Saggi

Ama l’italiano. Segreti e meraviglie della lingua più bella

Andreoni Annalisa

Descrizione: Elegante, musicale, armoniosa, dolce, piacevole, seducente: per chi ci guarda da fuori, la nostra è la lingua più bella del mondo, tanto da farne la quarta più studiata tra le lingue straniere. Gli italiani, invece, tendono a darla per scontata, ignorando forse che le parole che ancor oggi utilizziamo hanno una storia antica e nobile. È un gran privilegio parlare d'amore, sognare e persino imprecare con le stesse parole di Dante e degli altri grandi della nostra letteratura. Dovremmo emozionarci sapendo di poter passare con facilità da un sonetto di Petrarca a una poesia di Alda Merini, da Ariosto al Fantozzi di Paolo Villaggio, dai poeti siciliani ai testi di Vasco Rossi. Le altre lingue europee non offrono questa opportunità. Avere come strumento per esprimersi l'idioma che ha segnato nel mondo la musica, le arti, la scienza, il canto dovrebbe riempirci di ammirazione e orgoglio, e darci la misura delle nostre potenzialità. Da un'italianista appassionata, una dichiarazione d'amore in otto passeggiate tra i tesori della nostra lingua, da Boccaccio alla "supercazzola" di Amici miei, da Galileo a Benigni, per innamorarsi, o reinnamorarsi, della "lingua degli angeli", nella definizione di Thomas Mann. L'italiano ricambierà, regalando godimento, fascino, sicurezza in sé stessi e nelle proprie idee. E tutte le parole per le cose più belle della vita.

Categoria: Saggi

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2017

ISBN: 9788856661002

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Ama l’italiano.

Annalisa Andreoni, Ama l’italiano. Segreti e meraviglie della lingua più bella.

«Per me non c’è dubbio che gli angeli nel cielo parlano italiano. Impossibile immaginare che queste beate creature si servano di una lingua meno musicale…» (T. Mann, Confessioni del cavaliere d’industria Felix Krull)

Provare a pensare alla nostra lingua dando un giudizio esterno e impersonale, e provando a contestualizzarne caratteri e aspetti con le lingue del resto del mondo, è impresa che richiede un certo sforzo, una concentrazione inusuale e atipica, a meno che, certo, non si sia poliglotti o non si passino all’estero parecchi mesi. L’italiano, come tutte le lingue del mondo, ha delle caratteristiche precise che dipendono non solo dalla sua storia, ma anche dalla storia del suo popolo e dalla geografia territoriale. E a noi, popolo italiano, piace la nostra lingua? Se è difficile rispondere in prima persona, un dato ben ci presenta la popolarità che riscuote: l’italiano è la quarta lingua più studiata al mondo. Ma nella società consumistica e finalistica, in cui ogni azione deve sempre avere un obiettivo preciso, a cosa serve l’italiano se paragonato al grande mercato mondiale, frenetico e pragmatico? La risposta, ammettiamolo, un po’ ci turba: a niente. Già, chi studia l’italiano lo fa solo per il proprio gusto, per la musicalità così accentuata e varia, per la bellezza di potersi esprimere nella lingua della passione per eccellenza, seppur meno diretta e pratica delle altre («Ma perché tutto deve sempre avere un’applicazione pratica?», scrive Elizabeth Gilbert nel suo Mangia prega ama). Lingua dai colori e contorni sempre nuovi, dalla melodia che sa sedurre, che sa essere sensuale, lingua del canto sublime, della lirica più profonda, dell’amore struggente e passionale, l’italiano non è solo un modo che abbiamo per esprimerci, ma un modo tutto europeo, tutto mediterraneo, tutto antico e letterario che abbiamo di emozionarci, di vivere, di recitare, e soprattutto di accogliere. È questa la forte e chiara consapevolezza di Annalisa Andreoni, docente di Letteratura italiana all’Università IULM di Milano, scrittrice e giornalista, che con il suo ultimo libro, Ama l’italiano. Segreti e meraviglie della lingua più bella, Piemme editore, ci guida attraverso uno splendido viaggio fra le bellezze della nostra lingua, troppo spesso dimenticate. In effetti già Carducci notò, non senza un certo rammarico, come le biblioteche e gli archivi d’Italia, fra i più ricchi e nutriti del mondo, fossero pieni di stranieri meravigliati intenti a studiare e ricercare, ma stranamente vuoti proprio di italiani. Non mancano comunque, nella nostra storia, le eccezioni: insuperabile, lo studio sulla lingua italiana del 1962 di Giacomo Devoto su Giosue Carducci e la tradizione linguistica dell’Ottocento (in Nuovi studi di stilistica).

