Saggi

Alla ricerca dell'(in)felicità

Chimento Andrea

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Edizioni Falsopiano

Collana:

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Camilla Maccaferri

Le Vostre recensioni

“Io non posso né celebrare né accusare l’umanità. Voglio solo esporre certe verità”.

Dichiarazione di intenti forte per Todd Solondz, cineasta del New Jersey all’attivo da oltre vent’anni con sette lungometraggi, riconosciuto come uno dei grandi autori del cinema americano indipendente, eppure poco noto nel nostro Paese. Le sue pellicole infatti difficilmente sono arrivate nelle sale italiane ed è un peccato, perché i ritratti al vetriolo della contemporaneità, delle sue ansie, dell’ossessiva ricerca di una non meglio determinata felicità che regalano sono davvero imperdibili. Soprattutto per questo un libro come quello scritto a sei mani da Nicolò Barretta, Andrea Chimento e Paolo Parachini diventa necessario: per fare arrivare al pubblico il messaggio brutalmente reale di Solondz e avvicinarlo, magari per vie traverse, alle sue opere.

Diviso in tre parti, ognuna incentrata su un diverso aspetto del regista (l’industria e il contesto indie, la vicenda biografica e umana, il cinema) il volume ripercorre in maniera ragionata tutte le tappe della vita e della carriera di Todd Solondz, autore, tra le altre cose, di dure riflessioni su tematiche come pedofilia, distorsione dei valori familiari (Happiness, Perdona e dimentica), mutamento dell’identità americana post-9/11 (Palindromi), scollamento tra realtà e narrazione mediatica o letteraria (Storytelling).

Uno dei principali meriti di quest’opera è quello di non limitarsi a ricostruire in modo pedissequo il percorso cinematografico di Solond, contestualizzandone invece la filmografia rispetto alla scena indipendente americana e analizzando i riferimenti trasversali a mondi paralleli, come il fumetto, e le mutue influenze con il panorama postmoderno.

Anziché scegliere il tradizionale ordine cronologico per condurre l’analisi dei film, inoltre, gli autori puntano sulla chiave concettuale, proponendo per ciascuno di essi una lettura originale, subordinata alla presenza di alcune tematiche fondamentali.

I meno esperti e addirittura i neofiti vengono comunque guidati in questo percorso grazie alla presenza di apparati puntualmente curati, come le sinossi delle trame e le schede tecniche dei film.

L’opera di Solondz viene scandagliata minuziosamente, non trascurando l’ultimo suo lavoro, Dark Horse, presentato al 68° Festival di Venezia poco prima della pubblicazione di questo volume e a oggi inedito in sala.

Il libro è infine arricchito da una bella conversazione tra gli autori e il regista avvenuta durante l’edizione 66 del festival lagunare, in occasione della presentazione di Perdona e dimentica, e da un consistente apparato fotografico.

La prefazione è del critico Alberto Pezzotta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Chimento

Libri dallo stesso autore

Intervista a Chimento Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un DJ di radio Monte Carlo riceve, durante la sua trasmissione notturna, una telefonata delirante. Uno sconosciuto rivela di essere un assassino. Il caso viene archiviato come uno scherzo di pessimo gusto. Il giorno dopo un pilota di Formula Uno e la sua compagna vengono trovati orrendamente mutilati. Da questo momento ha inizio una serie di delitti, preceduti ogni volta da una telefonata con un indizio sulla prossima vittima e sottolineati da una scritta tracciata con il sangue: «io uccido». Non c'è mai stato un serial killer nel Principato di Monaco. Adesso c'è. Il romanzo d'esordio nel thriller del comico italiano.

