Teatro

Amleto

Shakespeare William

Descrizione:

Categoria: Teatro

Editore: Mondadori

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

Che capolavoro è l’uomo! Nobile d’intelletto, dotato d’una illimitata varietà di talenti; esatto nella sua forma e in tutti i suoi atti; compiuta, ammirevole creazione: pari a un dio nella mente, e nell’azione a un angelo. Lui, la bellezza del mondo. Lui, la misura di ogni animata cosa!”. “Ebbene, per me non è che una quintessenza di polvere. L’uomo non m’incanta“.

 

Tanto si è detto e scritto in merito ad Amleto, personaggio ambiguo e profondamente introspettivo, capace, nel corso dell’intera tragedia, di evolvere e modificare i propri pensieri sul mondo e sull’uomo attraverso una visione sempre più pessimistica di se stesso e del proprio vivere umano.
 
Amleto, un tempo orgoglioso della propria natura di uomo, nel corso della tragedia è costretto a sopportare gli oltraggi, i sassi e i dardi dell’iniqua fortuna;  scopre che il padre è stato ucciso dallo zio, già amante della madre Gertrude quando il re era ancora in vita. E’ il fantasma stesso del padre che rivela ad Amleto tale scomoda verità e chiede vendetta. 
 
Da qui nasce lo sconforto e il turbamento esistenziale di Amleto, che pare determinato a compiere la sua vendetta, ma nello stesso tempo il dubbio lo attanaglia e lo costringe a procrastinare il suo gesto fino alla fine.
Amleto scopre pian piano di vivere in un mondo fatto di apparenze, dove non esiste amicizia o amore, poiché si sente tradito sia dagli amici Rosencrantz e Guildenstern, sia da Ofelia, sua promessa sposa. Le continue delusioni che la vita gli infligge lo conducono alla tragedia finale, consegnando la Danimarca a Fortebraccio, principe di Norvegia, e uccidendo il re Claudio, durante il duello con Laerte, fratello di Ofelia. Il duello si conclude con la morte di Laerte, della madre Gertrude, del re Cluadio e di Amleto il quale, in fin di vita, prega l’amico Orazio di raccontare la verità su di lui e sulla sua causa.

Un discorso a parte merita la figura drammatica di Ofelia, figlia del consigliere di corte di Danimarca Polonio e sorella di Laerte, innamorata di Amleto, ma vittima inerte degli eventi.

Convinta di non essere realmente amata da Amleto, viene coinvolta suo malgrado nel tentativo di svelare la pazzia del giovane principe di Danimarca, ricevendo in cambio il suo rifiuto, rifiuto dettato dal desiderio del principe di non coinvolgere Ofelia nella trama di inganni in cui si trova già invischiata.

Amleto dichiara di non averla mai amata, la offende e l’abbandona sola in scena, dove Ofelia si lascia andare a un disperato monologo, primo sintomo del suo smarrimento che avrà come epilogo la morte per annegamento.

La morte di Ofelia non viene rappresentata, ma raccontata da Gertrurde in una celebre battuta:

Una disgrazia incalza alle calcagna

un’altra, tanto presto si succedono.
Laerte, tua sorella s’è annegata.”

La giovane donna cade in un ruscello, mentre tenta di appendere ghirlande a un salice piangente. Tale immagine, profondamente romantica, ha ispirato numerose opere pittoriche.

Amleto è in scena al Teatro Leonardo da Vinci, dal 7 al 19 giugno, rappresentato dalla compagnia teatrale Quelli di Grock.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

William

Shakespeare

Libri dallo stesso autore

Intervista a Shakespeare William


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Magliette appallottolate, calzini sparsi dappertutto, letto sfatto, resti di cibo pietrificati sul tavolo, luce fioca, ragnatele agli angoli del soffitto, Jonathan Coe ci ha abituati alla contemplazione nitida e cruda di questi scorci, di queste squarci di vita incompiuta per studenti universitari. Si direbbe che per lui il momento in cui si decide il destino di un individuo non sono i primi tre o dieci anni, come suggerisce la psicoanalisi, ma quella sconfinata adolescenza e quel perpetuo fuoricorso che cominciano subito dopo aver lasciato il liceo me la famiglia; quel vegetare nel calore debole ma protettivo di un'università di provincia seguendo la trafila delle sessioni, degli esami, della laurea, di una tesi di dottorato sempre da scrivere e mai scritta. Il protagonista di questa storia si chiama Robin. Si è laureato a Cambridge ma da oltre quattro anni sta preparando il dottorato a Coventry, cittadina rasa al suolo due volte, prima delle bombe tedesche poi dall'ultra liberismo della signora Thatcher che, in queste giornate del 1986, sta dando manforte al suo amico Reagan nel bombardare la Libia. Un clima di imminente catastrofe planetaria riverbera nella vita di Robin, nel male oscuro che lo abita e che lui abita: allude a quella misteriosa tesi di dottorato di cui nessuno ha visto un rigo e ulcera il ricordo di un amore lontano e mai dichiarato che totortura come in primo giorno. In questo secondo romanzo, pubblicato per la prima volta nel 1987, Jonathan Coe tesse i primi fili di quell'immensa tela che sarà "l2 famiglia Wishaw".

