Narrativa

ALOMA

Rodoreda Mercè

Descrizione: Aloma ha vent'anni e l'amore le fa schifo. Quando Robert, il cognato che vive in Argentina, arriva a Barcellona, interrompe la monotonia dei suoi giorni e devia il corso dei suoi pensieri sulla vita e sull'amore. Sarà difficile per lei ammettere, anche a se stessa, di essere stata colpita da quell'uomo affascinante ed esotico, che alterna gentilezze a scontrosità, e di averlo a sua volta colpito. Ma diventerà impossibile, nell'intimità della vita domestica, sottrarsi alla passione. Con questo romanzo giovanile, poi ripreso nella maturità, Mercè Rodoreda ci parla, con la sua consueta profondità, dell'amore e dell'impossibilità dell'amore, dell'illusione e del disincanto.

Categoria: Narrativa

Editore: La Nuova Frontiera

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788883731907

Trama

Le Vostre recensioni

Vedi quella giovinetta pallida, discosta da tutti gli altri? Guarda come si allontana lentamente. Sembra che cammini a piedi giunti. Non è vero che assomiglia molto a Margherita?” (Goethe, “Faust”).

Aloma ricorda Margherita. Giovane, inconsapevole, predestinata.

Ad Aloma, però, l’amore fa schifo.

La Barcellona in cui Aloma vive è racchiusa tutta nella casa d’infanzia con il suo giardino di gelsi, arance, rose e gardenie. E’ ancora giovane Aloma per le bancarelle della Rambla, stipate di garofani rossi, ginestra bianca, violette e rose più belle di quelle del suo giardino.

Era desolata di non poterne comperare. Dovevano risparmiare e non riuscivano mai ad avere le cose che gli erano più necessarie”.

Aloma ama essere guardata, ma il solo amore che conosce è quello di un libro da quattro pesetas, è quello stanco del fratello Joan per la moglie Anna, è quello tradito di suo fratello Daniel morto suicida, è quello destinato ad un amante immaginario che non arriverà.

Aloma non è pronta per il cognato Robert, che approda dall’Argentina con l’aria distratta di chi porta dentro di sé un passato ancora prossimo.

Aloma però è sempre Margherita e all’amore, quello che ti toglie il sonno e che presenta il conto, si abbandona senza speranza e, con lui, si perde.

Il realismo di queste pagine è sconvolgente. La scrittrice catalana Mercè Rodoreda scrive della vita – qui come nei suoi successivi romanzi, tra cui “La piazza del diamante” – con uno sguardo di donna, amaro e disilluso. Quello che ho provato nel leggerla è l’irresistibile tristezza che pervade i romanzi di Dostoevskij: qui come nell’opera dello scrittore russo la brama di vivere si scontra inevitabilmente con una realtà di sofferenza. Il risultato è nelle parole rassegnate ed incerte di Aloma “forse sono felice solo quando sono nel mio giardino, a guardare le stelle”. Forse.

Mercè Rodoreda riscrive Aloma nel 1969 (era già stato pubblicato in gioventù, nel 1938, poco prima del suo esilio all’epoca della dittatura franchista): lo stile – che alcuni hanno paragonato a quello di Virginia Woolf – è agile e schietto. Non ci sono storture né fronzoli, se non quelli delle vicende umane descritte. Ci sono donne in carne e ossa, a cui la vita non ha fatto sconti: diverse, ma a loro modo protagoniste. Gli uomini sono presenze fragili e ambigue: inutili nella loro necessità.

La forza di queste pagine è tutta nella scrittura trasparente ed indagatrice di un’autrice che ha vissuto con coraggio il suo tempo e che, pagina dopo pagina, non si può non apprezzare.

Attraversarono Piazza Catalunya. Un uomo malvestito tirava fuori da un cartoccio molliche di pane e le gettava ai colombi. Joan si girò verso Aloma e le prese una mano.

- Lo amavi?

Aloma lo guardò fisso con gli occhi pieni di angoscia.

- Lo amavi.

- No.

