Giallo - thriller - noir

American Psycho

Ellis Bret Easton

Descrizione: Patrick Bateman è giovane, bello, ricco. Vive a Manhattan, lavora a Wall Street e con i colleghi Timothy, David, Patten e Craig, frequenta i locali più alla moda, le palestre più esclusive e le toilette dove gira la migliore cocaina della città, discutendo di nuovi ristoranti, cameriere corpoduro ed eleganza maschile. Ma la sua vita è ricca di particolari piuttosto inquietanti e quando le tenebre scendono su New York, Patrick Bateman si trasforma in un torturatore omicida, freddo, metodico, spietato.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788806219253

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

American Psycho di Bret Easton Ellis è Patrick Bateman, un esponente della folta schiera degli yuppies (“Lavoro a Wall Street. Alla Pierce & Pierce”) che hanno caratterizzato la fauna di Manhattan (e non solo) nei gloriosi (!) anni ’80 e ’90.

La critica sottointesa è spietata, tanto quanto i delitti  intercalati nelle pagine horror-splatter che hanno reso famoso il romanzo, a significare la follia conclamata di una vita costruita sul vuoto del  culto dell’esteriorità (“Le scarpe che calzo sono mocassini di coccodrillo A. Testoni”), della forma fisica (“La palestra alla quale sono iscritto, la Xclusive, è un circolo privato a quattro isolati dal mio appartamento nell’Upper West Side”) e della frenesia lavorativa pericolosamente sostenuta da alcol, droga (“Ci serve un po’ di turbopolvere boliviana”) e psicofarmaci (“Una sorta di baratro esistenziale mi si spalanca davanti mentre mi aggiro… dopo aver preso tre Halcion – che da quando il mio corpo si è assuefatto agli psicofarmaci non mi aiutano più a dormire ma almeno arginano la follia –“).

Patrick Bateman & c. sono impegnati nella ricerca spasmodica di locali trendy (l’Harry’s, il Tunnel…) ove trascorrere serate/nottate trasgressive (“La corpoduro ci porta il conto”) e riversare fiumi di denaro (“La bottiglia di Champagne… la lasciamo sul tavolo, intatta”), nell’architettare incontri a sfondo sessuale con donne-oggetto sotto l’incubo dell’AIDS (“Mi basta mettere il piede qua dentro per aver paura di beccarmi il morbo”) nonostante il fidanzamento ufficiale con Evelyn (“La sua vicina di casa, ancora cosciente, è stata decapitata”). La vita di American Psycho è scandita dall’appuntamento mattutino quotidiano con un programma televisivo (“Il Patty Winters Show stamattina era incentrato sull’eventualità di un conflitto nucleare, e stando al parere degli esperti ci sono buone chance che scoppi entro il mese prossimo”) ed è ossessionata dalle scadenze per la riconsegna di videocassette preferibilmente porno (“Ho affittato… Omicidio a luci rosse… riaffitto subito”).

La routine viene movimentata da omicidi che hanno tipicamente due categorie di vittime: i clochard disseminati lungo le vie di New York (“Fuori dal Pastels un altro barbone siede sul marciapiede, con un cartello…”) e le ragazze che vengono ingaggiate per triangoli sessuali sadici. Quando Pat decide di sterminare Paul Owen e ne nasconde il corpo nell’appartamento dello stesso finanziere, solo allora la serie dei delitti scatena la curiosità di un investigatore. Ma la vicenda sfuma nel dubbio instillato al lettore: quel delitto (così come gli altri?) è stato realmente commesso o è soltanto frutto della fantasia malata di American Psycho?

Nel romanzo ci sono tutti gli oggetti cult e i simboli di un’epoca: gli abiti griffati, le VHS, i divi di Hollywood (“Tom Cruise, l’attore, che abita nell’attico”), le star musicali come i Genesis (“Sono un fanatico dei Genesis dall’uscita dell’album Duke, nel 1980”) e Witney Houston, il mito plutocratico di Donald Trump (“Non è Ivana Trump?, mi domanda…”) … sullo sfondo di un pauperismo (“Il brandello di un manifesto di Les Misérables svolazza sul marciapiede”) che viene sbeffeggiato a sottolineare lo scandalo dei contrasti sociali dell’età contemporanea.

Le tonalità dell’ironia macabra (“Preferisco tenere separati i corpi degli uomini da quelli delle donne”) e il sospetto che l’anima del romanzo sia una feroce critica socio-culturale scongiurano l’effetto trash e assegnano all’opera lo status symbol di libro-icona di un’epoca malata.

