Narrativa

Amado mio

Pasolini Pier Paolo

Descrizione: Due romanzi brevi, "Atti impuri" e "Amado mio", entrambi autobiografici, della prima giovinezza friulana; il secondo è già un racconto compiuto, chiuso nella vicenda di un incontro estivo, un amore scandaloso e apparentemente fallito, tra i balli pomeridiani, le spiagge selvatiche e gli ambienti de "Il sogno di una cosa". Il primo - che dello stesso tema è una variante sofferta - si presenta come testo restaurato, ricavato da tormentate stesure dattiloscritte, che rivelano un assillo più profondo, una scelta difficile di natura non soltanto personale ma ideologica. Con uno scritto di Attilio Bertolucci.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Gli elefanti narrativa

Anno: 2000

ISBN: 9788811669296

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il volume include due opere giovanili di  Pier Paolo Pasolini: la prima, Atti impuri, è appena sbozzata e non ha ricevuto dall’autore una forma definitiva; la seconda, Amado mio, è più strutturata e coerente.

Atti impuri

In tempo di guerra (“Due continui pericoli, veramente ossessivi, dei tedeschi e dei bombardamenti”) Paolo (“Ho venticinque anni, l’età in cui Gozzano disse addio alla giovinezza…”) è sfollato a Viluta (“Eravamo esiliati in un borgo perso tra i campi, è vero, ma non troppo lontano però dalla stazione di Castiglione e dal ponte sul Tagliamento”) con la madre. Lì improvvisa una scuola e il contatto con i ragazzini infiamma i sentimenti del giovane (“Quelle linee affascinanti che costruiscono una bellezza efebica, dalla curva delle labbra ai complessi disegni del grembo e dei fianchi…”).
L’amicizia con Dina potrebbe offrire una copertura (“Un giorno, quando già sapeva tutto, giunse a propormi di divenire il mio schermo contro le dicerie della gente”) dell’interesse omoerotico che il giovane maestro indirizza sugli allievi.
Su tutti (“Quella girandola di sentimenti su cui la presenza di Gianni soffiava come un vento capriccioso”), s’impone l’amore per Nisiuti. Un sentimento che imbarazza il ragazzino (“Seppi la sofferenza di Nisiuti per essere preso in giro dalla gente a causa di quella nostra amicizia che ci rendeva indivisibili; e fu allora che capii per la prima volta la necessità di dominarmi”), le cui reazioni sono timide e impacciate.

Nonostante l’ambiente familiare liberale (“Non spirava dunque un’aria cattolica nella mia casa; un’aria morale e spirituale, questo sì”), il senso del peccato (“Tutto questo io dovrò scontarlo: è una colpa ormai senza attenuanti”) accompagna le folate del desiderio (“Egli, quella sera, era di una bellezza da potersi toccare come un oggetto: una luce dorata e minerale che splendeva nell’interno del suo corpo, accendendo più la sua carne molle e tiepida che i suoi occhi”) che si accentua nel senso dell’impossibilità (“Ogni dimensione dell’esistenza era occupata dal tepore del ragazzo – insieme al terrore di non poterlo avere mai”) e nel contrasto tra il senso dell’illecito e la purezza dell’amato (“Tutto era contenuto in lui, tutto quello che è necessario all’amore. E niente di chiuso, di inespresso, di adombrato: il suo mistero splendeva chiaro come il suo sguardo”).

Il paesaggio (“Oh, il risveglio in quella luce fredda e candida! Ristorato dal sonno, mentre il meriggio volgeva alla sera, sentivo respirare intorno a me una vita la cui troppa famigliarità mi dava una specie di struggimento”), i sapori (“Riconoscevo gli odori serali del fumo, della polenta e del gelo; riconoscevo le inflessioni della lingua…”), i riti collettivi adolescenziali (“Si andava a fare il bagno in una cava di ghiaia, tra i campi dietro il cimitero”) e i riferimenti autobiografici (“Trovai mia mamma ancora sveglia, che certamente pregava per mio fratello… si sentiva… volare e cantare una cinciallegra. Si era convinta che le venisse a portare buone nuove di Guido”) esaltano la disperazione (“Tethnakai d’aolos thelo… Vorrei veramente esser morto”).

