Narrativa

AMERICAN DUST

Brautigan Richard

Descrizione: Arrivano tutte le sere, d'estate. Scaricano da un furgoncino un divano, tavolini e lampade. E pescano. L'alcolizzato abita in una Baracca. I ragazzi vanno da lui a raccattare i vuoti per rivenderseli e comprare qualcosa, un hamburger oppure una scatola di proiettili. Quel giorno il ragazzino sceglie i proiettili. La seconda guerra mondiale è appena finita, e nessuno fa caso a un adolescente con un fucile sottobraccio, fermo a una stazione di servizio. Il ragazzino è un uomo e ricorda, prima che il vento si porti via tutto, l'America e i suoi sogni, l'alcolizzato e le sue bottiglie, i due sul divano in riva al lago. La scelta, leggera e terribile, tra hamburger e proiettili, un colpo di fucile in un campo di meli e l'amico bello e ferito, lasciato lì a morire dissanguato. "American Dust" è un'elegia delicata e sorprendente, in cui l'infanzia e la morte danzano insieme, avvolte nella polvere del sogno americano.

Categoria: Narrativa

Editore: ISBN

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788876383243

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

Questa recensione necessita di una premessa.

Il libro in questione è stato recensito da Alessandro Baricco il 4 dicembre 2011 nella sua rubrica “Una certa idea di mondo” per la Repubblica e, a me, è stato regalato per Natale; prima di allora, tanto il testo quanto il suo autore mi erano sconosciuti.

Vorrei precisare che la persona da cui l’ho ricevuto me l’ha regalato proprio in quanto libro recensito da Baricco che, sa bene, seguo assiduamente.

A dire il vero, questa recensione necessita di due premesse e la seconda è, anche questa volta, un aneddoto personale: tempo fa, ho stilato una specie di bibliografia sommaria di quello che sapevo avesse letto Fabrizio de André, cantautore da me stimatissimo, con l’ambizione di rileggere tutto per riuscire a capirlo meglio, per entrare nella sua “ottica”; volevo sperimentare un suo possibilmente simile “processo mentale” che l’ha portato ad essere ciò che è stato. A conti fatti però, ho letto solo un paio di testi che non mi hanno portato a nessuna grande verità ma in cui l’ho visto, ho visto de André, ho rivisto in quelle pagine qualche richiamo di ciò che conosco di lui.

Ecco, la stessa cosa è avvenuta leggendo American Dust ma, stavolta, ho rivisto Baricco.

Il romanzo breve di Richard Brautigan rientra sicuramente in quel grande contenitore che è la narrativa americana “alla Mark Twain” con un giovanissimo protagonista che, se vogliamo, richiama i ben più noti Tom Sawyer e Huckleberry Finn e che racconta l’America tra le due guerre mondiali, la povertà e i disagi sociali.

Ma, è nella strana filigrana dei suoi personaggi che mi piace vedere un filo di connessione con qualcuno dei personaggi onirici e surreali di Baricco; è nei loro gesti strani ed inconsueti, nella loro insolita routine, che s’intravede che sì, che lo scrittore italiano è passato anche da qui.

Al di là delle mie personali congetture: la storia che viene raccontata è molto semplice ma viene ricamata magistralmente. Lo scrittore diventa una sorta di burattinaio che, tra continui flashback e flashforward, “sospende” i vari personaggi, li mette un attimo da parte e passa da una storia all’altra. Quando finisce, poi, torna a prenderli. Un continuo, meraviglioso gioco fra i tasti stop, play e rewind.

Il romanzo, raccontato in prima persona dal bambino/uomo protagonista (quasi una sorta di autobiografia dell’autore reale), comincia con qualcosa che sta per avvenire, qualcuno che sta per arrivare: due persone che con un mezzo stracarico di mobili si avviano verso l’altra sponda del lago in cui il ragazzino va di solito a pescare. A questo punto Baricco scrive: “Il ragazzino li vede dall’altra sponda del lago. Un giorno decide di fare il giro e di andare a vederli da vicino. Magari a capire chi diavolo sono. Lo fa. Fine del libro. Cioè: nel tempo del mezzo giro di lago ci stanno molte altre storie, e in un certo senso tutta la vita del ragazzino, nel suo racconto.

Ed è esattamente quello che avviene: ad un certo punto (e da questo punto in poi accadrà continuamente), l’autore fa una digressione, la narrazione viene interrotta e si prende a raccontare un’altra vicenda, e poi un’altra, e poi di nuovo la precedente e così via, per infine ritornare su quei due personaggi:

Insomma il furgoncino carico di mobili è ancora incollato come una specie di cartolina a quel miraggio che è il passato. Dovrei lasciarli avanzare e prendere il posto che gli spetta sulle rive del lago. I due sono a non più di un centinaio di metri dal lago e basta che li lasci andare perché loro arrivino proprio qui dove sono seduto. Ma per qualche strana ragione non ho intenzione di lasciarli venire verso il lago a scaricare i loro mobili e incominciare quella serata di pesca di un terzo secolo fa. Sono quasi certo che ormai siano morti.

Brautigan avvisa sempre il suo lettore su ciò che sta facendo e lo fa con una scrittura sublime.

Baricco scrive: “…un giorno mi hanno messo questo piccolo romanzo in mano (aveva anche splendidi bordi rossi delle pagine, e un sacco di piccole cure editoriali che mi piacquero) e pensai di leggerne un paio di pagine, giusto per cortesia: ma non finì così. Mi ricordo che, arrivato all’ ultima, chiusi il libro e me ne rimasi un po’ a rigirarmelo nelle mani, senza muovermi, rimanendo lì: nella privata e solitaria liturgia del leggere […] Frasi per lo più molto brevi, a capo ogni cinque righe, cento pagine in tutto: la vedi la penna stanca, per cui ogni periodo ben scritto è come uno scalino salito dopo l’operazione al femore […] American Dust fa molto ridere, ma veramente molto e in un modo che solo chi legge libri conosce: ridi dentro.

