Giallo - thriller - noir

American Psycho

Ellis Bret Easton

Descrizione: Patrick Bateman è giovane, bello, ricco. Vive a Manhattan, lavora a Wall Street e con i colleghi Timothy, David, Patten e Craig, frequenta i locali più alla moda, le palestre più esclusive e le toilette dove gira la migliore cocaina della città, discutendo di nuovi ristoranti, cameriere corpoduro ed eleganza maschile. Ma la sua vita è ricca di particolari piuttosto inquietanti e quando le tenebre scendono su New York, Patrick Bateman si trasforma in un torturatore omicida, freddo, metodico, spietato.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788806219253

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

American Psycho di Bret Easton Ellis è Patrick Bateman, un esponente della folta schiera degli yuppies (“Lavoro a Wall Street. Alla Pierce & Pierce”) che hanno caratterizzato la fauna di Manhattan (e non solo) nei gloriosi (!) anni ’80 e ’90.

La critica sottointesa è spietata, tanto quanto i delitti  intercalati nelle pagine horror-splatter che hanno reso famoso il romanzo, a significare la follia conclamata di una vita costruita sul vuoto del  culto dell’esteriorità (“Le scarpe che calzo sono mocassini di coccodrillo A. Testoni”), della forma fisica (“La palestra alla quale sono iscritto, la Xclusive, è un circolo privato a quattro isolati dal mio appartamento nell’Upper West Side”) e della frenesia lavorativa pericolosamente sostenuta da alcol, droga (“Ci serve un po’ di turbopolvere boliviana”) e psicofarmaci (“Una sorta di baratro esistenziale mi si spalanca davanti mentre mi aggiro… dopo aver preso tre Halcion – che da quando il mio corpo si è assuefatto agli psicofarmaci non mi aiutano più a dormire ma almeno arginano la follia –“).

Patrick Bateman & c. sono impegnati nella ricerca spasmodica di locali trendy (l’Harry’s, il Tunnel…) ove trascorrere serate/nottate trasgressive (“La corpoduro ci porta il conto”) e riversare fiumi di denaro (“La bottiglia di Champagne… la lasciamo sul tavolo, intatta”), nell’architettare incontri a sfondo sessuale con donne-oggetto sotto l’incubo dell’AIDS (“Mi basta mettere il piede qua dentro per aver paura di beccarmi il morbo”) nonostante il fidanzamento ufficiale con Evelyn (“La sua vicina di casa, ancora cosciente, è stata decapitata”). La vita di American Psycho è scandita dall’appuntamento mattutino quotidiano con un programma televisivo (“Il Patty Winters Show stamattina era incentrato sull’eventualità di un conflitto nucleare, e stando al parere degli esperti ci sono buone chance che scoppi entro il mese prossimo”) ed è ossessionata dalle scadenze per la riconsegna di videocassette preferibilmente porno (“Ho affittato… Omicidio a luci rosse… riaffitto subito”).

La routine viene movimentata da omicidi che hanno tipicamente due categorie di vittime: i clochard disseminati lungo le vie di New York (“Fuori dal Pastels un altro barbone siede sul marciapiede, con un cartello…”) e le ragazze che vengono ingaggiate per triangoli sessuali sadici. Quando Pat decide di sterminare Paul Owen e ne nasconde il corpo nell’appartamento dello stesso finanziere, solo allora la serie dei delitti scatena la curiosità di un investigatore. Ma la vicenda sfuma nel dubbio instillato al lettore: quel delitto (così come gli altri?) è stato realmente commesso o è soltanto frutto della fantasia malata di American Psycho?

Nel romanzo ci sono tutti gli oggetti cult e i simboli di un’epoca: gli abiti griffati, le VHS, i divi di Hollywood (“Tom Cruise, l’attore, che abita nell’attico”), le star musicali come i Genesis (“Sono un fanatico dei Genesis dall’uscita dell’album Duke, nel 1980”) e Witney Houston, il mito plutocratico di Donald Trump (“Non è Ivana Trump?, mi domanda…”) … sullo sfondo di un pauperismo (“Il brandello di un manifesto di Les Misérables svolazza sul marciapiede”) che viene sbeffeggiato a sottolineare lo scandalo dei contrasti sociali dell’età contemporanea.

Le tonalità dell’ironia macabra (“Preferisco tenere separati i corpi degli uomini da quelli delle donne”) e il sospetto che l’anima del romanzo sia una feroce critica socio-culturale scongiurano l’effetto trash e assegnano all’opera lo status symbol di libro-icona di un’epoca malata.

