Poesia

Amazzonia è poesia

Théophilo Marcia

Descrizione: Márcia Théophilo, brasiliana, di estro e d'arte poetici dirompenti, oltre che di appassionata cultura etnica ed endemica, ha levato un inno e un grido a questo mondo minacciato di estinzione, ai meninos su cui si accanisce una bieca perversità che giunge fino a una tenebrosa persecuzione. "Questo libro-poema - come dice la Theophilo nell'introduzione - vuole ispirarsi ad un misticismo panteista e rappresenta un intero mondo. I suoi versi sono piccole orazioni sostenute da un ritmo incalzante. Attraverso la poesia si fa emergere la qualità sacra della vita e di quei valori straordinari che stiamo perdendo. Non è una poesia dedicata solo ai cuccioli dell'uomo, ma anche a tutto ciò che germoglia, che nasce, come l'acqua che sgorga limpida da una sorgente, un fiore che sboccia. È una poesia dedicata alla parte più tenera dell'universo, a tutto ciò che è ancora ritenuto inutile allo sviluppo perché nulla ha a che fare con il consumo e che per questo viene disprezzato o semplicemente non considerato". Il lettore trova qui La passione antropologica, l'indignazione ambientalistica, la sofferenza per la terra violata, l'amore veemente e dolcissimo per le creature che la rappresentano.

Categoria: Poesia

Editore: Alpes Italia

Collana: Itinerari del sapere

Anno: 2018

ISBN: 9788865315392

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Amazzonia è poesia, perché ad ogni respiro la foresta gemma e l’autrice traduce ogni fibra in versi. Così nasce tale Raccolta che si compone di testi editi dal 1970 al 2014 e di poesie inedite del biennio 2016/2017 e quindi rappresenta un compendio e un percorso composito e significativo all’interno della sensibilità e del pensiero di Marcia Théophilo.

La foresta, che è protagonista, attraversa da sempre la poetessa, entra e scorre come un fiume nei suoi versi e lei si fa sponda, alveo, rapida, riflesso. Muta e si trasforma in tutte le cose che  la animano e che la abitano.

Nella sua visione animistica e immaginifica i confini tra le individualità sono infatti labili, il panismo soffia come un vento a tratti dolce a tratti impetuoso e la bellezza esclusiva di ogni forma vivente non si sottrae mai al gusto e all’esperienza dinamica di una trasmutazione che contiene in sé anche la nostalgia e l’anelito della mimesi. Così “la terra ha lunghi capelli”, “le acque hanno seni”, l’isola è di carne, “le stelle sono uccelli variopinti”, i popoli delle tribù danzano vestiti da animali e da alberi,  “il bambino giaguaro si trasforma in tutte le cose”. Tutto è possibile nella potenza generatrice della foresta: “il vento muta la foglia in uccello”, “gli uccelli prendono sulle ali le anime”, gli alberi intrecciano messaggi e l’uomo conosce bene la loro vita e la loro voce. E in una notte speciale – ci svela l’autrice ne La notte dell’armonia –  “i cuori di tutti gli animali/si accendono luminosi/scompaiono i corpi” e gli animali non si divorano, ma si incontrano.

E tali e altri prodigi si sciolgono naturalmente nei versi della poetessa. Per esperienza. Per amore. Un amore che travalica gli stretti confini della specie per distendersi in un orizzonte inesauribile e in una comunicazione desiderata, universale, intima ed emozionata. Un amore lirico, ma non scevro dei colori accesi ed eccitati dell’istinto. Un amore che è poesia, amplesso, ma anche urlo. Urlo di condanna verso l’uomo che avanza con bulldozer, lame taglienti, pensieri feroci, fumo nero e uccide alberi e animali in un olocausto senza fine.

