Poesia

Amazzonia è poesia

Théophilo Marcia

Descrizione: Márcia Théophilo, brasiliana, di estro e d'arte poetici dirompenti, oltre che di appassionata cultura etnica ed endemica, ha levato un inno e un grido a questo mondo minacciato di estinzione, ai meninos su cui si accanisce una bieca perversità che giunge fino a una tenebrosa persecuzione. "Questo libro-poema - come dice la Theophilo nell'introduzione - vuole ispirarsi ad un misticismo panteista e rappresenta un intero mondo. I suoi versi sono piccole orazioni sostenute da un ritmo incalzante. Attraverso la poesia si fa emergere la qualità sacra della vita e di quei valori straordinari che stiamo perdendo. Non è una poesia dedicata solo ai cuccioli dell'uomo, ma anche a tutto ciò che germoglia, che nasce, come l'acqua che sgorga limpida da una sorgente, un fiore che sboccia. È una poesia dedicata alla parte più tenera dell'universo, a tutto ciò che è ancora ritenuto inutile allo sviluppo perché nulla ha a che fare con il consumo e che per questo viene disprezzato o semplicemente non considerato". Il lettore trova qui La passione antropologica, l'indignazione ambientalistica, la sofferenza per la terra violata, l'amore veemente e dolcissimo per le creature che la rappresentano.

Categoria: Poesia

Editore: Alpes Italia

Collana: Itinerari del sapere

Anno: 2018

ISBN: 9788865315392

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Amazzonia è poesia, perché ad ogni respiro la foresta gemma e l’autrice traduce ogni fibra in versi. Così nasce tale Raccolta che si compone di testi editi dal 1970 al 2014 e di poesie inedite del biennio 2016/2017 e quindi rappresenta un compendio e un percorso composito e significativo all’interno della sensibilità e del pensiero di Marcia Théophilo.

La foresta, che è protagonista, attraversa da sempre la poetessa, entra e scorre come un fiume nei suoi versi e lei si fa sponda, alveo, rapida, riflesso. Muta e si trasforma in tutte le cose che  la animano e che la abitano.

Nella sua visione animistica e immaginifica i confini tra le individualità sono infatti labili, il panismo soffia come un vento a tratti dolce a tratti impetuoso e la bellezza esclusiva di ogni forma vivente non si sottrae mai al gusto e all’esperienza dinamica di una trasmutazione che contiene in sé anche la nostalgia e l’anelito della mimesi. Così “la terra ha lunghi capelli”, “le acque hanno seni”, l’isola è di carne, “le stelle sono uccelli variopinti”, i popoli delle tribù danzano vestiti da animali e da alberi,  “il bambino giaguaro si trasforma in tutte le cose”. Tutto è possibile nella potenza generatrice della foresta: “il vento muta la foglia in uccello”, “gli uccelli prendono sulle ali le anime”, gli alberi intrecciano messaggi e l’uomo conosce bene la loro vita e la loro voce. E in una notte speciale – ci svela l’autrice ne La notte dell’armonia –  “i cuori di tutti gli animali/si accendono luminosi/scompaiono i corpi” e gli animali non si divorano, ma si incontrano.

E tali e altri prodigi si sciolgono naturalmente nei versi della poetessa. Per esperienza. Per amore. Un amore che travalica gli stretti confini della specie per distendersi in un orizzonte inesauribile e in una comunicazione desiderata, universale, intima ed emozionata. Un amore lirico, ma non scevro dei colori accesi ed eccitati dell’istinto. Un amore che è poesia, amplesso, ma anche urlo. Urlo di condanna verso l’uomo che avanza con bulldozer, lame taglienti, pensieri feroci, fumo nero e uccide alberi e animali in un olocausto senza fine.

Tutto è fuoco… gli alberi cadono…
tutto è cenere
In questo ritmo frenetico anche il cielo cadrà.
Lo sterminio non cessa:
Kapahuba attende il fuoco ferma,
legata alle sue radici.
Sente il fuoco correre nei suoi rami
il suo corpo verde trema e sente dolore
lei che lenisce il dolore sente
il fuoco gemere nel suo tronco
bruciare le sue radici
(da Olocausto)

Dallo sterminio non si salvano i bambini. Ararì, figlia dell’Amazzonia, racconta di una macchina che beve il sangue di un bambino e Ubirajara intravede coltelli- pugnali e il bambino giaguaro ferito.

Migliaia di bambini
invadono la città
i loro passi incrinano l’asfalto
le loro voci incrinano il cemento
nelle fessure germogliano semi
crescono alberi
si spargono per l’aria
in volo nuvole, vortici, arcobaleni
di uccelli

La poetessa urla e invoca il Dio della foresta Catueté Curupira, invoca il suo soccorso. Urla per difendere gli alberi, urla perché gli alberi non si sentano soli e i loro semi continuino a mettere radici, a tessere fiori. Urla in una poesia che parte dal cuore e arriva al cuore.