Bruno Elpis

________________________________________________________

Leggi la recensione di Stefano Loverme a The deleted: eros e thriller nella trasgressiva serie TV di Bret Easton Ellis cliccando questo link: Il fascino repellente della decadenza: una decadenza di natura morale, discendente in qualche misura dall’edonismo degli anni Ottanta, a cui fanno da contraltare l’esaltazione dell’effimero e l’apologia di quella bellezza che risiede sulla superficie delle cose. Il nucleo della poetica di uno dei più controversi scrittori americani, Bret Easton Ellis, non sembra essere mutato troppo nell’arco di trent’anni di ‘scandalosi’ successi editoriali (uno su tutti, l’instant cult American Psycho del 1991) e di relative trasposizioni cinematografiche…

Visita il nostro sito www.i-filmsonline.com cliccando su questo link

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Easton

Bret

Ellis

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ellis Bret Easton


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

C'è una piccola isola tra la Toscana e la Corsica, simile a una lancia di granito, che fora il Mediterraneo e punta minacciosa il cielo. Su quell'isola si sogna. Un uomo che ha perso l'amore e desidera solo lasciarsi morire. Un gruppo di persone che fanno della sopravvivenza il loro credo. Un clandestino cresciuto nelle fogne di Bucarest. Uno scienziato visionario e uno strano esperimento. Un delitto orribile, tra le rovine degli antichi Druidi. E la Fine del Mondo. Il libro di Morgan Perdinka, scritto nel 2003 - quattro anni prima del misterioso suicidio dell'autore -, pubblicato riscoperto e presentato dal maestro Danilo Arona.

MALAPUNTA

Perdinka Morgan

Qual è il giorno in cui siamo diventati umani? Quale l’attimo in cui questa vitale e spossante consapevolezza ci ha invaso? Questa la domanda che Paolo Zardi fa al lettore. Ma prima lo chiede ai personaggi che animano queste pagine. Un padre che cova l’insopprimibile desiderio che sua figlia non somigli alla madre; una moglie che nell’istante assoluto del pentimento capisce che tradirà ancora; un vecchio che ad ogni compleanno avverte quanto sia difficile morire; una vedova all’ossessiva ricerca di un’alternativa ai ricordi; una dottoressa che, per un momento, vede nel corpo attraente di un paziente la giovinezza che avrebbe avuto suo figlio. Creature sospese tra l’amore e il dolore, tra desiderio e paura, tra la vergogna e la grazia. La delicatezza dei corpi, la labilità delle intenzioni, la precarietà di ogni condizione umana sono i punti focali attorno ai quali i personaggi di questi racconti si muovono, combattono, vivono, fotografati tutti nella loro abbagliante purezza.

IL GIORNO CHE DIVENTAMMO UMANI

Zardi Paolo

Scrivere un racconto sulla paternità è come scriverne uno sulla vecchiaia: puoi immaginartela anche a vent'anni, ma non ti scricchiolano le ossa. Per questo motivo fanno parte di "Scena padre" soltanto scrittori che genitori lo sono davvero. Di fronte ai figli "di carta" non c'è bisogno di ricalibrare costantemente le proprie aspettative, o di reinventarsi ogni giorno. Nella vita invece può capitare che, superato lo stupore della prima notte passata in casa con la figlia appena nata, ci si domandi chi diventerà quel fagotto che dorme nella culla. Magari qualcuno con cui non sarà facile parlare, se non con brevi comunicazioni di servizio appiccicate sul frigorifero ("A che ora devo accompagnarti in palestra?", "Ho lasciato il pollo nel forno", "Anche oggi un'altra nota?") cercando di far passare fra le righe prima di tutto l'affetto. In quest'antologia di racconti inediti, otto scrittori affrontano la meraviglia e il divertimento nel constatare quanto un figlio possa esserti alleato e rivale in parti uguali. E mentre affini la creatività e l'ironia necessarie a parare i colpi, ti accorgi dello scarto tra la potenza del generare e l'impotenza dell'allevare, davanti a qualcuno che riesce sempre a spiazzarti. E allora diventare padri può significare anche rimettersi in discussione come figli.

Scena padre

Magrelli Valerio, Fois Marcello, De Silva Diego...

Anita, redattrice in una rivista di moda, è quello che tutte sognano di essere: bella, giovane, elegante e colta. Ma anche tremendamente complicata. Sua madre e sua sorella, così concrete, non capiscono da dove arrivi la sua inquietudine, quella voglia di mangiarsi ogni attimo come fosse l'ultimo e di scappare a gambe levate non appena qualcuno minaccia di metterla in gabbia. Anita però lo sa bene: quando si guarda allo specchio, le sue "mille me" - così le chiama lei - riflettono i suoi cambiamenti di umore e la incoraggiano, la contraddicono, la rimproverano quando sbaglia. Perché Anita sbaglia spesso, soprattutto quando si tratta di uomini. I suoi errori più grandi sono tre: Filippo, affascinante e indisponibile, incontrato per caso su un volo per New York; Flavio, un incrocio di sguardi che si è trasformato in passione; e poi Jacopo, il marito che le è sempre stato accanto ma ultimamente sembra non capirla più. Anita crede di amarli tutti, ma forse la verità è che la vita le sta sfuggendo di mano, come la sua immagine riflessa nello specchio. Dovrà scavarsi dentro e fare i conti con un passato ancora dolorosissimo, per imparare a prendersi cura di sé senza smettere di innamorarsi e di sbagliare: solo così potrà ricominciare a vedersi, e a esistere, davvero.

Se non ti vedo non esisti

Levante