Giallo - thriller - noir

American Psycho

Ellis Bret Easton

Descrizione: Patrick Bateman è giovane, bello, ricco. Vive a Manhattan, lavora a Wall Street e con i colleghi Timothy, David, Patten e Craig, frequenta i locali più alla moda, le palestre più esclusive e le toilette dove gira la migliore cocaina della città, discutendo di nuovi ristoranti, cameriere corpoduro ed eleganza maschile. Ma la sua vita è ricca di particolari piuttosto inquietanti e quando le tenebre scendono su New York, Patrick Bateman si trasforma in un torturatore omicida, freddo, metodico, spietato.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788806219253

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

American Psycho di Bret Easton Ellis è Patrick Bateman, un esponente della folta schiera degli yuppies (“Lavoro a Wall Street. Alla Pierce & Pierce”) che hanno caratterizzato la fauna di Manhattan (e non solo) nei gloriosi (!) anni ’80 e ’90.

La critica sottointesa è spietata, tanto quanto i delitti  intercalati nelle pagine horror-splatter che hanno reso famoso il romanzo, a significare la follia conclamata di una vita costruita sul vuoto del  culto dell’esteriorità (“Le scarpe che calzo sono mocassini di coccodrillo A. Testoni”), della forma fisica (“La palestra alla quale sono iscritto, la Xclusive, è un circolo privato a quattro isolati dal mio appartamento nell’Upper West Side”) e della frenesia lavorativa pericolosamente sostenuta da alcol, droga (“Ci serve un po’ di turbopolvere boliviana”) e psicofarmaci (“Una sorta di baratro esistenziale mi si spalanca davanti mentre mi aggiro… dopo aver preso tre Halcion – che da quando il mio corpo si è assuefatto agli psicofarmaci non mi aiutano più a dormire ma almeno arginano la follia –“).

Patrick Bateman & c. sono impegnati nella ricerca spasmodica di locali trendy (l’Harry’s, il Tunnel…) ove trascorrere serate/nottate trasgressive (“La corpoduro ci porta il conto”) e riversare fiumi di denaro (“La bottiglia di Champagne… la lasciamo sul tavolo, intatta”), nell’architettare incontri a sfondo sessuale con donne-oggetto sotto l’incubo dell’AIDS (“Mi basta mettere il piede qua dentro per aver paura di beccarmi il morbo”) nonostante il fidanzamento ufficiale con Evelyn (“La sua vicina di casa, ancora cosciente, è stata decapitata”). La vita di American Psycho è scandita dall’appuntamento mattutino quotidiano con un programma televisivo (“Il Patty Winters Show stamattina era incentrato sull’eventualità di un conflitto nucleare, e stando al parere degli esperti ci sono buone chance che scoppi entro il mese prossimo”) ed è ossessionata dalle scadenze per la riconsegna di videocassette preferibilmente porno (“Ho affittato… Omicidio a luci rosse… riaffitto subito”).

La routine viene movimentata da omicidi che hanno tipicamente due categorie di vittime: i clochard disseminati lungo le vie di New York (“Fuori dal Pastels un altro barbone siede sul marciapiede, con un cartello…”) e le ragazze che vengono ingaggiate per triangoli sessuali sadici. Quando Pat decide di sterminare Paul Owen e ne nasconde il corpo nell’appartamento dello stesso finanziere, solo allora la serie dei delitti scatena la curiosità di un investigatore. Ma la vicenda sfuma nel dubbio instillato al lettore: quel delitto (così come gli altri?) è stato realmente commesso o è soltanto frutto della fantasia malata di American Psycho?

Nel romanzo ci sono tutti gli oggetti cult e i simboli di un’epoca: gli abiti griffati, le VHS, i divi di Hollywood (“Tom Cruise, l’attore, che abita nell’attico”), le star musicali come i Genesis (“Sono un fanatico dei Genesis dall’uscita dell’album Duke, nel 1980”) e Witney Houston, il mito plutocratico di Donald Trump (“Non è Ivana Trump?, mi domanda…”) … sullo sfondo di un pauperismo (“Il brandello di un manifesto di Les Misérables svolazza sul marciapiede”) che viene sbeffeggiato a sottolineare lo scandalo dei contrasti sociali dell’età contemporanea.

Le tonalità dell’ironia macabra (“Preferisco tenere separati i corpi degli uomini da quelli delle donne”) e il sospetto che l’anima del romanzo sia una feroce critica socio-culturale scongiurano l’effetto trash e assegnano all’opera lo status symbol di libro-icona di un’epoca malata.

