Saggi

Alla ricerca dell'(in)felicità

Chimento Andrea

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Edizioni Falsopiano

Collana:

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Camilla Maccaferri

Le Vostre recensioni

“Io non posso né celebrare né accusare l’umanità. Voglio solo esporre certe verità”.

Dichiarazione di intenti forte per Todd Solondz, cineasta del New Jersey all’attivo da oltre vent’anni con sette lungometraggi, riconosciuto come uno dei grandi autori del cinema americano indipendente, eppure poco noto nel nostro Paese. Le sue pellicole infatti difficilmente sono arrivate nelle sale italiane ed è un peccato, perché i ritratti al vetriolo della contemporaneità, delle sue ansie, dell’ossessiva ricerca di una non meglio determinata felicità che regalano sono davvero imperdibili. Soprattutto per questo un libro come quello scritto a sei mani da Nicolò Barretta, Andrea Chimento e Paolo Parachini diventa necessario: per fare arrivare al pubblico il messaggio brutalmente reale di Solondz e avvicinarlo, magari per vie traverse, alle sue opere.

Diviso in tre parti, ognuna incentrata su un diverso aspetto del regista (l’industria e il contesto indie, la vicenda biografica e umana, il cinema) il volume ripercorre in maniera ragionata tutte le tappe della vita e della carriera di Todd Solondz, autore, tra le altre cose, di dure riflessioni su tematiche come pedofilia, distorsione dei valori familiari (Happiness, Perdona e dimentica), mutamento dell’identità americana post-9/11 (Palindromi), scollamento tra realtà e narrazione mediatica o letteraria (Storytelling).

Uno dei principali meriti di quest’opera è quello di non limitarsi a ricostruire in modo pedissequo il percorso cinematografico di Solond, contestualizzandone invece la filmografia rispetto alla scena indipendente americana e analizzando i riferimenti trasversali a mondi paralleli, come il fumetto, e le mutue influenze con il panorama postmoderno.

Anziché scegliere il tradizionale ordine cronologico per condurre l’analisi dei film, inoltre, gli autori puntano sulla chiave concettuale, proponendo per ciascuno di essi una lettura originale, subordinata alla presenza di alcune tematiche fondamentali.

I meno esperti e addirittura i neofiti vengono comunque guidati in questo percorso grazie alla presenza di apparati puntualmente curati, come le sinossi delle trame e le schede tecniche dei film.

L’opera di Solondz viene scandagliata minuziosamente, non trascurando l’ultimo suo lavoro, Dark Horse, presentato al 68° Festival di Venezia poco prima della pubblicazione di questo volume e a oggi inedito in sala.

Il libro è infine arricchito da una bella conversazione tra gli autori e il regista avvenuta durante l’edizione 66 del festival lagunare, in occasione della presentazione di Perdona e dimentica, e da un consistente apparato fotografico.

La prefazione è del critico Alberto Pezzotta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Chimento

Libri dallo stesso autore

Intervista a Chimento Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La casa di Asterione

Borges Luis Jorge

Il protagonista del nuovo romanzo di Cassani è un uomo solo che non ha saputo fare i conti con il passato. E quando nella sua vita compare la giovane Iaia, che lo corteggia smaccatamente, tutti i pezzi di una quotidianità incoerente vanno a comporsi attorno a lui come in una morsa. Si può provare a nascondere il passato, ma non è il tipo di tentativo che possa andare a buon fine.

UN PO’ PIU’ LONTANO

Cassani Massimo

L'azione si svolge in un futuro prossimo del mondo (l'anno 1984) in cui il potere si concentra in tre immensi superstati: Oceania, Eurasia ed Estasia. Al vertice del potere politico in Oceania c'è il Grande Fratello, onnisciente e infallibile, che nessuno ha visto di persona ma di cui ovunque sono visibili grandi manifesti. Il Ministero della Verità, nel quale lavora il personaggio principale, Smith, ha il compito di censurare libri e giornali non in linea con la politica ufficiale, di alterare la storia e di ridurre le possibilità espressive della lingua. Per quanto sia tenuto sotto controllo da telecamere, Smith comincia a condurre un'esistenza "sovversiva". Scritto nel 1949, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.

1984

Orwell George

In questo libro sono raccolte alcune poesie a verso libero dotate di uno stile contemporaneo, semplice e unico nel suo genere, in grado di suscitare forti emozioni e immagini astratte anche nelle interpretazioni del reale. Scritte in un decennio, abbracciano gli umori più diversi dell'autrice, che ha cercato di catturare sentimenti e punti di vista nelle circostanze più disparate attraverso l'uso dei versi, i quali lasciati liberi dalle forme metriche tradizionali, riescono a superare quel muro di tecnicismo spesso caratteristico del mondo poetico anche recente, per arrivare direttamente al contenuto e alla forza dell'espressione. Suddivise in cinque sezioni, offrono un quadro caratterizzato spesso da immagini oniriche che lasciano al lettore la libertà più assoluta nella lettura e nella comprensione dei versi. L'ultima di queste sezioni è Sehnsucht, termine in lingua tedesca che sta ad indicare il costante anelito che porta l'essere umano a non accontentarsi mai di ciò che raggiunge o possiede, generando in questo modo una dipendenza verso un desiderio che non si potrà mai raggiungere.

Poesie da non so dove

Rossi Federica