Bruno Elpis

________________________________________________________

Leggi la recensione di Stefano Loverme a The deleted: eros e thriller nella trasgressiva serie TV di Bret Easton Ellis cliccando questo link: Il fascino repellente della decadenza: una decadenza di natura morale, discendente in qualche misura dall’edonismo degli anni Ottanta, a cui fanno da contraltare l’esaltazione dell’effimero e l’apologia di quella bellezza che risiede sulla superficie delle cose. Il nucleo della poetica di uno dei più controversi scrittori americani, Bret Easton Ellis, non sembra essere mutato troppo nell’arco di trent’anni di ‘scandalosi’ successi editoriali (uno su tutti, l’instant cult American Psycho del 1991) e di relative trasposizioni cinematografiche…

Visita il nostro sito www.i-filmsonline.com cliccando su questo link

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Easton

Bret

Ellis

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ellis Bret Easton


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Viviamo il tempo dell'incertezza, dell'intolleranza, della paura, dell'ingiustizia. Tornare ai classici e riflettere sulla natura delle virtù cardinali - prudenza, temperanza, fortezza e giustizia - da sempre al centro della riflessione filosofica oltre che teologica, può orientare il nostro agire sia personale che collettivo. Da Aristotele a Machiavelli, da Locke a Hobbes, da Freud ad Arendt fino a Rawls scopriamo come la prudenza, la virtù deliberativa per eccellenza, sia l'unica capace di discernere il bene dal male e orientare le nostre decisioni; come la temperanza consenta agli uomini e alle donne di vivere in una società in cui nessuno impone la propria regola contro le altre; come il coraggio sia conoscenza dei propri limiti e condizione per vincere la paura; e infine come la giustizia faccia sì che i diritti non restino inchiodati entro i confini di comunità politiche chiuse.

Le virtù cardinali

Autori vari

Sulla tua parola. Letture della messa per vivere la parola di Dio. Settembre-ottobre 2014

"Il libro più intelligente - ma anche il più divertente - di questi ultimi anni." Lars Gustafsson, Der Spiegel "Il libro è così ricco che permette tutti i livelli di lettura... Eco, ancora bravo!" Robert Maggiori, Liberation "Brio e ironia. Eco è andato a scuola dai migliori modelli." Richard Ellmann, The New York Review of Books "Precisamente il genere di libro che, se fossi un milionario, comanderei su misura." Punch "Quando Baskerville e Adso entrarono nella stanza murata allo scoccare della mezzanotte e all'ultima parola del capitolo, ho sentito, anche se è fuori moda, un caratteristico sobbalzo al cuore." Nicholas Shrimpton, The Sunday Times "E' riuscito a scrivere un libro che si legge tutto d'un fiato, accattivante, comico, inatteso..." Mario Fusco, Le Monde "E' un tipo di libro che ci trasforma, che sostituisce la nostra realtà con la sua... ci presenta un mondo nuovo nella tradizione di Rabelais, Cervantes, Sterne, Melville, Dostoevskij, lo stesso Joyce e Garcfa Marquez." Kenneth Atchity, Los Angeles Times "Mi rallegro e tutto il mondo delle lettere si rallegrerà con me, che si possa diventare best seller contro i pronostici cibernetici, e che un'opera di letteratura genuina possa soppiantare il ciarpame... L'alta qualità e il successo non si escludono a vicenda." Anthony Burgess, The Observer

Il nome della rosa

Eco Umberto

Quella di Lynn Gallagher, gallerista di successo a Manhattan, è una vita brillante e ricca di soddisfazioni: non le manca niente, Ha persino un fastidiosissimo Stalker (una via di mezzo tra l'innamorato senza speranza e il maniaco persecutore). Ma è proprio costatando l'ossessione di Alan che intuisce la verità: lei è del tutto incapace di desiderare qualcuno. E come può dare una scossa alla sua vita, se non fingendo di essere a sua volta l'asfissiante, determinata e appiccicosa spasimante di qualcuno? Così si mette a tallonare Roland, il quale a sua volta si perderà dietro le grazie di qualcun altro, in una spirale di pedinamenti e inseguimenti in cui si scopre che a volte per trovare il vero amore basterebbe... voltarsi indietro. Il club degli innamorati è una storia sul desiderio: sull'assenza, sulla perdita, sull'eccesso e sull'irragionevolezza del desiderio, ma è anche una sferzante, acuta critica della vacuità di un mondo patinato, superficiale, capriccioso e mutevole, al limite della follia.

IL CLUB DEGLI INNAMORATI

Filipacchi Amanda