Bruno Elpis

________________________________________________________

Leggi la recensione di Stefano Loverme a The deleted: eros e thriller nella trasgressiva serie TV di Bret Easton Ellis cliccando questo link: Il fascino repellente della decadenza: una decadenza di natura morale, discendente in qualche misura dall’edonismo degli anni Ottanta, a cui fanno da contraltare l’esaltazione dell’effimero e l’apologia di quella bellezza che risiede sulla superficie delle cose. Il nucleo della poetica di uno dei più controversi scrittori americani, Bret Easton Ellis, non sembra essere mutato troppo nell’arco di trent’anni di ‘scandalosi’ successi editoriali (uno su tutti, l’instant cult American Psycho del 1991) e di relative trasposizioni cinematografiche…

Visita il nostro sito www.i-filmsonline.com cliccando su questo link

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Easton

Bret

Ellis

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ellis Bret Easton


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina la storia di Lou, una giovane donna che vede il corso della propria vita assurdamente deviato e stravolto allorché s'imbatte per caso in un evento molto più grande di lei. Una straordinaria prova di immaginazione letteraria a partire da un fatto realmente accaduto. Coinvolta per caso in una famosa vicenda di cronaca nera, la giovane Lou si allontana velocemente dalla scena dell'incidente. Per lei all'inizio non sembrano profilarsi conseguenze gravi. Pure quando all'indomani la notizia esplode su TV e giornali per via delle vittime illustri, Lou non si sente responsabile e nessun testimone l'ha vista. Poco alla volta però i sensi di colpa l'assalgono e teme di essere rintracciata, denunciata, data in pasto alla voracità dei media, arrestata. La sua vita precipita inesorabilmente in un gorgo di paure, sospetti e rimorsi. Con un ritmo magistrale, una tensione che toglie il fiato, Laurence Cossé riesce a calare il lettore nei panni di una donna che si sente braccata e che deve quindi trasformare in maniera radicale la propria vita fino ad allora tranquilla e appagata. L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina con un'efficacia stupefacente il destino di una persona coinvolta in un "grande evento della Storia", ma che la Storia stessa, la cronaca e la polizia non sono riuscite mai a identificare.

L’incidente

Cossé Laurence

«Lui non aveva paura della morte, non aveva paura di niente.» Lui è Willy l’Olandese, un vecchio killer implacabile. Un gigante silenzioso e in apparenza indifferente a tutto come un dio nordico. Quando arriva nella valle presso il grande lago del Norditalia che ogni anno è la sua meta estiva, in una pensione dove fa da cameriera la bella Adriana, non sa di avere appuntamento con il destino. Il telefono ha squillato in una casa a pochi chilometri da lì e un altro killer, un trentenne sfigurato al volto da un remoto incidente d’auto, ha ricevuto l’incarico di ucciderlo. Tutta la storia si svolge nell’arco di 24 ore, ma la tensione monta capitolo dopo capitolo nell’attesa del momento fatale: lo scontro fra due killer professionisti, due terribili macchine di morte. E tra loro l’inquietudine di Adriana, che senza saperlo ne deciderà le sorti. Tutt’intorno uno scenario affascinante: un piccolo paese rivierasco, le acque buie del grande lago, e una valle profonda, percorsa da un torrente gelido. Un paesaggio che sta per essere contaminato dall’approssimarsi del Male. Con rara potenza, Montanari ci restituisce il clima feroce e geometrico di Durrenmatt e del grande noir americano immergendoli nel contesto della provincia italiana, fino a creare un contrasto sorprendente e irresistibile.

La perfezione

Montanari Raul

Tessa ha 16 anni e l'incredibile capacità di assumere le sembianze di chiunque tocchi. È un'allieva dell'AFE (Agenzia Forze Eccezionali), una divisione dell'FBI che addestra i giovani mutanti, affinché imparino a gestire i propri poteri e usarli nelle missioni di spionaggio. L'unicità e la versatilità del potere di Tessa la catapultano in una missione delicata prima ancora che il suo addestramento sia concluso. In Oregon, infatti, un serial killer ha strangolato tre persone, lasciando come firma una "A" incisa sull'addome. La quarta vittima, Madison Chambers, è in ospedale in fin di vita. Tessa dovrà assumerne l'identità e sostituirla, per scoprire chi è il suo assassino prima che colpisca di nuovo. Ad affiancarla c'è Alec, giovane mutante che con Tessa condivide un'infanzia dura, un'amicizia molto intensa e qualcosa di più...

Alter Ego

Winnacker Susanne

Cinque racconti, cinque storie, cinque incontri legati dal filo rosso del destino. Le strane abitudini del caso è un paso doble con la vita. Cinque viaggi attraverso i chiaroscuri del cuore, un gioco di apparenze che colora di luce e d'ombra situazioni e personaggi sempre sospesi, come in bilico tra presente e passato. Perché la sorte di ognuno sta nell'illusione che, allo stesso tempo, tutto sia vero, tutto sia falso: la felicità e il dolore, l'amore e il disincanto, l'attesa, la realtà e la fantasia. Le strane abitudini del caso sono finestre accese sul buio, sfere di vetro dove la neve scende per molto, per poco, dove il silenzio, come il destino, è uno sparo lontano.

LE STRANE ABITUDINI DEL CASO

Pompameo Giuseppe