Narrativa

ALOMA

Rodoreda Mercè

Descrizione: Aloma ha vent'anni e l'amore le fa schifo. Quando Robert, il cognato che vive in Argentina, arriva a Barcellona, interrompe la monotonia dei suoi giorni e devia il corso dei suoi pensieri sulla vita e sull'amore. Sarà difficile per lei ammettere, anche a se stessa, di essere stata colpita da quell'uomo affascinante ed esotico, che alterna gentilezze a scontrosità, e di averlo a sua volta colpito. Ma diventerà impossibile, nell'intimità della vita domestica, sottrarsi alla passione. Con questo romanzo giovanile, poi ripreso nella maturità, Mercè Rodoreda ci parla, con la sua consueta profondità, dell'amore e dell'impossibilità dell'amore, dell'illusione e del disincanto.

Categoria: Narrativa

Editore: La Nuova Frontiera

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788883731907

Trama

Le Vostre recensioni

Vedi quella giovinetta pallida, discosta da tutti gli altri? Guarda come si allontana lentamente. Sembra che cammini a piedi giunti. Non è vero che assomiglia molto a Margherita?” (Goethe, “Faust”).

Aloma ricorda Margherita. Giovane, inconsapevole, predestinata.

Ad Aloma, però, l’amore fa schifo.

La Barcellona in cui Aloma vive è racchiusa tutta nella casa d’infanzia con il suo giardino di gelsi, arance, rose e gardenie. E’ ancora giovane Aloma per le bancarelle della Rambla, stipate di garofani rossi, ginestra bianca, violette e rose più belle di quelle del suo giardino.

Era desolata di non poterne comperare. Dovevano risparmiare e non riuscivano mai ad avere le cose che gli erano più necessarie”.

Aloma ama essere guardata, ma il solo amore che conosce è quello di un libro da quattro pesetas, è quello stanco del fratello Joan per la moglie Anna, è quello tradito di suo fratello Daniel morto suicida, è quello destinato ad un amante immaginario che non arriverà.

Aloma non è pronta per il cognato Robert, che approda dall’Argentina con l’aria distratta di chi porta dentro di sé un passato ancora prossimo.

Aloma però è sempre Margherita e all’amore, quello che ti toglie il sonno e che presenta il conto, si abbandona senza speranza e, con lui, si perde.

Il realismo di queste pagine è sconvolgente. La scrittrice catalana Mercè Rodoreda scrive della vita – qui come nei suoi successivi romanzi, tra cui “La piazza del diamante” – con uno sguardo di donna, amaro e disilluso. Quello che ho provato nel leggerla è l’irresistibile tristezza che pervade i romanzi di Dostoevskij: qui come nell’opera dello scrittore russo la brama di vivere si scontra inevitabilmente con una realtà di sofferenza. Il risultato è nelle parole rassegnate ed incerte di Aloma “forse sono felice solo quando sono nel mio giardino, a guardare le stelle”. Forse.

Mercè Rodoreda riscrive Aloma nel 1969 (era già stato pubblicato in gioventù, nel 1938, poco prima del suo esilio all’epoca della dittatura franchista): lo stile – che alcuni hanno paragonato a quello di Virginia Woolf – è agile e schietto. Non ci sono storture né fronzoli, se non quelli delle vicende umane descritte. Ci sono donne in carne e ossa, a cui la vita non ha fatto sconti: diverse, ma a loro modo protagoniste. Gli uomini sono presenze fragili e ambigue: inutili nella loro necessità.

La forza di queste pagine è tutta nella scrittura trasparente ed indagatrice di un’autrice che ha vissuto con coraggio il suo tempo e che, pagina dopo pagina, non si può non apprezzare.

Attraversarono Piazza Catalunya. Un uomo malvestito tirava fuori da un cartoccio molliche di pane e le gettava ai colombi. Joan si girò verso Aloma e le prese una mano.

- Lo amavi?

Aloma lo guardò fisso con gli occhi pieni di angoscia.

- Lo amavi.

- No.

