L’amore ai tempi dell’apocalisse

Zardi Paolo

Descrizione: La fine del mondo è vicina: lo è sempre stata, a dar retta ai catastrofisti della prima e dell’ultima ora. Per qualcuno, forse, è già arrivata, perfino passata, trascinando via con sé i peccati e lavando le coscienze. Per altri è adesso, l’ora di questo tempo frastornato, vile, dove bussole impazzite indicano una rotta inesistente e i fiumi sembrano a un passo dallo scorrere al contrario. Ventidue autori hanno provato a raccontare, sullo sfondo di questi scenari apocalittici, l’essenza di un sentimento che sopravvive nonostante tutto, l’amore, declinandolo in storie tenere e folli, malinconiche e sensuali. Che fiorisca in un quartiere a luci rosse o in un desolato mondo lontano, che si consumi tra umani, entità aliene o macchine, l’amore appare come l’unico potente legame in grado di ancorarci alla nostra vera natura. Tra muri che crollano e certezze che si sbriciolano al doppio sole di universi paralleli, questi racconti da un futuro prossimo ripropongono il vecchio leitmotiv di Eros e Thanatos, quell’infinito ed eterno abbraccio tra amore e morte capace di farsi beffe di qualunque apocalisse.

Categoria:

Editore: Galaad Edizioni

Collana: La Quercia e il Tiglio

Anno: 2015

ISBN: 978-88-98722-30-3

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Il titolo di questa raccolta ricorda “L’Amore ai tempi del colera” di Garcia Marquez, ma non ha la stessa morbidezza che trascina come un battello sul fiume. Anzi, è proprio il contrario, perché qui i sentimenti scuotono e sono baluardi contro la devastazione. In “L’amore ai tempi dell’apocalisse“, edito da Galaad Edizioni, ventidue autori ci raccontano la loro visione dell’amore in un’atmosfera apocalittica di distruzione. Ed è proprio l’apocalisse che fa emergere la bellezza e l’immortalità di questo sentimento, perché lo mette a nudo e ne rivela la forza che resiste a qualsiasi violenza. L’amore emerge potente in tutte le sue accezioni, dalla passione perversa, al sesso sfrenato, all’auto-adorazione riflessa, alla fuga dalla solitudine, alla prova della propria esistenza. Il niente e il tutto, Eros e Tanathos, sono complementari e si abbracciano proprio come le figure sulla copertina, che rappresentano due amanti che si tendono le braccia e guardano da un’altra parte, forse spaventati dal mondo (o quel che resta) che li circonda.

Bello e coinvolgente il racconto di Francesca Bonafini, “Kairos”, dedicato al momento opportuno e alla bellezza dell’amore che non teme nulla. L’apocalisse qui è un’aberrazione, un inferno vissuto in terra che aumenta la rabbia di ciò che poteva essere e non è stato, mentre l’amore è l’unico appiglio che non evita di sprofondare, ma almeno lo fa dolcemente.

Il libro è interessante e ricco di spunti sull’evoluzione dei sentimenti e sulla nostra capacità di adattamento. Non mancano momenti di poesia e ispirazioni davvero originali che lasciano una dolce amarezza e fanno riflettere sugli errori che si potrebbero evitare.

Di cosa avevi paura, Mariella? Dell’ira di quel cane? Dei suoi ricatti? Di quello che avrebbe detto la gente? Vorrei dirti adesso che le paure di un tempo. le tue, le mie, erano ridicole. Se tu potessi vedere il fango che seppellisce braccia mutilate, piedi, gambe, brandelli di carne, capiresti che abbiamo avuto paura a vuoto, abbiamo sprecato la paura. Dell’amore non bisogna mai avere paura.” (Kairos, F.Bonafini)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Zardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zardi Paolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Presentazione dell'Autore È la storia di una donna che con ironia e spirito di osservazione mette in pratica gli insegnamenti di un filosofo, un maestro che le ha insegnato a rinascere. Dal rischio di sprofondare nell'anoressia si eleva, mettendo le ali, a filosofa lei stessa, e nella frenesia di aiutare gli altri si salva iniziando una nuova vita. Impara a non soccombere più alle prevaricazione e lo insegna a tutti quelli che incontra. Non mancano nel racconto episodi esilaranti al limite del paradosso e varie storie di sesso raccontate con eleganza, come quella del diritto all'orgasmo. Francesca, la protagonista, diventa il simbolo del riscatto femminile, una donna che non accetta più di auto-infliggersi punizioni, ma rivendica il suo ruolo paritario accanto all'uomo. Dietro la maschera di Francesca si nasconde una storia vera e un mondo di relazioni tra donne e uomini elaborate sulla panchina del dialogo. Un libro scritto per le donne e utile anche agli uomini. Dalla quarta di Alberoni: "un libro divertente e delizioso che vi darà di certo molti spunti per cavarvela nelle piccole e grandi difficoltà della vita". Informazioni sull'autrice: Maria Giovanna Farina, nata a Milano nel '62, si è laureata in Filosofia all'Università Statale di Milano e svolge la professione di consulente filosofico nella stessa città. Pioniera nel campo delle pratiche filosofiche, sempre a Milano fonda lo studio professionale Heuristic Institution prima e l'associazione culturale L'accento di Socrate poi. Collabora con varie riviste e ha una rubrica su www.siamodonne.it dove videointervista personaggi della cultura e dello spettacolo. Sul suo sito si trovano tutte le sue attività www.mariagiovannafarina.it

Ho messo le ali

Farina Maria Giovanna

Che cos’è la vita? Una scalata verso la salvezza da se stessa, risponde Silvia, trentacinquenne più che carina, ragazza che non si sente né donna né bimba, scrittrice o forse scrittora, crisalide che magari, un giorno, sarà farfalla, ma con i suoi tempi e i suoi modi. Vi riuscirà? Non è detto, forse non è così importante il risultato finale, ma la ricerca di sé che Silvia conduce tra amiche e presunti uomini della vita, fra situazioni ai limiti del grottesco e lo scodinzolio del suo pelosissimo cane, riempie il libro di una fresca essenza vitale, questa sì irrinunciabile. Una Bridget Jones all’italiana? Solo in parte, anche se non mancano ossessioni personali, manie e stranezze della vita, e una buona dose di sarcasmo nell’osservarle. Più di Bridget, Silvia rappresenta le eterne ragazze di oggi, dà spessore ai loro pensieri, mette in piazza le ansie e i propositi. In fondo, si può restare crisalidi per tutta la vita, se non si ha la sicurezza di diventare una farfalla speciale.

CRISALIDE ROSA

Pivari Cristiana

I ritratti di Virginia Woolf – parte prima

La nostra Africa

Bartolo Michelangelo