L’AMORE NON GUASTA

Coe Jonathan

“Voci di famiglia” è un titolo che allude alla storia narrata, dove parlano tre persone distintamente, quelle che in un'unica scena del romanzo formano una famiglia.Sofia si reca al cimitero a portare un fiore a sua madre, Ashley. Era una scrittrice, e prima di morire aveva chiesto che all'interno della cappella dove avrebbe dimorato la sua salma, ci fosse un ripiano dove collocare una copia di ogni suo libro. Chi avesse voluto prenderne uno da leggere, in cambio avrebbe dovuto lasciare un fiore. Sofia vede una rosa rossa. Vede che non c'è La musica del silenzio, l'unico che non ha letto. Torna a casa, prende il libro, si accomoda sul letto e inizia a leggere una storia che non conosceva. Nel libro che Sofia legge segue una pagina bianca; intuisce che la seconda parte non è stata scritta da sua madre. Quando Sofia torna al cimitero vede che il libro è stato riportato, ma ce n'è anche un altro mai visto prima. Si intitola “Il risveglio” ed è firmato solo con un nome: Luciano. Sofia si guarda intorno ma non vede nessuno. Torna a casa per leggerlo.Poi si reca al cimitero, e lo inserisce accanto ai libri scritti da sua madre. Sente un rumore alle sue spalle. Si volta, e lo vede.

Voci di famiglia

Giubilei Vincenza

È un mattino di pioggia gelida quello in cui Fortuna torna a casa. Sono passati dieci anni dall’ultima volta, ma Roccachiara è rimasto uguale a un tempo: un paesino abbarbicato alle montagne e a precipizio su un lago, le cui acque sembrano inghiottire la luce del sole. Fortuna pensava di essere riuscita a scappare, di aver finalmente lasciato il passato alle spalle, spezzato i legami con ciò che resta della sua famiglia per rinascere a nuova vita, lontano. Ma nessun segreto può resistere all’erosione dell’acqua nera del lago. A richiamarla a Roccachiara è un ritrovamento, nel profondo del bosco, che potrebbe spiegare l’improvvisa scomparsa della sua migliore amica, Luce. O forse, a costringerla a quel ritorno è la forza invisibile che, nonostante tutto e tutti, ha sempre unito la sua famiglia: tre generazioni di donne tenaci e coraggiose, ognuna a suo modo. E forse, questa volta, è giunta l’ora che Fortuna dipani i segreti nascosti nella storia della sua famiglia. Forse è ora che capisca qual è la natura di quella forza invisibile, per riuscire a darle un nome. Sperando che si chiami amore.

ACQUANERA

D'Urbano Valentina

Oggi è un’anziana clochard costretta a vivere per le strade di Parigi, ma il suo passato le ha regalato fama e successo. Qualcuno la vuole morta, ed è solo l’intervento di Oswald Breil e Sara Terracini a salvare la vita di Luce de Bartolo. Ma qual è il segreto che custodisce, così potente da sconvolgere l’ordine mondiale? Chi è davvero quella donna? La sua storia inizia nell’Argentina fra le due guerre e racconta un’amicizia straordinaria, quella fra Luce e una tra le donne più ammirate di tutti i tempi: Eva Duarte. Mentre Luce diventa il soprano più famoso al mondo, Eva sposa il colonnello Juan Domingo Perón: nasce così il mito intramontabile di Evita. Le due amiche incontrano grandi soddisfazioni, ma anche tragedie e violenze che sembrano sgorgare dalla fonte stessa del male: il nazismo. Un’ideologia che trova la sua forza simbolica in un oggetto dal potere immenso: la leggendaria lancia di Longino, la cui punta trafisse il costato di Cristo. Il Reich sopravvive alla sconfitta, ed è proprio in Argentina che il male nazista intreccia le proprie trame oscure di rinascita con l’ascesa di Perón, per poi estendere i propri tentacoli sino a raggiungere le stanze più inviolabili: quelle delle alte sfere del Vaticano e della finanza più spregiudicata. E il male nazista oggi è pronto a risollevare la testa. Perché si scateni, manca soltanto una chiave: quella in possesso di una donna sopravvissuta con coraggio e determinazione a tutto ciò che il destino le ha riservato.

LA VOCE DEL DESTINO

Buticchi Marco