Tutto è fuoco… gli alberi cadono…
tutto è cenere
In questo ritmo frenetico anche il cielo cadrà.
Lo sterminio non cessa:
Kapahuba attende il fuoco ferma,
legata alle sue radici.
Sente il fuoco correre nei suoi rami
il suo corpo verde trema e sente dolore
lei che lenisce il dolore sente
il fuoco gemere nel suo tronco
bruciare le sue radici
(da Olocausto)

Dallo sterminio non si salvano i bambini. Ararì, figlia dell’Amazzonia, racconta di una macchina che beve il sangue di un bambino e Ubirajara intravede coltelli- pugnali e il bambino giaguaro ferito.

Migliaia di bambini
invadono la città
i loro passi incrinano l’asfalto
le loro voci incrinano il cemento
nelle fessure germogliano semi
crescono alberi
si spargono per l’aria
in volo nuvole, vortici, arcobaleni
di uccelli

La poetessa urla e invoca il Dio della foresta Catueté Curupira, invoca il suo soccorso. Urla per difendere gli alberi, urla perché gli alberi non si sentano soli e i loro semi continuino a mettere radici, a tessere fiori. Urla in una poesia che parte dal cuore e arriva al cuore.

Ilaria Spes

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcia

Théophilo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Théophilo Marcia

Come vive, e cosa pensa, prova, soffre, anche senza raccontarlo neppure a se stesso, chi è stato sradicato dalla propria terra e allontanato dalla propria gente, dalla propria casa? Anna Maria Mori, istriana di Pola, ha lasciato con la famiglia i luoghi della sua infanzia al termine della seconda guerra mondiale, quando sono "passati" dall'Italia alla Jugoslavia: un esodo che ha coinvolto altri trentacinquemila italiani che, come lei, si sono trovati all'improvviso cittadini di un altro stato, per giunta pregiudizialmente ostile nei loro confronti. Nelida Milani, anche lei istriana, anche lei nata nella Pola italiana, è invece rimasta, rinunciando alla lingua, a molti degli affetti, alla consuetudine, con un mondo che, con brutale ferocia, veniva snaturato. Le due donne - accomunate da una sorte uguale e contemporaneamente diversa - si sono scambiate una fitta corrispondenza, tante lettere dove le riflessioni si intrecciano ai ricordi, gli aneddoti si sovrappongono alla cronaca degli eventi storici, la nostalgia si coniuga con il senso di privazione. Il loro epistolario è diventato questo libro, specchio di una condizione subita da migliaia di altri individui e testimonianza di due destini in cui la frontiera ha giocato un ruolo determinante.

Bora

Mori Anna Maria Milani Nelida

Beija-flor

MADRE E FIGLIO

Compton Burnett Ivy

Leo è un sedicenne come tanti: ama le chiacchiere con gli amici, il calcetto, le scorribande in motorino e vive in perfetta simbiosi con il suo iPod. Le ore passate a scuola sono uno strazio, i professori "una specie protetta che speri si estingua definitivamente". Così, quando arriva un nuovo supplente di storia e filosofia, lui si prepara ad accoglierlo con cinismo e palline inzuppate di saliva. Ma questo giovane insegnante è diverso: una luce gli brilla negli occhi quando spiega, quando sprona gli studenti a vivere intensamente, a cercare il proprio sogno. Leo sente in sé la forza di un leone, ma c'è un nemico che lo atterrisce: il bianco. Il bianco è l'assenza, tutto ciò che nella sua vita riguarda la privazione e la perdita è bianco. Il rosso invece è il colore dell'amore, della passione, del sangue; rosso è il colore dei capelli di Beatrice. Perché un sogno Leo ce l'ha e si chiama Beatrice, anche se lei ancora non lo sa. Leo ha anche una realtà, più vicina, e, come tutte le presenze vicine, più difficile da vedere: Silvia è la sua realtà affidabile e serena. Quando scopre che Beatrice è ammalata e che la malattia ha a che fare con quel bianco che tanto lo spaventa, Leo dovrà scavare a fondo dentro di sé, sanguinare e rinascere, per capire che i sogni non possono morire e trovare il coraggio di credere in qualcosa di più grande.

Bianca come il latte rossa come il sangue

D'Avenia Alessandro