Narrativa

ALOMA

Rodoreda Mercè

Descrizione: Aloma ha vent'anni e l'amore le fa schifo. Quando Robert, il cognato che vive in Argentina, arriva a Barcellona, interrompe la monotonia dei suoi giorni e devia il corso dei suoi pensieri sulla vita e sull'amore. Sarà difficile per lei ammettere, anche a se stessa, di essere stata colpita da quell'uomo affascinante ed esotico, che alterna gentilezze a scontrosità, e di averlo a sua volta colpito. Ma diventerà impossibile, nell'intimità della vita domestica, sottrarsi alla passione. Con questo romanzo giovanile, poi ripreso nella maturità, Mercè Rodoreda ci parla, con la sua consueta profondità, dell'amore e dell'impossibilità dell'amore, dell'illusione e del disincanto.

Categoria: Narrativa

Editore: La Nuova Frontiera

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788883731907

Trama

Le Vostre recensioni

Vedi quella giovinetta pallida, discosta da tutti gli altri? Guarda come si allontana lentamente. Sembra che cammini a piedi giunti. Non è vero che assomiglia molto a Margherita?” (Goethe, “Faust”).

Aloma ricorda Margherita. Giovane, inconsapevole, predestinata.

Ad Aloma, però, l’amore fa schifo.

La Barcellona in cui Aloma vive è racchiusa tutta nella casa d’infanzia con il suo giardino di gelsi, arance, rose e gardenie. E’ ancora giovane Aloma per le bancarelle della Rambla, stipate di garofani rossi, ginestra bianca, violette e rose più belle di quelle del suo giardino.

Era desolata di non poterne comperare. Dovevano risparmiare e non riuscivano mai ad avere le cose che gli erano più necessarie”.

Aloma ama essere guardata, ma il solo amore che conosce è quello di un libro da quattro pesetas, è quello stanco del fratello Joan per la moglie Anna, è quello tradito di suo fratello Daniel morto suicida, è quello destinato ad un amante immaginario che non arriverà.

Aloma non è pronta per il cognato Robert, che approda dall’Argentina con l’aria distratta di chi porta dentro di sé un passato ancora prossimo.

Aloma però è sempre Margherita e all’amore, quello che ti toglie il sonno e che presenta il conto, si abbandona senza speranza e, con lui, si perde.

Il realismo di queste pagine è sconvolgente. La scrittrice catalana Mercè Rodoreda scrive della vita – qui come nei suoi successivi romanzi, tra cui “La piazza del diamante” – con uno sguardo di donna, amaro e disilluso. Quello che ho provato nel leggerla è l’irresistibile tristezza che pervade i romanzi di Dostoevskij: qui come nell’opera dello scrittore russo la brama di vivere si scontra inevitabilmente con una realtà di sofferenza. Il risultato è nelle parole rassegnate ed incerte di Aloma “forse sono felice solo quando sono nel mio giardino, a guardare le stelle”. Forse.

Mercè Rodoreda riscrive Aloma nel 1969 (era già stato pubblicato in gioventù, nel 1938, poco prima del suo esilio all’epoca della dittatura franchista): lo stile – che alcuni hanno paragonato a quello di Virginia Woolf – è agile e schietto. Non ci sono storture né fronzoli, se non quelli delle vicende umane descritte. Ci sono donne in carne e ossa, a cui la vita non ha fatto sconti: diverse, ma a loro modo protagoniste. Gli uomini sono presenze fragili e ambigue: inutili nella loro necessità.

La forza di queste pagine è tutta nella scrittura trasparente ed indagatrice di un’autrice che ha vissuto con coraggio il suo tempo e che, pagina dopo pagina, non si può non apprezzare.

Attraversarono Piazza Catalunya. Un uomo malvestito tirava fuori da un cartoccio molliche di pane e le gettava ai colombi. Joan si girò verso Aloma e le prese una mano.

- Lo amavi?

Aloma lo guardò fisso con gli occhi pieni di angoscia.

- Lo amavi.

- No.

Ma non ne poté più. Si fece piccola tra le braccia del fratello, disgraziato come lei, e scoppiò a piangere per la solitudine che avanzava”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mercè

Rodoreda

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rodoreda Mercè


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Angelo è appena arrivato in una nuova città e deve iniziare la terza media. E che terza media! In classe sua, tra gli altri, c'è Capa Gialla, pluriripetente e facile alle mazzate, c'è Giusy che è carina e vorrebbe fare il meccanico da grande, ma c'è anche Federico il pazzo, che poi si chiama Francesco, e ha un sacco di strane idee per la testa. Se non fosse per Capa Gialla e la sua gang di bulli, ci sarebbe quasi da divertirsi...

