Poesia

Amazzonia è poesia

Théophilo Marcia

Descrizione: Márcia Théophilo, brasiliana, di estro e d'arte poetici dirompenti, oltre che di appassionata cultura etnica ed endemica, ha levato un inno e un grido a questo mondo minacciato di estinzione, ai meninos su cui si accanisce una bieca perversità che giunge fino a una tenebrosa persecuzione. "Questo libro-poema - come dice la Theophilo nell'introduzione - vuole ispirarsi ad un misticismo panteista e rappresenta un intero mondo. I suoi versi sono piccole orazioni sostenute da un ritmo incalzante. Attraverso la poesia si fa emergere la qualità sacra della vita e di quei valori straordinari che stiamo perdendo. Non è una poesia dedicata solo ai cuccioli dell'uomo, ma anche a tutto ciò che germoglia, che nasce, come l'acqua che sgorga limpida da una sorgente, un fiore che sboccia. È una poesia dedicata alla parte più tenera dell'universo, a tutto ciò che è ancora ritenuto inutile allo sviluppo perché nulla ha a che fare con il consumo e che per questo viene disprezzato o semplicemente non considerato". Il lettore trova qui La passione antropologica, l'indignazione ambientalistica, la sofferenza per la terra violata, l'amore veemente e dolcissimo per le creature che la rappresentano.

Categoria: Poesia

Editore: Alpes Italia

Collana: Itinerari del sapere

Anno: 2018

ISBN: 9788865315392

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Amazzonia è poesia, perché ad ogni respiro la foresta gemma e l’autrice traduce ogni fibra in versi. Così nasce tale Raccolta che si compone di testi editi dal 1970 al 2014 e di poesie inedite del biennio 2016/2017 e quindi rappresenta un compendio e un percorso composito e significativo all’interno della sensibilità e del pensiero di Marcia Théophilo.

La foresta, che è protagonista, attraversa da sempre la poetessa, entra e scorre come un fiume nei suoi versi e lei si fa sponda, alveo, rapida, riflesso. Muta e si trasforma in tutte le cose che  la animano e che la abitano.

Nella sua visione animistica e immaginifica i confini tra le individualità sono infatti labili, il panismo soffia come un vento a tratti dolce a tratti impetuoso e la bellezza esclusiva di ogni forma vivente non si sottrae mai al gusto e all’esperienza dinamica di una trasmutazione che contiene in sé anche la nostalgia e l’anelito della mimesi. Così “la terra ha lunghi capelli”, “le acque hanno seni”, l’isola è di carne, “le stelle sono uccelli variopinti”, i popoli delle tribù danzano vestiti da animali e da alberi,  “il bambino giaguaro si trasforma in tutte le cose”. Tutto è possibile nella potenza generatrice della foresta: “il vento muta la foglia in uccello”, “gli uccelli prendono sulle ali le anime”, gli alberi intrecciano messaggi e l’uomo conosce bene la loro vita e la loro voce. E in una notte speciale – ci svela l’autrice ne La notte dell’armonia –  “i cuori di tutti gli animali/si accendono luminosi/scompaiono i corpi” e gli animali non si divorano, ma si incontrano.

E tali e altri prodigi si sciolgono naturalmente nei versi della poetessa. Per esperienza. Per amore. Un amore che travalica gli stretti confini della specie per distendersi in un orizzonte inesauribile e in una comunicazione desiderata, universale, intima ed emozionata. Un amore lirico, ma non scevro dei colori accesi ed eccitati dell’istinto. Un amore che è poesia, amplesso, ma anche urlo. Urlo di condanna verso l’uomo che avanza con bulldozer, lame taglienti, pensieri feroci, fumo nero e uccide alberi e animali in un olocausto senza fine.

Tutto è fuoco… gli alberi cadono…
tutto è cenere
In questo ritmo frenetico anche il cielo cadrà.
Lo sterminio non cessa:
Kapahuba attende il fuoco ferma,
legata alle sue radici.
Sente il fuoco correre nei suoi rami
il suo corpo verde trema e sente dolore
lei che lenisce il dolore sente
il fuoco gemere nel suo tronco
bruciare le sue radici
(da Olocausto)

Dallo sterminio non si salvano i bambini. Ararì, figlia dell’Amazzonia, racconta di una macchina che beve il sangue di un bambino e Ubirajara intravede coltelli- pugnali e il bambino giaguaro ferito.

