Poesia

Amazzonia madre d’acqua

Theophilo Marcia

Descrizione: Una raccolta di poesie che racconta l'Amazzonia, una regione che rischia da sempre di essere annientata dalle violenze e dagli interessi di vecchi e di nuovi colonizzatori.

Categoria: Poesia

Editore: Passigli

Collana: Poesia

Anno: 2007

ISBN: 9788836810932

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

Ieri, 21 marzo, giornata mondiale dell poesia.

Oggi, 22 marzo, si festeggia il World Water Day – la Giornata Mondiale dell’Acqua, una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, prevista all’interno delle direttive dell’agenda 21, risultato della conferenza di Rio.

Noi combiniamo le due date e le fondiamo in Amazzonia madre d’acqua, la silloge poetica di Marcia Theophilo.

Nel titolo di questa raccolta si condensa l’essenza di una poesia che – più che commentata – deve essere semplicemente letta, vissuta, respirata. Interiorizzata con il sentimento, esteriorizzata con la ragione affinché le nostre scelte e i nostri comportamenti siano sempre ispirati all’amore per l’ambiente che ci contiene e ci nutre.

Amazzonia, il polmone della Terra.
Madre, l’origine della vita.
Acqua, il principio cosmogonico al quale le radici della filosofia classica riconducono l’essere.

Proponiamo una breve selezione di poesie tratte dalla raccolta “Amazzonia madre d’acqua” di Marcia Theophilo.

La redazione

__________________________________________

 

Rio Araricuera 

Fiori di carne e luce
Respirano e pulsano nel rosso
Esplodendo e infiltrandosi raggi di sole
Suonano un ritmo di vita intenso
Si moltiplicano, risorgono
Si diluiscono
Passione di vermiglio ricomincia

 

Rio Oiapoque 

Tutti danzano vertiginosamente
al ritmo dei piedi battuti sulla terra
foglie di palma sono i loro costumi
ornati di piume e collane variopinte
il pajé intona il canto sacro dei Maquiritares
danzano in tondo all’interno del villaggio

 

Rio Gurupi 

Chi siete? Dove andate?
Uno di loro porta sulla testa un diadema di piume
giallo è il colore, a festeggiare il sole e il suo calore
la sua luce e la sua forza. Altri appaiono vestiti
con mantelli di piume d’araracanga
arara rossa, rossa vermiglia
denti di capivara e semo di tuquaré.

 

Rio Itui 

Su spiagge bianche
onde bianche si frangono
veloce corre in circolo il vento
toccando le nuvole
acqua sgorga nell’umida grotta

 

Rio Gavião 

Sono spuma dice la dea
mi cristallizzo in fiocchi
corpo-brezza, capelli-fili di nebbie
sparsi nel vento

___________________________________________

Qui trovate il sito di Marcia Theophilo

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcia

Theophilo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Theophilo Marcia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«Tra i boschi e le pareti rocciose a strapiombo, giù nell'orrido che conduce al torrente, tra le pozze d'acqua smeraldo che profuma di ghiaccio, qualcosa si nasconde. Me lo dicono le tracce di sangue, me lo dice l'esperienza: è successo, ma potrebbe risuccedere. Questo è solo l'inizio. Qualcosa di sconvolgente è accaduto, tra queste montagne. Qualcosa che richiede tutta la mia abilità investigativa. Sono un commissario di polizia specializzato in profiling, e ogni giorno cammino sopra l'inferno. Non è la pistola, non è la divisa: è la mia mente la vera arma. Ma proprio lei mi sta tradendo. Non il corpo acciaccato dall'età che avanza, non il mio cuore tormentato. La mia lucidità è a rischio, e questo significa che lo è anche l'indagine. Mi chiamo Teresa Battaglia, ho un segreto che non oso confessare nemmeno a me stessa, e per la prima volta nella vita ho paura».66