Amado mio

Desi(derio) e Gil(berto) alternano le intemperanze giovanili (“in cantina a bere del suo vino”) al comune interesse per i ragazzi: Benito (“Il tuo nome non mi piace… ti chiamerò Iasìs… Un amore di fanciullo, di cui tutti si innamoravano”) e Mario, sui quali esercitano un ascendente per via dell’età (“Desi e Gil parevano passati di moda, spodestati, decaduti”). Una sagra, come quella di Marsure, è occasione per l’ebbrezza e per fare l’alba insieme.

Nello straordinaria atmosfera lagunare (“Al di là del canaletto lungo i polesini biancheggiava una lingua di sabbia bagnata…”) una gita a Caorle rappresenta un’esperienza (“Compriamo due o tre angurie intere e andiamo a mangiarle alle foci della Livenza”) che assume un significato di libertà (“Era quella doratura fallica che uno straniero come Desiderio annusa in ogni minimo fatto dei luoghi sconosciuti, quell’eros indigeno, collettivo, quasi folcloristico, che si spezza e si rifrange come in un prisma nella folla di ignoti vestiti a festa…”) e un senso di appartenenza forse illusorio (“Davanti a Gilda qualcosa di stupendamente comune invase tutti gli spettatori”).

Il racconto è struggente ed esalta le abilità descrittive di Pasolini: “Il sole stava declinando e tutta la Valle ne raccoglieva gli stanchi bagliori nei fontanai e nelle lame, mentre per tutti gli acquitrini, i surtumi, i canneti si effondeva una luce dorata e tranquilla.” 

Bruno Elpis

Il sito del Centro Studi Pier Paolo Pasolini

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Pier

Pasolini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pasolini Pier Paolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La storia di una tragica assenza e di un coraggioso ritorno. Dopo trent'anni, Murid al-Barghuthi racconta i ricordi della sua giovinezza a Ramallah, poi il giorno in cui ha dovuto abbandonare tutto, senza sapere che non sarebbe tornato. Un reportage sulla diaspora palestinese lontano dai comuni percorsi dell'odio.

Ho visto Ramallah

Al-Barghuthi Murid

GENTE DI DUBLINO – di James Joyce

Depresso, appesantito da una pancia ingombrante, il conto in rosso, i creditori sempre alle porte, tre matrimoni alle spalle, Nick Belane è un detective, "il più dritto detective di Los Angeles". Bukowski gioca con un vecchio stereotipo e vi aggiunge la sua filosofia di lucido beone, il suo esistenzialismo da taverna e un pizzico di cupa, autentica disperazione. I bar, le episodiche considerazioni sul destino, il cinismo, l'ormai sbiadito demone del sesso, il fallimento preofessionale ed esistenziale, insieme alle mere invenzioni narrative, diventano il "pulp" del titolo. Lontano dalle atmosfere tenebrose delle ordinarie follie, il testamento spirituale di uno scrittore che non ha mai esitato a immergersi nel degrado della società contemporanea.

Pulp

Bukowski Charles

Dalla morte dei genitori in un terribile incidente d'auto dal quale è uscito miracolosamente illeso, Simon soffre di incubi spaventosi. Dopo essere stato ricoverato in un ospedale psichiatrico in seguito allo shock, Simon si è stabilito dalla zia insieme con suo fratello maggiore, ma adattarsi alla nuova vita è un compito durissimo, soprattutto da quando Simon è perseguitato da una presenza malvagia che lo spia nel buio, proprio come nei suoi sogni più spaventosi. E forse è proprio questa presenza la responsabile della scomparsa di una ragazza, la stessa che Simon decide di cercare aiutato dalla sua unica amica.

Incubo di Wulf Dorn

Dorn Wulf