Teatro

Amleto

Shakespeare William

Descrizione:

Categoria: Teatro

Editore: Mondadori

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

Che capolavoro è l’uomo! Nobile d’intelletto, dotato d’una illimitata varietà di talenti; esatto nella sua forma e in tutti i suoi atti; compiuta, ammirevole creazione: pari a un dio nella mente, e nell’azione a un angelo. Lui, la bellezza del mondo. Lui, la misura di ogni animata cosa!”. “Ebbene, per me non è che una quintessenza di polvere. L’uomo non m’incanta“.

 

Tanto si è detto e scritto in merito ad Amleto, personaggio ambiguo e profondamente introspettivo, capace, nel corso dell’intera tragedia, di evolvere e modificare i propri pensieri sul mondo e sull’uomo attraverso una visione sempre più pessimistica di se stesso e del proprio vivere umano.
 
Amleto, un tempo orgoglioso della propria natura di uomo, nel corso della tragedia è costretto a sopportare gli oltraggi, i sassi e i dardi dell’iniqua fortuna;  scopre che il padre è stato ucciso dallo zio, già amante della madre Gertrude quando il re era ancora in vita. E’ il fantasma stesso del padre che rivela ad Amleto tale scomoda verità e chiede vendetta. 
 
Da qui nasce lo sconforto e il turbamento esistenziale di Amleto, che pare determinato a compiere la sua vendetta, ma nello stesso tempo il dubbio lo attanaglia e lo costringe a procrastinare il suo gesto fino alla fine.
Amleto scopre pian piano di vivere in un mondo fatto di apparenze, dove non esiste amicizia o amore, poiché si sente tradito sia dagli amici Rosencrantz e Guildenstern, sia da Ofelia, sua promessa sposa. Le continue delusioni che la vita gli infligge lo conducono alla tragedia finale, consegnando la Danimarca a Fortebraccio, principe di Norvegia, e uccidendo il re Claudio, durante il duello con Laerte, fratello di Ofelia. Il duello si conclude con la morte di Laerte, della madre Gertrude, del re Cluadio e di Amleto il quale, in fin di vita, prega l’amico Orazio di raccontare la verità su di lui e sulla sua causa.

Un discorso a parte merita la figura drammatica di Ofelia, figlia del consigliere di corte di Danimarca Polonio e sorella di Laerte, innamorata di Amleto, ma vittima inerte degli eventi.

Convinta di non essere realmente amata da Amleto, viene coinvolta suo malgrado nel tentativo di svelare la pazzia del giovane principe di Danimarca, ricevendo in cambio il suo rifiuto, rifiuto dettato dal desiderio del principe di non coinvolgere Ofelia nella trama di inganni in cui si trova già invischiata.

Amleto dichiara di non averla mai amata, la offende e l’abbandona sola in scena, dove Ofelia si lascia andare a un disperato monologo, primo sintomo del suo smarrimento che avrà come epilogo la morte per annegamento.

La morte di Ofelia non viene rappresentata, ma raccontata da Gertrurde in una celebre battuta:

Una disgrazia incalza alle calcagna

un’altra, tanto presto si succedono.
Laerte, tua sorella s’è annegata.”

La giovane donna cade in un ruscello, mentre tenta di appendere ghirlande a un salice piangente. Tale immagine, profondamente romantica, ha ispirato numerose opere pittoriche.

Amleto è in scena al Teatro Leonardo da Vinci, dal 7 al 19 giugno, rappresentato dalla compagnia teatrale Quelli di Grock.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

William

Shakespeare

Libri dallo stesso autore

Intervista a Shakespeare William

Il diario politico del 2011 raccontato dal più corrosivo e implacabile tra i giornalisti italiani. Un appuntamento che ogni lunedì tiene incollate al video migliaia di persone, in diretta sul seguitissimo blog di Beppe Grillo. In molti l'hanno capito, è l'occasione unica per informarsi davvero, rompere con il sistema addomesticato dell'informazione televisiva ed entrare direttamente dentro la cronaca, gli scandali e l'attualità politica. Finalmente senza filtri. Ruby e i festini di Arcore; P2, P3 e P4; Berlusconi e i processi; i referendum e il crollo dei partiti; le elezioni regionali e la sconfitta del Pdl; lodi e leggi ad personam... Tutto quello che dovevate sapere e che nessuno ha raccontato. Anzi, in molti l'hanno nascosto. Ogni intervento di Marco Travaglio è una ricostruzione minuziosa dei fatti e un atto d'accusa contro il potere che pensa solo a se stesso, mai ai cittadini e ancora meno al bene comune.

Silenzio, si ruba

Travaglio Marco

Un albero ghiacciato, di un rosso vivo, pulsante, intriso di sangue. È la prima immagine che appare a don Ermete, Zeno e Sauro. Una strage indicibile si è consumata ai piedi di quell’albero, e solo una prodigiosa nevicata ha lenito l’orrore di quegli undici corpi straziati da undici cause di morte diverse, avvenute contemporaneamente, in un lampo. I quarantadue abitanti di Borgo San Giuda, travolti dall’onda d’urto di quel massacro, si ritrovano al centro del mondo mediatico. Semplici testimoni del male, diventano i protagonisti dimenti-cati di questa storia, e tutti insieme scivolano nella follia. Don Ermete non può abbandonare la sua gente e insieme a Giovanna Gassion, giovane psichiatra della ASL in fuga da un amore finito, cercherà in tutti i modi di mettere in salvo quel mondo di poche anime perse e mute, che sembrano lontanissime ma che in realtà siamo noi. Pagina dopo pagina sembrerà di essere lì a calcare forte il passo per non essere spazzati via da quel vento che tira gelido e senza sosta, di entrare in quelle case modeste dove germina la follia, di incrociare quegli sguardi disperati e soli, e infine di sentirsi lievi e salvi, una volta arresi davanti al mistero. X e Y, uomo e donna, fede e scienza, si incontrano e si scontrano fin quasi a sovrapporsi in un’eroica liberazione dalla dittatura della ragione, umiliata dall’assurda danza del male.

XY

Veronesi Sandro

Alle origini del romanzo contemporaneo la vicenda interiore di un personaggio segnato dalla psicanalisi.

La coscienza di Zeno

Svevo Italo

Gioconda detta Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un'anima inquieta per vocazione o forse per necessità e un unico, grande amore: Leonardo. Che però l'ha abbandonata. Smarrita e disperata, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfetto. La notte di San Valentino, Giò trova un biglietto che sua nonna aveva scritto all'angelo custode, per ringraziarlo. Con lo sconforto, ma anche il coraggio, di chi non ha niente da perdere, Giò ci prova: scrive anche lei al suo angelo. Che, incredibilmente, le risponde. E le fa una promessa: avrò cura di te. L'angelo ha un nome: Filemone, ha una storia. Soprattutto ha la capacità di comprendere Giò come Giò non si è mai compresa. Di ascoltarla come non si è mai ascoltata. Nasce così uno scambio intenso, divertente, divertito, commovente, che coinvolge anche le persone che circondano Giò. Uno scambio che indaga non solo le mancate ragioni di Giò: ma le mancate ragioni di ognuno di loro. Perché a ognuno di loro, grazie a Filemone, voce dell'interiorità prima che dell'aldilà, sia possibile silenziare la testa e l'istinto. Per ascoltare il cuore. Anche e soprattutto quando è chiamato a rispondere a prove complicate, come quella a cui sarà messa davanti Giò proprio dal suo fedele Filemone, in un finale sorprendente che sembrerà confondere tutto. Ma a tutto darà un senso.

Avrò cura di te

Gramellini Massimo Gamberale Chiara