Ma non ne poté più. Si fece piccola tra le braccia del fratello, disgraziato come lei, e scoppiò a piangere per la solitudine che avanzava”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mercè

Rodoreda

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rodoreda Mercè


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Un giorno ti innamorerai, Travis. E quando succederà, combatti per il tuo amore. Non smettere di lottare. Mai". Travis Maddox è solo un bambino quando sua madre, ormai con un filo di voce, gli lascia queste ultime parole. Parole che Travis conserva come un tesoro prezioso. Adesso Travis ha vent'anni e non conosce l'amore. Conosce le donne e sa che in molte sarebbero disposte a tutto per un suo bacio. Eppure nessuna di loro ha mai conquistato il suo cuore. Provare dei sentimenti significa diventare vulnerabili. E Travis ha scelto di essere un guerriero. Finché un giorno i suoi occhi scuri non incontrano quelli grigi di Abby Abernathy. E l'armatura di ghiaccio che si è scolpito intorno al cuore si scioglie come neve al sole. Abby è diversa da tutte le ragazze con cui è sempre uscito. Cardigan abbottonato, occhi bassi, taciturna. E soprattutto apparentemente per niente interessata a lui. Ma Travis riesce a vedere dietro il suo sorriso e la sua aria innocente quello che nessuno sembra notare. Un'ombra, un segreto che Abby non riesce a rivelare a nessuno, ma che pesa come un macigno. Solo lui può aiutarla a liberarsene, solo lui possiede le armi per proteggerla. L'ultima battaglia di Travis Maddox sta per cominciare e la posta in palio è troppo importante per potervi rinunciare. Solo combattendo insieme Abby e Travis potranno dare una casa al loro cuore sempre in fuga...

Il mio disastro sei tu

McGuire Jamie

C'è una donna che lo cerca: è una biologa russa, affascinante. In un'osteria affacciata sulla laguna di Venezia dichiara di voler clonare un cavallo portentoso, quello del monumento a Bartolomeo Colleoni in campo San Zanipolo. Alvise Pàvari dal Canal ne ha sentite tante nella vita, ma questa le batte tutte. Clonare una statua? Certo che no, gli spiega dolcemente la russa. Lei allude a tessuti organici di cinquecento anni fa, perfettamente conservati. Alvise finge di non capire, ma pensa alla teca con due sfere di vetro ambrato custodita nel palazzo avito sul Canal Grande. E una leggenda di famiglia ci trascina indietro nel tempo: al banchetto di cento portate in cui il Colleoni, capitano generale della Serenissima, conquista una donna troppo piena di vita per accontentarsi del vecchio marito mercante; alla frenesia di amorosi sensi che Leonardo da Vinci, giunto in laguna da Firenze, scatena a Ca' Pàvari, seminando nostalgia inguaribile e un capolavoro sorprendente.

DUE BELLE SFERE DI VETRO AMBRATO

Caponetti Giorgio

Scegliere di vivere ciò che si è: può sembrare semplice ma è una delle decisioni più complicate della vita di ognuno. Eppure questa è la scelta che tutti siamo, prima o poi, chiamati ad affrontare se vogliamo arrivare un po' più vicino alla felicità. Questo libro è la storia di una ricerca, il viaggio verso sé e gli altri di chi, costretto ad affermare se stesso ogni giorno, decide di trasformare ciò che poteva sembrare un problema, in un vantaggio. Crescere in una famiglia un po' speciale, scoprire la propria sessualità, innamorarsi, perdersi per poi ritrovarsi, diventare adulti e, infine, genitori; le tappe più importanti della vita affrontate dal punto di vista di una donna che ama le donne, e che sulla naturalezza delle proprie emozioni, sulla consapevolezza di sé, e la convinzione che l'omosessualità non debba essere considerata un problema, ha costruito tutta la sua battaglia di civiltà. "T'innamorerai senza pensare..." è una frase della canzone Figlia che il padre di Francesca, il cantautore Roberto Vecchioni, le ha dedicato quando è nata.

T’innamorerai senza pensare

Vecchioni Francesca

È uno strano prete, don Leo. Emotivo, poco paziente, anticonformista, pieno di dubbi, detesta le gerarchie e non riesce a nascondere un profondo rancore verso suo padre, che reagì al matrimonio sbagliato semplicemente andandosene quando lui era un bambino. Proprio per questo ha deciso di prendere i voti: per trovare una famiglia, un conforto, risposte a domande insostenibili. Così, a trentatré anni, Leo affianca l’anziano don Fermo in una parrocchia a due passi dalla nuova Milano dei grattacieli. In un mondo in cui il Male è quasi inevitabile perché diffuso, e il Bene difficile da immaginare, Leo cerca ostinatamente Dio in ogni cosa, anche se una voce interiore gli sussurra che forse dovrebbe smettere.

Bruciare tutto

Siti Walter