La nostra lingua, ribadisce l’autrice, è una risorsa d’incanto senza pari, un vero gioiello vivente e cangiante di suoni e immagini, oggi in fervido movimento ma cristallizzato per secoli in una sorta di magia letteraria, che ha origine proprio dai nostri padri (Dante, Boccaccio, Petrarca…). «L’italiano suonerebbe musicalissimo sulle labbra di chi incominciasse a pronunciarlo», nota il poeta John Keats, in una lettera alla sorella, «mi colpì il carattere puerile della fonetica italiana, la sua stupenda infantilità, la sua vicinanza al cinguettio dei bambini», ci riporta Osip Mandel’štam nella sua Conversazione su Dante.

Scelta precisa o tendenza naturale, poco importa, la letterarietà dell’italiano ha sedotto e continua a sedurre molti fra i poeti e gli scrittori del mondo. In effetti la sua storia, per lunghi secoli, non essendo per nulla parlata dalla maggior parte delle popolazioni della penisola italica, si è svolta in ambienti culturali che l’hanno cesellata e resa la lingua letteraria e poetica che conosciamo oggi, la lingua dell’amore e dei suoi canti, che si è fatta nel tempo attraverso personalità varie e magnifiche: fu lo stesso Dante a decretare che il volgare fosse superiore al latino, mentre Petrarca operò a lungo per imporre nuovamente la lingua dei Romani e quasi ci riuscì, non fosse per il fatto che il suo capolavoro, tramandato compulsivamente, fu scritto in volgare, il Canzoniere (o più precisamente Rerum Vulgarium Fragmenta); Galileo decise di portare l’italiano nella scienza e diede modo alle parole nostrane di accedere alla lingua scientifica e tecnica di tutta Europa (e molte di esse resistono ancora, nell’arte, nella architettura, nella scienza, nella fisica…), e così via in un percorso incerto ma forse predestinato fino all’Unità d’Italia (anche se non terminarono le peripezie, visto che il conte di Cavour si rallegrò col re dell’avvenuta Unità con una lettera in francese!). In effetti, come scrisse Melchiorre Cesarotti già nel 1788 con il suo Saggio sopra la lingua italiana, non si può scindere l’analisi linguistica dagli specimina letterari, e Annalisa Andreoni segue questa prassi, ricomponendo la vexata quaestio della distinzione fra le discipline, almeno nell’ambito dell’insegnamento liceale e universitario. Facendo ovviamente salva la specificità disciplinare, appare necessario ricomporre la dicotomia.

Lingua, la nostra, che conserva anche una certa “nobiltà” culturale, discendendo direttamente dal greco e dal latino, ma soprattutto in quanto lingua della scelta, dell’arbitrarietà, sinonimo di democraticità da non dimenticare, soprattutto nel tempo in cui la tentazione ad eliminarne le ricche complessità e la precisione lessicale, quindi in qualche modo a uniformare il pensiero, si fa prepotente: «vi confesso – dice ancora l’Andreoni – che continuo a ritenermi fortunata di aver appreso nella culla una lingua che mette la libertà al primo posto».

Ama l’italiano è un saggio che pone al centro e fa sentire la meraviglia della scoperta, la gioia di una passione che non sa arrestarsi. Le pagine, ricche di citazioni e di brani tratti da importanti campioni testuali, scorrono via velocemente senza mai scadere nell’aneddotica, guidano e interrogano il lettore con la forza e l’intelligenza di un linguaggio che sa rivolgersi, su più livelli, a un pubblico vasto. Il volume della professoressa Andreoni soddisfa molteplici esigenze: appare ad una lettura attenta uno strumento di notevole interesse, sofisticato e che nasce dalla sapiente gestione dei dati e delle esperienze in ambito storico-letterario e linguistico misurate nel corso di anni, ma a ciò si deve aggiungere un modello epistemico valido a configurare un solido impegno intellettuale, segnalato a partire dalla citazione in esergo all’introduzione.

