Saggi

Alla ricerca dell'(in)felicità

Chimento Andrea

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Edizioni Falsopiano

Collana:

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Camilla Maccaferri

Le Vostre recensioni

“Io non posso né celebrare né accusare l’umanità. Voglio solo esporre certe verità”.

Dichiarazione di intenti forte per Todd Solondz, cineasta del New Jersey all’attivo da oltre vent’anni con sette lungometraggi, riconosciuto come uno dei grandi autori del cinema americano indipendente, eppure poco noto nel nostro Paese. Le sue pellicole infatti difficilmente sono arrivate nelle sale italiane ed è un peccato, perché i ritratti al vetriolo della contemporaneità, delle sue ansie, dell’ossessiva ricerca di una non meglio determinata felicità che regalano sono davvero imperdibili. Soprattutto per questo un libro come quello scritto a sei mani da Nicolò Barretta, Andrea Chimento e Paolo Parachini diventa necessario: per fare arrivare al pubblico il messaggio brutalmente reale di Solondz e avvicinarlo, magari per vie traverse, alle sue opere.

Diviso in tre parti, ognuna incentrata su un diverso aspetto del regista (l’industria e il contesto indie, la vicenda biografica e umana, il cinema) il volume ripercorre in maniera ragionata tutte le tappe della vita e della carriera di Todd Solondz, autore, tra le altre cose, di dure riflessioni su tematiche come pedofilia, distorsione dei valori familiari (Happiness, Perdona e dimentica), mutamento dell’identità americana post-9/11 (Palindromi), scollamento tra realtà e narrazione mediatica o letteraria (Storytelling).

Uno dei principali meriti di quest’opera è quello di non limitarsi a ricostruire in modo pedissequo il percorso cinematografico di Solond, contestualizzandone invece la filmografia rispetto alla scena indipendente americana e analizzando i riferimenti trasversali a mondi paralleli, come il fumetto, e le mutue influenze con il panorama postmoderno.

Anziché scegliere il tradizionale ordine cronologico per condurre l’analisi dei film, inoltre, gli autori puntano sulla chiave concettuale, proponendo per ciascuno di essi una lettura originale, subordinata alla presenza di alcune tematiche fondamentali.

I meno esperti e addirittura i neofiti vengono comunque guidati in questo percorso grazie alla presenza di apparati puntualmente curati, come le sinossi delle trame e le schede tecniche dei film.

L’opera di Solondz viene scandagliata minuziosamente, non trascurando l’ultimo suo lavoro, Dark Horse, presentato al 68° Festival di Venezia poco prima della pubblicazione di questo volume e a oggi inedito in sala.

Il libro è infine arricchito da una bella conversazione tra gli autori e il regista avvenuta durante l’edizione 66 del festival lagunare, in occasione della presentazione di Perdona e dimentica, e da un consistente apparato fotografico.

La prefazione è del critico Alberto Pezzotta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Chimento

Libri dallo stesso autore

Intervista a Chimento Andrea

“Voci di famiglia” è un titolo che allude alla storia narrata, dove parlano tre persone distintamente, quelle che in un'unica scena del romanzo formano una famiglia.Sofia si reca al cimitero a portare un fiore a sua madre, Ashley. Era una scrittrice, e prima di morire aveva chiesto che all'interno della cappella dove avrebbe dimorato la sua salma, ci fosse un ripiano dove collocare una copia di ogni suo libro. Chi avesse voluto prenderne uno da leggere, in cambio avrebbe dovuto lasciare un fiore. Sofia vede una rosa rossa. Vede che non c'è La musica del silenzio, l'unico che non ha letto. Torna a casa, prende il libro, si accomoda sul letto e inizia a leggere una storia che non conosceva. Nel libro che Sofia legge segue una pagina bianca; intuisce che la seconda parte non è stata scritta da sua madre. Quando Sofia torna al cimitero vede che il libro è stato riportato, ma ce n'è anche un altro mai visto prima. Si intitola “Il risveglio” ed è firmato solo con un nome: Luciano. Sofia si guarda intorno ma non vede nessuno. Torna a casa per leggerlo.Poi si reca al cimitero, e lo inserisce accanto ai libri scritti da sua madre. Sente un rumore alle sue spalle. Si volta, e lo vede.

Voci di famiglia

Giubilei Vincenza

DE PROFUNDIS – di Oscar Wilde

Messico: Irma, diciannove anni, nata in Canada, vive tutta sola a un passo dal deserto. Suo padre, mennonita imbrigliato da un rigore bacchettone, l’ha ripudiata. Suo marito, spacciatore di basso rango, è sparito nel nulla. Ma Diego, regista-figo del film con cane filosofo, alle prese con un copione sperimentale e un cast internazionale, ingaggia Irma come interprete e tuttofare. L’atmosfera libertaria del gruppo, le chiacchiere notturne, i progetti artistici galvanizzano Irma. Galvanizzano anche la sorellina Aggie, che sogna di mollare mamma e papà, e viver con lei. Anzi, un bel giorno molla tutto davvero, e convince anche Irma a gettarsi in un’avventura a dir poco clamorosa...

MI CHIAMO IRMA VOTH

Toews Miriam

Secondo le cronache ufficiali Giulia Di Marco è stata un'eretica, uno dei più clamorosi scandali del Cristianesimo. La sua vera storia, raccontata in prima persona, inizia in Molise: venduta come amante bambina a un uomo che poteva essere suo nonno, Giulia cresce nella miseria e anni dopo dovrà abbandonare una figlia in fasce. A Napoli diventa "suor Partenope" e indica al popolo una nuova strada per arrivare a Dio: l'estasi. Venerata come una santa, finisce per dare fastidio al nemico più terribile, il Papa. Perseguitata, torturata per mesi e costretta all'abiura, Giulia inizierà una nuova vita a Roma, divenendo confidente di Gian Lorenzo Bernini, l'architetto che sta aprendo l'Urbe al futuro.

Io, Partenope

Vassalli Sebastiano