In conclusione, questo è un bel romanzo e va letto; va letto “prima che il vento si porti via tutto.”

E, visto che ormai l’ho buttata sul personale, ringrazio Baricco per averne parlato e mio fratello per averci pensato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Richard

Brautigan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brautigan Richard


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Voglio farla finita." È il tragico messaggio trovato nei pressi del lago Grant, dove i sommozzatori sono impegnati a estrarre dalle gelide acque il cadavere di Allison Spooner. Eppure, quello che sembrava doversi risolvere come un caso di suicidio rivela dettagli ben più oscuri e indecifrabili. Quando l'agente speciale Will Trent arriva sul posto, l'accoglienza al locale dipartimento di polizia non è delle più cordiali: nessuna disponibilità a collaborare, nessuna risposta alle tante domande sulla morte di un ragazzo con disturbi mentali tenuto sotto custodia perché sospettato di aver ucciso Allison. Anche l'agente Adams, incaricata di affiancare Trent nelle indagini, sembra a conoscenza di verità inconfessabili, qualcosa che ha a che fare con la morte, avvenuta anni prima, del capo della polizia della contea. E perché la vedova dell'uomo, Sara Linton, cerca a tutti i costi di coinvolgere Will in quella vecchia storia? Preso nella morsa di queste due donne illeggibili e determinate, Trent sta per portare alla luce segreti scomodi e oltrepassare quella sottile linea oltre la quale non si torna indietro. Una vicenda torva, pericolosa, e la determinazione di un uomo nel portare a galla la più dolorosa delle umane verità, non importa quanto profondamente sia nascosta... o quanto possa essere devastante.

TRA DUE FUOCHI

Slaughter Karin

Fabio ha sei anni, due genitori e una decina di nonni. Sì, perché è l'unico bimbo della famiglia Mancini, e i tanti fratelli del suo vero nonno - uomini impetuosi e pericolosamente eccentrici - se lo contendono per trascinarlo nelle loro mille imprese, tra caccia, pesca e altre attività assai poco fanciullesche. Così Fabio cresce senza frequentare i suoi coetanei, e il primo giorno di scuola sarà per lui un concentrato di sorprese sconvolgenti: è incredibile, ma nel mondo esistono altri bambini della sua età, che hanno tanti amici e pochissimi nonni, e si divertono tra loro con giochi misteriosi dai nomi assurdi - nascondino, rubabandiera, moscacieca. Ma la scoperta più allarmante è che sulla sua famiglia grava una terribile maledizione: tutti i maschi che arrivano a quarant'anni senza sposarsi impazziscono. I suoi tanti nonni strambi sono lì a testimoniarlo. Per fortuna accanto a lui c'è anche un padre affettuoso, che non parla mai ma con le mani sa aggiustare le cose rotte del mondo. E poi la mamma, intenzionata a proteggere Fabio dalle delusioni della vita, una nonna che comanda tutti e una ragazzina molto saggia che va in giro travestita da coccinella. Una famiglia caotica e gigantesca che pare invincibile, finché qualcosa di totalmente inatteso la travolge. Giorno dopo giorno, dalle scuole elementari fino alle medie, il protagonista cerca di crescere nel precario equilibrio tra un mondo privato pieno di avventure e smisurato come l'immaginazione, e il mondo là fuori, stretto da troppe regole e dominato dalla legge del più forte...

Il mare dove non si tocca

Genovesi Fabio

Gideon Cross. Innamorarmi di lui è stata la cosa più semplice che mi sia mai capitata. È successo istantaneamente. Completamente. Irrevocabilmente. Sposarlo è stato un sogno. Rimanere con lui sarà la sfida della mia vita. L’amore è trasformazione. Il nostro è sia un rifugio che la più violenta delle tempeste. Due anime ferite legate insieme. Abbiamo condiviso i più profondi e inconfessabili segreti. Gideon è lo specchio che riflette tutte le mie debolezze e tutta la bellezza che non riesco a vedere in me. Lui mi ha dato tutto. Ora devo essere io quella forte, devo dimostrare di essere per lui un sostegno come lui lo è stato per me. Insieme possiamo affrontare chi sta cercando di mettersi così crudelmente tra di noi. Anche se la battaglia più dura sarà quella che intraprenderemo per mantener fede alle nostre promesse. Giurarsi amore è stato solo l’inizio. Lottare per il nostro amore ci renderà liberi o ci dividerà per sempre.

Insieme a te. The crossfire series Vol. 5

Day Sylvia

Una tragedia si consuma al Solitude Creek, un piccolo disco-pub nella penisola di Monterrey. Qualcuno grida “al fuoco!” e gli avventori, in preda al panico, si precipitano alle uscite, trovandole sbarrate. Il bilancio è di sei morti e di diversi feriti gravi. Tuttavia, a causare il disastro è stata la calca, non un incendio. Kathryn Dance, ottimo agente dell’FBI, capisce che la disgrazia è stata provocata di proposito e che il colpevole, un uomo intenzionato a servirsi delle paure delle persone per seminare il panico, è pronto a sferrare altri attacchi. L’agente Dance e il suo team devono intraprendere una pericolosa corsa contro il tempo prima che altri innocenti ne paghino le conseguenze.

Solitude Creek

Deaver Jeffery