Non un libro d’élite, nemmeno un libro per inesperti: un libro capace di far innamorare e appassionare chiunque alla «lingua degli angeli», con una prosa precisa, sincera, ricca di passione per lo studio e la ricerca. Gli otto capitoli, nei quali si snoda il volume, ci permettono di entrare all’interno di un itinerario linguistico non solo cronologico, ma scandito anche dalle estese e particolari qualità semantiche e morfo-sintattiche della lingua esaminata, mostrando di volta in volta le caratteristiche di libertà, di musicalità, di scientificità, ma anche di parodia, beffa e oscenità che l’italiano ha forgiato nei secoli. Nell’osservazione a tutto tondo è ancora la forte policromia linguistica ad abbagliarci, a non smettere di sorprendere, peculiarità chiara ai poeti e ai cantori di ogni epoca. Forse non avremmo il diritto di esaltare così la nostra lingua madre, eppure leggendo il libro di Annalisa Andreoni si comprende come il piacere ricavato dagli studi, così forte e sincero, non si può tacere, soprattutto se ci riguarda così da vicino. Perché «le parole, le frasi, la lingua abitualmente parlata hanno radici profonde nella nostra vita psicologica e nella nostra costituzione fisica», scriveva Tullio De Mauro, e amarla significa anche amare noi stessi, la nostra storia, il nostro pensiero.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Annalisa

Andreoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Andreoni Annalisa


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Freschezza, leggerezza, umorismo, fantasia, sono i tratti dello stile di questo romanzo che ne hanno decretato il sorprendente successo nelle librerie francesi. La storia è semplice: una donna perde il marito in circostanze tragiche, la sua vita sembra finita e invece incontra casualmente un altro uomo e nasce una sorprendente e bellissima storia d'amore. La qualità straordinaria di questo libro è che l'autore riesce magicamente a trasformare il dolore e la volgarità in poesia e sorriso. Quando Nathalie torna in ufficio dopo la morte del marito, oppressa dal corteggiamento pesante e volgare del capoufficio e dalla grigia routine di un lavoro senza fantasia, incontra il “principe azzurro” lì dove meno se lo sarebbe immaginato, nella persona di un impiegato svedese all'apparenza insignificante, uno che in ufficio tutti considerano una nullità. Invece quest'uomo sorprendentemente si rivela un essere delicato, divertente, con una storia commovente alle spalle. La delicatezza è l'unica cosa di cui ha davvero bisogno Nathalie in quella difficile fase della sua esistenza. Tra i due nasce un rapporto timido, all'inizio appena accennato, che “delicatamente” si fa strada tra le esitazioni dell'uomo, le remore della donna e lo stupore rabbioso dei colleghi, fino al coronamento finale di un amore scevro di ogni sua componente triviale. “La delicatezza” è un racconto pieno di ironia, composto con una scrittura moderna e veloce e intervallato da intermezzi fantasiosi e divertenti che dettano un ritmo senza spezzare il pathos della trama. È il racconto di una storia d'amore sublime che vola al disopra delle bassezze umane. Dolcissimo.

LA DELICATEZZA

Foenkinos David

Una tranquilla notte parigina. Nulla traspare dalla classica e impenetrabile facciata del Louvre. Un dramma si sta consumando al suo interno, nella Grande Galleria. Il vecchio curatore Saunière, ferito a morte, si aggrappa con un ultimo gesto disperato a un dipinto del Caravaggio, fa scattare l'allarme e le grate di ferro all'entrata della sala scendono immediatamente, chiudendo fuori il suo inseguitore. A Saunière restano pochi minuti di vita. Si toglie i vestiti e si distende nella posizione dell'uomo di Vitruvio, il celebre disegno di Leonardo. Accanto a sé, scrive pochi numeri e un solo nome: Robert Langdon, uno studioso di simbologia. A lui toccherà scoprire il mistero che si cela dietro i capolavori di Leonardo. Chi era il pittore rinascimentale? Cosa nascondeva? E, soprattutto, quali enigmi sconvolgenti nascondevano le sue opere? L'America intera si è appassionata al thriller di Dan Brown, decretandolo scrittore dell'anno. Il suo romanzo ha spiegato a milioni di lettori perché, in definitiva, Monna Lisa sorride.

