Teatro

Amleto

Shakespeare William

Descrizione:

Categoria: Teatro

Editore: Mondadori

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

Che capolavoro è l’uomo! Nobile d’intelletto, dotato d’una illimitata varietà di talenti; esatto nella sua forma e in tutti i suoi atti; compiuta, ammirevole creazione: pari a un dio nella mente, e nell’azione a un angelo. Lui, la bellezza del mondo. Lui, la misura di ogni animata cosa!”. “Ebbene, per me non è che una quintessenza di polvere. L’uomo non m’incanta“.

 

Tanto si è detto e scritto in merito ad Amleto, personaggio ambiguo e profondamente introspettivo, capace, nel corso dell’intera tragedia, di evolvere e modificare i propri pensieri sul mondo e sull’uomo attraverso una visione sempre più pessimistica di se stesso e del proprio vivere umano.
 
Amleto, un tempo orgoglioso della propria natura di uomo, nel corso della tragedia è costretto a sopportare gli oltraggi, i sassi e i dardi dell’iniqua fortuna;  scopre che il padre è stato ucciso dallo zio, già amante della madre Gertrude quando il re era ancora in vita. E’ il fantasma stesso del padre che rivela ad Amleto tale scomoda verità e chiede vendetta. 
 
Da qui nasce lo sconforto e il turbamento esistenziale di Amleto, che pare determinato a compiere la sua vendetta, ma nello stesso tempo il dubbio lo attanaglia e lo costringe a procrastinare il suo gesto fino alla fine.
Amleto scopre pian piano di vivere in un mondo fatto di apparenze, dove non esiste amicizia o amore, poiché si sente tradito sia dagli amici Rosencrantz e Guildenstern, sia da Ofelia, sua promessa sposa. Le continue delusioni che la vita gli infligge lo conducono alla tragedia finale, consegnando la Danimarca a Fortebraccio, principe di Norvegia, e uccidendo il re Claudio, durante il duello con Laerte, fratello di Ofelia. Il duello si conclude con la morte di Laerte, della madre Gertrude, del re Cluadio e di Amleto il quale, in fin di vita, prega l’amico Orazio di raccontare la verità su di lui e sulla sua causa.

Un discorso a parte merita la figura drammatica di Ofelia, figlia del consigliere di corte di Danimarca Polonio e sorella di Laerte, innamorata di Amleto, ma vittima inerte degli eventi.

Convinta di non essere realmente amata da Amleto, viene coinvolta suo malgrado nel tentativo di svelare la pazzia del giovane principe di Danimarca, ricevendo in cambio il suo rifiuto, rifiuto dettato dal desiderio del principe di non coinvolgere Ofelia nella trama di inganni in cui si trova già invischiata.

Amleto dichiara di non averla mai amata, la offende e l’abbandona sola in scena, dove Ofelia si lascia andare a un disperato monologo, primo sintomo del suo smarrimento che avrà come epilogo la morte per annegamento.

La morte di Ofelia non viene rappresentata, ma raccontata da Gertrurde in una celebre battuta:

Una disgrazia incalza alle calcagna

un’altra, tanto presto si succedono.
Laerte, tua sorella s’è annegata.”

La giovane donna cade in un ruscello, mentre tenta di appendere ghirlande a un salice piangente. Tale immagine, profondamente romantica, ha ispirato numerose opere pittoriche.

Amleto è in scena al Teatro Leonardo da Vinci, dal 7 al 19 giugno, rappresentato dalla compagnia teatrale Quelli di Grock.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

William

Shakespeare

Libri dallo stesso autore

Intervista a Shakespeare William


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Stoner

Williams John

IL CIRCOLO DE i-LIBRI – NUOVO INCONTRO

Ernesto vive un rapporto ormai logoro con la moglie depressa, il suo taxi è teatro di storie che si intrecciano a un delitto nella Roma "bene". La vittima è uno scultore di fama internazionale, pochissimi avevano accesso all'appartamento dove viene ritrovato cadavere e nessuno ha un movente valido per torturarlo a morte. L'ispettore Paolo Proietti, a capo dell'indagine, intuisce che sta per sollevare un verminaio. La verità lo lascerà schifato, esausto e fragile come mai un poliziotto dovrebbe sentirsi. É un malessere che conosce fin troppo bene, lo rivive negli incubi che lo angosciano a quattordici anni di distanza da un caso in cui si è lasciato coinvolgere troppo. Ernesto e Paolo sono fratelli senza un filamento di DNA in comune, condividono tutto fin dal giorno in cui si sono incontrati sui banchi delle scuole superiori. Tutto, tranne un segreto che ciascuno nasconde all'altro: il poliziotto per non giocarsi il distintivo, il tassista perché è impossibile confessare al suo amico cosa lo torturi da giorni. Il silenzio viaggia nel mondo degli artisti malati, viziati e viziosi, e in quello dei ricordi che fanno male da morire, nella paura di non essere più abbastanza o di non averci provato a sufficienza, protegge i mostri e offende gli innocenti. Si spezzerà, poi, nella voce di una giustizia sommaria che non regala pace o reale assoluzione dai peccati, ma dignità a quanti sono costretti a macchiarsi le mani di sangue.

I silenzi di Roma

Troncanetti Luana

Una volta Ella era una ragazza spensierata, aperta, sempre pronta a sorridere e a infrangere le regole per provare nuove emozioni. Lei e Micha erano grandi amici, e insieme formavano una splendida coppia. Ma una notte accadde qualcosa di terribile, che sconvolse le loro vite e distrusse irrimediabilmente la loro amicizia. Poi Ella andò al college, lasciandosi tutto alle spalle, chiudendosi in se stessa. Nascose il suo segreto al mondo e si trasformò in una ragazza ligia, riservata, senza sogni e senza desideri. Ora però sono iniziate le vacanze estive ed Ella sta per tornare a casa. Ma non immagina che Micha la sta aspettando. Micha sa tutto di lei, conosce i suoi più intimi segreti, ed è deciso a disseppellire i fantasmi del passato e a far sì che Ella ritorni la ragazza vivace e allegra che era un tempo, la ragazza che lui ama e amerà per sempre.

NON LASCIARMI ANDARE

Sorensen Jessica