Saggi

Ama l’italiano. Segreti e meraviglie della lingua più bella

Andreoni Annalisa

Descrizione: Elegante, musicale, armoniosa, dolce, piacevole, seducente: per chi ci guarda da fuori, la nostra è la lingua più bella del mondo, tanto da farne la quarta più studiata tra le lingue straniere. Gli italiani, invece, tendono a darla per scontata, ignorando forse che le parole che ancor oggi utilizziamo hanno una storia antica e nobile. È un gran privilegio parlare d'amore, sognare e persino imprecare con le stesse parole di Dante e degli altri grandi della nostra letteratura. Dovremmo emozionarci sapendo di poter passare con facilità da un sonetto di Petrarca a una poesia di Alda Merini, da Ariosto al Fantozzi di Paolo Villaggio, dai poeti siciliani ai testi di Vasco Rossi. Le altre lingue europee non offrono questa opportunità. Avere come strumento per esprimersi l'idioma che ha segnato nel mondo la musica, le arti, la scienza, il canto dovrebbe riempirci di ammirazione e orgoglio, e darci la misura delle nostre potenzialità. Da un'italianista appassionata, una dichiarazione d'amore in otto passeggiate tra i tesori della nostra lingua, da Boccaccio alla "supercazzola" di Amici miei, da Galileo a Benigni, per innamorarsi, o reinnamorarsi, della "lingua degli angeli", nella definizione di Thomas Mann. L'italiano ricambierà, regalando godimento, fascino, sicurezza in sé stessi e nelle proprie idee. E tutte le parole per le cose più belle della vita.

Categoria: Saggi

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2017

ISBN: 9788856661002

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Ama l’italiano.

Annalisa Andreoni, Ama l’italiano. Segreti e meraviglie della lingua più bella.

«Per me non c’è dubbio che gli angeli nel cielo parlano italiano. Impossibile immaginare che queste beate creature si servano di una lingua meno musicale…» (T. Mann, Confessioni del cavaliere d’industria Felix Krull)

Provare a pensare alla nostra lingua dando un giudizio esterno e impersonale, e provando a contestualizzarne caratteri e aspetti con le lingue del resto del mondo, è impresa che richiede un certo sforzo, una concentrazione inusuale e atipica, a meno che, certo, non si sia poliglotti o non si passino all’estero parecchi mesi. L’italiano, come tutte le lingue del mondo, ha delle caratteristiche precise che dipendono non solo dalla sua storia, ma anche dalla storia del suo popolo e dalla geografia territoriale. E a noi, popolo italiano, piace la nostra lingua? Se è difficile rispondere in prima persona, un dato ben ci presenta la popolarità che riscuote: l’italiano è la quarta lingua più studiata al mondo. Ma nella società consumistica e finalistica, in cui ogni azione deve sempre avere un obiettivo preciso, a cosa serve l’italiano se paragonato al grande mercato mondiale, frenetico e pragmatico? La risposta, ammettiamolo, un po’ ci turba: a niente. Già, chi studia l’italiano lo fa solo per il proprio gusto, per la musicalità così accentuata e varia, per la bellezza di potersi esprimere nella lingua della passione per eccellenza, seppur meno diretta e pratica delle altre («Ma perché tutto deve sempre avere un’applicazione pratica?», scrive Elizabeth Gilbert nel suo Mangia prega ama). Lingua dai colori e contorni sempre nuovi, dalla melodia che sa sedurre, che sa essere sensuale, lingua del canto sublime, della lirica più profonda, dell’amore struggente e passionale, l’italiano non è solo un modo che abbiamo per esprimerci, ma un modo tutto europeo, tutto mediterraneo, tutto antico e letterario che abbiamo di emozionarci, di vivere, di recitare, e soprattutto di accogliere. È questa la forte e chiara consapevolezza di Annalisa Andreoni, docente di Letteratura italiana all’Università IULM di Milano, scrittrice e giornalista, che con il suo ultimo libro, Ama l’italiano. Segreti e meraviglie della lingua più bella, Piemme editore, ci guida attraverso uno splendido viaggio fra le bellezze della nostra lingua, troppo spesso dimenticate. In effetti già Carducci notò, non senza un certo rammarico, come le biblioteche e gli archivi d’Italia, fra i più ricchi e nutriti del mondo, fossero pieni di stranieri meravigliati intenti a studiare e ricercare, ma stranamente vuoti proprio di italiani. Non mancano comunque, nella nostra storia, le eccezioni: insuperabile, lo studio sulla lingua italiana del 1962 di Giacomo Devoto su Giosue Carducci e la tradizione linguistica dell’Ottocento (in Nuovi studi di stilistica).