Migliaia di bambini
invadono la città
i loro passi incrinano l’asfalto
le loro voci incrinano il cemento
nelle fessure germogliano semi
crescono alberi
si spargono per l’aria
in volo nuvole, vortici, arcobaleni
di uccelli

La poetessa urla e invoca il Dio della foresta Catueté Curupira, invoca il suo soccorso. Urla per difendere gli alberi, urla perché gli alberi non si sentano soli e i loro semi continuino a mettere radici, a tessere fiori. Urla in una poesia che parte dal cuore e arriva al cuore.

Ilaria Spes

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcia

Théophilo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Théophilo Marcia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

E se Michelangelo Merisi da Caravaggio, quel lontano 18 luglio 1610, non fosse morto? Se, ferito e febbricitante, fosse stato trovato sulla sabbia del Tombolo della Feniglia da un'affascinante quanto misteriosa giovinetta in grado di riportarlo in salute? Forse il suo temperamento "maledetto" si sarebbe addolcito di fronte alla disarmante sincerità, all'affetto genuino e alla totale dedizione della sconosciuta. Probabilmente la mutata concezione della vita avrebbe generato altri capolavori assoluti, vibranti di luce diversa, ricchi di una serenità che mai egli stesso avrebbe immaginato di poter vivere e comunicare. Finalmente arriva la grazia, l'agognato ritorno a Roma e una commissione grandiosa e totalmente appagante: un sogno incredibile, una possibilità insperata. Ma ogni sogno è destinato a svanire con la notte: i debiti col passato sono fantasmi mai sconfitti. Il tempo è come un cerchio, chiuso e perfetto e il Caravaggio lo sa bene...

Il sogno di Caravaggio

Montecchi Rossella

1914. Il transatlantico Il Paradiso naviga verso il nuovo mondo. A bordo, tra i passeggeri di ogni rango sociale, stipata nella terza classe, spicca Aquilina per gli strani poteri di cui sembra essere dotata. Ma non è lei l'unico pensiero dell'integerrimo capitano Zocalo. Sul piroscafo, infatti, scoppia una improvvisa epidemia dalle cause sconosciute persino al medico di bordo, Nerio Ferrer. Inoltre, viene denunciata la scomparsa di un uomo che, dal racconto del suo accompagnatore, aveva fatto espressa richiesta di cenare al tavolo di Marie Verdier, una francese che viaggia in seconda classe con il marito. L'incontro tra il capitano e la francese si rivela potente almeno quanto la tempesta nella cui balìa cade la nave. Nessuno forse aveva colto il presagio di una traversata difficile in quei gabbiani agonizzanti schiantatisi sul ponte della nave durante il passaggio nello stretto di Gibilterra. Quando una cameriera mostrerà al capitano le piume nere disseminate nella cabina di Aquilina, il legame tra i suoi misteriosi poteri e quei fenomeni assumerà contorni inaspettati.

La passeggera

Frascati Daniela

Ad alta voce, la poesia interpretata da Luigi Maria Nastasi Corsanico

Varsavia, 1940. Adam aveva nove anni ed era alto un metro e ventisei; misurare la sua altezza era uno dei passatempi con cui lui e lo zio ingannavano la monotonia della vita nel ghetto. È nel filo spinato che separa quell'isola dimenticata nel cuore della città dal mondo esterno che, all'alba di un gelido mattino d'inverno, viene ritrovato il suo corpo senza vita: nudo, la gamba destra amputata sotto il ginocchio. Poi è la volta di Anna, quindici anni: anche lei è stata gettata nel filo spinato, ma a mancarle è la mano destra. In entrambi i casi, nelle parti mutilate la pelle presentava macchie o strane anomalie. La lotta quotidiana per la sopravvivenza non dà il tempo di soffermarsi sulle analogie che legano i due delitti: quando l'orrore è all'ordine del giorno, analizzarne i dettagli è una pratica che può condurre alla follia. Eppure, proprio nei particolari si scorge la strada verso la verità, e solo la ricerca della verità può in qualche modo placare il dolore e il senso di colpa di Erik Cohen, zio di Adam nonché psichiatra nella precedente vita da uomo libero. Quando Adam è scomparso, era lui a doverlo tenere d'occhio; è stato lui, dietro tanta insistenza da parte del bambino, che si annoiava in casa, a dargli il permesso di uscire a giocare, facendogli promettere di non allontanarsi dalla strada, neanche se i marziani fossero atterrati sulla sinagoga e avessero chiesto a lui in persona di negoziare un trattato di pace. L'uomo inizia un'indagine personale.

Gli anagrammi di Varsavia

Zimler Richard