Federico il pazzo

Rinaldi Patrizia

Dalla tragica morte della moglie, A. J. Fikry è diventato un uomo scostante e scorbutico, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (e pure quelli che non vende) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di abbassare i prezzi. Anche per gli agenti di vendita è ormai un interlocutore a dir poco difficile. Ma tutto cambia una sera come tante, quando, rientrando in libreria, A. J. trova una bambina che gironzola nel reparto dedicato all'infanzia. Al collo ha appuntato un biglietto scritto dalla madre: questa è Maya. Ha due anni. È molto intelligente ed è eccezionalmente loquace per la sua età. Voglio che diventi una lettrice e che cresca in mezzo ai libri. Io non posso più occuparmi di lei. Sono disperata. Seppur riluttante (e sorprendendo tutti i suoi conoscenti), A. J. decide di adottarla, lasciando così che quella bambina gli sconvolga l'esistenza. Perché Maya è animata da un'insaziabile curiosità e da un'attrazione istintiva per i libri, per il loro odore, per le copertine vivaci, per quell'affascinante mosaico di parole che riempie le pagine all'interno e, grazie a lei, A. J. non solo scoprirà la gioia di essere padre, ma riassaporerà anche il piacere di essere un libraio. Trovando infine la forza per aprirsi a un nuovo, inatteso amore.

La misura della felicità

Zevin Gabrielle

Alla vigilia del suo nono compleanno, la timida Rose Edelstein scopre improvvisamente di avere uno strano dono: ogni volta che mangia qualcosa, il sapore che sente è quello delle emozioni provate da chi l'ha preparato, mentre lo preparava. I dolci della pasticceria dietro casa hanno un retrogusto di rabbia, il cibo della mensa scolastica sa di noia e frustrazione; ma il peggio è che le torte preparate da sua madre, una donna allegra ed energica, acquistano prima un terrificante sapore di angoscia e disperazione, e poi di senso di colpa. Rose si troverà così costretta a confrontarsi con la vita segreta della sua famiglia apparentemente normale, e con il passare degli anni scoprirà che anche il padre e il fratello - e forse, in fondo, ciascuno di noi - hanno doni misteriosi con cui affrontare il mondo. Mescolando il realismo psicologico e la fiaba, la scrittura sensuale di Aimee Bender torna a regalarci una storia appassionante sulle sfide che ogni giorno ci pone il rapporto con le persone che amiamo.

L’INCONFONDIBILE TRISTEZZA DELLA TORTA AL LIMONE

Bender Aimee

Per le alte sfere della polizia sono degli indesiderabili. Tutti li aspettano al varco, pronti a metterli alla gogna, ma loro non smettono di sorprendere. Sono i Bastardi di Pizzofalcone. È una tiepida giornata di primavera. Recandosi al lavoro l'agente Guida trova vicino a un cassonetto una neonata che piange e la porta in commissariato. La bambina è in ottima salute e sembra essere stata cambiata da poco. Passa qualche ora e arriva una segnalazione: da un paio di giorni il parroco di Santa Maria degli Angeli non riesce a contattare una ragazza che assiste, giovanissima e incinta. Facile immaginare che i due casi siano collegati. Il cadavere della donna viene trovato presso la sua fatiscente abitazione: è stata uccisa con un colpo alla testa. Gli esami sul corpo confermano che ha partorito, ma da almeno ventiquattr'ore, mentre la bambina è stata abbandonata da molto meno, perché la spazzatura viene ritirata alle prime luci dell'alba. Chi ha ucciso la donna, un'immigrata di vent'anni? E chi ha messo la bambina vicino ai bidoni dell'immondizia? Romano e Di Nardo, presi dalle loro vicende personali, dovranno scavare nei diciotto mesi di permanenza della giovane in città e indagare tra tutti quelli che l'avevano conosciuta, amata e odiata per scoprire cosa sia davvero successo. Nel frattempo Lojacono e Aragona cercheranno di capire chi è che rapisce i cani e i gatti dei ricchi del quartiere, e perché.

Cuccioli

De Giovanni Maurizio