La nostra lingua, ribadisce l’autrice, è una risorsa d’incanto senza pari, un vero gioiello vivente e cangiante di suoni e immagini, oggi in fervido movimento ma cristallizzato per secoli in una sorta di magia letteraria, che ha origine proprio dai nostri padri (Dante, Boccaccio, Petrarca…). «L’italiano suonerebbe musicalissimo sulle labbra di chi incominciasse a pronunciarlo», nota il poeta John Keats, in una lettera alla sorella, «mi colpì il carattere puerile della fonetica italiana, la sua stupenda infantilità, la sua vicinanza al cinguettio dei bambini», ci riporta Osip Mandel’štam nella sua Conversazione su Dante.

Scelta precisa o tendenza naturale, poco importa, la letterarietà dell’italiano ha sedotto e continua a sedurre molti fra i poeti e gli scrittori del mondo. In effetti la sua storia, per lunghi secoli, non essendo per nulla parlata dalla maggior parte delle popolazioni della penisola italica, si è svolta in ambienti culturali che l’hanno cesellata e resa la lingua letteraria e poetica che conosciamo oggi, la lingua dell’amore e dei suoi canti, che si è fatta nel tempo attraverso personalità varie e magnifiche: fu lo stesso Dante a decretare che il volgare fosse superiore al latino, mentre Petrarca operò a lungo per imporre nuovamente la lingua dei Romani e quasi ci riuscì, non fosse per il fatto che il suo capolavoro, tramandato compulsivamente, fu scritto in volgare, il Canzoniere (o più precisamente Rerum Vulgarium Fragmenta); Galileo decise di portare l’italiano nella scienza e diede modo alle parole nostrane di accedere alla lingua scientifica e tecnica di tutta Europa (e molte di esse resistono ancora, nell’arte, nella architettura, nella scienza, nella fisica…), e così via in un percorso incerto ma forse predestinato fino all’Unità d’Italia (anche se non terminarono le peripezie, visto che il conte di Cavour si rallegrò col re dell’avvenuta Unità con una lettera in francese!). In effetti, come scrisse Melchiorre Cesarotti già nel 1788 con il suo Saggio sopra la lingua italiana, non si può scindere l’analisi linguistica dagli specimina letterari, e Annalisa Andreoni segue questa prassi, ricomponendo la vexata quaestio della distinzione fra le discipline, almeno nell’ambito dell’insegnamento liceale e universitario. Facendo ovviamente salva la specificità disciplinare, appare necessario ricomporre la dicotomia.

Lingua, la nostra, che conserva anche una certa “nobiltà” culturale, discendendo direttamente dal greco e dal latino, ma soprattutto in quanto lingua della scelta, dell’arbitrarietà, sinonimo di democraticità da non dimenticare, soprattutto nel tempo in cui la tentazione ad eliminarne le ricche complessità e la precisione lessicale, quindi in qualche modo a uniformare il pensiero, si fa prepotente: «vi confesso – dice ancora l’Andreoni – che continuo a ritenermi fortunata di aver appreso nella culla una lingua che mette la libertà al primo posto».

Ama l’italiano è un saggio che pone al centro e fa sentire la meraviglia della scoperta, la gioia di una passione che non sa arrestarsi. Le pagine, ricche di citazioni e di brani tratti da importanti campioni testuali, scorrono via velocemente senza mai scadere nell’aneddotica, guidano e interrogano il lettore con la forza e l’intelligenza di un linguaggio che sa rivolgersi, su più livelli, a un pubblico vasto. Il volume della professoressa Andreoni soddisfa molteplici esigenze: appare ad una lettura attenta uno strumento di notevole interesse, sofisticato e che nasce dalla sapiente gestione dei dati e delle esperienze in ambito storico-letterario e linguistico misurate nel corso di anni, ma a ciò si deve aggiungere un modello epistemico valido a configurare un solido impegno intellettuale, segnalato a partire dalla citazione in esergo all’introduzione.

Non un libro d’élite, nemmeno un libro per inesperti: un libro capace di far innamorare e appassionare chiunque alla «lingua degli angeli», con una prosa precisa, sincera, ricca di passione per lo studio e la ricerca. Gli otto capitoli, nei quali si snoda il volume, ci permettono di entrare all’interno di un itinerario linguistico non solo cronologico, ma scandito anche dalle estese e particolari qualità semantiche e morfo-sintattiche della lingua esaminata, mostrando di volta in volta le caratteristiche di libertà, di musicalità, di scientificità, ma anche di parodia, beffa e oscenità che l’italiano ha forgiato nei secoli. Nell’osservazione a tutto tondo è ancora la forte policromia linguistica ad abbagliarci, a non smettere di sorprendere, peculiarità chiara ai poeti e ai cantori di ogni epoca. Forse non avremmo il diritto di esaltare così la nostra lingua madre, eppure leggendo il libro di Annalisa Andreoni si comprende come il piacere ricavato dagli studi, così forte e sincero, non si può tacere, soprattutto se ci riguarda così da vicino. Perché «le parole, le frasi, la lingua abitualmente parlata hanno radici profonde nella nostra vita psicologica e nella nostra costituzione fisica», scriveva Tullio De Mauro, e amarla significa anche amare noi stessi, la nostra storia, il nostro pensiero.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Annalisa

Andreoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Andreoni Annalisa


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per il detesctive Harry Bosch della polizia di Los Angeles un caso irrisolto è una ferita aperta. Per questo, quando sulle colline intorno a Hollywood raffiorono le ossa di un bambino, ucciso brutalmente venti anni prima, Bosch sente di dover scoprire l'assassino a ogni costo. Con un'indagine difficile, che porta alla luce storie sepolte da tempo, Bosch riesce a scoprire l'identità del bambino e a ricostruire la vita spezzata. Sfidando l'indifferenza della polizia, già pronta ad archiviare il caso e lottando contro i fantasmi che quella vicenda suscita in lui, Bosch annaspa tra indizi contraddittori, finché, in un crescendo di colpi di scena, la verità viene a galla. In tutto il suo inimmaginabile orrore.

LA CITTA’ DELLE OSSA

Connelly Michael

Nel giorno di Natale del suo ottantaduesimo compleanno la Morte va a trovare Chaplin nella sua casa in Svizzera. Chaplin è anziano, ma ha un figlio ancora piccolo e vorrebbe vederlo crescere. Perciò fa un patto con la vecchia: se riuscirà a farla ridere avrà guadagnato un anno di vita. E Chaplin riesce sì a divertirla, ma non con l’umorismo consumato dell’attore che egli è, ma per la comicità involontaria che deriva dagli impacci dell’età. Anno dopo anno la Morte si ripresenta e la commedia della vecchiaia le provoca sempre un’irrefrenabile risata. Nell’attesa dell’incontro Chaplin racconta il suo passato, dai primi passi fino all’incredibile successo. Eppure il romanzo non è solo la biografia apocrifa di uno dei grandi del Novecento, quanto piuttosto l’avventura stessa della vita, il ritratto di un’America piena di promesse, la terra delle illusioni e della fortuna. Sbarcato negli Stati Uniti il giovane Chaplin passa da un mestiere all’altro - strillone, tipografo, boxeur, imbalsamatore - da una costa all’altra, incontra uomini straordinari e anche gente comune, pronti quasi sempre a dargli una possibilità. È un orfano a spasso per il Nuovo Mondo e si paragona a una strada ferrata: «un taglio dentro la terra, un’ambizione smisurata, un desiderio di qualcosa cui non sapevo dare un nome». Su tutto la magia del cinema, l’invenzione dei fratelli Lumière che la fantasia dell’autore attribuisce al guardiano degli elefanti innamorato che Chaplin incontrò nel circo in cui aveva lavorato da giovane. E ritorna il Natale, l’ultimo, Chaplin si impegna davvero a rallegrare la Morte indossando i panni di un vecchissimo Charlot. Ma la sua esibizione è troppo perfetta…

L’ultimo ballo di Charlot

Stassi Fabio

In quasi tutto il mondo la disuguaglianza sta aumentando, e ciò significa che i ricchi, e soprattutto i molto ricchi, diventano più ricchi, mentre i poveri, e soprattutto i molto poveri, diventano più poveri. Questa è la conseguenza ultima dell’aver sostituito la competizione e la rivalità alla cooperazione amichevole, alla condivisione, alla fiducia, al rispetto. Ma non c’è vantaggio nell’avidità. Nessun vantaggio per nessuno. Eppure abbiamo creduto che l’arricchimento di pochi fosse la via maestra per il benessere di tutti.

“LA RICCHEZZA DI POCHI AVVANTAGGIA TUTTI” FALSO!

Bauman Zygmunt

Jean Daragane, scrittore parigino vicino alla settantina, vive in totale solitudine, fuori dal resto del mondo. Una sera, però, dopo mesi in cui non ha letteralmente parlato con nessuno, il telefono di casa squilla: si tratta di un uomo che dice di aver ritrovato la sua agenda, perduta su un treno. Daragane inizialmente è recalcitrante a incontrarlo; rompere il suo isolamento gli costa, e i numeri segnati su quella rubrica non gli interessano più. Ma infine accetta un appuntamento. E cosi che conosce l'ambiguo, mellifluo Gilles Ottolini e la sua sottomessa e giovane compagna, Chantal Grippay. L'appuntamento farà ripensare Deragane al suo primo romanzo e gli farà rivalutare una serie di dettagli a suo tempo trascurati che lo porteranno a riscoprire l'importanza della memoria, della nostalgia e dell'amore rimosso, ma mai sopito.

Perché tu non ti perda nel quartiere

Modiano Patrick