine

Márquez Gabriel García