Saggi

Alla ricerca dell'(in)felicità

Chimento Andrea

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Edizioni Falsopiano

Collana:

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Camilla Maccaferri

Le Vostre recensioni

“Io non posso né celebrare né accusare l’umanità. Voglio solo esporre certe verità”.

Dichiarazione di intenti forte per Todd Solondz, cineasta del New Jersey all’attivo da oltre vent’anni con sette lungometraggi, riconosciuto come uno dei grandi autori del cinema americano indipendente, eppure poco noto nel nostro Paese. Le sue pellicole infatti difficilmente sono arrivate nelle sale italiane ed è un peccato, perché i ritratti al vetriolo della contemporaneità, delle sue ansie, dell’ossessiva ricerca di una non meglio determinata felicità che regalano sono davvero imperdibili. Soprattutto per questo un libro come quello scritto a sei mani da Nicolò Barretta, Andrea Chimento e Paolo Parachini diventa necessario: per fare arrivare al pubblico il messaggio brutalmente reale di Solondz e avvicinarlo, magari per vie traverse, alle sue opere.

Diviso in tre parti, ognuna incentrata su un diverso aspetto del regista (l’industria e il contesto indie, la vicenda biografica e umana, il cinema) il volume ripercorre in maniera ragionata tutte le tappe della vita e della carriera di Todd Solondz, autore, tra le altre cose, di dure riflessioni su tematiche come pedofilia, distorsione dei valori familiari (Happiness, Perdona e dimentica), mutamento dell’identità americana post-9/11 (Palindromi), scollamento tra realtà e narrazione mediatica o letteraria (Storytelling).

Uno dei principali meriti di quest’opera è quello di non limitarsi a ricostruire in modo pedissequo il percorso cinematografico di Solond, contestualizzandone invece la filmografia rispetto alla scena indipendente americana e analizzando i riferimenti trasversali a mondi paralleli, come il fumetto, e le mutue influenze con il panorama postmoderno.

Anziché scegliere il tradizionale ordine cronologico per condurre l’analisi dei film, inoltre, gli autori puntano sulla chiave concettuale, proponendo per ciascuno di essi una lettura originale, subordinata alla presenza di alcune tematiche fondamentali.

I meno esperti e addirittura i neofiti vengono comunque guidati in questo percorso grazie alla presenza di apparati puntualmente curati, come le sinossi delle trame e le schede tecniche dei film.

L’opera di Solondz viene scandagliata minuziosamente, non trascurando l’ultimo suo lavoro, Dark Horse, presentato al 68° Festival di Venezia poco prima della pubblicazione di questo volume e a oggi inedito in sala.

Il libro è infine arricchito da una bella conversazione tra gli autori e il regista avvenuta durante l’edizione 66 del festival lagunare, in occasione della presentazione di Perdona e dimentica, e da un consistente apparato fotografico.

La prefazione è del critico Alberto Pezzotta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Chimento

Libri dallo stesso autore

Intervista a Chimento Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È una mattina fredda e piovosa quella che Luigi e Francesca scelgono per partire insieme. L'idea è di passare un fine settimana in montagna da soli, lontano dal frastuono della città e dalla confusione delle loro vite. Perché Luigi e Francesca un tempo sono stati amici, fidanzati, sposati. Ma poi la loro vita insieme è finita, spezzata definitivamente da un evento che ha segnato in maniera indelebile il loro destino. Ed è proprio per fare i conti con quel passato che non accenna a scomparire che quella mattina partono, salutando i rispettivi nuovi compagni di vita per affrontare insieme un dolore troppo grande per essere superato. Quella di Luigi e Francesca sarà un'esperienza bellissima anche se dolorosa, difficile eppure necessaria.

Apri gli occhi

Righetto Matteo

IL CIRCOLO DE I-LIBRI – PROBLEMI DI SERVER

Casa desolata

Dickens Charles

1942, Kiev. "Giocate per perdere, se vincete morite". Sasha ha quasi tredici anni quando, nella famosa "partita di calcio della morte" tra soldati nazisti e prigionieri ucraini, ex campioni del Dinamo, sente l'ufficiale tedesco minacciare i macilenti avversari. E suo padre. Sasha è figlia del portiere Nikola Trusevich, costretto a fare il panettiere per sopravvivere nella città occupata, prima da Stalin e poi da Hitler. La crudele operazione Barbarossa della Wermacht è uno dei momenti più drammatici della seconda guerra mondiale. Sasha è fortissima nel calcio, ma ha un solo difetto: è femmina. E il calcio, come le dicono a scuola, non è uno sport da femmine. Il suo migliore amico Maxsym, figlio del terzino Alexsey Kuzmenko, è invece fortissimo nel ballo, ma ha un solo difetto: è maschio. E il ballo, come gli dice suo padre, non è uno sport da maschi. Gli ultimi minuti del secondo tempo scorrono veloci e il lungo inverno della steppa è alle porte. Troverà Sasha il coraggio di compiere in partita quell'azione memorabile che cambierà la storia e realizzerà il suo sogno? Riusciranno i giocatori del Dinamo a sopravvivere dopo l'ultimo gol? Sarà il pallone a decidere. E in quel memorabile 9 agosto del 1942, a pochi metri dalla rete, la sfera di cuoio sembra gridare a Sasha: io non spreco le mie occasioni... Età di lettura: da 12 anni.

In piedi nella neve – Commento interattivo con l’autrice

Bortolotti Nicoletta