Fiori sopra l’inferno

Tuti Ilaria

Quando una donna viene lasciata, tanto più se di punto in bianco, le ambasce del cuore possono travolgerla e spingerla a entrare nel tortuoso tunnel delle supposizioni, delle attese spasmodiche - più o meno sensate - di un segnale, magari nella speranza che non sia proprio l'ultimo e che lui ritorni. Ma così non va. C'è una cosa che le donne dovrebbero imparare dagli uomini, e cioè l'arte di dimenticare. Nessuno ci insegna come si fa ad amare, a evitare di essere infelici, a dimenticare, a spezzare le lancette dell'orologio dell'amore. Come si fa a non tormentarci, a lottare contro la tirannia delle piccole cose, a neutralizzare il complotto dei ricordi e ignorare un telefono che resta muto. Esiste qualcuno che, mentre siamo lì a singhiozzare per un torto d'amore, ci dice che un giorno rideremo di quella stessa cosa che oggi ci fa piangere? Attraverso le confidenze di amiche e conoscenti, proverbi e una ricchissima raccolta di aforismi di personaggi famosi - poeti, scrittori, filosofi arabi e non - questo libro è una sapiente e gustosa raccolta di pillole di saggezza per prendere le distanze da una storia finita e creare i presupposti per una nuova. Una meditazione piena di stile e ironia su come sopravvivere all'amore e ai suoi danni.

L’ARTE DI DIMENTICARE

Mosteghanemi Ahlam

"Solo in questo consiste per me la vita, nel fluttuare tra due poli, nell'oscillazione tra i due pilastri portanti del mondo. Vorrei con gioia far vedere sempre la beata varietà del mondo e anche sempre ricordare che al fondo di questa varietà vi è un'unità". Dopo il 1915 gli scritti di Hesse si richiamano spesso ad una delle concezioni più antiche dell'umanità, la filosofia cinese dello yin e yang, forze opposte da cui scaturisce la tensione necessaria alla vita, alla trasformazione. Una fiaba d'amore gaia e luminosa, attinta dalla saggezza del Siddharta, dove parola e disegno si fondono come uomo e donna, come sole e luna, a raccontare il paradiso del perenne rinnovamento.

Favola d’amore

Hesse Hermann

Presentazione dell'autore In un piccolo chalet di montagna si radunano, apparentemente solo per una tranquilla vacanza, un gruppo di otto persone; ognuna con un nodo gordiano da risolvere: c’è Tom; un architetto tormentato dal suo passato; Marta, una donna caparbia, in lotta per riconquistare il suo amore; Ariel, una ragazzina incerta su come far ripartire la propria vita; Jak, un cantante in declino che ha perso qualcosa di più della sua carriera; Max, un uomo di successo, deciso a riparare ad un grave torto che ha commesso; Michael, un medico innamorato, intenzionato ad aiutare la sua fidanzata in un folle proposito; Katia, una ragazza distrutta da una delusione d’amore ed, infine, Ylaria, la sua migliore amica, decisa a compiere la sua vendetta personale. Una volta in vacanza Katia scopre, con sgomento, di essere l’unica a non sapere che nello chalet è previsto un gioco di ruolo: il Love Game, una sorta di recita a soggetto a cui tutti i villeggianti devono obbligatoriamente partecipare. In base al regolamento solo ad alcuni di loro toccherà recitare, ossia orchestrare, senza farsi scoprire, bollenti incontri amorosi, o, al contrario, odio tra i concorrenti. Katia intuisce subito che dietro quella folle trovata c’è lo zampino dell’amica ma, suo malgrado, sente di non poter più tirarsi indietro. Si formano due squadre e inizia l’avventura...tra foreste incantate, dichiarazioni inaspettate, balli scatenati. In un intreccio di bugie e verità Katia riscopre la gioia di sedurre...e di essere sedotta. Arriva perfino ad innamorarsi del suo capo-squadra: Max; bello,divertente sexy...in una parola PERFETTO. Se non ci fosse quell’unico, piccolo neo che sta per sposarsi.... Katia non sa più che fare..e quando si è quasi convinta a rinunciare a lui arriva l’ultimo ordine del Love Game: SABOTARE LE NOZZE. Deciderà di continuare il gioco...oppure no? Biografia dell'autore Rossella Leone nasce a Benevento nel 1979. Sin da piccola si innamora dei libri, che divora voracemente ovunque. E’ una persona creativa che adora stare in mezzo alla gente. Anche per questo per un breve periodo si dedica all’insegnamento. Ora lavora in banca part-time. Nel tempo libero legge...legge...legge. A volte si rilassa dipingendo quadri.

Love game

Leone Rossella