Saggi

Allegra, la figlia di Byron

Origo Iris

Descrizione: Figlia naturale di Lord Byron e Claire Clairmont, giovanissima sorellastra della scrittrice Mary Shelley, Allegra viene riconosciuta dal poeta inglese e strappata alla madre. Dopo un periodo trascorso a casa Shelley, raggiunge il padre prima a Venezia, poi a Ravenna dove Byron era ospite della contessa Guiccioli, sua nuova fiamma. Nell’Italia del primo Ottocento, Byron – idolatrato dalle donne, celebre per i suoi atteggiamenti da dandy demoniaco – trascina con sé nelle sue avventure, tra Carbonari e nobildonne, questa bambina di pochi anni, straordinariamente intelligente e graziosa che morirà tragicamente nel 1822, a soli cinque anni. In questo breve, intenso romanzo (pubblicato per la prima volta nel 1935 da Leonard e Virginia Woolf) la Origo rievoca con passione un’esistenza straordinaria e commovente.

Categoria: Saggi

Editore: Skira

Collana: Art stories

Anno: 2014

ISBN: 9788857225869

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Iris Origo, nel libello intitolato “Allegra – La figlia di Byron”, redige la biografia di Allegra, figlia illegittima che il poeta inglese ebbe da Claire (“L’unica figura capace di occupare il posto di Shelley nella sua immaginazione: Lord Byron. Certo nel soccombere al glamour della sua reputazione e alla leggenda dei suoi diabolici bellezza, spirito e fascino, Claire non era sola”).

Claire è sorellastra della moglie di Shelley e vive nell’entourage di quest’ultimo. La prima parte del racconto descrive la fase nella quale i Shelley, Byron e Claire si frequentano e viaggiano per l’Europa.

Breve divagazione (peraltro nell’opera si accenna a questo evento): risale a questo periodo la celebre tappa a Villa Diodati, la casa sul lago di Ginevra, ove Byron e Polidori – il medico personale del poeta – incontrarono Mary Wollstonecraft, il futuro marito di Mary  (Percy Bysshe Shelley) e Claire Clairmont.
Nella villa, una sera, la comitiva lesse ad alta voce alcuni brani dall’antologia dell’orrore Fantasmagoriana. Poiché infuriava una tempesta, i cinque scrittori furono costretti a rimanere in casa e Byron propose una specie di gara: scrivere una storia di fantasmi, per passare il tempo sino alla sera successiva. Pare che così nacquero Frankenstein, scritto dalla Shelley, e Il vampiro di Polidori.

Quando la figlia nasce, lord Byron ha già interrotto la sua relazione con Claire e insegue per l’Europa la propria fama di viveur e di gaudente (“Poco dopo seguì la sua nuova amante, la contessa Teresa Guiccioli, a Ravenna, lasciando Allegra a Venezia, nel pieno calore dell’estate”). Egoisticamente decide che la piccola, graziosissima Allegra lo raggiunga in Italia (“La manderò a prendere e la piazzerò in un convento veneziano perché diventi una brava cattolica, e (può darsi) una Monaca, personaggio che in certo senso manca nella nostra famiglia”).
Il ruolo di padre svolto da Byron risulta odioso nella lettura del libello: Allegra è considerata alla stregua di un vezzo personale, viene sempre affidata alla cura di terzi (“Accettò con gratitudine la proposta del console inglese e di sua moglie, che Allegra andasse a stare con loro”), infine rinchiusa in un collegio con un destino di suora che la sorte non le concederà: la bambina ben presto si ammala e muore.
Iris Origo, forse involontariamente, raffigura Lord Byron in modo impietoso. Leggendo questo saggio, molti avranno modo di convincersi che spesso gli artisti sono talmente egocentrici da vanificare le proprie doti naturali…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Iris

