Narrativa

Né di Eva né di Adamo

Nothomb Amélie

Descrizione: Amélie torna in Giappone ma abbandona i tragicomici panni di impiegata nella multinazionale Yumimoto, vicenda narrata in Stupore e Tremori, e si concentra sulle peripezie sentimentali di quel periodo. Rinri è il suo fidanzato giapponese, bello e ricco, li lega un amore bizzarro ma non privo di poesia, raccontato con il solito umorismo, affondando lo sguardo chirurgico che le è proprio nell'incandescente universo dell'amore. Ma l'emozione più grande e la relazione più forte è ancora una volta quella che lega l'autrice al paese in cui è nata, e dove ha trascorso gli anni mitici dell'infanzia.

Categoria: Narrativa

Editore: Voland

Collana:

Anno: 2008

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Capita mai che siamo attratti da persone che ci recano diletto? Impensabile. Ci si innamora di persone che non si sopportano, di persone che rappresentano un pericolo insostenibile. […] Nell’amore, io vedo un trucco del mio istinto per non assassinare qualcuno: quando sento il bisogno di uccidere una determinata persona, un meccanismo misterioso […] fa sì che io mi cristallizzi intorno a quella persona. Ed è per questo che a quanto ne so non ho ancora omicidi al mio attivo.”

Amélie Nothomb si racconta poco più che ventenne alla prese con un amore tutto nipponico. Il suo rientro in Giappone, dopo gli anni dell’infanzia, la porteranno dritta dentro una storia senza pretese con il bello e romantico universitario Rinri, che la coprirà per due anni di attenzioni fin troppo esclusive.

La scrittrice, non ancora famosa, ritrova nell’amato Giappone luoghi e situazioni familiari che si fanno spazio tra i ricordi ancora vivi di un passato recente. Un viaggio di sola andata per riprendere le fila di un discorso interrotto anni prima.

Proprio durante il suo soggiorno a Tokyo la Nothomb si imbatte nel ragazzo che le farà conoscere il significato della parola giapponese koi, diletto: un sentimento nuovo e del tutto inaspettato per la giovane donna ancora in cerca di una sua dimensione esistenziale.

Alle bizzarrie amorose di Rinri, si contrappone l’autocontrollo e il precoce cinismo di una giovane Amélie che non risparmia all’ingenuo fidanzato diplomatiche risposte senza speranza.

La scrittrice diverte il lettore con la sua visione spietata e decisamente autoironica dell’amore e delle sue complicazioni: dall’incontro con la famiglia e gli amici troppo giapponesi del ragazzo, alla scalata-fuga zoroastriana sul monte Fuji, agli interessanti intermezzi linguistici e culinari a base di okonomiyaki e sushi.

Più che del sentimento del tutto disinteressato per Rinri, l’autrice ci parla della sua passione per il paese del sol levante e l’adorazione tutta occidentale per la sua bellezza senza tempo.

La riscoperta di un Giappone antico e silenzioso mi fece venire le lacrime agli occhi. Sotto questo cielo così blu, i pesanti tetti di tegole una sull’altra e l’aria cristallizzata dal gelo mi confessavano che mi avevano aspettata tanto, che gli ero mancata, che il mio ritorno aveva ristabilito l’ordine del mondo e che il mio regno sarebbe durato diecimila anni”.

Il rientro in Giappone è per la Nothomb l’occasione per ristabilire, in qualche modo, delle priorità: la scrittura e la libertà di seguire, senza legami troppo stretti, la propria ispirazione poetica. Rinri non sarà che il pretesto per rivedersi e reinventarsi rispetto ad una vita arenata su schemi troppo rigidi e lontani dalla personale visione del mondo.

Questo romanzo rappresenta sicuramente una parentesi narrativa della scrittrice belga, in cui tuttavia non manca quell’analisi feroce, nella sua realisticità, della natura umana e delle sue esternazioni, a cui Amélie Nothomb ci ha ormai abituato.

