Saggi

Allegra, la figlia di Byron

Origo Iris

Descrizione: Figlia naturale di Lord Byron e Claire Clairmont, giovanissima sorellastra della scrittrice Mary Shelley, Allegra viene riconosciuta dal poeta inglese e strappata alla madre. Dopo un periodo trascorso a casa Shelley, raggiunge il padre prima a Venezia, poi a Ravenna dove Byron era ospite della contessa Guiccioli, sua nuova fiamma. Nell’Italia del primo Ottocento, Byron – idolatrato dalle donne, celebre per i suoi atteggiamenti da dandy demoniaco – trascina con sé nelle sue avventure, tra Carbonari e nobildonne, questa bambina di pochi anni, straordinariamente intelligente e graziosa che morirà tragicamente nel 1822, a soli cinque anni. In questo breve, intenso romanzo (pubblicato per la prima volta nel 1935 da Leonard e Virginia Woolf) la Origo rievoca con passione un’esistenza straordinaria e commovente.

Categoria: Saggi

Editore: Skira

Collana: Art stories

Anno: 2014

ISBN: 9788857225869

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Iris Origo, nel libello intitolato “Allegra – La figlia di Byron”, redige la biografia di Allegra, figlia illegittima che il poeta inglese ebbe da Claire (“L’unica figura capace di occupare il posto di Shelley nella sua immaginazione: Lord Byron. Certo nel soccombere al glamour della sua reputazione e alla leggenda dei suoi diabolici bellezza, spirito e fascino, Claire non era sola”).

Claire è sorellastra della moglie di Shelley e vive nell’entourage di quest’ultimo. La prima parte del racconto descrive la fase nella quale i Shelley, Byron e Claire si frequentano e viaggiano per l’Europa.

Breve divagazione (peraltro nell’opera si accenna a questo evento): risale a questo periodo la celebre tappa a Villa Diodati, la casa sul lago di Ginevra, ove Byron e Polidori – il medico personale del poeta – incontrarono Mary Wollstonecraft, il futuro marito di Mary  (Percy Bysshe Shelley) e Claire Clairmont.
Nella villa, una sera, la comitiva lesse ad alta voce alcuni brani dall’antologia dell’orrore Fantasmagoriana. Poiché infuriava una tempesta, i cinque scrittori furono costretti a rimanere in casa e Byron propose una specie di gara: scrivere una storia di fantasmi, per passare il tempo sino alla sera successiva. Pare che così nacquero Frankenstein, scritto dalla Shelley, e Il vampiro di Polidori.

Quando la figlia nasce, lord Byron ha già interrotto la sua relazione con Claire e insegue per l’Europa la propria fama di viveur e di gaudente (“Poco dopo seguì la sua nuova amante, la contessa Teresa Guiccioli, a Ravenna, lasciando Allegra a Venezia, nel pieno calore dell’estate”). Egoisticamente decide che la piccola, graziosissima Allegra lo raggiunga in Italia (“La manderò a prendere e la piazzerò in un convento veneziano perché diventi una brava cattolica, e (può darsi) una Monaca, personaggio che in certo senso manca nella nostra famiglia”).
Il ruolo di padre svolto da Byron risulta odioso nella lettura del libello: Allegra è considerata alla stregua di un vezzo personale, viene sempre affidata alla cura di terzi (“Accettò con gratitudine la proposta del console inglese e di sua moglie, che Allegra andasse a stare con loro”), infine rinchiusa in un collegio con un destino di suora che la sorte non le concederà: la bambina ben presto si ammala e muore.
Iris Origo, forse involontariamente, raffigura Lord Byron in modo impietoso. Leggendo questo saggio, molti avranno modo di convincersi che spesso gli artisti sono talmente egocentrici da vanificare le proprie doti naturali…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Iris

Origo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Origo Iris

Bernie Gladhart è un mite venditore d’auto di Chicago che nel tempo libero si diletta, con scarso successo, a fare lo scrittore. Un giorno la moglie, impressionata dalla storia di Cabot Wright – giovane finanziere di Wall Street, autore di circa trecento violenze carnali – lo spinge a recarsi a new york per cercarlo e, basandosi sulla sua vicenda, a scrivere finalmente il Grande romanzo Americano. L’industria culturale, che nella vicenda intravede il soggetto ideale per un bestseller, punta immediatamente gli occhi su Cabot e il libro di Bernie. Inizia così una caccia all’uomo tra i grattacieli di new york – con Bernie accompagnato dalla zelante zoe Bickle, affiancatagli dall’editore – in cerca del «personaggio Cabot»; ma questi, una volta rintracciato, non ricorda più nulla: il «suo» romanzo resterà incompiuto, ma vedere la sua storia scritta lo spingerà a cercare la propria verità, che non ha nulla a che vedere con quella che vorrebbero attribuirgli, per motivi diversi, l’editore e il mondo che lo circonda. Un libro divertente e grottesco. Una descrizione precisa dei meccanismi perversi dell’industria culturale e un’esplorazione inedita dell’ambiguo gioco tra realtà e finzione.

Cabot Wright ci riprova

Purdy James

Marianna Scamardella giovanissima giallista

Quando Thomas si sveglia, le porte dell'ascensore in cui si trova si aprono su un mondo che non conosce. Non ricorda come ci sia arrivato, né alcun particolare del suo passato, a eccezione del proprio nome. Con lui ci sono altri ragazzi, tutti nelle sue stesse condizioni, che gli danno il benvenuto nella radura, un ampio spazio limitato da invalicabili mura di pietra. L'unica certezza dei ragazzi è che ogni mattina le porte di pietra vengono aperte, per poi richiudersi di notte. Ben presto il gruppo elabora l'organizzazione di una società ben ordinata e disciplinata dai custodi. Ogni trenta giorni qualcuno si aggiunge a loro dopo essersi risvegliato nell'ascensore. Il mistero si infittisce quando arriva una ragazza, la prima donna a fare la propria comparsa in quel mondo. Ed è il messaggio che porta con sé a stupire. Un messaggio che non lascia alternative...

Il labirinto. Maze Runner

Dashner James

La pietà della luce, una poesia di Franco Di Carlo