Saggi

Allegra, la figlia di Byron

Origo Iris

Descrizione: Figlia naturale di Lord Byron e Claire Clairmont, giovanissima sorellastra della scrittrice Mary Shelley, Allegra viene riconosciuta dal poeta inglese e strappata alla madre. Dopo un periodo trascorso a casa Shelley, raggiunge il padre prima a Venezia, poi a Ravenna dove Byron era ospite della contessa Guiccioli, sua nuova fiamma. Nell’Italia del primo Ottocento, Byron – idolatrato dalle donne, celebre per i suoi atteggiamenti da dandy demoniaco – trascina con sé nelle sue avventure, tra Carbonari e nobildonne, questa bambina di pochi anni, straordinariamente intelligente e graziosa che morirà tragicamente nel 1822, a soli cinque anni. In questo breve, intenso romanzo (pubblicato per la prima volta nel 1935 da Leonard e Virginia Woolf) la Origo rievoca con passione un’esistenza straordinaria e commovente.

Categoria: Saggi

Editore: Skira

Collana: Art stories

Anno: 2014

ISBN: 9788857225869

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Iris Origo, nel libello intitolato “Allegra – La figlia di Byron”, redige la biografia di Allegra, figlia illegittima che il poeta inglese ebbe da Claire (“L’unica figura capace di occupare il posto di Shelley nella sua immaginazione: Lord Byron. Certo nel soccombere al glamour della sua reputazione e alla leggenda dei suoi diabolici bellezza, spirito e fascino, Claire non era sola”).

Claire è sorellastra della moglie di Shelley e vive nell’entourage di quest’ultimo. La prima parte del racconto descrive la fase nella quale i Shelley, Byron e Claire si frequentano e viaggiano per l’Europa.

Breve divagazione (peraltro nell’opera si accenna a questo evento): risale a questo periodo la celebre tappa a Villa Diodati, la casa sul lago di Ginevra, ove Byron e Polidori – il medico personale del poeta – incontrarono Mary Wollstonecraft, il futuro marito di Mary  (Percy Bysshe Shelley) e Claire Clairmont.
Nella villa, una sera, la comitiva lesse ad alta voce alcuni brani dall’antologia dell’orrore Fantasmagoriana. Poiché infuriava una tempesta, i cinque scrittori furono costretti a rimanere in casa e Byron propose una specie di gara: scrivere una storia di fantasmi, per passare il tempo sino alla sera successiva. Pare che così nacquero Frankenstein, scritto dalla Shelley, e Il vampiro di Polidori.

Quando la figlia nasce, lord Byron ha già interrotto la sua relazione con Claire e insegue per l’Europa la propria fama di viveur e di gaudente (“Poco dopo seguì la sua nuova amante, la contessa Teresa Guiccioli, a Ravenna, lasciando Allegra a Venezia, nel pieno calore dell’estate”). Egoisticamente decide che la piccola, graziosissima Allegra lo raggiunga in Italia (“La manderò a prendere e la piazzerò in un convento veneziano perché diventi una brava cattolica, e (può darsi) una Monaca, personaggio che in certo senso manca nella nostra famiglia”).
Il ruolo di padre svolto da Byron risulta odioso nella lettura del libello: Allegra è considerata alla stregua di un vezzo personale, viene sempre affidata alla cura di terzi (“Accettò con gratitudine la proposta del console inglese e di sua moglie, che Allegra andasse a stare con loro”), infine rinchiusa in un collegio con un destino di suora che la sorte non le concederà: la bambina ben presto si ammala e muore.
Iris Origo, forse involontariamente, raffigura Lord Byron in modo impietoso. Leggendo questo saggio, molti avranno modo di convincersi che spesso gli artisti sono talmente egocentrici da vanificare le proprie doti naturali…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Iris

Origo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Origo Iris


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

LA METÁ DI NIENTE

Dunne Catherine

Capolavoro di inesprimibili e struggenti stati d'animo, Il paese delle nevi può essere considerato un piccolo poema in prosa, dove amore e morte si intrecciano in un'atmosfera di diffusa malinconia e di incombente tragedia.

Il paese delle nevi

Kawabata Yasunari

La fanfara di Bellano è nei guai. Evelindo Gavazzi – cui è affidato il delicato compito di suonare il bombardino nella fanfara che sul molo accoglie i viaggiatori che sbarcano a Bellano – non fa più parte dell’organico: è bloccato in casa a suon di sberle dalla novella sposa Noemi, che non sopporta che faccia tardi e torni a casa ubriaco. Almeno il cappello racconta le avventure della banda orfana di bombardino e della sua gloriosa rinascita. Protagonista del nuovo romanzo di Andrea Vitali è un’improbabile congrega di musicisti: il suonatore di cornetta Zaccaria Vergottini e la seconda cornetta Eumeo Vergottini, il clarino Guzzin (al secolo Augusto Boldoni), il basso Aurelio Leoni. E soprattutto Onorato Geminazzi, giunto nel borgo come in esilio dalla natía Menaggio: sarà proprio il Geminazzi – in seguito a un imprevisto intreccio di circostanze – l’artefice e protagonista della rinascita della banda e della sua trasformazione nel glorioso Corpo Musicale Bellanese. Tra gli altri protagonisti, oltre alla signora Estenuata, consorte del Geminazzi, ci sono il traghetto Patria, l’Amaro Grona, l'oste Bormida Pinìn, il paese di Bellano e le sue frazioni Obriaco, Lezzeno, Bonzeno, Biosio e Oro, il signor podestà e i Regi Carabinieri. C'è naturalmente anche il cappello, quello dell'uniforme della banda, al centro di mille e uno equivoci.

ALMENO IL CAPPELLO

Vitali Andrea

I morti tentano di consolarci/ ma il loro tentativo è incomprensibile;/ sono i lapsus, gli inciampi, l’indicibile/ della conversazione. Sanno amarci/ con una mano – e l’altra all’Invisibile.

In che luce cadranno

Galloni Gabriele