Eva nel giardino non era riuscita a cogliere il frutto desiderato. Il novello Adamo aveva imparato la galanteria ed era andato a prendergliene un carico intero, poi l’aveva guardata mangiare con tenerezza. La novella Eva, nel suo peccato di egoismo, non gliene aveva offerto neanche un morso”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Amélie

Nothomb

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nothomb Amélie


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per la prima volta la storia degli anni di piombo narrata in prima persona dai veri protagonisti, i terroristi neri e rossi che hanno fatto la scelta della lotta armata. Dalla contestazione del '68 allo stragismo, dalla nascita delle BR al sequestro Moro, tutti gli episodi più tragici di un'epoca che ha straziato la coscienza del nostro paese. Un'inchiesta senza pari per complessità e proporzioni, condotta da uno dei grandi nomi del giornalismo televisivo italiano.

La notte della repubblica

Zavoli Sergio

Nel cuore di Bologna, Marco, intellettuale trentenne diviso tra le incombenze giornalistiche e il tentativo di finire un romanzo, vive in una solitudine cocciuta e il più possibile asettica, fino a quando ricompare Lucia, la ragazza che lo ha lasciato qualche anno prima. Ora Lucia cerca Marco, lo assedia e lo porta in giro per paesi e campagne, a visitare i loro luoghi di un tempo, a ritrovare gli amici vivi e gli amici morti. Tra Bassa e Appennini, tra cliniche e osterie, Lucia - come una fragile ma tenace erinni - costringe Marco a rianalizzare le zone più oscure del loro passato. "Atti mancati" è una storia d'amore e di suspense. È una parabola sul tempo trascorso ostinatamente a occhi chiusi e su quello vissuto a occhi spalancati. È il referto di una malattia, steso con furore analitico e insieme con uno stile semplice, da presa diretta.

Atti mancati

Marchesini Matteo

Secondo le cronache ufficiali Giulia Di Marco è stata un'eretica, uno dei più clamorosi scandali del Cristianesimo. La sua vera storia, raccontata in prima persona, inizia in Molise: venduta come amante bambina a un uomo che poteva essere suo nonno, Giulia cresce nella miseria e anni dopo dovrà abbandonare una figlia in fasce. A Napoli diventa "suor Partenope" e indica al popolo una nuova strada per arrivare a Dio: l'estasi. Venerata come una santa, finisce per dare fastidio al nemico più terribile, il Papa. Perseguitata, torturata per mesi e costretta all'abiura, Giulia inizierà una nuova vita a Roma, divenendo confidente di Gian Lorenzo Bernini, l'architetto che sta aprendo l'Urbe al futuro.

Io, Partenope

Vassalli Sebastiano

«I banchi di scuola a volte sembrano banchi di nebbia, oltre i quali è sempre più difficile per un insegnante indovinare la vita, le attese, le paure dei suoi allievi. Qualcosa si è rotto in questo incontroscontro generazionale, adulti e ragazzi fanno sempre più fatica a stare insieme per capirsi e anche per litigare, quando serve: eppure la dialettica vitale di una società dinamica deve passare per forza attraverso questa sintesi precaria che è un’aula di scuola. È il momento di far ripartire il dialogo: chiunque può aprire davanti ai nostri occhi una finestra e far entrare il vento e un paesaggio inaspettato: chiunque, anche lo studente dell’ultimo banco, anche l’insegnante più stanco.» In questa raccolta di riflessioni e aneddoti l’autore ci conduce nel mondo della scuola e della società contemporanea, rivelandone paradossi e vuoti ma anche colori e ricchezza. Nelle pagine di questo libro troveremo non solo un’arguta descrizione della realtà in cui ciascuno di noi è immerso, ma anche l’invito a ripensare la scuola come il luogo che — attraverso la discussione e la condivisione di valori tra generazioni — può fornire «gli strumenti per affrontare la vita, grande, complessa e meravigliosa che ci attende ogni giorno».

Vento forte tra i banchi

Lodoli Marco