Narrativa

ALTA FEDELTA’

Hornby Nick

Descrizione: In una Londra irrequieta e vibrante, le avventura, gli amori, la passione per la musica, i sogni e le disillusioni di una generazione di trentenni ancora piena di voglia di vivere. Commovente, scanzonato, amaro, ma soprattutto molto divertente, Alta fedeltà è il libro culto della nuova letteratura inglese, diventato un grande successo internazionale.

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Le Fenici tascabili

Anno: 1999

ISBN: 9788882461522

Recensito da Gloria Somaini

Le Vostre recensioni

«Lo so come sei tu» ha detto Laura, e in un certo senso sì, lo sa: sa che io sono uno che non si agita sul serio, uno che ha amici che non vede da anni, uno che non parla più con nessuna donna con cui sia stato insieme. Ma non sa quanto mi costa.

Rob Fleming è un trentacinquenne amante della musica che lavora al Championship Vinyl, negozio di cd e vinili che ha aperto lui stesso dopo aver abbandonato l’università in seguito a un’importante delusione amorosa.

Grazie all’arma dell’ironia e a un’amichevole compassione per sé stesso, Rob si getta uno sguardo dietro le spalle per capire come sia finito lì, come la sua vita sia diventata quella che è.

La svolta si ha quando la sua compagna, Laura, scappa col coinquilino dell’appartamento del piano di sopra: sarà l’ultimo fallimento sentimentale che Rob si dice disposto a sopportare.
Stila quindi una lista delle «cinque più memorabili fregature di tutti i tempi» e ricontatta una ad una le passate cotte finite male: dal primo bacio con Alison, una relazione durata ben sei ore o, più precisamente, «le due ore che andavano dall’uscita da scuola al primo telegiornale della sera, per tre volte», a Penny, mollata perché troppo inibita, fino a Charlie, il ricordo più doloroso. 

Grazie al coraggio di rivivere queste esperienze e confrontarsi con le ex dolci metà, Rob capisce quanto la soggettività possa trarre in inganno, quanto l’importanza che attribuiamo a determinati eventi e persone sia assolutamente arbitraria e personale e quindi, nella maggior parte dei casi, si riveli poi eccessiva. Soprattutto, appare chiaro come la responsabilità della direzione presa dagli eventi della vita non sia imputabile a nessun altro oltre che a noi stessi.

Fino a quando non sarà lui stesso a decidere di «darsi una mossa» affinché le cose cambino, non ci saranno mutamenti rispetto alla situazione attuale: il negozio rimarrà vuoto, l’amore della sua vita non tornerà a casa. La presa di coscienza necessaria a compiere dei cambiamenti anche piccoli, ma essenziali, viene a Rob grazie al confronto con le persone con cui ha condiviso dei momenti di vita, gioiosi o meno, ma tutti pezzi chiave del suo percorso. 

Arricchito da suggerimenti musicali degni di un vero intenditore, un romanzo che sa far ridere nonostante qualche lacrima; in fondo non fa che ricalcare quello che accade nella vita…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nick

Hornby

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hornby Nick

Clamence, un brillante avvocato parigino, abbandona improvvisa mente la sua carriera e sceglie come quartier generale un locale d'infimo ordine, il Mexico-City, ad Amsterdam. Presa coscienza dell'insincerità e della doppiezza che caratterizza la sua vita, Clamence decide di redimersi confessando e incitando (per sincerità, per virtù, per dialettica?) gli occasionali avventori della taverna portuale a confessare la loro "cattiva coscienza". Ma non bisogna lasciarsi ingannare: Clamence non si redime. L'eroe di Camus secondo le sue stesse parole "percorre una carriera di falso profeta che grida nel deserto e rifiuta di uscirne".

La caduta

Camus Albert

L'impegno giornalistico di Pasolini ne contrassegna tutta la vita adulta: ha inizio negli anni della formazione universitaria e si prolunga fino alle soglie della morte con i celebri Scritti corsari...

Gettiamo il nostro corpo nella lotta

De Giusti Luciano, Felice Angela

"In Anna Karenina è rappresentata la colpa come ostacolo, anzi come barriera invalicabile al raggiungimento della felicità. Accanto ad Anna e a Vronskij, che non possono essere felici insieme, vediamo come Levin e Kitty ottengono in fondo con facilità, nonostante qualche dibattito interiore, quello che è negato agli altri due: ma Kitty ha saputo dimenticare Vronskij e, rinunciando a lui, rinunciare agli ideali poetici, ricchi di fascino e di bellezza esteriore, ricchi di pregi mondani, della sua giovinezza. Rinunciando a questi ideali, Kitty scopre che la realtà usuale e consueta, lungi dall'essere meschina e squallida, è assai preziosa e bella. È questa la storia di molti personaggi di Tolstoj". (Natalia Ginzburg)

Anna Karenina

Tolstoj Lev Nikolaevic

Cosa c'è di divino nell'essere giovane madre di un figlio arrivato per grazia o per caso, e poi sperare per lui una vita buona, abbastanza buona e insieme temere per lui con tutte le paure di tutte le madri, che non incontri il male, che non sia troppo speciale, che il mondo lo accolga o almeno lo lasci in pace. Vivere in pace. È la storia umanissima di ogni madre ed è la storia di Maria raccontata in poesia, in pittura, in musica, nel vetro, nel ghiaccio immacolato, a punto croce, sulle volte delle cattedrali e sui selciati delle piazze, a chiacchierino e col tombolo. Qui parla Maria, Madre di Dio bambino, ma per ogni madre il suo bambino è Dio, vita che si consegna fragilissima e si promette eterna. Intorno a Maria uomini e donne che pensano di capire e poi gli angeli che fanno corona ma le loro ali non riescono a tenere lontano il gran male del mondo che si addensa in questo punto della terra in tutto simile a tanti altri punti della terra in cui in ogni tempo si è gridato «Uccidilo». Quel che resta è un corpo rotto senza grazia, consegnato a una madre ancora giovane, anche lei simile a tante. Ma la fine non è scritta e i bambini nascono ogni giorno.

Lei

Veladiano Mariapia