Ilaria Spes

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcia

Théophilo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Théophilo Marcia

Il bar Novecento, di fronte allo stadio San Paolo, è un’istituzione, un punto di riferimento dove passare intere giornate. Non solo per commentare le partite, né per il caffè di Mario, né per la bellezza di Paola, la cassiera che fa girare la testa a chiunque. Al bar Novecento si va soprattutto per parlare con O’ Professore, l’uomo che da trent’anni siede allo stesso tavolino sul fondo della sala, e giorno dopo giorno raccoglie palpitanti racconti di epiche sfide, confessioni di figli tornati in città per esaudire l’ultimo desiderio del padre morente, richieste di consigli su amori infelici. A ciascuno di loro, O’ Professore saprà rivolgere profetiche, illuminanti parole sul senso della vita.

Il resto della settimana

De Giovanni Maurizio

E’ stato dimostrato da ricerche approfondite condotte sul campo che ogni marito fedifrago, quando si rivolge alla propria amante, attinge, più o meno inconsapevolmente, a un repertorio consolidato, una sorta di serbatoio dell’inconscio collettivo adulterino. E’ come se i traditori avessero accesso a un manuale segreto in cui sono racchiuse le frasi utili a innamorare, rabbonire, turlupinare le malcapitate, nel tentativo di perpetrare all’infinito la bigamia. Le amanti, nei primi tempi della relazione (e talvolta per un periodo molto lungo prima di insospettirsi), ascoltano con orecchie vergini le asserzioni del fedifrago, credendo nell’esclusività di quelle parole e ignorando che si tratta invece di formule condivise da tutta la categoria dei traditori. Tali formule corrispondono a enunciati standard – con variazioni idiosincratiche minime – che accompagnano ogni fase della relazione: dalle sperticate dichiarazioni d’amore alle promesse di un futuro diverso, passando attraverso i ripensamenti (guarda caso, sempre post-coitali) nonché i moniti, le precisazioni, le preoccupazioni, le giustificazioni, le gelosie, le autocommiserazioni, le fantasie poligame, le pietose o impietose descrizioni opportunistiche della legittima consorte e delle copule coniugali, le esaltazioni appassionate del polimorfo sesso extraconiugale, e infine, i finti abbandoni e le nuove epifanie. Qualunque sia la verità scientifica in proposito, a partire da oggi ogni donna possiede uno strumento indispensabile di difesa personale, perché il manuale del fedifrago non è più segreto: è qui, tra le vostre mani, sotto i vostri occhi, affinché vi possa essere di aiuto e conforto. Le mogli sapranno finalmente cosa raccontano i mariti alle amanti. Le amanti si accorgeranno di non essere sole, ma di subire insieme a migliaia di altre tapine un’ineluttabile logosfera comune. E infine, i fedifraghi dotati di intelligenza e umorismo potranno ridere di sé, ma forse chissà, talvolta anche riflettere.

Non avremmo mai dovuto

Bonafini Francesca, Falconi Caterina

Nella notte del 3 luglio 1582 James Chricton e Thomas entrano nella basilica di Santa Barbara per trafugare qualcosa. Il furto non riesce e sono costretti a scappare.Inseguiti per le strade di Mantova, si imbattono in Ippolito Lanzoni e nel principe Vincenzo Gonzaga. Ne nasce un duello apparentemente senza motivo in cui il giovane Vincenzo ferisce lo scozzese Chricton. Per fare chiarezza sull'accaduto e per trovare le prove che scagionino il principe Gonzaga, Aurelio Zibramonti, consigliere ducale, affida l'indagine a Biagio dell'Orso, affascinante capitano di giustizia. Il caso è un vero rompicapo: apparentemente niente è stato rubato e strana appare la morte di Chricton avvenuta nella spezieria di Geniforti poche ore dopo il duello. Sullo sfondo, l'opulenza della Serenissima, i servizi segreti del Consiglio dei Dieci, spie e cortigiane, la politica del regno d'Inghilterra e del consigliere Walsingham, i luoghi e le atmosfere della Mantova del Cinquecento.

I LEONI D’EUROPA

Silvestrin Tiziana

Laura è giovane, bella e molto amata. Ha sposato un famoso scrittore che la venera, lei stessa scrive, va a teatro, è un’esperta storica dell’arte. E’ capace di concedersi emozioni intense con altri uomini, senza farsi travolgere dal senso di colpa. E’ generosa di sé e delle proprie ricchezze. Ma, in certi momenti, su di lei cala un cono d’ombra. “Ho il ghibli” dice, secondo l’immagine evocata da uno dei suoi amanti: perché davvero è come se si alzasse nel suo cuore il temibile vento del deserto, che la prostra e la costringe a giorni di reclusione durante i quali nessuno deve azzardarsi a toccarla. Poi torna la bonaccia, e Laura è di nuovo la donna volubile ma anche luminosa che tutti ammirano. Fino a che, una notte, Laura scompare. Incontrando chi l’ha conosciuta, presto il commissario Maurizi – incaricato delle indagini sulla sua sparizione – capirà che di Laura, come di una divinità antica, ognuno ricorda un volto diverso. Al primo sguardo sembra una donna facile, che non vuole perdere una sola occasione. E invece le tracce che portano a lei sono quelle invisibili lasciate dalle domande che si è posta senza tregua, dalla tensione bruciante nascosta in ogni suo gesto. Proprio come nel movimento dei corpi al centro dell’affresco del Beato Angelico che Laura stessa aveva saputo interpretare con una intuizione straordinaria, quello dedicato alle parole che Gesù dice a Maria Maddalena dopo essere risorto: Noli me tangere, Non toccarmi…

Noli me tangere

Camilleri Andrea