Teatro

Amleto

Shakespeare William

Descrizione:

Categoria: Teatro

Editore: Mondadori

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

Che capolavoro è l’uomo! Nobile d’intelletto, dotato d’una illimitata varietà di talenti; esatto nella sua forma e in tutti i suoi atti; compiuta, ammirevole creazione: pari a un dio nella mente, e nell’azione a un angelo. Lui, la bellezza del mondo. Lui, la misura di ogni animata cosa!”. “Ebbene, per me non è che una quintessenza di polvere. L’uomo non m’incanta“.

 

Tanto si è detto e scritto in merito ad Amleto, personaggio ambiguo e profondamente introspettivo, capace, nel corso dell’intera tragedia, di evolvere e modificare i propri pensieri sul mondo e sull’uomo attraverso una visione sempre più pessimistica di se stesso e del proprio vivere umano.
 
Amleto, un tempo orgoglioso della propria natura di uomo, nel corso della tragedia è costretto a sopportare gli oltraggi, i sassi e i dardi dell’iniqua fortuna;  scopre che il padre è stato ucciso dallo zio, già amante della madre Gertrude quando il re era ancora in vita. E’ il fantasma stesso del padre che rivela ad Amleto tale scomoda verità e chiede vendetta. 
 
Da qui nasce lo sconforto e il turbamento esistenziale di Amleto, che pare determinato a compiere la sua vendetta, ma nello stesso tempo il dubbio lo attanaglia e lo costringe a procrastinare il suo gesto fino alla fine.
Amleto scopre pian piano di vivere in un mondo fatto di apparenze, dove non esiste amicizia o amore, poiché si sente tradito sia dagli amici Rosencrantz e Guildenstern, sia da Ofelia, sua promessa sposa. Le continue delusioni che la vita gli infligge lo conducono alla tragedia finale, consegnando la Danimarca a Fortebraccio, principe di Norvegia, e uccidendo il re Claudio, durante il duello con Laerte, fratello di Ofelia. Il duello si conclude con la morte di Laerte, della madre Gertrude, del re Cluadio e di Amleto il quale, in fin di vita, prega l’amico Orazio di raccontare la verità su di lui e sulla sua causa.

Un discorso a parte merita la figura drammatica di Ofelia, figlia del consigliere di corte di Danimarca Polonio e sorella di Laerte, innamorata di Amleto, ma vittima inerte degli eventi.

Convinta di non essere realmente amata da Amleto, viene coinvolta suo malgrado nel tentativo di svelare la pazzia del giovane principe di Danimarca, ricevendo in cambio il suo rifiuto, rifiuto dettato dal desiderio del principe di non coinvolgere Ofelia nella trama di inganni in cui si trova già invischiata.

Amleto dichiara di non averla mai amata, la offende e l’abbandona sola in scena, dove Ofelia si lascia andare a un disperato monologo, primo sintomo del suo smarrimento che avrà come epilogo la morte per annegamento.

La morte di Ofelia non viene rappresentata, ma raccontata da Gertrurde in una celebre battuta:

Una disgrazia incalza alle calcagna

un’altra, tanto presto si succedono.
Laerte, tua sorella s’è annegata.”

La giovane donna cade in un ruscello, mentre tenta di appendere ghirlande a un salice piangente. Tale immagine, profondamente romantica, ha ispirato numerose opere pittoriche.

Amleto è in scena al Teatro Leonardo da Vinci, dal 7 al 19 giugno, rappresentato dalla compagnia teatrale Quelli di Grock.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

William

Shakespeare

Libri dallo stesso autore

Intervista a Shakespeare William

Il protagonista, Haroun, è il fratello del'"arabo" ucciso da un certo Meursault, crimine raccontato nello Straniero di Albert Camus. Sessant'anni più tardi, Haroun, che ha vissuto l'infanzia nel trauma di quell'omicidio avvenuto su una spiaggia assolata, non si rassegna a che il fratello rimanga senza nome, nell'anonimato. Quindi prende la parola, avvia una controinchiesta, ricostruisce i fatti dal punto di vista dell'"arabo" suo fratello e ridà dignità alla vittima.

Il caso Meursault

Daoud Kamel

Nella luce di un giugno radioso e sfacciato, Viola sente crescere il vuoto delle sue giornate. Ha quarantatré anni, e per metà della vita è stata moglie devota di un acclamato direttore d’orchestra e madre di una figlia avuta da giovanissima. Nient’altro, nessuna concessione a se stessa, nessun inciampo, nemmeno ora che, con la morte improvvisa del marito e una figlia ormai adulta, le sue giornate sono scandite dalla solitudine. Il pomeriggio del solstizio d’estate, durante un concerto in memoria del marito, Viola conosce un uomo e qualcosa accade dentro di lei: una breccia nel muro, un’infiltrazione d’acqua nelle crepe, un punto di sutura che si dissolve. Mentre nel chiostro assolato risuonano le note di Bach, un’impacciata Viola in abito da cocktail, il filo di perle al collo e i capelli raccolti, lascia il concerto e fugge in macchina con lui. La tentazione è quella di abbandonarsi, di lasciarsi portare dalla corrente, ma l’autocontrollo è la disciplina in cui Viola eccelle e quello che sta succedendo non è solo sconveniente: è assurdo. Eppure è tardi per tornare indietro, perché il viaggio è iniziato, e con quell’uomo lei sta andando esattamente dove desiderava da tempo: lontano. Lontano da tutto per avvicinarsi alla sua verità, semplice e scandalosa.

IL TEMPO TAGLIATO

Longo Silvia

Il bar Novecento, di fronte allo stadio San Paolo, è un’istituzione, un punto di riferimento dove passare intere giornate. Non solo per commentare le partite, né per il caffè di Mario, né per la bellezza di Paola, la cassiera che fa girare la testa a chiunque. Al bar Novecento si va soprattutto per parlare con O’ Professore, l’uomo che da trent’anni siede allo stesso tavolino sul fondo della sala, e giorno dopo giorno raccoglie palpitanti racconti di epiche sfide, confessioni di figli tornati in città per esaudire l’ultimo desiderio del padre morente, richieste di consigli su amori infelici. A ciascuno di loro, O’ Professore saprà rivolgere profetiche, illuminanti parole sul senso della vita.

Il resto della settimana

De Giovanni Maurizio

«David Golder è un libro che gronda odio, soprattutto verso il denaro e tutto ciò che può essere trasformato in denaro, oggetti e sentimenti, e verso le forme infinite che il denaro può assumere. Oggi, non ci rendiamo conto di cosa sia stato il denaro nel diciannovesimo secolo, o nella prima parte del ventesimo: una fiamma ardentissima, una colata di sangue disseccata, sbarre d’oro sciolte e di nuovo pietrificate. Diventava eros, pensiero, sensazioni, sentimenti, fango, abisso, potere, violenza, furore, come nella Comédie humaine ... David Golder è un libro durissimo e secchissimo, che incide di continuo terribili ritratti, che in parte ricordano la memorialistica e la tradizione aforistica francese».

DAVID GOLDER

Némirovsky Irène