Ma non ne poté più. Si fece piccola tra le braccia del fratello, disgraziato come lei, e scoppiò a piangere per la solitudine che avanzava”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mercè

Rodoreda

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rodoreda Mercè

Alle prime luci dell'alba di una gelida giornata d'inverno, nella suggestiva cornice dell'abbazia cistercense di Piona, sul ramo orientale del lago di Como, un monaco di nome Bassano rinviene il cadavere di una giovane donna avvolto in un lenzuolo bianco. Si tratta di Ginevra Bassi, una studentessa di diciannove anni. La ragazza è stata uccisa in circostanze misteriose, e il corpo presenta numerose ferite inflitte post-mortem. Le prime indagini, che vedono contrapposte le procure di due province, mettono in luce la doppia personalità della ragazza, le sue ambigue relazioni e il complicato rapporto che la legava a un uomo di vent'anni più anziano, il milanese Sergio Tagliaferri, pilota di linea per una nota compagnia di voli low cost. Chi ha ucciso Ginevra? Per quale motivo? Chi ha gettato il suo corpo nelle fredde acque del lago? Qualche settimana più tardi, a Como, nell'area industriale abbandonata dell'ex Ticosa, all'interno del tunnel che conduce alla frazione di Santa Marta, viene ritrovato il corpo senza vita di un anziano clochard. "Il Professore" è stato ucciso - apparentemente senza movente - nell'ambiente che gravita intorno al mondo dei senzatetto della fabbrica dismessa. I due efferati delitti segnano l'inizio di una nuova indagine del commissario Stefania Valenti che, insieme ai fidi Piras e Lucchesi e al commissario capo Giulio Allevi, dovrà far luce su un'intricata vicenda di passioni ed eredità contese, promesse tradite e miserie umane, in cui la soluzione del caso, come il diavolo, si annida nei dettagli...

La sposa nel lago

Cocco & Magella

L'azione si svolge in un futuro prossimo del mondo (l'anno 1984) in cui il potere si concentra in tre immensi superstati: Oceania, Eurasia ed Estasia. Al vertice del potere politico in Oceania c'è il Grande Fratello, onnisciente e infallibile, che nessuno ha visto di persona ma di cui ovunque sono visibili grandi manifesti. Il Ministero della Verità, nel quale lavora il personaggio principale, Smith, ha il compito di censurare libri e giornali non in linea con la politica ufficiale, di alterare la storia e di ridurre le possibilità espressive della lingua. Per quanto sia tenuto sotto controllo da telecamere, Smith comincia a condurre un'esistenza "sovversiva". Scritto nel 1949, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.

1984

Orwell George

Cosa accade a un uomo che torna nella propria città di notte come uno straniero, come un profugo, cosa accade a un uomo quando torna e nessuno lo aspetta, chi chiamerà il suo nome? Un uomo è il suo nome? E se nessuno lo pronuncia quel nome, l'uomo continuerà a esistere?

Preghiera di novembre

Gianeselli Irene

Notizia sul testo, Note di commento, Cronologia della vita di Gabriele d'Annunzio a cura di Annamaria Andreoli. Nell'ebook si ripropone il testo di La figlia di Iorio raccolto in Tragedie, sogni e misteri, a cura di Annamaria Andreoli, con la collaborazione di Giorgio Zanetti, «I Meridiani», Mondadori, Milano 2013. Gli apparati informativi riproducono quelli pubblicati nell'edizione dei «Meridiani»; la Cronologia riproduce quella pubblicata nel primo tomo delle Prose di ricerca (a cura di Annamaria Andreoli e Giorgio Zanetti, «I Meridiani», Mondadori, Milano 2005). Scritta nel 1903, rappresentata nel 1904 e dopo due anni musicata, La figlia di Iorio è senza dubbio il capolavoro teatrale di Gabriele d'Annunzio, l'opera drammatica che più si avvicina, per toni e motivi, alla poesia delle Laudi. La vicenda appassionata e tragica di Aligi, che ha «dormito settecent'anni», e di Mila di Codro, peccatrice nel senso più arcaico e favoloso del termine, non ha infatti di reale che alcuni momenti indispensabili: il resto, il valore definitivo, bisogna ricercarlo nel modo con cui la realtà, per pura forza di poesia, riesce a trasformarsi in mito. La chiave di lettura di questa tragedia delle «nostalgie abruzzesi» è dunque nel senso totale della rappresentazione, nei sentimenti corali e religiosi che animano questi personaggi che, perduti i loro contorni concreti, si dissolvono in figure di sogno, in una dimensione lirica e senza tempo.

La Figlia di Jorio

D’Annunzio Gabriele