Poesia

Amazzonia è poesia

Théophilo Marcia

Descrizione: Márcia Théophilo, brasiliana, di estro e d'arte poetici dirompenti, oltre che di appassionata cultura etnica ed endemica, ha levato un inno e un grido a questo mondo minacciato di estinzione, ai meninos su cui si accanisce una bieca perversità che giunge fino a una tenebrosa persecuzione. "Questo libro-poema - come dice la Theophilo nell'introduzione - vuole ispirarsi ad un misticismo panteista e rappresenta un intero mondo. I suoi versi sono piccole orazioni sostenute da un ritmo incalzante. Attraverso la poesia si fa emergere la qualità sacra della vita e di quei valori straordinari che stiamo perdendo. Non è una poesia dedicata solo ai cuccioli dell'uomo, ma anche a tutto ciò che germoglia, che nasce, come l'acqua che sgorga limpida da una sorgente, un fiore che sboccia. È una poesia dedicata alla parte più tenera dell'universo, a tutto ciò che è ancora ritenuto inutile allo sviluppo perché nulla ha a che fare con il consumo e che per questo viene disprezzato o semplicemente non considerato". Il lettore trova qui La passione antropologica, l'indignazione ambientalistica, la sofferenza per la terra violata, l'amore veemente e dolcissimo per le creature che la rappresentano.

Categoria: Poesia

Editore: Alpes Italia

Collana: Itinerari del sapere

Anno: 2018

ISBN: 9788865315392

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Amazzonia è poesia, perché ad ogni respiro la foresta gemma e l’autrice traduce ogni fibra in versi. Così nasce tale Raccolta che si compone di testi editi dal 1970 al 2014 e di poesie inedite del biennio 2016/2017 e quindi rappresenta un compendio e un percorso composito e significativo all’interno della sensibilità e del pensiero di Marcia Théophilo.

La foresta, che è protagonista, attraversa da sempre la poetessa, entra e scorre come un fiume nei suoi versi e lei si fa sponda, alveo, rapida, riflesso. Muta e si trasforma in tutte le cose che  la animano e che la abitano.

Nella sua visione animistica e immaginifica i confini tra le individualità sono infatti labili, il panismo soffia come un vento a tratti dolce a tratti impetuoso e la bellezza esclusiva di ogni forma vivente non si sottrae mai al gusto e all’esperienza dinamica di una trasmutazione che contiene in sé anche la nostalgia e l’anelito della mimesi. Così “la terra ha lunghi capelli”, “le acque hanno seni”, l’isola è di carne, “le stelle sono uccelli variopinti”, i popoli delle tribù danzano vestiti da animali e da alberi,  “il bambino giaguaro si trasforma in tutte le cose”. Tutto è possibile nella potenza generatrice della foresta: “il vento muta la foglia in uccello”, “gli uccelli prendono sulle ali le anime”, gli alberi intrecciano messaggi e l’uomo conosce bene la loro vita e la loro voce. E in una notte speciale – ci svela l’autrice ne La notte dell’armonia –  “i cuori di tutti gli animali/si accendono luminosi/scompaiono i corpi” e gli animali non si divorano, ma si incontrano.

E tali e altri prodigi si sciolgono naturalmente nei versi della poetessa. Per esperienza. Per amore. Un amore che travalica gli stretti confini della specie per distendersi in un orizzonte inesauribile e in una comunicazione desiderata, universale, intima ed emozionata. Un amore lirico, ma non scevro dei colori accesi ed eccitati dell’istinto. Un amore che è poesia, amplesso, ma anche urlo. Urlo di condanna verso l’uomo che avanza con bulldozer, lame taglienti, pensieri feroci, fumo nero e uccide alberi e animali in un olocausto senza fine.

Tutto è fuoco… gli alberi cadono…
tutto è cenere
In questo ritmo frenetico anche il cielo cadrà.
Lo sterminio non cessa:
Kapahuba attende il fuoco ferma,
legata alle sue radici.
Sente il fuoco correre nei suoi rami
il suo corpo verde trema e sente dolore
lei che lenisce il dolore sente
il fuoco gemere nel suo tronco
bruciare le sue radici
(da Olocausto)

Dallo sterminio non si salvano i bambini. Ararì, figlia dell’Amazzonia, racconta di una macchina che beve il sangue di un bambino e Ubirajara intravede coltelli- pugnali e il bambino giaguaro ferito.

Migliaia di bambini
invadono la città
i loro passi incrinano l’asfalto
le loro voci incrinano il cemento
nelle fessure germogliano semi
crescono alberi
si spargono per l’aria
in volo nuvole, vortici, arcobaleni
di uccelli

La poetessa urla e invoca il Dio della foresta Catueté Curupira, invoca il suo soccorso. Urla per difendere gli alberi, urla perché gli alberi non si sentano soli e i loro semi continuino a mettere radici, a tessere fiori. Urla in una poesia che parte dal cuore e arriva al cuore.

Ilaria Spes

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcia

Théophilo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Théophilo Marcia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Fatti mangiare dalla mamma è un libro corale. Nell'estate del 2012 lanciamo un'iniziativa su Facebook per Fabrizio Pittalis, poeta e scrittore di Porto Torres, un gruppo come tanti su social, Cuori da Venere, il pianeta dove lui si è trasferito nel 2007 a causa di un tumore-sarcoma di Ewing. Da lì l'idea di un libro fatto con le ricette date dalle mamme, ricette della tradizione o anche semplice frutto della loro creatività, quelle dei loro quaderni, quelle che i figli ricordano."

Fatti mangiare dalla mamma

AA.VV.

Marcus Goldman ha conosciuto la gloria letteraria ma da qualche tempo è in piena crisi di ispirazione; per questo si rivolge a Harry Quebert, il suo anziano professore di letteratura che già anni prima l'aveva salvato da un percorso pericoloso, per chiedergli aiuto. Harry gli offre subito uno spunto narrativo: gli racconta infatti di una ragazza, Nola, con cui oltre trent'anni prima ebbe una storia tormentata (segnata dalla grande differenza d'età), che a un certo punto - era il 1975 - sparì all'improvviso. Pochi giorni dopo essere rientrato a New York, Marcus viene però a sapere che il cadavere della ragazzina è stato ritrovato proprio nel giardino di Harry e che quest'ultimo, accusato dell'omicidio, rischia ora la pena di morte. Ma Marcus non può credere a questa ipotesi e decide di indagare per scoprire la verità e scagionare il suo amico.

La verità sul caso Harry Quebert

Dicker Joël

Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine

L'erotismo morboso e ossessivo, l'atmosfera di mistero e di angoscia, il gusto per il perverso e il sinistro, che caratterizzano l'opera, specie quella giovanile, del grande scrittore giapponese, sono magistralmente rappresentati in questo racconto del 1912. Il demone ci mostra l'influenza che ebbero su Tanizaki i grandi maestri del decadentismo europeo, da Poe a Wilde, e ci illumina sulle origini del tema decisivo di tutta la sua produzione: l'attrazione per la donna bella e crudele il cui desiderio piú forte è umiliare e annientare l'uomo, il quale a sua volta trova in questo il piacere piú estremo.

IL DEMONE

Jun'ichirō Tanizaki