IO UCCIDO

Faletti Giorgio

Un viaggio nell'Italia degli anni Ottanta compiuto dall'autore attraverso le sue memorie di ragazzo e poi di adolescente dentro una periferia, quella del QT8 milanese, un po' piccolo-borghese, un po' proletaria, tra la scoperta della musica, del sesso e della droga. Studente senza maestri, autodidatta a tratti brillante, randagio e ribelle, in fuga dalla famiglia, Bertante si mette a nudo con coraggio e racconta la sua generazione, cresciuta in quegli Ottanta, un serpente che vediamo snodarsi e strisciare attraverso i gruppi musicali, le canzoni, i film, i cartoni giapponesi, l'abbigliamento, il calcio, Milano 2, l'esplosione della tv commerciale, Drive in e i paninari, fino al diffondersi delle droghe pesanti e alla tragedia dell'Aids. Anni Ottanta che paiono trovare nella guerra in Iraq e in Mani pulite la loro conclusione per spengersi nella prima metà del decennio successivo tra l'ascesa di Berlusconi e la fine della guerra nella ex Jugoslavia. Filo rosso sarà proprio un viaggio estivo in Croazia che nel 1996 porterà il protagonista, insieme ad un amico, fino a Mostar, a Sarajevo, a toccare con mano i segni di una guerra non ancora finita, e Bertante racconta con pagine toccanti e di grande impatto narrativo quello che vede e quello che vede lo riguarda e ci riguarda da vicino molto più di quanto siamo stati in grado di capire e ancora oggi abbiamo capito. Esistono davvero passato e futuro o esiste un presente infinito?

Gli ultimi ragazzi del secolo

Bertante Alessandro

Un uomo e una donna si incontrano per caso mentre tornano al loro paese natale, che hanno abbandonato vent’anni prima scegliendo la via dell’esilio. Riusciranno a riannodare i fili di una strana storia d’amore, appena iniziata e subito inghiottita dalla storia? Il fatto è che dopo una così lunga assenza «i loro ricordi non si somigliano». La nostra memoria è flebile: viviamo sprofondati in un immenso oblio, e ci rifiutiamo di saperlo. Solo coloro che, come Ulisse, tornano dopo vent’anni a Itaca possono contemplare, attoniti e abbagliati, la dea dell’ignoranza.

L’ignoranza

Kundera Milan

Milano, anno del Signore 1576. Sono giorni oscuri quelli che sommergono la capitale del Ducato. La peste bubbonica è al suo culmine, il Lazzaretto Maggiore rigurgita di ammalati, i monatti stentano a raccogliere i morti. L'aria è un miasma opaco per il fumo dei roghi accesi ovunque. In questo scenario spettrale il notaio criminale Niccolò Taverna viene convocato dal capitano di Giustizia per risolvere un difficile caso di omicidio. La vittima è Bernardino da Savona, commissario della Santa Inquisizione che aveva il compito di far valere le decisioni della Corona di Spagna sul suolo del Ducato di Milano. Bernardino aveva ricevuto l'incarico di occuparsi degli ordini ecclesiastici in odore di eresia, come quello misterioso degli Umiliati, messi al bando dall'arcivescovo Carlo Borromeo e desiderosi di vendetta. Contemporaneamente, Niccolò Taverna deve riuscire a individuare il responsabile del furto del Candelabro del Cellini trafugato dal Duomo di Milano. Ma ben presto si accorge che sta seguendo una pista sbagliata perché un altro oggetto, ben più prezioso, è stato sottratto... Nella Milano piagata dalla peste e su cui grava l'incubo della Santa Inquisizione, Taverna deve fare appello a tutte le sue sorprendenti capacità investigative per venire a capo di questi casi che rischiano di compromettere la sua carriera e la sua stessa incolumità, ma che conducono anche sul suo cammino la giovane e intrigante Isabella, nei cui occhi Niccolò ha l'impressione di annegare. Ventiquattro ore, non una di più: questo è il tempo incalzante nel quale si svolge l'indagine, e con essa l'intero romanzo. Un libro in cui l'esattezza della ricostruzione storica si unisce alla descrizione di tecniche investigative antiche incredibilmente simili a quelle sofisticate di oggi. Il notaio criminale Niccolò Taverna si prepara a sezionare con il bisturi della logica e l'intelligenza del cuore misteri oscuri e inquietanti, che allungano la loro ombra fino a noi...

IL SEGNO DELL’UNTORE

Forte Franco