Il codice Da Vinci

Brown Dan

Come si fa a diventare buoni? E, soprattutto, che cosa significa essere buoni? Katie Carr non se l'è mai chiesto: una donna che ha scelto di diventare medico per aiutare gli altri e che ha cresciuto i figli ai valori morali più profondi non ha nemmeno bisogno di porsi la questione. Finché quella donna non tradisce il marito. E allora il marito, David, decide di dare una svolta alla sua vita. Abbandona le arguzie sarcastiche con le quali non risparmiava nessuno, nemmeno la moglie e i figli, e rinuncia a versare veleno su tutto e tutti nella rubrica che firmava regolarmente su un quotidiano locale; insomma, smette di essere «l'uomo più arrabbiato di Holloway» per diventare buono. Ma buono sul serio. Niente di più azzeccato, a questo punto, dell' entrata in scena di BuoneNuove. Con tanto di piercing alle sopracciglia, una storia di droga alle spalle e tecniche di guarigione dello spirito e del corpo capaci di sfidare tutta la scienza medica, BuoneNuove aiuta David a mettere a punto strategie di bontà e varare progetti piccoli e grandi per contribuire a risolvere il problema della sofferenza umana: lasagne prese dal congelatore di casa per sfamare i barboni del parco, giocattoli e computer sottratti ai figli per intrattenere i bambini meno fortunati, esortazioni agli abitanti della via perché ciascuna famiglia metta a disposizione una stanza per un senzatetto e infine un bel manuale di istruzioni su come redistribuire equamente le ricchezze mondiali. Com'è prevedibile, Katie perde ogni punto di riferimento: il marito è irriconoscibile, i due figli si schierano l'uno con la madre e l'altra col padre, e lei deve sopportare la convivenza coatta con BuoneNuove e un senzatetto che si fa chiamare Scimmia. E, catapultata in una realtà tutta nuova, è costretta a riflettere anche sulla crisi del suo matrimonio.

COME DIVENTARE BUONI

Hornby Nick

La contraddizione tra realtà e apparenza, tra capitale e lavoro, tra valore d’uso e valore di scambio, tra proprietà privata e Stato capitalistico, tra monopolio e concorrenza, tra valore sociale del lavoro e sua rappresentazione monetaria... Sono diciassette le grandi contraddizioni che Harvey individua: stanno al cuore del capitalismo, alcune sono interdipendenti, tutte si intrecciano fra loro e, quando si acuiscono, producono instabilità e crisi; oggi ne mettono a rischio la tenuta. La spinta ad accumulare capitale al di là delle possibilità di investimento, l’imperativo di usare i metodi più economici di produzione che porta ad avere consumatori senza mezzi per il consumo, l’ossessione di sfruttare la natura fino al rischio dell’estinzione: sono antinomie di questo tipo che sottostanno alla persistenza della disoccupazione di massa, alle spirali discendenti dello sviluppo in Europa e Giappone, agli instabili salti in avanti di paesi come Cina e India. Non tutte le contraddizioni del capitale sono ingestibili, alcune possono condurre a quelle innovazioni che ridanno forza al capitalismo e lo fanno apparire saldo e duraturo. Tuttavia l’apparenza può ingannare: se è vero che molte delle contraddizioni del capitale possono venire gestite, altre potrebbero essere fatali per la nostra società. Per evitare un simile esito questo libro si propone tanto come un’efficace guida al mondo che ci circonda quanto come un manifesto per il cambiamento. Recuperando il concetto marxiano di alienazione, nella prospettiva di un nuovo umanesimo.

Diciassette contraddizioni e la fine del capitalismo

Harvey David