Origo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Origo Iris


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È quasi mezzanotte e una nebbia sottile avvolge la metropoli addormentata. In un palazzo di quattro piani, dentro un appartamento disabitato, un frigorifero va in cortocircuito. Le fiamme, lente e invisibili dall'esterno, iniziano a divorare ciò che trovano. Due piani più in alto, Alice scivola nel sonno mentre aspetta il ritorno di Matthias, il ragazzo che ama con una passione per lei nuova e del quale non è ancora riuscita a parlare a sua madre, che abita lontano e vorrebbe sapere tutto di lei. Anche Bastien, il figlio della signora che occupa un altro degli interni, da troppi mesi ormai avrebbe qualcosa di cruciale da rivelare alla madre, ma sa che potrebbe spezzarle il cuore e non trova il coraggio. È un altro tipo di coraggio quello che invece manca a Polina, ex ballerina classica, incapace di accettare il proprio corpo dopo la maternità, tantomeno il pianto incessante del suo bambino nella stanza accanto. Giù in strada, nel negozio di fronte, Hulya sta pensando proprio a lei, come capita sempre più spesso, senza averglielo mai confessato, ma con una voglia matta di farlo. Per tutti loro non c'è più tempo: un mostro di fuoco sta per stravolgere ogni prospettiva, costringendoli a scelte estreme per colmare quei silenzi, o per dare loro un nuovo significato. Simona Sparaco indaga i momenti terribili in cui la vita e la morte si sfiorano diventando quasi la stessa cosa, e in cui le distanze che ci separano dagli altri vengono abbattute dall'amore più assoluto, quello che non conosce condizioni. Vincitore del premio DeA Planeta 2019.

Nel silenzio delle nostre parole

Sparaco Simona

Elliott è un uomo di successo; sessantenne è un chirurgo di fama, vive a San Francisco e la sua vita privata ruota tutta attorno all'adorata figlia Angie. Un'unica ombra in questo quadro perfetto: Ilena, il suo grande amore, lo ha lasciato solo trentanni addietro, morendo in un tragico incidente. Un dolore immenso che nemmeno il tempo ha saputo lenire. Per una strana combinazione di eventi, un giorno gli viene data l'occasione di tornare indietro negli anni Sessanta, quando era un giovane medico ambizioso e idealista e perdutamente innamorato. Immerso in quel magico momento di felicità, Elliott si confronta con il passato vivendo momenti di rimpianto e di passione. Purtroppo una scelta dolorosa lo attende: ora sa che con un semplice gesto potrebbe salvare Ilena e modificare il corso di quel destino crudele, ma compierlo significherebbe rinunciare all'amatissima figlia...

Chi ama torna sempre indietro

Musso Guillaume

Immersa nel caldo torrido di luglio, la città si appresta a festeggiare una delle sue ricorrenze più popolari, quella della Madonna del Carmine, quando viene sconvolta da una terribile notizia: la tragica fine di un medico, professore universitario di ostetricia e ginecologia, stimato come professionista e molto amato per l'attività gratuita che svolge a favore delle famiglie più povere. Il dottore, caduto da un'impalcatura in circostanze poco chiare, era sposato e aveva un figlio piccolo. Ricciardi è incaricato di indagare sul caso: deve scoprire se qualcuno ha spinto l'uomo nel vuoto, e come al solito "il fatto", l'immagine dell'ultimo istante di dolore del morto, lo perseguita. Ma questa volta il commissario è distratto da uno dei momenti più difficili della propria esistenza; su di lui incombono l'abbandono e il lutto.

In fondo al tuo cuore. Inferno per il commissario Ricciardi

De Giovanni Maurizio

Da anni, a partire da Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano, attraverso altri quattro romanzi ambientati in luoghi e culture diverse, Eric-Emmanuel Schmitt persegue il progetto di un affresco della spiritualità umana nelle varie manifestazioni religiose del pianeta. Dall’islam all’ebraismo, dal cristianesimo al buddismo, per arrivare ora, con questo nuovo vivacissimo romanzo breve, al confucianesimo, l’antica saggezza del popolo cinese. Tutti, anche i più sprovveduti, sanno che in Cina le coppie non possono avere più di un figlio. Le autorità cinesi sono molto attente al controllo demografico, e chi trasgredisce incorre in severe sanzioni. Come fa allora la modesta signora Ming, addetta alle pulizie nella toilette per gli uomini del Grand Hotel di Yunhai, ad avere dieci figli?Il moderno e spregiudicato imprenditore francese, a Yunhai per affari, ritiene che la donna lo voglia prendere in giro. Si diverte a parlare a parlare con lei, ad ascoltare le storie che lei gli racconta sui suoi figli immaginari, e ne approfitta per praticare la lingua del luogo, il cantonese, ma di base è convinto che la donna sia una mitomane. Nel corso dei giorni, però, man mano che si dipanano le vicende dei figli inesistenti, l’uomo d’affari cambia parere. Le parole della signora Ming, farcite di precetti di Confucio, gli fanno apparire l’esistenza sotto un’altra ottica, lo spingono a indagare sui labili confini che dividono la verità dalla menzogna e lo portano, infine, a rivalutare la sua stessa vita e a considerare seriamente la possibilità di una paternità fino ad allora accuratamente evitata.

I DIECI FIGLI CHE LA SIGNORA MING NON HA MAI AVUTO

Schmitt Eric-Emmanuel